Bianca Maria Sforza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bianca Maria Sforza
Bianca Maria Sforza, ritratto di Giovanni Ambrogio de Predis
Bianca Maria Sforza, ritratto di Giovanni Ambrogio de Predis
Duchessa consorte di Savoia
Stemma
In carica 1494 –
31 dicembre 1510
Predecessore Iolanda di Valois
Successore Bianca di Monferrato
Altri titoli Duchessa di Milano
Imperatrice consorte del Sacro Romano Impero
Nascita Pavia, 5 aprile 1472
Morte Innsbruck, 31 dicembre 1510
Sepoltura Abbazia di Stams
Casa reale Savoia
Padre Galeazzo Maria Sforza
Madre Bona di Savoia
Consorte Filiberto I di Savoia
Giovanni Corvino
Massimiliano I d'Asburgo
Ducato di Milano
Casato degli Sforza

Arms of the House of Sforza.svg

Bianca Maria Sforza (Pavia, 5 aprile 1472Innsbruck, 31 dicembre 1510) era la figlia secondogenita del duca di Milano Galeazzo Maria Sforza e di Bona di Savoia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Promesse nuziali non mantenute[modifica | modifica sorgente]

Per motivi politici fu promessa a diversi principi: poco dopo la nascita, a Filiberto I di Savoia, che morì diciassettenne nel 1482, prima che si celebrassero le nozze ed in seguito a Giovanni, figlio naturale di Mattia Corvino ed aspirante alla corona ungherese; ma al trono magiaro salì Ladislao II di Boemia e nemmeno questa seconda promessa nuziale venne mantenuta.

Nel 1494, ventiduenne, fu finalmente data in sposa dallo zio Ludovico il Moro all’Imperatore Massimiliano I, che era vedovo e aveva diversi anni più di lei, con la spropositata dote di trecentomila ducati, ai quali se ne dovettero aggiungere altri centomila come tassa d’investitura. Il Moro ambiva infatti ad ottenere dall’Imperatore l’investitura sul ducato di Milano e Massimiliano dall’alleanza matrimoniale sperava di assicurarsi i territori dell'Italia settentrionale ed il finanziamento per le sue spedizioni militari.

Dopo una memorabile festa di nozze, la sposa partì alla volta del Tirolo: accompagnata da un corteo di dame e gentiluomini tra i quali, forse, anche Leonardo da Vinci, che ne avrebbe tratto le proprie impressioni sulla Valtellina, fece tappa a Como, Bellagio, Gravedona, Morbegno, Sondrio e Bormio e valicò lo Stelvio.

Un matrimonio prestigioso e infelice[modifica | modifica sorgente]

Massimiliano d’Asburgo (che fu Imperatore dal 1493 al 1519), aveva sposato nel 1477 l'erede della Borgogna, Maria, unica figlia del duca Carlo. Il loro matrimonio, molto felice, dal quale erano nati due figli, Filippo e Margherita, non era durato a lungo, perché Maria morì nel 1482 in seguito a un incidente di caccia. L’Imperatore non fu mai innamorato di Bianca Maria, che trascurò e dalla quale non ebbe figli. Era solito dire che la Sforza, nonostante fosse bella come l’amata prima moglie, non era altrettanto "savia".

Per ricordare il loro matrimonio, Massimiliano fece ornare la Neuer Hof di Innsbruck con il "Goldenes Dachl" (Tettuccio d'oro), una loggia il cui brillantissimo tetto è formato da oltre 2.500 piccole tegole di rame dorate. È singolare che l’Imperatore abbia voluto essere ritratto con entrambe le mogli, Bianca Maria Sforza e la precedente, l’amatissima e mai dimenticata Maria di Borgogna.

La giovane Imperatrice non partecipò mai alla vita politica e preferì vivere nei vari castelli imperiali, soprattutto in Tirolo, circondata da una piccola corte di fedeli nobili milanesi e "protetta" (o piuttosto sorvegliata) dagli emissari del Moro, verso i quali con il passare del tempo mostrò un’acuta insofferenza. Il suo ruolo acquisì un certo rilievo solo nell’ambito dell’alleanza tra suo marito e lo zio Ludovico, del quale accolse e ospitò i figli, dopo che, sconfitto e scacciato da Milano, fu messo in prigione dai francesi.

Bianca Maria negli ultimi anni di vita soffrì di un male debilitante in cui alcuni storici hanno voluto vedere i sintomi dell’anoressia nervosa. Morì il 31 dicembre 1510 e fu sepolta nell’abbazia cistercense di Stams, in Tirolo, nell’alta valle dell’Inn.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 15567749 LCCN: n80032195