Hank Jones

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hank Jones
Hank Jones (foto R. Kissling)
Hank Jones (foto R. Kissling)
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Jazz
Periodo di attività 1944 – 2010
Strumento pianoforte

Henry “Hank” Jones (Vicksburg, 31 luglio 1918New York, 16 maggio 2010) è stato un pianista e compositore statunitense di musica jazz.

Il maggiore dei tre fratelli (gli altri due sono Thad ed Elvin), è apprezzato per la leggerezza del suono e l’eleganza del fraseggio, e oltre ad avere ricoperto il ruolo di leader con la propria formazione ha partecipato in qualità di sideman a incisioni storiche[1].

È considerato il fondatore della scuola pianistica di Detroit, che annovera fra i suoi membri Tommy Flanagan, Roland Hanna e Barry Harris[2].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Da piccolo, Hank Jones si trasferì assieme alla famiglia dal nativo Mississippi al Michigan, stabilendosi a Pontiac, nell’area di Detroit. Lì, in età molto giovane, iniziò lo studio del pianoforte e sin dagli inizi subì l’influsso della musica di Fats Waller, Teddy Wilson, Earl Hines e Art Tatum. Sul palco già a tredici anni, ricevette dal sassofonista Lucky Thompson l’invito di andare a suonare all’Onyx Club di New York assieme a Oran “Hot Lips” Page[3].

Jones al piano attorniato (da sinistra) da J. Teagarden, D. Bailey, M. L. Williams, T. Dameron, D. Gillespie, M. Orent (1947)

Accettando l’esortazione di Thompson, nel 1944 Jones si spostò nella metropoli americana dove, oltre a lavorare con Page, fece la conoscenza professionale di Coleman Hawkins, Billy Eckstine e Andy Kirk, e dal 1947 iniziò le tournée accompagnando Ella Fitzgerald fino al 1953. Durante gli anni cinquanta registrò con i più importanti jazzisti dell’epoca: Benny Goodman, Artie Shaw, Milt Jackson, Charlie Parker, Cannonball Adderley, Herbie Mann, Donald Byrd, Kenny Clarke e Lester Young, solo per citarne alcuni, e divenne un rispettato e reclamato pianista in sala di incisione nel ruolo di sideman[4].

Negli anni sessanta costituì una sua formazione nella quale oltre a lui suonavano il batterista Osie Johnson, il chitarrista Barry Galbraight e il bassista Milt Hinton. Il quartetto fu uno dei gruppi più occupati durante il decennio; a volte capitava che si esibissero in tre spettacoli nello stesso giorno, e Jones trovò anche lo spazio per registrare assieme a suo fratello Elvin[4].

Verso la fine degli anni settanta e negli anni ottanta continuò la instancabile e fruttuosa attività negli studi di registrazione. Si esibì da solo o in duo con altri pianisti – fra i quali Tommy Flanagan e John Lewis – o con formazioni ristrette. La più rilevante di queste fu il Great Jazz Trio, assieme a due grandissimi nomi del jazz, Ron Carter e Tony Williams. Sempre in trio, Hank attraversò gli anni ottanta, accompagnato da Eddie Gomez e Al Foster – e successivamente da Jimmy Cobb che rilevò Foster – ma non mancò di suonare accanto a Benny Goodman, Nancy Williams e Art Farmer[3].

Negli anni ottanta occupò il posto di pianista al Cafe Ziegfeld di Manhattan e girò il Giappone in tournée accompagnato da Sonny Stitt e George Duvivier, continuando il lavoro in sala di incisione e guadagnando alcuni riconoscimenti, fra i quali nel 2009 il Lifetime Achievement Award[4], un anno prima della morte che lo ha colto in un ospizio del Bronx il 16 maggio 2010[5].

Discografia[modifica | modifica sorgente]

  • 1950 – Hank Jones Piano
  • 1955 – The Trio
  • 1955 – Hank Jones Quartet/Quintet
  • 1955 – Trio with Guests
  • 1956 – Hank Jones Quartet
  • 1956 – Relaxing at Camarillo
  • 1956 – Bluebird
  • 1956 – Urbanity
  • 1957 – Have You Met Hank Jones?
  • 1958 – Hank Jones Swings “Gigi”
  • 1960 – Porgy and Bess: Swingin’ Impressions by Hank Jones
  • 1962 – Arrival Time
  • 1963 – Here’s Love
  • 1964 – This Is Ragtime Now
  • 1966 – Happenings
  • 1976 – Arigato
  • 1977 – At the Village Vanguard
  • 1977 – Bop Redux
  • 1977 – I Remember You
  • 1977 – Just for Fun
  • 1977 – Portions
  • 1977 – Rockin’ in Rhythm
  • 1977 – The Great Jazz Trio at the Village Vanguard, Vol. 2
  • 1978 – Groovin’ High
  • 1978 – A Foggy Day
  • 1978 – Ain’t Misbehavin’
  • 1978 – Great Jazz Trio at the Village Vanguard
  • 1978 – Hanky Panky
  • 1978 – Tiptoe Tapdance
  • 1979 – Have You Met This Jones?
  • 1979 – In Japan
  • 1979 – Live in Japan
  • 1979 – Bluesette
  • 1979 – Incredible Hank Jones Meets Louis Bellson & Ira Sullivan
  • 1980 – Great Jazz Trio at the Village Vanguard
  • 1980 – Great Jazz Trio at the Village Vanguard: Revisited, Vol. 1
  • 1980 – Great Jazz Trio at the Village Vanguard: Revisited, Vol. 2
  • 1983 – I’m All Smiles
  • 1985 – Live in Japan
  • 1987 – Hank Jones-Red Mitchell Duo
  • 1989 – The Oracle
  • 1989 – Lazy Afternoon
  • 1991 – Hank Jones Trio with Mads Vinding and Al Foster
  • 1991 – Hank Jones Trio
  • 1991 – Live at Maybeck Recital Hall, Vol. 16
  • 1991 – The Essence
  • 1993 – A Handful of Keys: The Music of Thomas “Fats” Waller
  • 1994 – Upon Reflection: The Music of Thad Jones
  • 1994 – The Jazz Trio of Hank Jones
  • 1994 – Steal Away
  • 1995 – Sarala
  • 1997 – Favors
  • 1998 – Darji’s Groove
  • 2000 – Just Friends
  • 2002 – Compassion
  • 2004 – The New York Rhythm Section
  • 2005 – For My Father
  • 2006 – Hank and Frank
  • 2006 – West of 5th
  • 2007 – You Are Here
  • 2009 – Hank and Frank, Vol. 2
  • 2009 – Pleased to Meet You
  • 2012 – Come Sunday[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Carlo Boccadoro, Jazz!, Einaudi, Torino 2006, pag. 29.
  2. ^ Ian Carr, Digby Fairweather, Brian Priestley, Jazz - The Rough Guide 2nd ed., Rough Guide Ltd, London 2000, pag. 402.
  3. ^ a b (EN) Hank Jones, All About Jazz. URL consultato il 25 novembre 2012.
  4. ^ a b c d (EN) Ron Wynn, Hank Jones - Biography, Allmusic. URL consultato il 25 novembre 2012.
  5. ^ (EN) Peter Keepnews, Hank Jones, Versatile Jazz Pianist, Is Dead at 91, The New York Times. URL consultato il 25 novembre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Carlo Boccadoro, Jazz!, Einaudi, Torino 2006, ISBN 9788806179113
  • (EN) Ian Carr, Digby Fairweather, Brian Priestley, Jazz - The Rough Guide 2nd ed., Rough Guide Ltd, London 2000, ISBN 9781858285283
  • Eric J. Hobsbawm, Storia sociale del jazz, Editori Riuniti, Roma 1982 (The Jazz Scene)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 114552168 LCCN: n81058273

jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz