Volta (architettura)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nomenclatura della volta a botte: (1) chiave di volta; (2) cuneo; (3) estradosso; (4) piedritto; (5) intradosso; (6) freccia; (7) corda; (8) rinfianco.
Schema di una volta a crociera divisa in sei spicchi, tipica dell'architettura gotica più avanzata

La volta è uno dei tipi fondamentali di copertura architettonica. Si tratta di una teorica serie di archi affiancati in profondità a formare la terza dimensione, oppure del risultato della rotazione di un arco di conica (non degenere).

Come negli archi, bisogna distinguere tra volte vere e proprie, create cioè in muratura con pietre o laterizi a forma di cuneo, con i giunti orientati verso un punto centrale, e volte apparenti o improprie (talvolta chiamate più genericamente coperture a guscio), create in calcestruzzo colato, legno, cemento armato, ecc.

L'uso esclusivo di volte proprie è molto raro: fin dall'epoca dei Romani si costruivano volte apparenti in calcestruzzo.

Gli elementi caratterizzanti di una volta sono la concavità interna e il fatto di essere una struttura spingente, cioè che, come l'arco, genera spinte laterali che devono essere annullate da contrafforti o elementi di trazione. Con l'arco ha molti elementi in comune, sia nella nomenclatura, sia nella statica che nei metodi di costruzione.

Si distinguono in volte semplici, con una sola superficie curva di intradosso, o composte, con più superfici in concorso.

Le volte di maggior impiego sono formate da superfici con direttrice circolari e/o ellittiche.

Tipi di copertura a volta[modifica | modifica wikitesto]

Volte semplici

Volte composte:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Volta in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

CUPOLA A PADIGLIONE A SESTO ACUTO