Meleti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Meleti
comune
Meleti – Stemma
Meleti – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Lodi-Stemma.png Lodi
Amministrazione
Sindaco Emanuele Stefanoni (lista civica di centrodestra) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°07′11″N 9°50′17″E / 45.119722°N 9.838056°E45.119722; 9.838056 (Meleti)Coordinate: 45°07′11″N 9°50′17″E / 45.119722°N 9.838056°E45.119722; 9.838056 (Meleti)
Altitudine 40 m s.l.m.
Superficie 7,37 km²
Abitanti 476[1] (30-11-2012)
Densità 64,59 ab./km²
Comuni confinanti Caselle Landi, Castelnuovo Bocca d'Adda, Cornovecchio, Crotta d'Adda (CR), Maccastorna
Altre informazioni
Cod. postale 26843
Prefisso (+39) 0377
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 098038
Cod. catastale F102
Targa LO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 545 GG[2]
Nome abitanti meletesi
Patrono San Cristoforo
Giorno festivo terza domenica di settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Meleti
Posizione del comune di Meleti nella provincia di Lodi
Posizione del comune di Meleti nella provincia di Lodi
Sito istituzionale

Meleti (Melét in dialetto lodigiano[3]) è un comune italiano di 476 abitanti[1] della provincia di Lodi in Lombardia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel medioevo Meleti appartenne a importanti famiglie del Lodigiano (Stampa, Pusterla, Selvatico, Corno) e al vescovo di Lodi, che nel 1344 fu costretto a cederla ai Visconti.

Compresa nel 1385 nel feudo di Maccastorna, fu acquistata nel 1452 da Luigi Bossi fin quando non fu ceduta, nel XVIII secolo, ai conti Corio.

In età napoleonica (1809-16) Meleti fu frazione di Castelnuovo Bocca d'Adda, recuperando l'autonomia con la costituzione del Regno Lombardo-Veneto.

Secondo lo storico Giovanni Agnelli il nome è di origine umbra; si ritrova, in un documento antico, come "waldo (= foresta) Meleto"

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Tra gli edifici di interesse ricordiamo la parrocchiale di San Cristoforo, ricostruita alla fine del XV secolo e che ha subito poi vari restauri, la chiesa dei SS. Quirico e Giulitta, eretta nel 1630, e il castello-palazzo, antico edificio medievale.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]

Etnie[modifica | modifica sorgente]

Al 31 dicembre 2008 gli stranieri residenti nel comune di Meleti in totale sono 40[5], pari all'8,39% della popolazione. Tra le nazionalità più rappresentate troviamo:

Paese Popolazione (2008)
Albania Albania 11
Cina Cina 10

Economia[modifica | modifica sorgente]

Un terzo degli occupati di Meleti opera in una dozzina di aziende agricole, dove si pratica anche l'allevamento del bestiame, in prevalenza bovini da carne e da latte.

L'agricoltura rappresenta infatti la quasi esclusiva attività economica locale.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Segue un elenco delle amministrazioni locali.[6]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1951 Celeste Loardi Sindaco
1951 1956 Antonio Bravi Sindaco
1956 1960 Luigi Berselli Sindaco
1960 1965 Mario Magani Sindaco
1965 1970 Cesare Sanarica Sindaco
1970 1975 Valentino Uggetti Sindaco
1975 1980 Luigi Berselli Sindaco
1980 1990 Valeria Cellina Sindaco
1990 2004 Pierangelo Foletti Sindaco
2004 Emanuele Stefanoni lista civica (centrodestra) Sindaco

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2012.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 388.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Dati demografici ISTAT
  6. ^ Lista pubblicata in Il Lodigiano. Quarant'anni di autonomia, Provincia di Lodi, 2008, p. 285.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]