Éditions Robert Laffont

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Éditions Robert Laffont
Stato Francia Francia
Fondazione 1941 a Parigi
Sede principale 24 avenue Marceau - 75008 Paris
Gruppo Editis (dal 2004)
Persone chiave
  • Leonello Brandolini (presidente)
  • Robert Laffont (fondatore)
  • Nicole Lattès (direttrice editoriale)
  • Brigitte Lannaud-Levy (condirettrice)
Settore Editoria
Sito web www.laffont.fr

Le Éditions Robert Laffont sono una casa editrice francese fondata nel 1941 da Robert Laffont, che pubblica essenzialmente biografie, testimonianze, libri di esoterismo, memorie, letteratura francese e straniera tradotta in francese (inclusi romanzi polizieschi e romanzi di spionaggio).

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Nata nel 1941, pubblica oggi come gruppo editoriale circa 200 nuovi titoli l'anno.

La casa è stata acquisita dal gruppo di Presses de la Cité nel 1990 ed è diventata parte del gruppo Editis nel 1997.

Dal 1998 era presieduta da Leonello Brandolini d'Adda, nipote di Gianni Agnelli. Oppostosi il Brandolini ad un piano di ristrutturazione richiesto dal principale azionista della casa madre Editis, il gruppo Planeta, egli si è dimesso dalle sue funzioni il 9 aprile 2013 ed ha lasciato il suo posto il 30 giugno successivo, sostituito da Alain Kouck, PDG d'Editis.[1]

Oltre alla casa omonima, possiede anche:

Possiede succursali in Belgio e in Canada.

Collane[modifica | modifica wikitesto]

Tra le sue collane vanno ricordate:

  • Aider la vie e Aventure de l'esprit, libri di spiritualità e testimonianze;
  • Ailleurs et Demain e Ailleurs et Demain Bibliothèque, popolare collezione di fantascienza, creata nel 1969 da Gérard Klein;
  • Best-Sellers, collana di gialli
  • Bouquins, creata da Guy Schoeller (1915-2001)[4];
  • Ce Jour-Là e Le Monde comme il va, collane storico-sociologiche;
  • Enigmes de l'univers, collana di saggi scientifici;
  • Jeux Robert Laffont, storica collana di giochi da tavolo poi dismessa;
  • Pavillons e Pavillons Poche, collane di letteratura, principale e tascabile;
  • Quid, enciclopedia annuale, cui si è affiancata dal marzo 2011 una rivista bimestrale omonima[5];
  • Réponses, collana di psicologia e medicina;
  • Vécu, collana prevalentemente dedicata alle autobiografie.

Autori italiani pubblicati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) « Leonello Brandolini, PDG des éditions Robert Laffont, remercié », Le Monde, 10 avril 2013.
  2. ^ Al suo interno la collana editoriale "Les Affranchis", diretta da Claire Debru.
  3. ^ Tra le diverse collane è soprattutto nota per la "Poètes d'aujourd’hui".
  4. ^ Al suo interno Le nouveau dictionnaire des auteurs (3 voll.) e Le nouveau dictionnaire des œuvres de tous les temps et de tous les pays (7 voll.), nate nella casa editrice di Valentino Bompiani.
  5. ^ La casa editrice abbia dichiarato che deve rivedere la sua politica editoriale di enciclopedie, dopo l'avvento di Wikipedia, cfr. l'articolo su "The Independent".

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]