Tachybaptus ruficollis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tuffetto comune
Zwergtaucher 060319 3.jpg

Tachybaptus ruficollis - Bueng Boraphet.jpg

Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Podicipediformes
Famiglia Podicipedidae
Genere Tachybaptus
Specie T. ruficollis
Nomenclatura binomiale
Tachybaptus ruficollis
(Pallas, 1764)
Areale
Tachybaptus ruficollis-map-distribution.svg

Il tuffetto comune (Tachybaptus ruficollis Pallas, 1764) è un uccello della famiglia dei Podicipedidi.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È il più piccolo svasso paleartico (lunghezza totale 24–29 cm, apertura alare 40–45 cm e peso 140-250 g), con becco corto e corpo tondeggiante. In abito nuziale i lati del capo e del collo sono rosso-castani, e tipica è una macchia giallastra alla base del becco. L'abito invernale è più chiaro e uniforme. I sessi sono simili.

Sottospecie[modifica | modifica sorgente]

Se ne riconoscono 9 sottospecie, che si differenziano tra loro soprattutto per dimensioni e colorazione[2]:

  • T. r. ruficollis (Pallas, 1764), diffuso in Europa, Russia occidentale e Nordafrica[3];
  • T. r. capensis (Salvadori, 1884), diffuso nell'Africa sub-sahariana, in Madagascar, Sri Lanka, subcontinente indiano e Myanmar[3];
  • T. r. collaris (Mayr, 1945), diffuso dalle regioni nord-orientali della Nuova Guinea all'isola di Bougainville[3];
  • T. r. cotabato (Rand, 1948), endemico di Mindanao[3];
  • T. r. iraquensis (Ticehurst, 1923), diffuso in Iraq sud-orientale e Iran sud-occidentale[3];
  • T. r. philippensis (Bonnaterre, 1791), diffuso nelle Filippine settentrionali[3];
  • T. r. poggei (Reichenow, 1902), diffuso dall'Asia sud-orientale a quella nord-orientale, ad Hainan, a Taiwan, in Giappone e nelle Curili meridionali[3];
  • T. r. tricolor (Gray, 1861), diffuso da Sulawesi alla Nuova Guinea e nelle Piccole Isole della Sonda[3];
  • T. r. vulcanorum (Rensch, 1929), diffuso da Giava a Timor[3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Specie sedentaria e migratrice, nidifica con una decina di sottospecie in Eurasia, Africa e Oceania. È diffusa in gran parte dell'Europa centrale e meridionale, dove sverna sia nei siti riproduttivi sia, soprattutto, lungo le coste atlantiche e nel bacino del Mediterraneo. In Italia si riproduce con una popolazione di 1500-3000 coppie, ma è comune anche come migratrice e svernante.

Per nidificare frequenta zone umide d'acqua dolce, anche di ridotta estensione, bordate da vegetazione palustre emergente, generalmente sotto i 500 metri di altitudine. Durante lo svernamento si incontra anche in acque salmastre, in mare e in laghetti urbani.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Di abitudini territoriali, si riproduce a coppie isolate o in piccoli raggruppamenti. Da marzo in poi costruisce un nido galleggiante e vi depone 4-6 uova biancastre, alla cui incubazione provvedono i due sessi per 20-21 giorni. I giovani volano a 6-7 settimane di vita[4]. Due le covate di solito portate a termine nell'anno. Piuttosto schivo, il tuffetto comune tradisce la propria presenza con un caratteristico richiamo trillante emesso ora in crescendo ora in calando.

Se disturbato, si immerge ed è in grado di mantenere fuori dall'acqua il solo capo a guisa di periscopio. Tipica delle specie appartenenti a questa famiglia è l'abitudine di ricoprire le uova con vegetazione palustre per nasconderle alla vista di potenziali predatori durante temporanee assenze.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2009, Tachybaptus ruficollis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ Malcolm Ogilvie, Chris Rose, Grebes of the World, Bruce Coleman, 2003, ISBN 1-872842-03-8.
  3. ^ a b c d e f g h i James Clements, The Clements Checklist of the Birds of the World, 6ª ed., Ithaca, NY, Cornell University Press, 2007, ISBN 978-0-8014-4501-9.
  4. ^ Finn, Frank, Notes on the nesting of the Indian Dabchick in Bird Notes, vol. 4, 1905, pp. 10–17.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli