Passo del San Bernardino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Passo del San Bernardino
San Bernadino.jpg
Passo del San Bernardino
Stato Svizzera Svizzera
Regione Grigioni Grigioni
Località collegate Mesocco
Nufenen
Altitudine 2.065 m s.l.m.
Coordinate 46°29′45.24″N 9°10′14.16″E / 46.4959°N 9.1706°E46.4959; 9.1706Coordinate: 46°29′45.24″N 9°10′14.16″E / 46.4959°N 9.1706°E46.4959; 9.1706
Infrastruttura Strada asfaltata
Pendenza massima 10%
Lunghezza 60 km
Chiusura invernale da novembre ad aprile 
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Svizzera
Passo del San Bernardino

Il passo del San Bernardino (in tedesco San-Bernardino-Pass, in romancio Pass dal San Bernardin), è un valico alpino nel cantone dei Grigioni in Svizzera. Esso è situato tra la Regione geografica italiana e la Svizzera.

Passo del San Bernardino

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Prende nome dal piccolo villaggio di San Bernardino, frazione di Mesocco posto a un'altitudine di 1600 m s.l.m., a sud del passo. Alla fine del XV secolo vi venne eretta una cappella dedicata a San Bernardino da Siena e da allora il paese e poi il passo, portano il suo nome. Nei tempi antichi la località era conosciuta come Mons Avium ("Monte degli uccelli"), denominazione che ancor oggi permane, con la forma Pizzo Uccello o (in tedesco) Vogelhorn, come nome del monte che sovrasta il passo. Dal paese di San Bernardino si apre l'imbocco della galleria stradale che permette di evitare l'ascesa al passo. Questo traforo venne ultimato nel 1967 e collega tutto l'anno la valle del Moesano a sud con la valle del Reno Posteriore (in tedesco Hinterrhein) a nord.

Questo valico divenne di importanza europea solo a partire dal XV secolo, quando venne realizzata una strada che permetteva di superare le due strette gole poste a nord del passo, tra Splügen e Thusis. Questa strada prese il nome di Via Mala. Agli inizi del XIX secolo venne realizzata su questo valico una delle prime strade alpine di concezione moderna, essa fu voluta dal Canton Grigioni, fu possibile realizzarla grazie anche ai finanziamenti ricevuti dal Regno di Sardegna. I Grigionesi avevano intuito i vantaggi di un valico che permetteva al traffico proveniente dal Piemonte e dal porto di Genova di arrivare nella Valle del Reno, senza passare da strade controllate dall'Austria.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]