Portico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati del termine, vedi Portico (disambigua).
Portici a Venosa

Il portico (dal latino porticus, da porta) è una galleria aperta, collocata per lo più all'esterno e al piano terreno di un edificio; può avere funzione di riparo o anche solo decorativa.

Il portico era già noto all'architettura pre-greca ma conobbe un grande sviluppo e utilizzo nella civiltà greca (stoà) e romana, nelle quali fu un elemento architettonico importante sia per edifici religiosi che civili.

Un tipo particolare di portico è anche il nartece, tipico della basilica paleocristiana (dove se è sviluppato su quattro lati è detto quadriportico).

Fu molto utilizzato anche nelle epoche successive, particolarmente nell'architettura rinascimentale e nell'architettura neoclassica.

Si parla più propriamente di "porticato" in relazione a un portico molto sviluppato in lunghezza o all'insieme dei portici costituenti un quadriportico, un chiostro o un'altra struttura porticata.

Città note per i loro portici[modifica | modifica sorgente]

Bologna[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Portici di Bologna.

Bologna è la città più conosciuta al mondo per i suoi portici: oltre 38 km nel solo centro storico[1], alcuni dei quali ancora in legno originale. I portici bolognesi sono presenti in tutte le principali vie del centro storico ed il più lungo e famoso, 666 archi, è quello che porta dal Meloncello al Santuario della Madonna di San Luca, sul Colle della Guardia, uno sperone in parte boschivo a circa 300 m s.l.m. a sud-ovest del centro storico di Bologna.

Torino[modifica | modifica sorgente]

« I moderni portici di Torino, per non parlare di quelli tardo-rinascimentali di Genova, sono tra i capolavori dell'urbanistica, non soltanto per la loro funzionalità, ma per la nobiltà della loro proporzioni. »
(Lewis Mumford[2])

Torino è famosa per i suoi immensi e maestosi portici. Costruiti nell'arco di numerosi anni per volere della famiglia dei Savoia, questi raggiungono una lunghezza complessiva di diciotto chilometri. I portici avevano una duplice funzione: abbellire il volto cittadino e proteggere dalla pioggia i sovrani. Da sempre sotto i portici sono esistiti locali in cui è possibile fare delle piacevoli soste degustando le specialità locali, come l'esclusivo caffè Bicerin.

Padova[modifica | modifica sorgente]

I portici a Padova sono disseminati ovunque nel centro cittadino ed hanno uno sviluppo complessivo di circa 12 km,[3] issando Padova al secondo posto nel mondo, dietro a Bologna, per il più alto coefficiente tra i chilometri di portici e quelli di strade. La tradizione di costruire in città usufruendo di tale soluzione architettonica è antica, vi sono portici in stile romanico, gotico, rinascimentale, neoclassico e moderno. Rendono possibile l'attraversamento dell'intero centro storico al riparo dalla pioggia e dal sole.

Cuneo[modifica | modifica sorgente]

La città è nota per i suoi portici, circa 8 chilometri[4], risalenti a varie epoche storiche dal medioevo all' età barocca[5]

Bolzano[modifica | modifica sorgente]

I portici sono presenti nella via principale della città che si chiama appunto Via dei Portici[6]

Cava de' Tirreni[modifica | modifica sorgente]

Il borgo originario, nucleo della città di Cava, è caratterizzato dai portici che si snodano lungo tutto il corso, accompagnando lo shopping cittadino e la vita notturna. La parte più antica del centro storico, il Borgo Scacciaventi, è caratterizzato da residenze storiche quattrocentesche e settecentesche, di architettura barocca, durazzesca e tardocatalana. Il porticato è sede di commercio e di artigianato, e animato di sera da pub, american bar e ristoranti.[7]

Città di origine sabauda[modifica | modifica sorgente]

È facile trovare in molte cittadine e città costruite, ricostruite o ristrutturate dai vari governi sabaudi, soprattutto nel Nord Ovest dell'Italia, la presenza di portici, anche in città marittime in Liguria, notoriamente poco piovose, ovvero in cittadine piemontesi. Un esempio lampante è la città di Imperia, ove la via principale di Oneglia presenta i portici.

Lista di città per chilometri di portici[modifica | modifica sorgente]

Pos. Città Chilometri
1 Italia Italia, Bologna 40
2 Italia Italia, Torino 18
3 Italia Italia, Padova 12
4 Italia Italia, Cuneo 8

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) UNESCO World Heritage: The Porticoes of Bologna
  2. ^ Citato in: Valdo Fusi, Torino un po' , Milano, ed. Mursia, II edizione, 1976 p.138
  3. ^ Città porticata www.skyscrapercity.com
  4. ^ 8 km portici. URL consultato il 23 agosto 2012.
  5. ^ Portici - Cuneo
  6. ^ Portici ed antico Municipio il nucleo originario della Città di Bolzano
  7. ^ Cava de' Tirreni

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Architettura