Massalengo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massalengo
comune
Massalengo – Stemma
Massalengo – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Lodi-Stemma.png Lodi
Amministrazione
Sindaco Domenico Papagni (lista civica I cittadini per Massalengo) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°15′57″N 9°29′28″E / 45.265833°N 9.491111°E45.265833; 9.491111 (Massalengo)Coordinate: 45°15′57″N 9°29′28″E / 45.265833°N 9.491111°E45.265833; 9.491111 (Massalengo)
Altitudine 76 m s.l.m.
Superficie 8,48 km²
Abitanti 4 330[1] (30-11-2012)
Densità 510,61 ab./km²
Comuni confinanti Cornegliano Laudense, Ossago Lodigiano, Pieve Fissiraga, San Martino in Strada, Villanova del Sillaro
Altre informazioni
Cod. postale 26815
Prefisso (+39) 0371
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 098037
Cod. catastale F028
Targa LO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 592 GG[2]
Nome abitanti massalenghini
Patrono Sant'Andrea
Giorno festivo prima domenica di ottobre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Massalengo
Posizione del comune di Massalengo nella provincia di Lodi
Posizione del comune di Massalengo nella provincia di Lodi
Sito istituzionale

Massalengo (Masaléng in dialetto lodigiano) è un comune italiano di 4.477 abitanti[3] della provincia di Lodi in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dapprima possedimento dei monaci benedettini di San Pietro in Lodi Vecchio (IX secolo d.C.) appartenne poi alla famiglia dei Salerano dopo il mille e quindi, nel 1224, ai Capitanei di Cornegliano Laudense.

Nel 1661 il feudo fu assegnato al conte piacentino Pietro Massalenghi e nel 1756 ad Antonio Vigani.

In età napoleonica (1809-16) al comune di Massalengo furono aggregate Lanfroia e Motta Vigana, ridivenute autonome con la costituzione del Regno Lombardo-Veneto. Motta Vigana (a cui era stata aggregata Lanfroia nel 1841) fu aggregata definitivamente nel 1879[4].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Le antiche aziende agricole hanno lasciato una traccia profonda. La maggiore di queste, la Cascina Grande, è nel centro del paese ed è annessa alla villa padronale della famiglia Premoli, una costruzione in stile liberty eretta nel 1885 al centro di un ampio giardino.

Ricordiamo inoltre la parrocchiale dedicata a Sant'Andrea apostolo e martire, costruita nel 1621.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al primo Gennaio 2013 gli stranieri residenti nel comune di Massalengo sono 453[6], pari al 10,4% della popolazione. Tra le nazionalità più rappresentate troviamo:

Paese Popolazione (2008)
Romania Romania 116
Albania Albania 56
Egitto Egitto 51
Ecuador Ecuador 24
Togo Togo 19
Tunisia Tunisia 12
Polonia Polonia 11
Perù Perù 11

Geografia antropica[7][modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Possiede lo status di frazione la località di Motta Vigana.

Altre località del territorio[modifica | modifica wikitesto]

Chiesuolo, Tripoli.

Cascine[modifica | modifica wikitesto]

Badia, Lanfroia, Mottina, Paderno, Pontirola, Priora, Scappadina, Vigana.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'agricoltura è tuttora fiorente e si contano una dozzina di aziende di media grandezza.

L´attività secondaria è prevalente e in fase di continua espansione, anche grazie ad un rinnovamento edilizio: lungo la provinciale, in località Motta Vigana e Chiesuolo, sorgono infatti diverse industrie.

Il pendolarismo verso il capoluogo lombardo diminuisce progressivamente, tant'è che l'industria locale occupa la maggior parte della forza lavoro.

Sono presenti inoltre due industrie artigianali d'arredamento, numerose officine meccaniche minori e tre imprese edili.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Segue un elenco delle amministrazioni locali.[8]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1945 Giovanni Pinciroli Sindaco
1945 Achille Madonini Sindaco
1946 1951 Luigi Premoli Sindaco
1951 1964 Giacomo Ravera Sindaco
1964 1988 Salvatore Marazzina Sindaco
1988 2004 Egidio Bertolesi partito comunista italiano Sindaco
2004 2009 Mario De Marco centrodestra Sindaco
2009 Domenico Papagni Lista Civica Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2012.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche demografiche ISTAT
  4. ^ Regio Decreto n° 4907 del 25 maggio 1879, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 143 del 20 giugno 1879
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Statistiche demografiche ISTAT
  7. ^ Art. 7 comma 4 dello Statuto Comunale
  8. ^ Lista pubblicata in Il Lodigiano. Quarant'anni di autonomia, Provincia di Lodi, 2008, p. 285.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]