Afa (meteorologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'afa, in meteorologia, è una condizione di maltempo, causata dalla contemporaneità del caldo eccessivo e di alti tassi di umidità che fanno percepire temperature più elevate di quelle reali.

Solitamente l'afa si presenta in estate, soprattutto nella pianura padana[1] spesso accentuata in talune ondate di caldo.

Durante i temporali l'afa è spesso la causa di grandine e tornado.[2]

Formazione dell'afa[modifica | modifica wikitesto]

L'afa si forma quando oltre all'aumentare della temperatura massima dovuta al riscaldamento diurno, aumenta anche la temperatura minima per causa della mancata dispersione di calore notturna; l'afa è generata anche dalla mancanza di vento.

Danni ambientali[modifica | modifica wikitesto]

L'afa è spesso causa di violenti temporali, piogge torrenziali, trombe d'aria e forti grandinate: l'eccezionale afa del maggio 2009 causò grandine nel bassanese ed una violenta tromba d'aria il 6 giugno 2009 a Vallà di Riese Pio X. [senza fonte] Nel giugno 2012 a causa dell'afa si verificò una forte grandinata a sud-est del Veneto. [senza fonte]

Danni sulla salute umana[modifica | modifica wikitesto]

Il nostro corpo non è solitamente abituato all'afa prima del 1º luglio. [senza fonte] Il corpo umano si adatta all'afa mediamente nel giro di una settimana. [senza fonte] L'afa, soprattutto quando è insopportabile, diventa la prima causa di starnuti ed allergie estive: l'allergia al caldo può anche essere contagiosa. [senza fonte]

Danni sugli animali[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 agosto 2009 le rondini hanno lasciato l'Italia [senza fonte]: è un fenomeno naturale anticipato [non chiaro]. Favorisce al contrario le presenza di animali inutili [non chiaro] o addirittura dannosi come le zanzare, le zanzare tigri[non chiaro]: infatti nel Nord Italia non è più un'anomalia vedere le zanzare anche nel mese di dicembre. [senza fonte]

L'afa, colpendo maggiormente le aree della pianura Padana, ha danneggiato notevolmente l'allevamento, che si concentra in questa zona. [senza fonte] Gli animali mangiano poco, bevono molto e producono meno latte. Le mucche nelle stalle, stressate dalle alte temperature, producono fino al 15% di latte in meno [senza fonte], rispetto ai circa 30 litri al giorno che vengono munti in periodi normali. [senza fonte]

Come difendersi dall'afa[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
  • Tenere i balconi accostati "a coppo" o le persiane socchiuse;
  • Tenere il climatizzatore (chi lo possiede) ad una temperatura tra i 24 ed i 26 °C in modalità "deumidificazione"
  • Indossare vestiti in cotone o in lino e leggeri e possibilmente chiari;
  • fare una doccia con acqua tiepida (tra il "freddo" e il "caldo")
  • Indossare solo gli indumenti strettamente necessari (ad esempio d'estate si può stare anche senza canottiera)
  • Non stare mai a torso nudo per evitare scottature
  • Non uscire di casa da mezzogiorno (l'ora in cui le temperature cominciano ad alzarsi sensibilmente) alle 17:00 (solitamente l'ora più calda della giornata) a meno che non sia strettamente necessario (ad esempio per andare a lavorare)
  • Bere tanta acqua per compensare l'evaporazione dei liquidi durante la sudorazione
  • Quando si esce indossare un berretto in testa oppure aprire un ombrello per ripararsi dal sole troppo caldo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'AFA
  2. ^ TROMBA D'ARIA: LE IMMAGINI E I VIDEO DEL DISASTRO | Oggi Treviso | News | Il quotidiano con le notizie di Treviso e Provincia: Oggitreviso