Mario Botta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mario Botta

Mario Botta (Mendrisio, 1 aprile 1943) è un architetto svizzero, una delle maggiori figure dell'architettura contemporanea.

L'edificio della Banca del Gottardo a Lugano progettato dall'architetto Mario Botta (ripreso in occasione della nevicata del 27 gennaio 2006)

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo la scuola dell'obbligo entra a 15 anni come apprendista disegnatore presso lo studio di architettura di Luigi Camenisch e Tita Carloni a Lugano e all'età di 18 anni realizza la sua prima costruzione (casa parrocchiale di Genestrerio) 1961-63. Frequenta il Liceo Artistico a Milano e prosegue poi gli studi all'Istituto Universitario d'Architettura di Venezia tra il 1964 e il 1969. Nel 1970 apre il proprio studio di architettura a Lugano, nella cui regione realizza un gran numero di residenze unifamiliari e piccoli interventi che lo rendono internazionalmente noto.

Stile[modifica | modifica sorgente]

La sua architettura, molto influenzata da Le Corbusier, Carlo Scarpa e Louis Kahn, risulta caratterizzata da un notevole pragmatismo e dalla creazione di uno Spazio architettonico forte e geometrico, spesso rivestito di mattoni in cotto edificati con un attento disegno del particolare architettonico. Sono caratteristici della sua architettura l'utilizzo del mattone e della pietra e gli edifici costituiti da volumi puri, tagliati e traforati da grandi spaccature, tra i quali gli edifici a cilindro tronco che trovano la prima realizzazione nella chiesa di San Giovanni Battista a Mogno e il successivo sviluppo nella Cattedrale di Évry, presso Parigi. Da ricordare la sua collaborazione con l'architetto Roberto Aureli, di Grosseto, per la realizzazione del padiglione d'ingresso del Giardino dei tarocchi di Capalbio.

Edifici realizzati[modifica | modifica sorgente]

1959/1970
1971/1980
1981/1985
1986/1990
1991/1996
1997/2000
2001/2005
2006/2010
  • Werner Oechslin Library - Biblioteca privata di architettura Einsiedeln, Svizzera (2006)
  • Nuova sede direzionale e Museo Campari e residenze (in collaborazione con arch. Pierluigi Marzorati) Sesto San Giovanni, Italia (2006/2009)
  • Risistemazione chiostro interno di palazzo Crepadona (opera detta "cubo di Botta") Belluno, Italia (2007)
  • Stazioni Poggioreale e Tribunale della Linea 1 della Metropolitana Napoli, Italia (2007/in corso di realizzazione)
  • Phoenix Island Villa Condo & Club House, Seogwipo-si, Corea (2007)
  • Masterplan Sarzana, Italia (2007/in corso di realizzazione)
  • Nuovo Ospedale Civile (in collaborazione con N.F.H.P. e Studio Redaelli) Vimercate, Italia (2007/2010)
  • Chiesa di Santa Maria Nuova a Terranuova Bracciolini Italia, Italia (2007/in corso di realizzazione)
  • MiNEC (Milan North-East Centre), Vimodrone Italia (2008)
  • Sede dell'ANCE Lecco, Italia (2008)
  • Nuovo Complesso Didattico per la Biomedicina Padova, Italia, (200(/in corso di realizzazione)
  • Complesso monumentale San Paolo, Fontana del Museo Civico, Monselice, Italia (2009)
  • Cantina Château Faugères, Saint Emilion, Francia (2009)
  • Torre Caldora, Pescara, Italia (2009-ferma)
  • Ridefinizione di Piazza Mazzini Modena, Italia (2009/in corso di realizzazione)
  • Ampliamento del Centro sportivo nazionale Tenero, Svizzera (2009/ in corso di realizzazione)
  • "Cittadella delle Istituzioni" nell'Area Appiani a Treviso, Italia, (2010)
  • Recupero degli ex Magazzini Generali Verona, Italia (2010/ in corso di realizzazione)
  • falegnameria dell'OTAF Sorengo, Svizzera (inaugurata nel 2013)

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Design, mostre & scenografie[modifica | modifica sorgente]

  • Sedia "Prima" (prodotta per Alias) (1982)
  • Sedia "Seconda" (prodotta per Alias) (1982)
  • Tavolo "Terzo" (prodotto per Alias) (1983)
  • Sedia "Quarta" (prodotta per Alias) (1984)
  • Mostra "Carlo Scarpa 1906/1978" presso la Galleria dell'Accademia, Venezia (in collaborazione con Boris Podrecca) (1984)
  • Sistema "Guscio" per la 17.ma Triennale di Milano (1984)
  • Sedia "Quinta" (prodotta per Alias) (1985)
  • Poltrona “Sesta: Re e Regina” (prodotta per Alias) (1985)
  • Lampada "Shogun" (prodotta per Artemide) (1985)
  • Due broche da tavolo, per l’acqua e il vino (prodotte per Cleto Munari) (1986)
  • Lampada da muro "Fidia" (Prodotta per Artemide) (1986/1987)
  • Manigle "FSB" (prodotte per FSB - Franz Schneider Brakel) (1986)
  • Tavolo "Tesi" (prodotta per Alias) (1986/1987)
  • Lampada da tavolo "Melanos" (prodotta per Artemide) (1986)
  • Sedia "LATONDA" (prodotta per Alias) (1987/1988)
  • Scrittoio "ROBOT" (prodotta per Alias) (1989)
  • Lampada da soffitto "Zefiro" (prodotta per Artemide) (1989)
  • Orologio "EYE" (prodotto per Alessi) (1989)
  • Brocca per acqua "2" (prodotto per Cleto Munari) (1989)
  • Tappeti (prodotti per Lantal Texiles)(1990)
  • Sedia "Botta 91" (prodotta per Alias) (1990)
  • Vaso da fiori (prodotto per Cleto Munari) (1992)
  • Schermo "Nilla Rosa (prodotta per Alias) (1992)
  • Scenografie per l'opera teatrale "Nutcracker" presso l'Operahaus di Zurigo, Svizzera (1993)
  • Scenografie per l'opera teatrale "Medea" presso l'Operahaus di Zurigo, Svizzera (1993)
  • Mostra dedicata a Friedrich Durrenmatt presso la Kunsthaus di Zurigo, Svizzera (1993/1994)
  • Sedia "Charlotte" (prodotta per Strässle, attualmente prodotta da Horm) (1994)
  • Scenografie per l'opera teatrale "Ippolito" presso lo Stadttheater di Basilea, Svizzera (1995)
  • Orologio "Flower Time" (prodotto per Mondaine), (1995/1996)
  • Padiglione per l'esposizione "Kolonihaven" Copenaghen, Danimarca (1996)
  • Orologio "Botta" (prodotto da Pierre Junod) (1997)
  • Lampada da soffitto "Mendrisio" (in collaborazione conn Dante Solcà) (prodotta per Artemide) (1998)
  • Bottiglie in PET per l'acqua minerale Valser (prodotto per Valser Spring Ltd) (2000)
  • Caraffe "Mia e Tua" (prodotto per Alessi) (2000)
  • Bicchieri per acqua e per vino (prodotti per Cleto Munari) 2000
  • Tavolo “Bello!” (prodotto per Horm) (2000/2004)
  • Specchi "Mamanonmama" (prodotti per Horm) (2004/2005)
  • Tavolo “Cariabile” (prodotto per Riva Mobili) (2006)
  • Tappeto "Anatolia" (prodotto per Cleto Munari/Moret) 2012

Scritti dell'architetto[modifica | modifica sorgente]

  • Mario Botta, "Una cantina a Suvereto", Locus n. 7, novembre 2007, "Sezione monografica" pp. 53-55
  • Mario Botta, Paolo Crepet, Giuseppe Zois, Dove abitano le emozioni. La felicità e i luoghi in cui viviamo, Einaudi, 2007
  • Mario Botta, La chiesa del Santo Volto a Torino, Skira, 2007
  • Mario Botta, Elisabetta Fabbri, Franco Malgrande, Il Teatro alla Scala. Restauro e ristrutturazione, Skira, Milano 2005
  • Mario Botta, Quasi un diario. Frammenti intorno all'architettura, Le Lettere, 2003
  • Mario Botta, Modelli di architettura, Alinea, 2000
  • Mario Botta, Museum Jean Tinguely, Benteli Verlag Bern, Bern 1997
  • Mario Botta, Etica del costruire, Editori Laterza, Bari 1996
  • Mario Botta, in AA.VV., Emilio Ambasz. Architettura e design. Per una riconciliazione con la natura, Electa, Milano 1995, p. XIX

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Italo Rota (ed.), Mario Botta. Architetture e progetti negli anni 70, Electa, Milano 1979.
  • Francesco Moschini, "Mestiere come professione/Mario Botta: a portrait", Domus 620, settembre 1981, 19-25. 1981.
  • Pierluigi Nicolin, Mario Botta. 1978-1982. Il laboratorio di architettura, Electa, Milano 1983.
  • Tita Carloni, "Architetto del muro e non del trilite. La costruzione in Mario Botta, Lotus International 37, 1983/1 [La costruzione: percorsi e discorsi], 34-45, 1983.
  • Francesco Dal Co, Mario Botta. Architetture 1960-1985, Electa, Milano 1985.
  • Peter Pfeiffer, Mario Botta Designer, Corus, Wohlen-Milano 1987.
  • Jean Paul Felley, Mario Botta construire les objets. Oeuvre design 1982-1989, Fondation Louis Moret, Martigny 1989.
  • Peter Disch, Mario Botta. La ricerca negli anni ottanta, ADV Advertising Company SA, Lugano 1990.
  • Tita Carloni, Jacques Pilet, Harald Szeemann, Mario Botta, La tenda, Edizioni Casagrande, Bellinzona 1991.
  • Emilio Pizzi, Mario Botta. Works and Projects, Editorial Gustavo Gili, Barcelona 1991.
  • Rolando Bellini ,Mario Botta Architetture 1980-1990, Artificio Edizioni, Firenze 1992.
  • Raffaella Baraldi , Mario Botta. Architettura e Tecnica, Clean Edizioni, Napoli 1993.
  • Emilio Pizzi (ed.), Mario Botta. Gesamtwerk. Band I. 1960-1985, Birkhäuser Verlag für Architektur, Basel-Boston-Berlin 1993.
  • Emilio Pizzi (ed.), Mario Botta Gesamtwerk. Band 2. 1985-1990, Birkhäuser Verlag für Architektur, Basel-Boston-Berlin 1994.
  • Sergio Grandini, Una profezia su Mario Botta, Natale Mazzuconi SA, Lugano 1995.
  • Benedetto Gravagnuolo (ed.), Mario Botta. Etica del costruire, Editori Laterza, Bari 1996.
  • AA.VV., Mario Botta. Emozioni di pietra, Skira Editore, Milano 1997.
  • Emilio Pizzi (ed.), Mario Botta. Gesamtwerk. Band 3. 1990 –1997 , Birkhäuser Verlag für Architektur, Basel-Boston-Berlin 1998.
  • Philip Jodidio, Mario Botta, Benedikt Taschen Verlag, Köln 1999.
  • Mario Botta, Modelli di architettura, Centro studi dell’abitare OIKOS-Alinea Editrice, Bologna-Firenze 2000.
  • Irena Sakellaridou , Mario Botta Poetica dell’architettura, RCS Libri, Milano 2000.
  • Ugur Tanyeli (ed.), Mario Botta, Boyut Kitaplari, İstanbul 2000.
  • Philip Jodidio, Building a new millennium, Taschen, Köln 2000.
  • Giovanni Pozzi, Mario Botta, Santa Maria degli Angeli sul Monte Tamaro, Collana «Architettura», Edizioni Casagrande, Bellinzona 2001.
  • Gabriele Cappellato (ed.), Mario Botta. Luce e Gravità. Architetture 1993-2003, Editrice Compositori, Bologna 2003.
  • Annalisa Cima , Segno del domani. Schizzi di Mario Botta, Divan 2004.
  • Roberto Gamba, "Mario Botta, Centro sportivo di Tenero, Canton Ticino, in "Laterizio" n. 100, 2004 (in pdf).
  • Gabriele Cappellato (ed.), Mario Botta. 10 architetture del sacro, Editrice Compositori, Bologna 2005.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 27, 34, 50, 53, 141, 163, 175, 176, 184, 203, 267, 274, 284, 292, 303, 307, 308, 312, 316, 318, 324, 325, 332, 342, 359, 372, 374, 422, 434, 435, 437, 438, 446, 459, 460, 463, 473, 480.
  • Bruna Dal Lago Veneri Dodici incontri Una vita. Gli incontri: Hermann Hesse; Rachele Padovan; Helmut Ensslin; Karl Plattner; Giovan Battista Mattioli de Motes; Carlo Gentili; Pier Paolo Pasolini; Aristotele Onassis; Carlotta Berghena; Franz Tumler; Mario Botta e Anita Pichler, Alpha & Beta, 2012
  • Markus Breitschmid (ed.), Architecture and the Ambient – Mario Botta. Architectura et Ars Series, Volume 2, Virginia Tech Architecture Publications, 2013. ISBN 978-0-9893936-5-2

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 95775085 LCCN: n83032135 SBN: IT\ICCU\CFIV\017166