Paola Capriolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paola Capriolo (Milano, 1º gennaio 1962) è una scrittrice italiana.

Collabora alle pagine culturali del Corriere della Sera e svolge attività di traduttrice, soprattutto dal tedesco. Sue opere sono tradotte in Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Grecia, Lettonia, Olanda, Portogallo, Spagna, Stati Uniti, Svezia e Ungheria.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La grande Eulalia, Feltrinelli, (1988)
  • Il nocchiero, Feltrinelli, (1989)
  • Il doppio regno, Bompiani, (1991)
  • La ragazza dalla stella d'oro, Einaudi, (1991)
  • Vissi d'amore, Bompiani, (1992)
  • La spettatrice, Bompiani, (1995)
  • L'assoluto artificiale. Nichilismo e mondo dell'espressione nell'opera saggistica di Gottfried Benn, Bompiani, (1996)
  • Un uomo di carattere, Bompiani, (1996)
  • Con i miei mille occhi, Bompiani, (1997)
  • Barbara, Bompiani, (1998)
  • Il sogno dell'agnello, Bompiani, (1999)
  • Una di loro, Bompiani, (2001)
  • Con i miei mille occhi, Bompiani, (1997)
  • Qualcosa nella notte. Storia di Gilgamesh, signore di Uruk, e dell'uomo selvatico cresciuto tra le gazzelle, Mondadori, (2003)
  • Una luce nerissima, Mondadori, (2005)
  • Rilke. Biografia di uno sguardo, Ananke, (2006)
  • L' amico invisibile, Einaudi, (2006)
  • Maria Callas, EL, (2007)
  • Ancilla, Perrone, (2008)
  • Il pianista muto, Bompiani, (2009)
  • Indira Gandhi, EL, (2009)
  • La macchina dei sogni, Piemme, (2009)
  • NO!, EL, (2010)

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gillian Ania. Paola Capriolo: Mitologia, musica, metamorfosi 1988-1998, Franco Cesati, Firenze, 2006

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]