Lodi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Lodi (disambigua).
Lodi
comune
Lodi – Stemma Lodi – Bandiera
(dettagli)
Piazza della Vittoria
Piazza della Vittoria
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Lodi-Stemma.png Lodi
Sindaco Simone Uggetti (Partito Democratico) dall'11 giugno 2013[1][2]
Territorio
Coordinate 45°19′N 9°30′E / 45.316667°N 9.5°E45.316667; 9.5 (Lodi)Coordinate: 45°19′N 9°30′E / 45.316667°N 9.5°E45.316667; 9.5 (Lodi)
Altitudine 87 m s.l.m.
Superficie 41,43 km²
Abitanti 43 465 (1º gennaio 2013)
Densità 1 049,12 ab./km²
Frazioni Fontana, Olmo, Riolo, San Grato
Comuni confinanti Boffalora d'Adda, Cornegliano Laudense, Corte Palasio, Dovera (CR), Lodi Vecchio, Montanaso Lombardo, Pieve Fissiraga, San Martino in Strada, Tavazzano con Villavesco
Altre informazioni
Cod. postale 26900
Prefisso 0371
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 098031
Cod. catastale E648
Targa LO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 592 GG[3]
Nome abitanti lodigiani o laudensi
Patrono san Bassiano
Giorno festivo 19 gennaio
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Lodi
Posizione del comune di Lodi nell'omonima provincia
Posizione del comune di Lodi nell'omonima provincia
Sito istituzionale

Lodi (IPA: [ˈlɔːdi][4] pronuncia[?·info]; Lòd[5] in dialetto lodigiano) è un comune italiano di 43 465 abitanti[6], capoluogo della provincia omonima[7] in Lombardia.

La città fu fondata il 3 agosto 1158 da Federico Barbarossa[8], in seguito alla distruzione dell'antico borgo di Laus Pompeia, già municipium romano, sede vescovile e libero comune[9]. Durante il Rinascimento conobbe un periodo di grande splendore artistico e culturale, dopo aver ospitato nel 1454 la firma dello storico trattato tra gli Stati preunitari italiani noto come Pace di Lodi[10].

Nel XXI secolo, la città è un importante nodo stradale e centro industriale nei settori della cosmesi, dell'artigianato e della produzione lattiero-casearia[11]. È inoltre il punto di riferimento di un territorio prevalentemente votato all'agricoltura e all'allevamento: in virtù di tale peculiarità, Lodi è stata scelta come sede del Parco Tecnologico Padano[12], uno dei centri di ricerca più qualificati a livello europeo nel campo delle biotecnologie agroalimentari[13][14].

Sono sviluppate anche le attività legate al settore terziario; dagli anni duemila, in particolare, è in forte espansione il turismo[15]: Lodi fa parte del circuito delle Città d'arte della Pianura Padana[16] ed offre quale spunto principale la presenza di alcuni importanti monumenti, tra cui il Duomo, il Tempio Civico dell'Incoronata, la chiesa di San Francesco, la chiesa di Sant'Agnese e palazzo Mozzanica[11].

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Il territorio di Lodi, esteso per 41,43 k[17], è situato nella parte centro-meridionale della Lombardia, nella fascia nota come "bassa pianura". Il nucleo più antico della città sorge sul colle Eghezzone, un'altura di forma approssimativamente trapezoidale[18] ubicata sulla riva destra del fiume Adda; il resto del centro abitato si trova in parte su un terrazzo morfologico creato dall'opera di erosione del fiume, e in parte nell'area golenale. Il territorio del comune risulta compreso tra i 65 e gli 87 m sul livello del mare[17].

Il canale della Muzza, al confine fra Lodi e Lodi Vecchio

Idrologia[modifica | modifica sorgente]

Il territorio comunale è attraversato dall'Adda e da numerosi altri corsi d'acqua, tra cui il canale della Muzza (che ne segna il confine ad ovest), la roggia Bertonica e la roggia Molina (il cui tratto urbano è oggi quasi del tutto sotterraneo)[19].

In epoca medievale la città era lambita dal lago Gerundo[20]: il territorio era in gran parte paludoso e insalubre, ma grazie alle opere di ingegneria idraulica e al lavoro dei monaci cistercensi e benedettini[21] fu bonificato e trasformato in una delle regioni più fertili d'Europa[22]. L'attività agricola è favorita anche dalle abbondanti acque irrigue delle numerose risorgive presenti[23].

Geologia e morfologia[modifica | modifica sorgente]

Dal punto di vista litologico, il suolo è formato dai depositi glaciali e fluviali[24] che riempirono la Pianura Padana tra il Pleistocene superiore e l’Olocene, durante l’ultima glaciazione. I litotipi presenti sono diversi e distribuiti in modo irregolare[24]; generalmente sono piuttosto ricchi di matrice[24]. I terreni sono in prevalenza sabbiosi e sabbioso-limosi[24].

Sismologia[modifica | modifica sorgente]

Il rischio sismico risulta irrilevante e distribuito in modo uniforme sul territorio: il comune è stato infatti classificato dal Dipartimento della Protezione Civile come zona 4 («sismicità molto bassa»)[25].

Clima[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Lodi.

Il clima del territorio lodigiano, analogamente al resto della Val Padana, presenta peculiarità riconducibili all'area continentale: le estati sono molto calde e caratterizzate dal fenomeno dell'afa (in base ai dati relativi al periodo di riferimento 1961-1990, la temperatura massima media della stagione estiva si attesta a +29,7 °C[26]); invece gli inverni sono spesso freddi (la temperatura minima media è pari a -0,8 °C[26]) e sono diffuse le nevicate, raramente di grossa portata. Fenomeno molto frequente durante il semestre invernale è la nebbia, che talvolta può persistere per giorni a causa dell'assenza di venti sinottici a livello del suolo[27]. L'autunno e la primavera sono le stagioni in cui si registrano le maggiori precipitazioni[28].

La classificazione climatica dei comuni italiani[29] colloca Lodi nella zona E con 2 592 GG[17][30].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia di Lodi.
I busti di marmo collocati ai lati del palazzo municipale, raffiguranti i due «padri fondatori» della città: a sinistra Gneo Pompeo Strabone, a destra Federico Barbarossa

Lodi lega le sue origini alla distruzione di Laus Pompeia, antico villaggio dei Celti Boi[31] e in seguito municipium romano[32], ribattezzato nell'89 a.C. in onore del console Gneo Pompeo Strabone. Essendo situata sulla confluenza delle strade che da Placentia (Piacenza) e da Acerrae (Pizzighettone) portavano a Mediolanum (Milano), e nel punto di incrocio con la strada che da Ticinum (Pavia) proseguiva fino a Brixia (Brescia), Laus era un nodo di primaria importanza e divenne un fiorente borgo commerciale ed agricolo[33]. Dopo essere passata sotto il controllo dei Longobardi (VI-VIII secolo[34]) e successivamente dei Franchi (VIII-IX secolo[35]), il 24 maggio 1111 Laus Pompeia fu rasa al suolo dai milanesi in seguito ad un periodo di assedio[36]. Gli accordi di pace prevedevano il divieto di ricostruire gli edifici distrutti[36].

Quasi cinquant'anni dopo, il 3 agosto 1158, la città fu rifondata dall'imperatore Federico I detto Barbarossa non sulle rovine di Laus Pompeia (dove oggi sorge Lodi Vecchio) ma lungo le rive dell'Adda, per consentirle una posizione di maggior controllo sul territorio[37]. L'imperatore accordò a Lodi straordinari privilegi, malgrado i quali la città crebbe con difficoltà[38]: nel 1167 fu obbligata dai milanesi ad aderire alla Lega Lombarda[39] e a partecipare alla battaglia di Legnano del 1176[40].

Nel XIII secolo Lodi continuò a svilupparsi grazie alla protezione di Federico II[41]. A partire dal 1251 si susseguirono le signorie dei Vistarini, Torriani, Visconti, Fissiraga e Vignati, finché nel XIV secolo il Contado di Lodi divenne dipendente dal Ducato di Milano, inizialmente sotto i Visconti che fecero costruire il maestoso castello di Porta Regale (1355-1370)[42] e in seguito sotto gli Sforza che, con Francesco, ampliarono e consolidarono il sistema difensivo mediante la costruzione di due fortificazioni ai capi del ponte sull'Adda[43].

In età rinascimentale si svolsero a Lodi importanti avvenimenti storici: nel 1413 l'antipapa Giovanni XXIII e l'imperatore Sigismondo convocarono dal Duomo di Lodi il Concilio di Costanza[44], che avrebbe poi risolto lo Scisma d'Occidente. Il 9 aprile 1454, gli Stati preunitari italiani firmarono la Pace di Lodi[45], che garantì quarant'anni di stabilità politica[46]. Questo segnò anche uno dei periodi più felici della storia lodigiana dal punto di vista culturale, in particolare sotto il vescovato di Carlo Pallavicino[10].

La battaglia del ponte di Lodi rappresentata in un dipinto di Giuseppe Pietro Bagetti

Nelle età successive Lodi fu sotto il dominio spagnolo[47], austriaco[48] e francese[49]. Questo corrispose ad un periodo di declino e di rallentamento della crescita demografica, soprattutto in epoca spagnola, quando la città fu ridotta ad una vera e propria fortezza[50]. Il 10 maggio 1796, Napoleone Bonaparte sconfisse gli austriaci nella celebre battaglia del ponte di Lodi, aprendosi la strada per la conquista di Milano[51].

Nella seconda metà dell'Ottocento, la città cominciò ad espandersi all'esterno delle antiche mura medievali, soprattutto in seguito all'apertura della linea ferroviaria Milano–Piacenza nel 1861 e all'insediamento delle prime industrie (tra cui la Polenghi Lombardo nel 1870)[52]. Verso la fine del secolo ebbero luogo i primi scontri sociali tra i nascenti partiti di massa.

I lodigiani giocarono un ruolo importante durante la Resistenza: le azioni del Comitato di Liberazione Nazionale, costituito in città nell'ottobre 1943, si concentrarono nel corso del 1944 culminando con l'attentato mortale ad un gerarca fascista. La rappresaglia fu durissima ed entro la fine dell'anno vennero fucilati undici partigiani presso il poligono di tiro a segno[53]. Lodi fu liberata dal CLN il 27 aprile 1945: quando giunsero gli alleati da Piacenza, trovarono la città completamente libera.

Simboli[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stemma di Lodi.
Stemma del Comune

La blasonatura dello stemma comunale è così descritta[54]:

« D'oro alla croce piana di rosso. Ornamenti esteriori di città[55]»

Sulle origini dell'emblema c'è molta incertezza: alcuni storici sostengono che risalga all'epoca della prima crociata (1095), sebbene non esista alcuna fonte che attesti la partecipazione della città all'impresa. La maggior parte degli studiosi individua invece un'origine imperiale, in quanto la croce d'oro in campo rosso deriva dal vessillo di Costantino[56]; i colori sarebbero poi stati invertiti[57]. Secondo tale interpretazione, il vessillo cittadino sarebbe stato creato ancor prima della crociata, per dichiarare la fedeltà della città alla causa ghibellina e per distinguere le milizie lodigiane durante le azioni di guerra[57].

Il gonfalone del comune riproduce sul fronte l'iconografia araldica dello stemma e sul retro due scene: la prima è dedicata al patrono san Bassiano, mentre la seconda rappresenta il Barbarossa nell'atto di consegnare ai notabili di Lodi le insegne della nuova città.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Titolo di Città - nastrino per uniforme ordinaria Titolo di Città

Il comune di Lodi si fregia del titolo di città ereditato da Laus Pompeia, antico municipium romano[32]; tale status venne formalmente riconosciuto il 3 dicembre 1158 da un diploma imperiale emesso da Federico Barbarossa[54] e confermato dalla Imperial Regia Patente del 24 aprile 1815[58].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

La facciata della Basilica Cattedrale domina piazza della Vittoria

Duomo (Basilica Cattedrale della Vergine Assunta)

È il monumento più antico ed importante di Lodi, oltre che una delle chiese più vaste dell'intera Lombardia[59]. La sua costruzione venne simbolicamente intrapresa il 3 agosto 1158, giorno stesso della fondazione della città, ed ebbe termine nel 1284[60]. La facciata asimmetrica in cotto è tipicamente romanica[61], pur essendo caratterizzata da un alto protiro gotico e da un grande rosone rinascimentale[62]; il campanile, realizzato tra il 1538 ed il 1554 su progetto del lodigiano Callisto Piazza, rimase incompiuto per motivi di sicurezza militare[50]. L'interno, a tre navate coperte da volte a crociera, custodisce notevoli opere d'arte, tra cui un polittico di Callisto Piazza[63]. La parte più antica dell'edificio è la cripta, in cui sono conservate le spoglie del patrono san Bassiano[61]; nell'absidiola di sinistra, inoltre, si trova un gruppo scultoreo del Quattrocento raffigurante un Compianto sul Cristo Morto[64][65].

Tempio Civico della Beata Vergine Incoronata

Collocato in una caratteristica via molto stretta nei pressi di piazza della Vittoria, è considerato un capolavoro del Rinascimento lombardo e rappresenta il monumento più prestigioso della città sotto il profilo artistico[66][67][68]. Progettato nel 1488 da Giovanni Battagio, fu costruito a spese del comune come espressione della religiosità popolare sul luogo di un postribolo[68]. Il tempio si presenta come una piccola costruzione a pianta ottagonale, coperta da una cupola ad otto spicchi sormontata da una lanterna; il campanile a punta e la facciata furono completati in epoche successive[69]. L'interno è impreziosito da sontuose decorazioni in oro ed ospita numerosi affreschi, tavole e tele realizzati tra la fine del Quattrocento e gli inizi dell'Ottocento dal Bergognone[70], dalla bottega dei Piazza[71] e da Stefano Maria Legnani[68]; gli spicchi della cupola furono affrescati nel XIX secolo da Enrico Scuri[72].
Facciata della chiesa di San Francesco

Chiesa di San Francesco

Fu costruita tra il 1280 e il 1307[73]. La facciata in cotto, rimasta incompiuta poco sopra il rosone marmoreo, è caratterizzata da un alto protiro e da due bifore "a cielo aperto" che rappresentano il primo esempio di una soluzione architettonica che si diffuse in tutta l'Italia del nord[74]. L'interno, a tre navate e a croce latina[75], è decorato da numerosi affreschi risalenti ai secoli compresi tra il Trecento ed il Settecento[76]; la chiesa ospita inoltre le spoglie di alcuni lodigiani illustri, tra cui il librettista Francesco De Lemene, la poetessa Ada Negri ed il naturalista Agostino Bassi[77].

Chiesa di San Lorenzo

Si tratta della chiesa più antica di Lodi dopo la Cattedrale[78]. Nell'interno, a tre navate, sono conservate significative opere d'arte, tra cui due affreschi di Callisto Piazza[79]. La facciata, tipicamente romanica, è caratterizzata da due lesene semicilindriche e da un rosone incorniciato in cotto, al di sopra del quale è collocata l'edicola con la statua del santo[64].

Chiesa di Sant'Agnese

In stile gotico lombardo del XIV secolo[64], conserva un'importante opera d'arte: il Polittico Galliani realizzato nel 1520 da Alberto Piazza[73]. È degno di nota anche il rosone decorato con maiolica policroma[73]. Accanto alla chiesa sorge l'antico convento dal chiostro scandito da archi a sesto acuto, trasformato nel corso del XIX secolo in sontuosa residenza oggi suddivisa in appartamenti privati[80].
Facciata della chiesa di San Filippo

Chiesa di San Filippo Neri

L'edificio, in stile rococò, fu costruito di fronte allo sbocco di una lunga via, in ossequio al gusto scenografico dell'epoca[81]. L'interno, a croce greca, è completamente ornato da preziosi affreschi risalenti al XVIII secolo[82].

Palazzo Vescovile

Edificato in epoca medievale e rinnovato nel corso del Settecento dall'architetto Antonio Veneroni (in collaborazione con i fratelli Sartorio), è caratterizzato da una struttura massiccia ed austera[83]. Degno di nota è il cortile con colonne binate[84]. L'interno elegante presenta alcuni ambienti decorati nel XVIII secolo: da segnalare la ex cappella vescovile e gli affreschi di Carlo Innocenzo Carloni[84].

Chiesa di Santa Maria delle Grazie

Venne edificata tra il 1669 e il 1743[85] per ospitare un'immagine sacra della Vergine, ritenuta miracolosa[86]. L'interno a croce greca è completamente decorato da affreschi, tele e stucchi; una cappella laterale accoglie il sepolcro neoclassico di Maria Cosway[86], benefattrice della città[87].

Chiesa di Santa Maria Maddalena

Situata nei pressi del fiume Adda, in una posizione leggermente decentrata rispetto al cuore del centro storico medievale, rappresenta il miglior esempio di edificio barocco in città[88]. Completata nella prima metà del Settecento ad eccezione della facciata, la chiesa è caratterizzata da una navata unica con pianta ellittica[89].

Chiesa di Santa Chiara Nuova

È un ambiente di dimensioni raccolte che ospita notevoli testimonianze artistiche[90]. Si trova in una via molto stretta, tipica della Lodi medievale. Il piccolo edificio è costituito da due corpi di fabbrica ben distinti, uno romanico e l'altro barocchetto[91].

Chiesa di San Cristoforo

Opera dell'architetto milanese Pellegrino Tibaldi e sconsacrata dal 1798[92], ha ospitato nel 1989 una grande mostra dedicata alla famiglia dei pittori Piazza da Lodi[93] e nel 2001 una rassegna sull'opera grafica dell'artista americano Andy Warhol[94].

Chiesa di San Gualtero

In stile neoclassico, venne edificata in un'area periferica nel 1835, in occasione della visita dell'imperatore d'Austria Ferdinando I[95]. L'edificio conserva le reliquie del santo lodigiano cui è dedicato[96].

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

Palazzo Broletto, sede dell'amministrazione cittadina

Palazzo Broletto

Edificato nel 1284 a fianco della Cattedrale, dopo numerosi rimaneggiamenti si presenta in forme neoclassiche, come risulta evidente dal porticato e dalla loggia superiore (su cui si affaccia la sala del consiglio comunale)[97]. Ai due lati del portico sono collocati il busto di Gneo Pompeo Strabone (a sinistra), che attribuì il titolo di municipium a Laus Pompeia, e quello di Federico Barbarossa (a destra), fondatore di Laus Nova[97].

Ospedale Maggiore

Il nucleo più antico dell'edificio risale al XV secolo[98]; la struttura venne successivamente ampliata e trasformata in ospedale[99]. La facciata in stile neoclassico venne realizzata alla fine del Settecento su disegno di Giuseppe Piermarini[98], lo stesso architetto del Teatro alla Scala di Milano. All'interno si trova un chiostro con portico, loggiato e decorazioni in cotto del Quattrocento[98].

Palazzo Mozzanica

Sorto nella seconda metà del XV secolo[100], è il migliore esempio di dimora patrizia lodigiana[101]. La facciata è caratterizzata dalla presenza di una fascia marcapiano in terracotta, decorata con corone floreali e figure della mitologia marina[102]; il portale è adornato da medaglioni che raffigurano Gian Galeazzo Visconti, Isabella d'Aragona, Francesco e Bianca Maria Sforza[101]. Il piano superiore è ricco di affreschi[101]. Secondo lo storico Giovanni Agnelli[103], vi soggiornò Francesco I re di Francia durante l'estate del 1509[104].

Palazzo Modignani

Risalente al XVIII secolo, ospitò numerosi personaggi illustri tra cui Napoleone Bonaparte e l'imperatore austriaco Francesco Giuseppe[100]. È presente un ampio cortile interno al quale si accede tramite una cancellata in ferro battuto di Alessandro Mazzucotelli; il piano nobile è riccamente affrescato[100].

Palazzo Vistarini

Edificato nel Trecento, deve il suo nome all'influente famiglia ghibellina che lo fece costruire[105]. La struttura si presenta in forme gotiche: la facciata in mattoni è impreziosita da monofore decorate con cornici in cotto; il portico è caratterizzato da archi a sesto acuto e da volte in parte affrescate[105].

Teatro alle Vigne

Si tratta del principale teatro della città. Originariamente era una chiesa[106], canonica dell'ordine degli Umiliati; nel 1570 passò ai padri Barnabiti[106] che convertirono l'edificio in istituto superiore di teologia[106]. Dopo numerosi cambiamenti di destinazione d'uso ed una radicale ristrutturazione, nel 1985 divenne sede del teatro.

Palazzo del Governo

Si tratta di uno degli edifici più originali della città dal punto di vista architettonico[107]; è un palazzo di notevoli dimensioni che occupa un intero isolato alle spalle del palazzo Municipale e si affaccia su piazza del Mercato. Realizzato nel 1929 su fondamenta di epoca medievale[108], l'immobile riassume stili differenti: in particolare, il bugnato dell'ordine inferiore richiama l'architettura veneziana[107]. Dal 1995 è sede della Prefettura di Lodi[108].

Ex conventi di San Cristoforo e di San Domenico

Sono adibiti a sede centrale della provincia di Lodi; degni di nota sono i chiostri interni[77].

Ponte sull'Adda

È un ponte ad archi ribassati che, attraversando il fiume, collega il quartiere Borgo Adda con Revellino-Campo di Marte. Fu costruito nel 1864 per rimpiazzare l'originario ponte di legno dove si svolse la battaglia di Lodi, bruciato dalle truppe austriache nel 1859, durante la seconda guerra di indipendenza[109].

Centro direzionale della Banca Popolare di Lodi

Progettato da Renzo Piano e sorto nei pressi della stazione ferroviaria a pochi passi dal centro storico, si sviluppa su oltre 3 000 [110] e rappresenta la costruzione più interessante della città sotto il profilo architettonico tra quelle della seconda metà del Novecento[111]. È stato scelto come ambientazione per alcuni spot pubblicitari[112].

Architetture militari[modifica | modifica sorgente]

Lavori di demolizione del forte Revellino (attuale piazzale Crema), nel luglio 1872

Mura di Lodi

La prima opera difensiva della città – già protetta su tre lati dalle paludi dell'Adda – consisteva in una semplice palizzata di legno protetta da un fossato nel quale fu fatta scorrere la roggia Molina; in questo modo Lodi era diventata praticamente un'isola[113]. La costruzione delle mura ebbe inizio il 3 agosto 1160, alla presenza di Federico Barbarossa, del vescovo Alberigo Merlino e dell'architetto cremonese Tinto Muso de Gata, e terminò nel 1211[114]. Queste erano alte almeno sei o sette metri e i merli erano a coda di rondine in quanto la città era ghibellina[115]. Nel periodo sforzesco i sistemi di protezione si svilupparono particolarmente nei pressi del fiume, con la costruzione del rivellino sulla sponda cremasca e delle due torri alle estremità del ponte sull'Adda[43]. Nel 1607, in epoca spagnola, furono edificati dei baluardi molto estesi che si estendevano verso la campagna, dando alla città una struttura "stellata". Divenuti obsoleti ed inutilizzabili, in epoca austriaca furono abbattuti rapidamente a metà del Settecento, sostituiti dalla strada di circonvallazione. Le mura antiche furono in gran parte demolite nel XX secolo a causa dell'espansione edilizia; al giorno d'oggi, in diversi punti della città ne rimangono tracce, tra cui la Specola di San Vincenzo nei pressi del parco Isola Carolina.

Castello Visconteo e "Torrione"

Si tratta di una tipica fortezza medievale, andata in buona parte distrutta; il suo alto e massiccio Torrione è uno dei simboli più noti della città[42]. L'edificio non può essere visitato poiché è occupato dagli uffici della Questura di Lodi.

Porta Cremona

È l'unica rimasta tra le antiche porte di accesso alla città. Il suo aspetto attuale è dovuto al completo rifacimento realizzato tra il 1790 e il 1792 dall'architetto Antonio Dossena[116].

Vie e piazze[modifica | modifica sorgente]

Piazza della Vittoria

Denominata piazza Maggiore fino al 1924[97], rappresenta il cuore della città[77]: su di essa si affacciano, in particolare, la Basilica Cattedrale della Vergine Assunta ed il palazzo Municipale (palazzo Broletto)[105]. Caratterizzata da una pianta quadrangolare[77], è un raro esempio di piazza porticata su tutti i quattro lati[117]. Tale singolare peculiarità, unita all'eleganza dei palazzi che vi si affacciano (molto vari per colori e dimensioni) la rende un luogo particolarmente suggestivo, tant'è che il Touring Club Italiano l'ha inserita nel 2004 nella lista delle piazze più belle d'Italia[118]. La selciatura della piazza, nel tipico "ricciato" lombardo costituito da ciottoli di fiume, risalirebbe al 1471[119] oppure, secondo alcune fonti[77], al XVIII secolo.
Piazza Broletto di sera

Piazza Broletto

È un'area di forma trapezoidale, di dimensioni ridotte, chiusa tra i portici di palazzo Broletto e il fianco sinistro del Duomo[97]. In epoca medievale essa rappresentava il fulcro della vita pubblica cittadina[120], ora è sede dell'autorità municipale[121]. Al centro è collocata una fontana in marmo rosa di Carrara, ricavata dal fonte battesimale della Cattedrale e risalente al XIV secolo[97]. È un'area pedonale.

Piazza del Mercato

È una piazza di forma rettangolare, anch'essa pavimentata con il tipico "ricciato", su cui si affacciano l'abside del Duomo, un'ala secondaria di palazzo Broletto, il palazzo del Governo ed il palazzo Vescovile[122]. Nei giorni di sabato e domenica vi si tiene, come da tradizione, il mercato ambulante[123].

Piazza Castello

Si tratta di una piazza di dimensioni piuttosto ampie, adibita ad area pedonale ad eccezione della fascia centrale che è aperta al traffico veicolare; prende il nome dal Castello Visconteo che vi si affaccia[77][124]. Spicca inoltre una statua dedicata a Vittorio Emanuele II, celebrativa dell'unità d'Italia[77][124]. La piazza confina con il parco dell'Isola Carolina[77].
Scorcio di piazza Ospitale

Piazza Ospitale

Chiamata comunemente piazza San Francesco, è cantata in alcune opere della poetessa Ada Negri[125]. Questa piazza rettangolare, anch'essa pavimentata con il "ricciato" ed adibita ad area pedonale, è caratterizzata dalla presenza della chiesa di San Francesco e della facciata dell'Ospedale Maggiore[119]; vi si trova inoltre una statua raffigurante Paolo Gorini[77].

Piazza San Lorenzo

Si tratta di una piazza molto piccola, quasi nascosta tra un intrico di vie strette e tortuose tipiche del centro storico medievale di Lodi[78]; la sua atmosfera raccolta ma luminosa ricorda un campiello veneziano[78][119]. La piazza deriva il nome dall'omonima chiesa che vi si affaccia[78] ed è anch'essa un'area pedonale.

Corso Roma

Ha origine da piazza della Vittoria ed è molto frequentato in virtù delle numerose attività commerciali[77]. Analogamente ad altre vie del centro cittadino, offre quale principale motivo di interesse la presenza dei palazzi in stile liberty e dei suggestivi cortili interni delle abitazioni signorili[111].

Aree naturali[modifica | modifica sorgente]

Parco dell'Isola Carolina

Situato a ridosso del centro storico, nelle immediate vicinanze di piazza della Vittoria e di piazza Castello, deve il suo nome alla cascina Carolina che a sua volta fu battezzata così nel 1825 in onore di Carolina Augusta di Baviera, moglie dell'imperatore Francesco I d’Austria[126]. Il parco ha una superficie di circa 50 000 [126] e venne realizzato a metà degli anni cinquanta del XX secolo grazie ad una donazione di Enrico Mattei che volle in questo modo ricompensare la città presso la quale erano stati scoperti degli importanti giacimenti di gas naturale[126]. Mattei non badò a spese e fece piantumare delle essenze di notevole interesse botanico[127], selezionate presso il lago di Como[126]. Dal 2006 ospita la sede del Parco Adda Sud[128].
I giardini pubblici di viale IV novembre

Giardini pubblici di viale IV novembre

Sono collocati quasi nel cuore del centro cittadino: occupano l'area che costituisce lo spianamento del fossato in cui sino agli anni trenta del Novecento scorreva la roggia Molina[129], che tra il 1931 ed il 1937 venne canalizzata e coperta[130] grazie all'ambizioso progetto dell'architetto locale Giovanni Attilio Fugazza. Il nucleo originario dei giardini risale però al 1835, anno della visita alla città da parte dell'imperatore Ferdinando I d'Austria[130][131]. Nel corso del biennio 2008-2009, la zona è stata oggetto di una profonda riqualificazione[130].

Lungo Adda Bonaparte

Permette di passeggiare nei pressi del fiume Adda, a contatto con la vegetazione fluviale[132]; era uno dei luoghi prediletti dal poeta Giosuè Carducci quando visitava Lodi[133].

Bosco del Belgiardino

Si tratta di una piccola oasi naturalistica situata sulle rive dell'Adda[134], al confine con il territorio di Montanaso Lombardo; dall'area hanno origine numerosi sentieri che permettono di visitare i boschi circostanti, parzialmente trasformati in orto botanico[134], in cui inoltre vivono uccelli acquatici come gallinelle d'acqua, anatre, aironi e tuffetti[63]. Durante l'estate diventa un centro ricreativo grazie alla presenza di una piscina gestita dal comune di Lodi[134].

Foresta di pianura

È un'area di notevole interesse naturalistico, realizzata a cura della provincia di Lodi tramite un finanziamento della regione Lombardia[135]. Situata nelle vicinanze del centro abitato, può essere visitata grazie alla presenza di percorsi ciclo-pedonali[135]. Si tratta di un rimboschimento realizzato con specie arboree ed arbustive autoctone[136], con destinazione giuridica permanente a bosco[137].

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[138]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Come molti altri centri dell'Italia settentrionale, nel XXI secolo Lodi è diventata una città multietnica con una presenza significativa di cittadini provenienti dall'estero: risultano infatti residenti nel territorio comunale 5 111 stranieri[139], che rappresentano l'11,8%[140][141] della popolazione totale. Le dieci comunità più numerose sono le seguenti[142][143]:

Tradizioni e folclore[modifica | modifica sorgente]

La festa di san Bassiano[modifica | modifica sorgente]

Il 19 gennaio di ogni anno si svolge la festa patronale di san Bassiano[144]. Le celebrazioni religiose si aprono la sera precedente in Cattedrale, dove ha luogo la veglia diocesana presieduta dal vescovo[144]. La giornata festiva propriamente detta ha invece inizio la mattina del 19 gennaio, con il corteo delle autorità civiche da palazzo Broletto al Duomo, accompagnate da figuranti in costume medievale; nella cripta, dove sono custodite le spoglie del santo, vengono pronunciati i discorsi ufficiali del sindaco e del vescovo[144].

Venditori dei tipici "filsòn" (filze di castagne lessate) durante la fiera di san Bassiano

Dopo la messa solenne, sotto i portici di palazzo Broletto ha luogo la distribuzione gratuita di "büšèca" (la trippa cucinata alla lombarda con pancetta, verdure e fagioli[145]), caldo e vin brulé; contemporaneamente, nell'arco di tutta la giornata, in piazza della Vittoria si tiene la tradizionale fiera di san Bassiano[144]. Nel pomeriggio, dopo la celebrazione dei vespri, si svolge infine la cerimonia di consegna delle onorificenze civiche e del premio "Il Fanfullino della riconoscenza"[144], attribuito ai lodigiani che si distinguono nei campi dell'impegno sociale e della promozione culturale o scientifica[146].

La festa di santa Lucia[modifica | modifica sorgente]

Lodi è una delle città del nord Italia in cui santa Lucia è venerata come portatrice di doni[147]: secondo la tradizione, nei giorni antecedenti la ricorrenza del 13 dicembre, i bambini elencano i regali desiderati in una lettera che dev'essere poi inserita nell'urna collocata per l'occasione in Duomo, ai piedi della statua della santa[148]. I preparativi per la festa hanno inizio in uno dei primi pomeriggi del mese, quando in città si svolge la "veglia di santa Lucia", una manifestazione riservata ai bambini della scuola primaria e dell'infanzia[149]. Inoltre, dall'8 dicembre[150] alla mezzanotte del 12 dicembre[151], in piazza della Vittoria si tiene l'antica fiera di santa Lucia, con bancarelle per la vendita di giocattoli, dolciumi e articoli di artigianato[147][152].

Il mercato[modifica | modifica sorgente]

Il mercato ambulante del centro storico è una delle tradizioni popolari più antiche e significative della città[122]. Al sabato e alla domenica si svolge nell'omonima piazza, mentre al martedì e al giovedì ha luogo in piazza della Vittoria[123]. È costituito da un numero di banchi variabile tra 75 e 78[153]; presso quelli specializzati in generi alimentari è possibile trovare i prodotti tipici della cucina locale[122].

Qualità della vita[modifica | modifica sorgente]

La seguente tabella riporta le posizioni occupate dal comune di Lodi nella graduatoria pubblicata ogni anno da Legambiente nell'ambito del rapporto Ecosistema urbano sulla qualità ambientale delle città capoluogo di provincia. A partire dalla 18ª edizione della ricerca, i comuni sono stati valutati separatamente a seconda della popolazione; Lodi è stata collocata nel gruppo delle «città piccole»[154].

Anno Posizione Anno Posizione Anno Posizione Anno Posizione
1994 19ª[155] 1995 41ª (−22)[156] 1996 67ª (−26)[157] 1997 13ª (+54)[158]
1998 (+8)[159] 1999 36ª (−31)[160] 2000 13ª (+23)[161] 2001 24ª (−11)[162]
2003 21ª (+3)[163] 2004 17ª (+4)[164] 2005 60ª (−43)[165] 2006 33ª (+27)[166]
2007 61ª (−29)[167] 2008 61ª (=)[168] 2009 51ª (+10)[169] 2010 60ª (−9)[170]
2011 43ª (+17)[171] 2012 [172][173] 2013 (=)[174] 2014 19ª (−10)[175]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Biblioteche[modifica | modifica sorgente]

La Biblioteca comunale laudense ha antiche origini e fu aperta al pubblico nel 1792: la sua sezione storica custodisce circa 11 000 volumi tra incunaboli, cinquecentine, codici miniati e manoscritti, oltre a preziose stampe e carte geografiche[176][177]. Il fondo moderno è invece costituito da più di 135 000 volumi[178].

Università e ricerca scientifica[modifica | modifica sorgente]

L'ingresso del Parco Tecnologico Padano

Dal 2005[179] è attivo a Lodi un polo scientifico-universitario, composto dal Parco Tecnologico Padano[180] e da alcune strutture dell'Università degli Studi di Milano[181][182].

Il Parco Tecnologico Padano è uno dei più importanti centri di ricerca a livello europeo nel campo delle biotecnologie agroalimentari[13][183][184].

Il polo dell'Università degli Studi di Milano comprende un ospedale veterinario per grandi animali[185], costituito da strutture didattiche e cliniche per equini, bovini e suini, accanto al quale è in costruzione un centro zootecnico didattico-sperimentale[182]; sono presenti anche alcuni laboratori appartenenti alla Facoltà di Agraria[182]. Inoltre, ha sede in città l'Istituto Sperimentale per le Colture Foraggere, retto dal 1948 al 1976 dall'illustre agronomo Giovanni Haussmann[186][187].

A Lodi è attivo anche il corso di laurea in infermieristica organizzato dall'Università di Pavia[188].

Scuole[modifica | modifica sorgente]

Nel territorio comunale sono presenti 17 scuole dell'infanzia, 12 scuole primarie, 6 scuole secondarie di primo grado, 9 scuole secondarie di secondo grado e 3 centri di formazione professionale[189].

Musei[modifica | modifica sorgente]

A Lodi hanno sede alcuni importanti musei, tra cui il Museo civico[190], la Collezione anatomica Paolo Gorini[191], il Museo di scienze naturali[192], il Museo del tesoro del tempio dell'Incoronata[193], il Museo diocesano di arte sacra[194] e il Museo della stampa e stampa d'arte[195].

Media[modifica | modifica sorgente]

Si trovano in città la redazione del quotidiano locale il Cittadino[196] e una sede distaccata dell'emittente televisiva Telepace[197].

Un vassoio in maiolica policroma realizzato a Lodi nel XVIII secolo

Arte[modifica | modifica sorgente]

Lodi è rinomata per la sua produzione di ceramica artistica[198]. Attestata sin dal XV secolo, l'attività conobbe una decisa espansione tra il Settecento – con le fabbriche Coppellotti, Rossetti e Ferretti – e l'Ottocento, grazie ai Dossena. Fra i principali soggetti – riprodotti in monocromia turchina e in policromia – figurano paesaggi con rovine, nature morte, motivi floreali, scenette popolari e cineserie. La produzione contemporanea di ceramica artistica lodigiana "Vecchia Lodi" si concentra sulla rivisitazione dei modelli stilistici della manifattura Ferretti[199]. Lodi è annoverata fra le Città della Ceramica – Ceramica Artistica Tradizionale (CAT)[200], marchio di cui si fregiano oggi i numerosi laboratori artigiani[201].

Cucina[modifica | modifica sorgente]

La preparazione della raspadüra
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cucina lodigiana.

La gastronomia lodigiana è prevalentemente caratterizzata dai prodotti caseari. Il più rinomato tra i formaggi locali è il Grana Padano DOP[202], che nella sua migliore produzione prende il nome di Granone Lodigiano PAT[203]. Il Granone, in particolare, è considerato il "capostipite" di tutti i formaggi grana: un tempo era di colore giallo, in quanto alla pasta veniva aggiunto dello zafferano; inoltre, non venendo pressato, durante la stagionatura espelle siero, formando la caratteristica "lacrima"[204]. Le forme giovani vengono tagliate a metà e raschiate con un apposito attrezzo: mediante questa tecnica si ottengono delle sfoglie sottilissime, note come raspadüra[204]. Altri formaggi tipicamente lodigiani sono il mascarpone PAT[203] e il pannerone PAT[203], entrambi preparati con la panna. Frittate, zuppe e insaccati di maiale rappresentano le altre specialità; esistono anche numerosi dolci tipici, quali la Tortionata PAT[203], gli Amaretti Fanfullini e gli gnam-gnam[205].

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Il Palio dei Rioni[modifica | modifica sorgente]

Dal 1986 ha luogo ogni anno il Palio dei Rioni[206], una rievocazione storica che consiste in una serie di sfide tra gli antichi quartieri della città. La giornata del Palio inizia nella Cattedrale, con una messa solenne presieduta dal vescovo; in seguito alla sfilata in costume tradizionale, si svolge la gara degli anelli, durante la quale un fantino monta su un cavallo di legno e ferro[207] e, spinto da due atleti, deve cercare di infilare con la sua lancia quattro anelli posti ai vertici del quadrilatero di piazza della Vittoria, nel minor tempo possibile. La competizione prosegue poi con la "cursa dei cavài"[208], nella quale i concorrenti devono far percorrere tre giri della piazza al cavallo montato dal fantino cercando di arrivare per primi al traguardo posizionato davanti al sagrato del Duomo. Il rione proclamato vincitore in base alla classifica delle varie prove riceve "El Bastón de san Bassan"[209] dalle mani del sindaco della città. Negli anni passati, la graduatoria finale era determinata anche dal alcune competizioni sportive che si svolgevano sul fiume Adda durante l'estate, tra cui una gara di canoa ed una di "biciclette fluviali"[210].

Rassegne culturali[modifica | modifica sorgente]

Gli spettatori assiepati sul ponte per assistere allo spettacolo pirotecnico in occasione della terza Notte bianca del 18 luglio 2009
  • Il Festival dei sette peccati capitali[212], promosso dal comune, si è articolato in sette edizioni che hanno avuto luogo nella primavera di ogni anno dal 2003 al 2009, richiamando oltre 20 000 presenze per ognuno degli episodi[213]. Ciascuna delle sette edizioni è stata caratterizzata da eventi culturali, dibattiti, mostre e laboratori[214] dedicati ad uno dei sette vizi capitali della tradizione filosofica occidentale.
  • Dal 2003 Lodi ospita annualmente il Trompe-l'œil Festival, una manifestazione che accoglie opere di esponenti internazionali della tecnica artistica del trompe-l'œil[215].
  • Il 21 luglio 2007 si è tenuta in città la prima Notte bianca del Palio[216]; l'evento, organizzato dall'assessorato alla cultura, si è ripetuto in numerose altre occasioni. Nell'edizione del 18 luglio 2009 si è svolta in contemporanea la Notte bianca della cultura, durante la quale i principali monumenti e musei della città sono rimasti aperti fino all'una di notte.
  • Ogni anno il comune organizza la rassegna estiva Lodi al Sole, nell'ambito della quale si svolge anche il Lodi Blues Festival[217]. L'edizione del 2009 è stata caratterizzata da oltre ottanta eventi[218] distribuiti nell'arco di tre mesi, e ha visto il coinvolgimento stimato di 70 000 spettatori[219].

Persone legate a Lodi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Persone legate a Lodi.

Sono numerose le personalità significative che a Lodi sono nate, hanno vissuto a lungo oppure hanno stabilito dei saldi rapporti con la città.

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Urbanistica[modifica | modifica sorgente]

Nei primi secoli di vita della città, lo sviluppo urbanistico procedette lentamente[220]: il corpo di fabbrica della Cattedrale, la cui costruzione fu intrapresa tra il 1158 ed il 1160, venne completato oltre cento anni dopo, se si escludono i rimaneggiamenti successivi; alla fine del XII secolo sorse la chiesa di San Lorenzo, mentre San Francesco ed il primo nucleo di palazzo Broletto risalgono agli ultimi decenni del Duecento[220]. Il secolo seguente ha lasciato in eredità il palazzo Vistarini, il Castello e la chiesa di Sant'Agnese[220]. Nel tardo Quattrocento, ricordato come il periodo di massimo splendore della città[10], sorsero numerosi nuovi edifici, tra cui il palazzo Mozzanica, l'Ospedale Maggiore ed il Tempio Civico dell'Incoronata[220]; nella stessa epoca fu consolidato il sistema di fortificazioni difensive[43] che risaliva agli inizi del Duecento[114]. Tra Cinquecento e primo Settecento, infine, videro la luce il complesso di San Cristoforo ed il palazzo Modignani[220].

Mappa della città nel 1753

L'aspetto attuale del centro storico, tuttavia, si deve prevalentemente alle opere compiute tra Settecento e Ottocento, che alterarono la struttura urbanistica originaria dell'antico nucleo medievale di Lodi[221]. Durante l'epoca austriaca, in particolare, grazie alla ripresa economica si registrò un forte sviluppo edilizio[221] che trasformò il volto della città nel segno dell'architettura tardo-barocca: vennero edificate le nuove chiese di Santa Maria del Sole[222], Santa Maria Maddalena[89] e San Filippo[82], mentre il palazzo Vescovile fu interamente ristrutturato[83]. Numerosi monasteri ed edifici religiosi minori vennero sconsacrati ed in alcuni casi demoliti per fare spazio a nuove abitazioni private; le vie principali, inoltre, furono allargate mediante la rimozione dei paracarri e l'abbattimento dei portici[221]. Risale al medesimo periodo l'apertura dei primi due cimiteri suburbani di Riolo e di San Fereolo[109]. Si procedette anche alla demolizione dei baluardi costruiti durante la dominazione spagnola del Seicento; al loro posto venne disegnata una strada di circonvallazione lunga 3 700 m, che raccordava tutte le porte della città, impiegate da secoli come barriere daziarie[223]. Nel 1835, il segmento meridionale della circonvallazione fu trasformato in "passeggio pubblico"[131].

A metà dell'Ottocento, l'abitato di Lodi era ancora interamente racchiuso entro le mura medievali[224]; all'esterno del perimetro della città murata, oltre a numerosi cascinali[225], si trovavano alcuni borghi (San Grato, San Fereolo e San Bernardo), posti in corrispondenza degli incroci stradali tra la viabilità regionale e quella locale, ad una distanza variabile tra i 2 e i 5 km dal centro cittadino[226]. Questo articolato assetto urbanistico venne modificato nel 1861 dall'apertura della linea ferroviaria Milano–Bologna, che toccava Lodi lambendo la parte meridionale del nucleo abitato: la strada ferrata, infatti, rappresentò l'ostacolo principale quando, nei decenni successivi, la città cominciò con lentezza ad espandersi nelle aree limitrofe all'anello di circonvallazione delle mura[227].

Case popolari edificate nel "villaggio Oliva", così chiamato dal nome del sindaco dell'epoca (1951)

Tra il 1864 e gli inizi del Novecento vennero realizzati numerosi interventi urbanistici: dei due cimiteri di Riolo e San Fereolo, venne ampliato il primo mentre l'altro fu dismesso; nel 1886 fu intrapresa inoltre la costruzione del Cimitero Monumentale (più noto come "Maggiore")[228]. Per quanto riguarda la rete stradale, le opere più importanti furono l'edificazione del nuovo ponte sull'Adda in muratura[109], la riqualificazione della zona di piazza della Vittoria[229], l'ampliamento di piazza Ospitale e la costruzione di un asse viario tra la stazione ferroviaria e il centro storico, con l'apertura di viale Dante e di piazza Castello[230]. A livello di infrastrutture, nel 1880 furono inaugurate quattro tranvie extraurbane a vapore: la Milano–Lodi, la Lodi–Treviglio–Bergamo, la Lodi–Sant'Angelo e la Lodi–Crema–Soncino[230]. Nel medesimo periodo, ebbe luogo un rapido processo di urbanizzazione del quadrilatero compreso tra il pubblico passeggio e la ferrovia: ad alcuni insediamenti produttivi, si aggiunse nel 1904 il primo lotto di abitazioni popolari[231]. Contemporaneamente, ancora più a sud, sorsero i primi grandi complessi industriali: il Linificio Canapificio Nazionale in zona San Fereolo e le Officine Meccaniche Lodigiane presso la località Camolina[232].

Dopo una fase di moderata crescita tra gli anni venti e la seconda guerra mondiale[233], a partire dal 1955 lo sviluppo della città si fece sempre più rapido e cominciò ad interessare entrambe le sponde dell'Adda[109]: vennero creati nuovi quartieri, tra cui quello delle "case Fanfani" (ad ovest del centro storico) ed il "villaggio Oliva" (a sud-ovest), entrambi realizzati nell'ambito del piano INA-Casa[234]. Tra gli anni settanta e i duemila, oltre al compimento di un sistema di strade tangenziali, ebbe luogo la dismissione di gran parte del patrimonio edilizio industriale, riconvertito in nuove aree residenziali[235].

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

Il santuario di Fontana
  • San Grato[236] si trova nel settore nord-occidentale del territorio comunale[19], ad una distanza di circa 4 km dal centro cittadino[242]; con i suoi 692 abitanti, è la più popolosa tra le frazioni di Lodi[239].

Altre località del territorio[modifica | modifica sorgente]

Economia[modifica | modifica sorgente]

Agricoltura e allevamento[modifica | modifica sorgente]

Una cascina situata alle porte della città

L'agricoltura e l'allevamento sono di fondamentale importanza per Lodi e per il suo territorio fin dal Medioevo[247]. A testimonianza di quanto il settore primario sia tuttora significativo, i dati[248] riferiscono di 1 786 aziende[249] nel territorio della provincia che producono soprattutto mais (47% della superficie agricola utile[249]) e foraggi (24% della SAU[249]). Per quanto riguarda il territorio comunale, sono attive invece 84 aziende[250] e la superficie agricola utile è costituita da 2 130 ettari[250], dei quali il 48% coltivati a mais[250]. Sono presenti inoltre 5 495 capi bovini[250] e 23 362 capi suini[250].

Per garantire e promuovere le eccellenze del settore, oltre che tutelare l'ambiente, il benessere degli animali e la salute dei consumatori, nel 2004 è stato fondato il comitato del marchio "Lodigiano Terra Buona"[251].

Industria e artigianato[modifica | modifica sorgente]

I primi stabilimenti industriali nati a Lodi erano legati alla trasformazione dei prodotti del settore primario: il Lanificio Varesi (1868)[247], la Polenghi Lombardo che fu la prima azienda in Italia a trattare a ciclo completo il latte (1870)[247], le Officine Sordi che costruivano macchine per il settore lattiero-caseario (1881)[247], il Linificio Canapificio Nazionale (1909)[247]. Tra le altre industrie presenti in città, particolarmente sviluppato era il settore meccanico: erano attive ad esempio le Officine Meccaniche Lodigiane (1908)[247], le Officine Meccaniche Folli-Gay (1922)[247], le Officine Curioni Spa (1925)[247] e le Officine Elettromeccaniche Adda (1926)[247]. Queste ultime negli anni ottanta furono acquistate dalla multinazionale ABB[252], che nel 1994 vi trasferì il proprio centro mondiale per la costruzione di trasformatori, di interruttori per l'alta tensione e di sottostazioni elettriche[252]; nel 2003 l'impresa contava circa 270 dipendenti[252].

Il Lodigiano è una delle aree di produzione del Grana Padano

Nel 1945 si cominciò ad estrarre il gas metano dai pozzi della vicina Caviaga e a sperimentarne le applicazioni nel locale centro studi dell'Agip. Il cane a sei zampe, logo della compagnia, sarebbe ispirato al fantastico drago Tarantasio che avrebbe infestato il lago Gerundo: quando fu scoperto il metano in quelle zone, infatti, si immaginò che l'animale, un tempo guardiano delle paludi e poi scomparso sotto terra dopo la loro bonifica, fosse riapparso in forma di gas[253]. Lodi fu la prima città in Italia a servirsi del metano per usi domestici e industriali[254]. Sempre nell'ambito dell'industria petrolchimica, dal 1963[255] ha sede a Lodi la Viscolube che si occupa di riciclaggio di oli lubrificanti usati, attraverso un processo di ri-raffinazione. Nel 2007 il fatturato è stato di 100 milioni di euro e l'azienda impiegava 170 dipendenti[256].

Al confine del territorio municipale di Lodi, in un'area di competenza dei comuni di Montanaso Lombardo e Tavazzano con Villavesco, sorge una grande centrale termoelettrica di proprietà della E.ON[257], alimentata a gas naturale[258]. La centrale, con una potenza installata di 1 740 MW[257], è una delle più importanti d'Italia e conta 120 dipendenti[258]. Il primo nucleo, realizzato nel 1952 nell'ambito del Piano Marshall[259], fu inaugurato da Enrico Mattei e dal presidente del Consiglio Alcide De Gasperi; gli impianti attuali sono stati attivati in diversi scaglioni tra il 2002 e il 2010[257]. La centrale preleva l'acqua di raffreddamento dal canale Muzza, dal canale Belgiardino e dal fiume Adda[257].

Al giorno d'oggi le industrie più sviluppate sono quella casearia (il Lodigiano è una delle 14 aree in cui è concentrata la produzione del Grana Padano[202]) e quella artigianale, in particolare nei settori della ceramica e della cosmesi (L'Erbolario[260]).

Servizi[modifica | modifica sorgente]

Tra le più importanti imprese dell'ambito dei servizi si annovera Zucchetti, che opera nel settore del software e hardware a supporto di aziende; con 1 900 dipendenti (di cui 900 solo a Lodi[261]), 85 000 clienti e un fatturato di oltre 250 milioni di euro[262], è uno dei leader italiani nel campo informatico[263].

Lodi ha inoltre una notevole attività bancaria: la Banca Popolare di Lodi, fondata da Tiziano Zalli nel 1864, è stata la prima banca popolare sorta in Italia[264]. Dal 2007 fa parte del gruppo Banco Popolare, quarto gruppo bancario in Italia[265], il più grande tra quelli di matrice cooperativa[266].

Nel 1997, Lodi fu una delle prime città ad essere cablata con la fibra ottica nell'ambito del progetto Socrate di Telecom Italia, finalizzato a creare una rete per la TV via cavo e per la trasmissione di dati[267].

Agli inizi del XXI secolo, prima della crisi del 2008-2014, la città beneficiò di una notevole crescita economica grazie al rifiorire delle attività commerciali, all'ampliamento del sistema di strade tangenziali e allo sviluppo di tecnologie per l'ambiente (in virtù della discreta frazione di rifiuti riciclati prodotti dai lodigiani[268] e della tecnologia del teleriscaldamento[269]).

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Nel 1999 Lodi entrò a far parte del circuito delle Città d'arte della Pianura Padana[270][271]. Dagli anni duemila il turismo ha rappresentato un settore in forte espansione sul territorio[15]: nel 2006, ad esempio, sono stati registrati 137 000 arrivi[15], con un incremento del 116% rispetto a tre anni prima[15].

Oltre al turismo culturale, particolarmente importante è quello naturalistico, in virtù anche dell'efficiente rete ciclabile che dal capoluogo si diparte in tutto il territorio[272]. Il turismo enogastronomico si concentra soprattutto nei mesi di ottobre e novembre, durante i quali – a partire dal 1988 – si svolge la Rassegna Gastronomica del Lodigiano[273][274].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Strade[modifica | modifica sorgente]

Lodi è un nodo stradale di importanza regionale: la città è raggiunta dalla Strada statale 9 Via Emilia e da numerose strade provinciali tra cui la ex SS 235 PaviaBrescia e la ex SS 472 Treviglio–Lodi. Le strade convergenti sulla città sono raccordate dalle tangenziali Sud ed Est, che formano un semi-anello (interrotto nel settore nord-ovest) con caratteristiche di superstrada[19].

Nelle vicinanze transita inoltre l'Autostrada del Sole; l'uscita Lodi, posta nel territorio comunale di Pieve Fissiraga, si trova 6 km a sud-ovest della città.

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

La stazione di Lodi è situata nei pressi del centro storico cittadino

La stazione di Lodi è posta sulla ferrovia Milano–Bologna ed appartiene al circuito Centostazioni; è servita principalmente da treni suburbani (linea S1, Saronno–Milano–Lodi), regionali (Milano–Piacenza) e regionali veloci (Milano–Bologna e Milano–Mantova), ma anche da alcuni treni a lunga percorrenza. Il traffico è prevalentemente pendolare verso il capoluogo lombardo; la stazione serve un ampio bacino d'utenza[275] costituito da viaggiatori provenienti anche dai paesi limitrofi e dal Cremasco[276].

Mobilità urbana[modifica | modifica sorgente]

Autobus[modifica | modifica sorgente]

La città è dotata di una rete urbana di autobus gestita dalla società LINE S.p.A., che fornisce il servizio attraverso le corse di cinque linee[277].

LINE adempie anche alla gestione di numerose linee interurbane aventi in massima parte Lodi come capolinea[278]. I collegamenti con i principali centri abitati della provincia e della regione sono assicurati anche dalle autolinee S.T.A.R. Lodi[279], che dal 1922 hanno sede in città[280].

Piste ciclabili e bike sharing[modifica | modifica sorgente]

In base ai dati forniti da Legambiente, Lodi è la terza migliore città italiana nella classifica relativa alla cosiddetta «offerta ciclabile», un indicatore che prende in considerazione l'estensione dei percorsi riservati alle biciclette e delle zone con moderazione di velocità a 30 km/h[281]. Dal 2003[282] è attivo inoltre un servizio gratuito di bike sharing[283].

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sindaci di Lodi.

La storia amministrativa del comune di Lodi dall'istituzione della Repubblica Italiana ad oggi può essere suddivisa in due fasi: per i primi trent'anni si sono succeduti esclusivamente sindaci della Democrazia Cristiana, mentre dal 1975 in avanti la città è stata amministrata prevalentemente da esponenti di sinistra o di centro-sinistra[284].

Il comune fa parte del consorzio di gestione del Parco Adda Sud[285], la cui sede si trova a Lodi[285][286].

Suddivisione del suburbio di Lodi prima del 1840, con i tre chiosi e i tre comuni esterni

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Variazioni territoriali[modifica | modifica sorgente]

Nel 1877 vennero annessi al territorio municipale i comuni suburbani di Chiosi Uniti con Bottedo e Chiosi d'Adda Vigadore[291]. Il termine "chiosi", di origine dialettale, indicava le terre agricole circostanti la città di Lodi[292], analogamente ai più noti Corpi Santi intorno a Milano.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sport a Lodi.

Lo sport a Lodi si articola in numerose attività[293]. Società e atleti lodigiani hanno conseguito titoli a livello italiano ed internazionale.

La disciplina sportiva più seguita è per tradizione l'hockey su pista[294][295][296]. La principale squadra della città, l'Amatori Lodi, ha conquistato uno scudetto, due Coppe Italia, una Coppa di Lega, una Coppe delle Coppe e una Coppa CERS[297][298][299][300]. L'attività maggiormente praticata resta tuttavia il calcio[293]; la società lodigiana A.C. Fanfulla fu protagonista nel campionato di Serie B tra gli anni trenta e gli anni cinquanta, conquistando poi nel 1984 una Coppa Italia di Serie C[301].

In città sono in funzione molti impianti sportivi, tra cui lo Stadio Dossenina, riservato al gioco del calcio[293].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Matteo Brunello, Passaggio di consegne in Broletto: ieri si è insediato Simone Uggetti in Il Cittadino, 12 giugno 2013, p. 13.
  2. ^ Il sindaco, Comune di Lodi. URL consultato il 12 giugno 2013.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Lodi, RAIDizionario d'ortografia e di pronunzia. URL consultato l'11 giugno 2009.
  5. ^ Pezzini, op. cit., voce «Lòd».
  6. ^ Bilancio demografico: popolazione residente al 1º gennaio 2013, Istituto nazionale di statistica, 10 dicembre 2013. URL consultato il 18 dicembre 2013.
  7. ^ Decreto legislativo 6 marzo 1992, n. 251, Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. URL consultato il 17 ottobre 2010.
  8. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 30-31.
  9. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 17-26.
  10. ^ a b c Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 55-59.
  11. ^ a b Dossi, op. cit., voce «Lodi».
  12. ^ Il Parco Tecnologico Padano, Parco Tecnologico Padano. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  13. ^ a b Caterina Belloni, Ricerca, la sfida lombarda: "Ora importiamo cervelli" in Corriere della Sera, 18 ottobre 2006, p. 13. URL consultato il 4 novembre 2009.
  14. ^ Andrea Caruso, Svelato a Lodi il "Dna" del pesco, una storia che ha 4mila anni in Il Cittadino, 25 marzo 2013, p. 12.
  15. ^ a b c d La Provincia di Lodi torna alla BIT (DOC), Provincia di Lodi, 20 febbraio 2008. URL consultato il 13 ottobre 2010.
  16. ^ Il circuito: chi siamo, Città d'arte della Pianura Padana. URL consultato il 17 ottobre 2010.
  17. ^ a b c Lodi: clima e dati geografici, www.comuni-italiani.it. URL consultato il 18 dicembre 2009.
  18. ^ Bottini et al., op. cit., p. 15.
  19. ^ a b c d e f g h i j k Mappa del comune di Lodi, Geoplan. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  20. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., p. 48.
  21. ^ Storia, Diocesi di Lodi. URL consultato il 16 ottobre 2009.
  22. ^ Cenni storici, Provincia di Lodi. URL consultato il 16 ottobre 2009.
  23. ^ Il paesaggio fluviale: ambienti d'acqua e laboratori in natura, Provincia di Lodi. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  24. ^ a b c d Geologia e conformazione dei suoli, comune di Cervignano d'Adda.
  25. ^ Classificazione sismica, Dipartimento della Protezione Civile. URL consultato il 22 giugno 2011.
  26. ^ a b Stazione meteorologica di Lodi: tabella climatica, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente.
  27. ^ Approfondimento scientifico sui venti padani, regione Lombardia.
  28. ^ Programma di Previsione e Prevenzione – Rischio Idraulico (PDF), Provincia di Lodi, p. 16. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  29. ^ Decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412 (PDF). URL consultato il 4 dicembre 2010.
  30. ^ Classificazione climatica dei comuni lombardi, Confederazione Italiana Proprietà Edilizia. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  31. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 15-16.
  32. ^ a b Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 17-18.
  33. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., p. 17.
  34. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., p. 23.
  35. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 24-25.
  36. ^ a b Bassi, Storia di Lodi, op. cit., p. 26.
  37. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., p. 30.
  38. ^ Bottini et al., op. cit., p. 16.
  39. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., p. 41.
  40. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 41-42.
  41. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., p. 44.
  42. ^ a b Bassi, Storia di Lodi, op. cit., p. 47.
  43. ^ a b c Bottini et al., op. cit., p. 23.
  44. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., p. 54.
  45. ^ Majocchi, op. cit., p. 4.
  46. ^ Ambreck et al., op. cit., p. 133.
  47. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 59-61.
  48. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 75-77.
  49. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 83-86.
  50. ^ a b Bassi, Storia di Lodi, op. cit., p. 60.
  51. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 83-84.
  52. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., p. 101.
  53. ^ Commemorazione dei "Martiri del Poligono", Comune di Lodi, 22 agosto 2010. URL consultato il 13 ottobre 2010.
  54. ^ a b Statuto del Comune di Lodi – Articolo 3, Comune di Lodi, 25 novembre 2003. URL consultato il 31 dicembre 2009.
  55. ^ Stemma comunale di Lodi, www.comuni-italiani.it. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  56. ^ Massimo Ghirardi, Introduzione all'araldica civica (PDF), www.araldicacivica.it, p. 4. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  57. ^ a b Laus – Storia di un nome antico (PDF), Comune di Lodi Vecchio, p. 11. URL consultato il 30 marzo 2012.
  58. ^ Marco Meriggi, op. cit., p. 97.
  59. ^ Bottini et al., op. cit., p. 35.
  60. ^ Ambreck et al., op. cit., p. 142.
  61. ^ a b Ambreck et al., op. cit., p. 143.
  62. ^ Bottini et al., op. cit., p. 36.
  63. ^ a b Ambreck et al., op. cit., p. 144.
  64. ^ a b c Ambreck et al., op. cit., p. 145.
  65. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., p. 59.
  66. ^ Bottini et al., op. cit., p. 68.
  67. ^ Ambreck et al., op. cit., p. 148.
  68. ^ a b c Galuzzi, op. cit., sezione 3 – L'Incoronata.
  69. ^ Bottini et al., op. cit., pp. 68-69.
  70. ^ Bottini et al., op. cit., p. 72.
  71. ^ Bottini et al., op. cit., pp. 70-72.
  72. ^ Bottini et al., op. cit., p. 70.
  73. ^ a b c Ambreck et al., op. cit., p. 146.
  74. ^ Ambreck et al., op. cit., p. 134.
  75. ^ Bottini et al., op. cit., p. 57.
  76. ^ Ambreck et al., op. cit., p. 147.
  77. ^ a b c d e f g h i j Percorsi turistici, Comune di Lodi. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  78. ^ a b c d Galuzzi, op. cit., sezione 4 – S. Lorenzo.
  79. ^ Bottini et al., op. cit., p. 45.
  80. ^ Ambreck et al., op. cit., pp. 145-146.
  81. ^ Agnelli, op. cit., p. 241.
  82. ^ a b Bottini et al., op. cit., p. 76.
  83. ^ a b Bottini et al., op. cit., pp. 37-39.
  84. ^ a b Bottini et al., op. cit., p. 39.
  85. ^ Chiesa di S. Maria delle Grazie, Regione LombardiaUniversità di Pavia, 2000. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  86. ^ a b Emiliano Cuti, Echi barocchi su e giù dal Colle Eghezzone in GustaLo, 19 novembre 2009, p. 2.
  87. ^ Maria Cosway: profilo, Fondazione Maria Cosway. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  88. ^ Galuzzi, op. cit., sezione 10 – S. Maria Maddalena.
  89. ^ a b Bottini et al., op. cit., p. 61.
  90. ^ Agnelli, op. cit., p. 243.
  91. ^ Agnelli, op. cit., p. 244.
  92. ^ Bottini et al., op. cit., p. 64.
  93. ^ Callisto Piazza da Lodi, Bloomsbury Auctions. URL consultato il 9 ottobre 2009.
  94. ^ Aperta la mostra di Andy Warhol, la "pop art" in 67 serigrafie in Corriere della Sera, 26 febbraio 2001, p. 51. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  95. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 88-89.
  96. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 64-65.
  97. ^ a b c d e Galuzzi, op. cit., sezione 2 – Il Broletto.
  98. ^ a b c Bottini et al., op. cit., pp. 53-54.
  99. ^ Galuzzi, op. cit., sezione 8 – L'Ospedale Vecchio.
  100. ^ a b c Bottini et al., op. cit., p. 50.
  101. ^ a b c Galuzzi, op. cit., sezione 7 – Palazzo Mozzanica.
  102. ^ Bottini et al., op. cit., p. 53.
  103. ^ Agnelli, op. cit., p. 288.
  104. ^ Ambreck et al., op. cit., p. 157.
  105. ^ a b c Bottini et al., op. cit., p. 33.
  106. ^ a b c Storia, Teatro alle Vigne. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  107. ^ a b Bassi, Lodi fra storia e cronaca dal 1919 al 1945, op. cit., p. 96.
  108. ^ a b Come raggiungerci, Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo di Lodi, 14 aprile 2009. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  109. ^ a b c d Bottini et al., op. cit., p. 25.
  110. ^ Bipielle City di Renzo Piano, Circuito città d'arte della Pianura Padana. URL consultato il 13 ottobre 2010.
  111. ^ a b Galuzzi, op. cit., sezione 12 – La Lodi moderna.
  112. ^ Alberto Belloni, Gattuso a Lodi per registrare il nuovo spot della Vodafone in Il Cittadino, 27 luglio 2007, p. 15.
  113. ^ Tra il 1931 ed il 1937, distrutte le mura, il fossato della roggia venne riempito e trasformato negli attuali giardini pubblici.
  114. ^ a b Bottini et al., op. cit., pp. 22-23.
  115. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 39-44.
  116. ^ Porta Cremona, Regione LombardiaUniversità di Pavia, 1999. URL consultato il 15 gennaio 2010.
  117. ^ Ambreck et al., op. cit., pp. 141-142.
  118. ^ Grazia Maria Mottola, Touring, 110 anni in piazza in Corriere della Sera, 22 ottobre 2004, p. 59. URL consultato il 26 ottobre 2010.
  119. ^ a b c Ruffilli, op. cit., p. 14.
  120. ^ Ambreck et al., op. cit., p. 154.
  121. ^ Ambreck et al., op. cit., pp. 154-155.
  122. ^ a b c Galuzzi, op. cit., sezione 6 – Il mercato.
  123. ^ a b Mercati, Comune di Lodi. URL consultato il 13 ottobre 2010.
  124. ^ a b Bottini et al., op. cit., p. 31.
  125. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., p. 109.
  126. ^ a b c d Pubblicato il bando del concorso di progettazione dei lavori di riqualificazione del Parco dell'Isola Carolina, comune di Lodi, 31 agosto 2007.
  127. ^ Un concorso di progettazione per gli interventi di riqualificazione del Parco Isola Carolina, comune di Lodi, 15 dicembre 2005.
  128. ^ Uffici del parco, Parco dell'Adda Sud. URL consultato il 22 giugno 2011.
  129. ^ Ambreck et al., op. cit., p. 139.
  130. ^ a b c Giardini del Passeggio, città in festa per la riapertura in LODIcittà, numero 6/2009.
  131. ^ a b Bassi, Storia di Lodi, op. cit., p. 88.
  132. ^ Galuzzi, op. cit., sezione 11 – Il Lungo Adda.
  133. ^ Bassi, Storia di Lodi, op. cit., pp. 109-110.
  134. ^ a b c Centro Ricreativo Belgiardino, Provincia di Lodi. URL consultato il 26 settembre 2009.
  135. ^ a b La storia della Foresta di pianura (PDF), Provincia di Lodi. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  136. ^ L'idea e il progetto, Lodigiano Terra Buona. URL consultato il 4 maggio 2009.
  137. ^ La foresta ritorna in pianura (PDF), Interwood, 27 maggio 2009. URL consultato il 19 settembre 2009.
  138. ^ Statistiche I.Stat. Istituto nazionale di statistica.  URL consultato in data 28 dicembre 2012.
  139. ^ Bilancio demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2012, Istituto nazionale di statistica, 26 luglio 2013. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  140. ^ Bilancio demografico al 31 dicembre 2012, Istituto nazionale di statistica, 25 giugno 2013. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  141. ^ Il dato è aggiornato al 31 dicembre 2012.
  142. ^ Bilancio demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2010, Istituto nazionale di statistica, 22 settembre 2011. URL consultato il 25 ottobre 2011.
  143. ^ Il dato è aggiornato al 31 dicembre 2010.
  144. ^ a b c d e 19 gennaio – La festa patronale, www.eventiesagre.it. URL consultato il 24 novembre 2009.
  145. ^ Festa di san Bassiano a Lodi, www.stile.it, 13 gennaio 2003. URL consultato il 24 novembre 2009.
  146. ^ Notizie, Politecnico di Milano – Dipartimento di Matematica "F. Brioschi" – MOX, 19 gennaio 2006. URL consultato il 13 novembre 2009.
  147. ^ a b Lodi dà il via alla festa di santa Lucia in Corriere della Sera, 9 dicembre 2009. URL consultato il 17 novembre 2013.
  148. ^ Santa Lucia a Lodi, www.carasantalucia.it. URL consultato il 17 novembre 2013.
  149. ^ Il programma delle iniziative del mese di dicembre: veglia di santa Lucia, comune di Lodi, 30 novembre 2006.
  150. ^ Talvolta dal 7 dicembre.
  151. ^ Antica fiera di santa Lucia, www.ospitalitalia.it. URL consultato il 24 novembre 2009.
  152. ^ Il programma delle iniziative del mese di dicembre: fiera di santa Lucia, comune di Lodi, 30 novembre 2006.
  153. ^ Il mercato centrale si trasferisce per due giorni in piazza della Vittoria, comune di Lodi, 2 febbraio 2006.
  154. ^ Ecosistema urbano XVIII (PDF), Legambiente, 17 ottobre 2011, p. 1. URL consultato il 1º dicembre 2011.
  155. ^ Ecosistema urbano 1994 (PDF), Legambiente, p. 12. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  156. ^ Ecosistema urbano 1995 (PDF), Legambiente, p. 13. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  157. ^ Ecosistema urbano 1996 (PDF), Legambiente, p. 18. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  158. ^ Ecosistema urbano 1997 (PDF), Legambiente, p. 19. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  159. ^ Ecosistema urbano 1998 (PDF), Legambiente, p. 18. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  160. ^ Ecosistema urbano 1999 (PDF), Legambiente, p. 15. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  161. ^ Ecosistema urbano 2000 (PDF), Legambiente, p. 31. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  162. ^ Ecosistema urbano 2001 (PDF), Legambiente, p. 5. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  163. ^ Ecosistema urbano 2003 (PDF), Legambiente, p. 52. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  164. ^ Ecosistema urbano 2004 (PDF), Legambiente, 16 ottobre 2003, p. 20. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  165. ^ Ecosistema urbano 2005 (PDF), Legambiente, p. 10. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  166. ^ Ecosistema urbano 2006 (PDF), Legambiente, p. 10. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  167. ^ Ecosistema urbano 2007 (PDF), Legambiente, 23 ottobre 2006, p. 7. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  168. ^ Ecosistema urbano 2008 (PDF), Legambiente, 19 ottobre 2007, p. 15. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  169. ^ Ecosistema urbano 2009 (PDF), Legambiente, p. 29. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  170. ^ Ecosistema urbano XVI (PDF), Legambiente, 26 ottobre 2009, p. 37. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  171. ^ Ecosistema urbano XVII (PDF), Legambiente, 18 ottobre 2010, p. 8. URL consultato il 3 dicembre 2010.
  172. ^ Ecosistema urbano XVIII (PDF), Legambiente, 17 ottobre 2011, p. 10. URL consultato il 1º dicembre 2011.
  173. ^ Il dato non è confrontabile con quello dell'anno precedente: a partire dalla 18ª edizione della ricerca, infatti, i comuni sono stati collocati in categorie separate a seconda della popolazione residente.
  174. ^ Ecosistema urbano XIX (PDF), Legambiente, 29 ottobre 2012, p. 30. URL consultato il 6 novembre 2012.
  175. ^ Ecosistema urbano XX (PDF), Legambiente, 7 ottobre 2013, p. 35. URL consultato il 13 novembre 2013.
  176. ^ Biblioteca, Comune di Lodi. URL consultato il 5 novembre 2011.
  177. ^ Galuzzi, op. cit., sezione 5 – Il Museo Civico, paragrafo "La Biblioteca comunale laudense".
  178. ^ La "nuova" Laudense in numeri in LODIcittà, numero 6/2011.
  179. ^ Inaugurazione, Parco Tecnologico Padano. URL consultato il 17 ottobre 2010.
  180. ^ Sito ufficiale, Parco Tecnologico Padano. URL consultato il 13 marzo 2009.
  181. ^ Strutture, Università degli Studi di Milano – Facoltà di Medicina Veterinaria. URL consultato il 2 novembre 2011.
  182. ^ a b c Polo Universitario, Parco Tecnologico Padano. URL consultato il 9 ottobre 2009.
  183. ^ Massimo Miato, Speciale parchi tecnologici: Parco Tecnologico Padano (PDF), Associazione Parchi Scientifici e Tecnologici Italiani, 23 settembre 2008. URL consultato il 17 ottobre 2010.
  184. ^ Davide Ederle, Bovini, senza segreti i 22mila geni in Agrisole, 5 maggio 2009.
  185. ^ Ospedale Veterinario, Università degli Studi di Milano – Facoltà di Medicina Veterinaria. URL consultato il 17 ottobre 2010.
  186. ^ Ongaro, op. cit., p. 13.
  187. ^ Celebrazioni del centenario della nascita di Giovanni Haussmann, comune di Lodi, 27 ottobre 2006.
  188. ^ Corsi di studio, Università di Pavia. URL consultato il 17 ottobre 2010.
  189. ^ a b Scuole, Comune di Lodi. URL consultato il 14 gennaio 2010.
  190. ^ Galuzzi, op. cit., sezione 5 – Il Museo Civico.
  191. ^ Collezione anatomica Paolo Gorini, Provincia di Lodi. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  192. ^ Museo di scienze naturali del Collegio San Francesco, Provincia di Lodi. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  193. ^ Museo dell'Incoronata, Provincia di Lodi. URL consultato il 6 gennaio 2010.
  194. ^ Museo diocesano d'arte sacra, Provincia di Lodi. URL consultato l'8 gennaio 2010.
  195. ^ Sito ufficiale, Associazione Museo della Stampa e Stampa d’Arte a Lodi. URL consultato il 23 aprile 2010.
  196. ^ Chi siamo, Il Cittadino. URL consultato il 17 ottobre 2010.
  197. ^ Emittenti, Telepace. URL consultato il 1º dicembre 2011.
  198. ^ Bottini et al., op. cit., pp. 76-79.
  199. ^ Museo civico – ceramica lodigiana, Provincia di Lodi. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  200. ^ Disciplinare di produzione della ceramica artistica e tradizionale di Lodi, Associazione Italiana Città della Ceramica. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  201. ^ Ceramica artistica lodigiana "Vecchia Lodi", Provincia di Lodi. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  202. ^ a b Carta d'identità, Consorzio per la tutela del Formaggio Grana Padano. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  203. ^ a b c d Elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali della Regione Lombardia (PDF), Regione Lombardia. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  204. ^ a b Granone Lodigiano e Raspadüra, www.saporetipico.it. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  205. ^ Terminata la BIT 2007, Provincia di Lodi, 26 febbraio 2007. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  206. ^ Gaetano Ecobi, Lodi è pronta alla lunga notte del Palio in Il Giorno, 5 settembre 2009. URL consultato il 23 settembre 2009.
  207. ^ Le feste tradizionali: Palio dei Rioni, Comune di Lodi. URL consultato il 13 ottobre 2010.
  208. ^ "Corsa dei cavalli" in dialetto lodigiano.
  209. ^ "Il Bastone di san Bassiano" in dialetto lodigiano.
  210. ^ Gaetano Ecobi, Sfilate e gare sull'Adda per il Palio dei rioni in Corriere della Sera, 16 luglio 2005, p. 53. URL consultato il 23 settembre 2009.
  211. ^ Giancarlo Grossini, Al via il Lodi Città Film Festival in Corriere della Sera, 3 ottobre 2010, p. 23. URL consultato il 12 novembre 2010.
  212. ^ Sito ufficiale, Festival dei Sette Peccati Capitali. URL consultato il 28 settembre 2009.
  213. ^ "Peccatori" eccellenti per oltre 20 mila curiosi in Corriere della Sera, 7 maggio 2009, p. 19. URL consultato il 28 settembre 2009.
  214. ^ Edizioni precedenti, Festival dei Sette Peccati Capitali. URL consultato il 28 settembre 2009.
  215. ^ International Trompe-l'œil Festival, Comune di Lodi. URL consultato il 17 ottobre 2010.
  216. ^ Notte Bianca, un bilancio estremamente positivo, comune di Lodi, 23 luglio 2007.
  217. ^ Sito ufficiale, Lodi Blues Festival. URL consultato il 23 settembre 2009.
  218. ^ Sito ufficiale, Lodi al Sole. URL consultato il 22 settembre 2009.
  219. ^ Il Comune calcola settantamila spettatori per Lodi al Sole in Il Giorno, 30 agosto 2009. URL consultato il 22 settembre 2009.
  220. ^ a b c d e Bottini et al., op. cit., p. 24.
  221. ^ a b c Bottini et al., op. cit., pp. 24-25.
  222. ^ Bottini et al., op. cit., p. 65.
  223. ^ Maurizio Meriggi, op. cit., p. 113.
  224. ^ Maurizio Meriggi, op. cit., pp. 112-114.
  225. ^ Gli insediamenti rurali erano tipicamente collocati presso i nodi idraulici formati dalla rete di rogge che irrigavano il territorio.
  226. ^ Maurizio Meriggi, op. cit., pp. 115-116.
  227. ^ Maurizio Meriggi, op. cit., p. 116.
  228. ^ Maurizio Meriggi, op. cit., p. 117.
  229. ^ Maurizio Meriggi, op. cit., pp. 131-132.
  230. ^ a b Maurizio Meriggi, op. cit., p. 114.
  231. ^ Maurizio Meriggi, op. cit., p. 119.
  232. ^ Maurizio Meriggi, op. cit., p. 121.
  233. ^ Maurizio Meriggi, op. cit., pp. 127-135.
  234. ^ Maurizio Meriggi, op. cit., p. 135.
  235. ^ Maurizio Meriggi, op. cit., p. 109.
  236. ^ a b c d Ambreck et al., op. cit., p. 129.
  237. ^ Fontana, italia.indettaglio.it. URL consultato il 14 dicembre 2009.
  238. ^ Santuario di Santa Maria della Fontana, Regione LombardiaUniversità di Pavia, 2001. URL consultato il 14 dicembre 2009.
  239. ^ a b c d e f g 14º Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni – Lodi: dettaglio località abitate, Istituto nazionale di statistica. URL consultato il 14 dicembre 2009.
  240. ^ Olmo, italia.indettaglio.it. URL consultato il 14 dicembre 2009.
  241. ^ a b Comune di Vigadore (sec. XVI – 1757), Regione LombardiaUniversità di Pavia, 10 gennaio 2005. URL consultato il 15 settembre 2010.
  242. ^ San Grato, italia.indettaglio.it. URL consultato il 15 dicembre 2009.
  243. ^ Bottedo, italia.indettaglio.it. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  244. ^ Comune di Bottedo, Regione LombardiaUniversità di Pavia, 27 ottobre 2002. URL consultato il 15 settembre 2010.
  245. ^ Comune di Torre de' Dardanoni, Regione LombardiaUniversità di Pavia, 19 ottobre 2003. URL consultato il 15 settembre 2010.
  246. ^ Comune di Vigadore (1859 – 1870), Regione LombardiaUniversità di Pavia, 10 gennaio 2005. URL consultato il 15 settembre 2010.
  247. ^ a b c d e f g h i Angelo Stroppa, Le risorse, Provincia di Lodi. URL consultato il 3 dicembre 2010.
  248. ^ Relativi al quinto censimento generale dell'agricoltura dell'ottobre 2000.
  249. ^ a b c Aziende agricole e superfici nella Provincia di Lodi (DOC), Provincia di Lodi, 13 novembre 2000. URL consultato il 3 dicembre 2010.
  250. ^ a b c d e Aziende agricole e superfici nella Provincia di Lodi – Dati comune per comune, Provincia di Lodi, novembre 2000. URL consultato il 29 settembre 2009.
  251. ^ Sito ufficiale, Lodigiano Terra Buona. URL consultato il 29 settembre 2009.
  252. ^ a b c Diego Scotti, Lodi capitale degli interruttori con il nuovo stabilimento Abb in Corriere della Sera, 25 novembre 2003, p. 52. URL consultato il 1º ottobre 2009.
  253. ^ Diego Scotti, Dal drago Tarantasio al "cane" di Mattei in Corriere della Sera, 30 giugno 2002. URL consultato il 20 settembre 2002.
  254. ^ Lodi: servizi, www.portaleditalia.it. URL consultato il 10 gennaio 2010.
  255. ^ Sito ufficiale, Viscolube. URL consultato il 2 ottobre 2009.
  256. ^ Christian Benna, Viscolube, l'olio riciclato va alla conquista dell'Europa in La Repubblica, 10 dicembre 2007, p. 15. URL consultato il 2 ottobre 2009.
  257. ^ a b c d Centrale termoelettrica Tavazzano e Montanaso, E.ON Italia. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  258. ^ a b Alberto Belloni, Centrale E.On, clamorosa retromarcia in Il Cittadino, 1º aprile 2010.
  259. ^ Grande adesione alla mobilitazione contro le centrali, Provincia di Lodi, 15 novembre 2004. URL consultato il 6 novembre 2010.
  260. ^ La Storia, L'Erbolario – Lodi. URL consultato il 2 novembre 2011.
  261. ^ La sfida anticrisi di Zucchetti, 150 assunzioni e nuova sede in Il Cittadino, 13 ottobre 2009.
  262. ^ Greta Boni, Per la Zucchetti un altro anno da "star" (PDF) in Il Cittadino, 3 dicembre 2011, p. 21. URL consultato il 30 gennaio 2013.
  263. ^ Profilo del gruppo, Zucchetti. URL consultato il 30 gennaio 2013.
  264. ^ Profilo, Banca Popolare di Lodi. URL consultato il 17 ottobre 2010.
  265. ^ Lorenzo Rinaldi, Sarà a Lodi l'assemblea del Banco Popolare in Il Cittadino, 30 gennaio 2013, p. 7.
  266. ^ Banco Popolare – Profilo società, Borsa Italiana. URL consultato il 30 gennaio 2013.
  267. ^ Diego Scotti, Lodi chiede i danni a Telecom: 15 miliardi in Corriere della Sera, 3 marzo 2000, p. 51. URL consultato il 30 gennaio 2013.
  268. ^ Matteo Brunello, Rifiuti, la differenziata cresce ancora in Il Cittadino, 7 febbraio 2013, p. 15.
  269. ^ Teleriscaldamento Astem Energy, Astem. URL consultato il 14 aprile 2009.
  270. ^ Caterina Belloni, Lodi tra le "città d'arte" del bacino del Po in Corriere della Sera, 14 febbraio 1999, p. 47. URL consultato il 2 ottobre 2009.
  271. ^ Sito ufficiale, Città d'arte della Pianura Padana. URL consultato il 2 ottobre 2009.
  272. ^ Itinerari in bicicletta, Provincia di Lodi. URL consultato il 2 ottobre 2009.
  273. ^ Rassegna Gastronomica del Lodigiano, Provincia di Lodi. URL consultato il 2 novembre 2011.
  274. ^ Sito ufficiale, Rassegna Gastronomica del Lodigiano. URL consultato il 2 novembre 2011.
  275. ^ Lodi – Centostazioni, Centostazioni. URL consultato il 22 giugno 2011.
  276. ^ Da Crema a Milano passando per Lodi: così i pendolari eviteranno la Paullese in Il Cittadino, 14 aprile 2012, p. 35.
  277. ^ Linee urbane – Lodi, LINE. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  278. ^ Linee interurbane – Area Lodigiana, LINE. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  279. ^ Acronimo di Società Trasporti Automobilistici Regionali.
  280. ^ Storia, S.T.A.R. Lodi. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  281. ^ Ecosistema urbano XX (PDF), Legambiente, 7 ottobre 2013, p. 53. URL consultato il 13 novembre 2013.
  282. ^ C'entro in bici, Comune di Lodi. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  283. ^ Matteo Brunello, Bici ecologiche, raddoppiano i noleggi in Il Cittadino, 19 ottobre 2009, p. 9.
  284. ^ Caterina Belloni, La roccaforte rossa respinge l'assalto del Carroccio in Corriere della Sera, 31 marzo 2010, p. 8. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  285. ^ a b Conosci il parco: scheda del parco, Parco dell'Adda Sud. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  286. ^ Parco Adda Sud: consorzio di gestione, Parco dell'Adda Sud. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  287. ^ Matteo Brunello, Costanza ricorda i 25 anni del gemellaggio in Il Cittadino, 10 giugno 2011, p. 12.
  288. ^ Silvia Canevara, Nozze d'argento tra Lodi e Costanza in Il Cittadino, 16 settembre 2011, p. 12.
  289. ^ a b Domenico Ossino, La finestra sul Broletto in La Tribuna di Lodi, 16 febbraio 2008, p. 2.
  290. ^ Gemellaggio con Fontainebleau, Comune di Lodi, 10 ottobre 2011. URL consultato il 25 ottobre 2011.
  291. ^ Regio Decreto 18 gennaio 1877, n. 3644.
  292. ^ Contado di Lodi, Regione LombardiaUniversità di Pavia, 3 gennaio 2006. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  293. ^ a b c Annuario 2009-2010, Comitato Olimpico Nazionale Italiano – Comitato Provinciale di Lodi.
  294. ^ A fianco dello sport in LODIcittà, numero 7/2009.
  295. ^ Stefano Blanchetti, Fenomeno Livramento, quando l'hockey a Lodi diventò sport di massa in Il Cittadino, 14 agosto 2009.
  296. ^ Santi Urso, Benvenuti a Lodi, la capitale dell'hockey in Corriere della Sera, 10 dicembre 2010, p. 15. URL consultato il 20 dicembre 2010.
  297. ^ Coppa Italia, Lodi dopo 33 anni in La Gazzetta dello Sport, 24 novembre 2011, p. 41.
  298. ^ Trionfo Amatori, la Coppa Italia torna a casa in Il Giorno, 23 novembre 2011. URL consultato il 23 novembre 2011.
  299. ^ (EN) Historical: Cup Winners' Cup, Comité Européen de Rink-Hockey. URL consultato il 10 gennaio 2012.
  300. ^ (EN) Historical: CERS Cup, Comité Européen de Rink-Hockey. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  301. ^ Papagni e Maietti, op. cit., pp. 14-67.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni Agnelli, Lodi ed il suo territorio nella storia, nella geografia e nell'arte, Lodi, Il Pomerio, 1989 (ristampa dell'edizione del 1916). ISBN 88-7121-046-8.
  • Beatrice Ambreck; et al., Atlante della nuova Provincia di Lodi, Lodi, Il Giorno, 1996. (ISBN non esistente).
  • Agenore Bassi, Storia di Lodi, Lodi, Edizioni Lodigraf, 1977. ISBN 88-7121-018-2.
  • Agenore Bassi, Lodi fra storia e cronaca dal 1919 al 1945, Lodi, Il Pomerio, 1979. ISBN 88-7121-019-0.
  • Agenore Bassi, et al., Lodi – La storia, Lodi, 1989. (ISBN non esistente), ..
  • Giorgio Bigatti (a cura di), Il Municipio e la Città – Il Consiglio comunale di Lodi (1859-1970), Silvana Editoriale, 2005. ISBN 88-8215-999-X.
  • Vittorio Bottini, La cucina lodigiana, Lodi, Edizioni Lodigraf, 1978. (ISBN non esistente).
  • Vittorio Bottini; Alessandro Caretta; Luigi Samarati, Lodi – Guida artistica illustrata, Lodi, Edizioni Lodigraf, 1979. (ISBN non esistente).
  • Alessandro Caretta, Luigi Samarati, Lodi – Profilo di storia comunale, Lodi, 1958. (ISBN non esistente), ..
  • Ernesto Carinelli, Sandro De Palma; Giorgio Granati, Lodi Murata – Sistema difensivo e parti sotterranee, Lodi, Il Pomerio, 2006. ISBN 88-7121-448-X, ..
  • Eugenia Dossi (a cura di), Enciclopedia Generale Garzanti, Milano, Garzanti, 2005. (ISBN non esistente).
  • Sergio Galuzzi (a cura di), Lodi in un giorno, Lodi, Giona, 2000. (ISBN non esistente).
  • Pierluigi Majocchi, Francesco Sforza e la Pace di Lodi, in Archivio Storico Lodigiano – Organo della Società Storica Lodigiana, edizione 2008. (ISBN non esistente).
  • Bassano Martani, La buona indole dei lodigiani, Lodi, Il Pomerio, 1990 (ristampa dell'edizione del 1880). ISBN 88-7121-057-3.
  • Marco Meriggi, Il Regno Lombardo-Veneto, in Storia d'Italia, volume 18, tomo 2, UTET 1987. ISBN 88-02-04043-5.
  • Maurizio Meriggi, Lo sviluppo urbanistico, in Giorgio Bigatti (a cura di), Il Municipio e la Città – Il Consiglio comunale di Lodi (1859-1970), Silvana Editoriale, 2005. ISBN 88-8215-999-X.
  • Gaspare Oldrini, Lodi nella musica e nella cultura. (ISBN non esistente), ..
  • Ercole Ongaro, Al servizio dell'uomo e della terra: Giovanni Haussmann, Milano, Jaca Book, 2008. ISBN 978-88-16-40826-5.
  • Giuseppe Pacchiarini, Il novecento lodigiano vissuto e mai dimenticato, Lodi, Il Pomerio, 2007. ISBN 88-7121-450-1.
  • Aldo Papagni; Andrea Maietti, Il secolo del Guerriero – Lodi e l'A.C. Fanfulla: cento anni di passioni sportive (1908-2008), Azzano San Paolo, Bolis Edizioni, 2008. ISBN 88-7827-170-5.
  • Bruno Pezzini, Dizionario del dialetto lodigiano, Lodi, Il Cittadino, 2000. (ISBN non esistente).
  • Tiziano Ruffilli (a cura di), Le piazze, Città d'arte della Pianura Padana, 2005. (ISBN non esistente).
  • Andrea Timolati, Lodi nella storia e nell'arte. (ISBN non esistente), ..
  • Cesare Vignati, Storia di Lodi e il suo territorio, Lodi, Il Pomerio, 1997 (ristampa dell'edizione del 1859). ISBN 88-7072-250-3.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia
Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina, identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 17 novembre 2010 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Archivio  ·  Voci in vetrina in altre lingue   ·  Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki