Rosà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rosà
comune
Rosà – Stemma Rosà – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Vicenza-Stemma.png Vicenza
Amministrazione
Sindaco Paolo Bordignon (Lega Nord) dal 07/05/2012
Territorio
Coordinate 45°43′00″N 11°46′00″E / 45.716667°N 11.766667°E45.716667; 11.766667 (Rosà)Coordinate: 45°43′00″N 11°46′00″E / 45.716667°N 11.766667°E45.716667; 11.766667 (Rosà)
Altitudine 97 m s.l.m.
Superficie 24,32 km²
Abitanti 14 328[2] (31-12-2012)
Densità 589,14 ab./km²
Frazioni Cusinati, San Pietro, Sant'Anna, Travettore[1]
Comuni confinanti Bassano del Grappa, Cartigliano, Cassola, Rossano Veneto, Tezze sul Brenta
Altre informazioni
Cod. postale 36027
Prefisso 0424
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 024087
Cod. catastale H556
Targa VI
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti rosatesi
Patrono sant'Antonio abate
Giorno festivo 17 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Rosà
Posizione del comune di Rosà all'interno della provincia di Vicenza
Posizione del comune di Rosà all'interno della provincia di Vicenza
Sito istituzionale

Rosà (Roxà in veneto) è un comune di 14.328 abitanti[3] della provincia di Vicenza, in Veneto.

Il comune ha 4 frazioni (Travettore, Sant'Anna, San Pietro, Cusinati) e confina con Bassano del Grappa, Cartigliano, Cassola, Rossano Veneto e Tezze sul Brenta. Il municipio si trova a 96m sul livello del mare, nel cuore della pianura Veneta[4]. Rosà è ufficialmente Comune europeo dello sport 2011[5].

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Geografia del Veneto.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Rosà è situata nel nord-est della penisola italiana, nel cuore della regione Veneto, in provincia di Vicenza. La cittadina, ai piedi delle Prealpi vicentine, possiede una ubicazione privilegiata rispetto ai principali centri del territorio (Padova, Vicenza, Venezia, Verona). Numerose rogge risalenti alla metà del 1300 nate per l'irrigazione dei campi scorrono attraverso il territorio comunale. L'acqua viene prelevata dal fiume Brenta all'altezza del Ponte Nuovo di Bassano del Grappa e scorre attraverso la campagna fino a raggiungere Travettore. Da questo canale si dipartiscono le rogge Rosà, Munara, Dieda, Vica, Balbi e Moresca. Il territorio comunale è totalmente pianeggiante e si trova ad un'altezza di 96m sul livello del mare.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Rosà ha un clima semicontinentale con inverni piuttosto freddi e umidi, le estati sono invece calde e afose. Effetti positivi hanno le colline e le montagne che, molto spesso, hanno effetto mitigante sul clima della zona (più ventilato e meno umido rispetto alla pianura veneta). Il comune ricade nella Fascia Climatica E con 2419 gradi giorno. Per questo motivo l'accensione degli impianti termici è consentita fino ad un massimo di 14 ore giornaliere dal 15 ottobre al 15 aprile. Mediamente la durata del giorno è di dodici ore e sedici minuti, con punta minima a dicembre (otto ore e quarantanove minuti) e massima a giugno (quindici ore e quaranta minuti).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia del Veneto.

Dalle origini all’età romana[modifica | modifica wikitesto]

La fertilità della pianura in questa zona fanno pensare ad un insediamento paleoveneto del quale al momento sono stati ritrovati solo pochi resti in località San Pietro di Rosà. L’intera regione del Veneto era all’epoca abitata da questa popolazione autoctona che, arrivata dalla Paflagonia circa 1000 anni a.C., aveva stretto un’alleanza con i Romani, diventando una delle poche popolazioni ad essersi unite pacificamente all’impero romano. I Veneti diventarono quindi un’importante alleato dei Romani nelle guerre contro i Galli. Progressivamente la civiltà veneta e quella romana si mescolarono e diedero vita ad una nuova tradizione frutto della loro fusione. Ben presto l’area fu raggiunta da alcune tra le più importanti strade romane tra cui la “via Postumia”, voluta 148 a.C. dal console romano Spurio Postumio Albino, che collegava Genova ad Aquileia e la “via Aurelia”, costruita nel 175 a.C. dal console romano Caio Aurelio Cotta, che collegava Padova ad Asolo e Feltre. La tradizionale centuriazione romana è ancora oggi visibile nel territorio comunale, come testimoniano via Bertorelle, via Monsignor Caron, via Rosà, via Romana e via Colosseo. Con la colonizzazione romana arrivarono anche nuove tecniche agrarie, nuovi usi, aumentarono i rapporti commerciali e venne introdotta la lingua latina che mantenne sempre un sostrato paleoveneto, portando secoli dopo ad una visibile distinzione dalle altre lingue della penisola italiana e costituendo infine la lingua veneta. La presenza romana a Rosà, al contrario di quella paleo veneta, è certa: lo testimoniano i resti di una villa Romana, due ceppi di confine (uno a San Pietro e uno a Ca’Dolfin) oltre a numerosi utensili.

Le invasioni barbariche[modifica | modifica wikitesto]

Con il progressivo sgretolarsi dell’Impero Romano il territorio comunale venne attraversato da popolazioni provenienti dalle frontiere orientali. Già nel 168 d.C. erano scesi in Veneto, con veloci incursioni, i Quadi, i Marcomanni e i Sarmati, seguiti da Alemanni e Jutingi. Le crisi economiche che ripetutamente affliggono l’impero in questi anni e le pestilenze che si susseguono riducono la popolazione rurale. Seguirono in rapida successione Visigoti (402), Svevi, Alani (404), Unni (452). A completamento della devastazione causata dalle ripetute invasioni e saccheggi si aggiunse una grossa pestilenza nel 566 che lasciò le campagne deserte. Dobbiamo ricordare che gruppi di queste popolazioni barbare si stanziarono nel territorio e si mescolarono nel tempo alla popolazione; recenti ricerche hanno testimoniato infatti che si trovano più variazioni di DNA confrontando differenti abitanti del Veneto che confrontando gli abitanti di Portogallo e Ucraina. Il Veneto e i suoi abitanti sono da sempre un crogiolo di razze e di popoli integrati e coesi.

I Longobardi[modifica | modifica wikitesto]

Correva l’anno 566 quando a Bisanzio moriva Giustiniano e i Longobardi calavano in Italia. La loro presenza a Rosà è testimoniata dai recenti scavi e rinvenimenti in via Brega. Nel 777 inizia anche a Rosà il dominio dei Franchi che si protrae fino all’888 quando gli Ungheri , un popolo nomade e feroce, cancella in Venetoogni forma amministrativa superiore alle comunità locali. E’ in questo periodo che nascono i primi castelli, tra cui certamente quello di Bassano, costruiti probabilmente dalla stessa popolazione per difendersi dalle sanguinose scorrerie che causarono enormi danni e immensi lutti nella popolazione rurale.

Il Basso Medioevo: dall’XI al XIV secolo[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1200 il territorio rosatese fu soggetto a numerose dominazioni: Vicenza fino al 1218, gli Ezzelini fino al 1259, Padova per un anno, quindi ancora Vicenza fino al 1319, poi gli Scaligeri fino al 1338, quindi i Da Carrara fino al 1388, i Visconti fino al 1404, infine Venezia.

Serenissima Repubblica di Venezia[modifica | modifica wikitesto]

Fu proprio Francesco I Da Carrara a realizzare tra il 1360 e il 1370 nella sinistra del Brenta un grande sistema di navigazione; l'agro rosatese fu bonificato e così il territorio, divenuto molto richiesto dal punto di vista agricolo, fu causa di contenziosi con Bassano: in questo contesto nacque la comunità di Rosà, dapprima intorno alla Chiesetta votiva di Sant'Antonio nel 1450, poi definitivamente come comune autonomo nel 1533. L’agro rosatese, ora bonificato e ben servito da un sistema di rogge, cominciò ad attrarre l’attenzione delle famiglie nobiliari veneziane molte delle quali decisero di acquistare terreni a Rosà e costruirvi le proprie ville. Nascono in questo periodo Villa Dolfin Boldù, Villa Morosin, Villa Ca’ Diedo, Villa Compostella-Zanchettin, Villa Zanchetta, Villa Remondini-Nardini, Villa Ca' Minotto, Villa Segafredo e Villa Caffo. A quell'epoca il comune contava 3.040 abitanti e nel 1622 fu suddiviso in dodici quartieri, le attività produttive erano la lavorazione della lana e della seta. All'epoca appartenevano al comune di Rosà anche i territori dell'attuale comune di Tezze sul Brenta. I 12 antichi quartieri erano:

  • quartiere della Villa (probabilmente comprendente tutta l'area a nord-est e ad est del centro),
  • quartiere della Chiesa (probabilmente l'attuale centro cittadino),
  • quartiere di Cusinati (oggi frazione di Rosà),
  • quartiere di Ca' Dolfin,
  • quartiere di Travettore (oggi frazione di Rosà),
  • quartiere dei Baggi,
  • quartiere di Rovolessa,
  • quartiere di Zen,
  • quartiere delle Tezze (dal 1805 comune di Tezze sul Brenta),
  • quartiere della Granera (oggi forse Granella frazione di Tezze sul Brenta),
  • quartiere dei Stroppari (oggi frazione di Tezze sul Brenta),
  • quartiere dei Confini (attuale contrada Laghi divisa oggi tra Tezze sul Brenta e Cittadella e considerata da entrambi frazione).

Nel 1560 nel territorio rosatese inizia la coltivazione del granoturco, il cui prodotto era una fonte di maggior guadagno e di nutrimento per la popolazione. La successiva ripresa economica e demografica costringe la comunità rosatese ad ampliare la sua vecchia chiesa parrocchiale, prima, e a costruirne poi una nuova, i cui lavori, iniziati nei primi anni del Settecento, durano per tutto il XVIII secolo. L’invasione Napoleonica, favorita dalla decadenza della Repubblica di Venezia sprofondata nei suoi debiti ormai insostenibili, pone fine alla gloriosa repubblica di San Marco con il Trattato di Campoformio (17 ottobre 1797). Il Veneto venne così annesso all’Impero Austro-Ungarico. Nel 1807 Napoleone inoltre siglò la separazione di alcuni territori a sud di Rosà con la costituzione di un nuovo comune autonomo (Tezze sul Brenta).

Risorgimento[modifica | modifica wikitesto]

Con il Congresso di Vienna del 1815 il Veneto e di conseguenza Rosà venne, insieme alla Lombardia costituito nel Regno Lombardo-Veneto sottoposto al controllo austriaco. A partire dal 1848, con la prima guerra di indipendenza italiana, anche nei veneti comincia a nascere una coscienza politica risorgimentale, imperniata sugli ideali di libertà nazionale. Nel 1866, dopo la terza guerra di indipendenza italiana, il Veneto diventa finalmente parte dell’Italia Unita tramite plebiscito di annessione e Rosà acquisisce il titolo di Comune del Regno.

La Grande Guerra[modifica | modifica wikitesto]

Rosà viene a trovarsi nelle immediate retrovie durante il primo conflitto mondiale e si ritrova ripetutamente colpita dalle bombe sganciate dagli aerei austriaci. La comunità fornì assistenza ai profughi della Valsugana e dell’Altopiano dei sette comuni che sfollarono in lunghe carovane dalle aree di guerra ritrovandosi senza il minimo indispensabile con cui vivere. Nella seconda parte della guerra anche numerose famiglie rosatesi dovettero emigrare temporaneamente per sfuggire alla distruzione che il fronte sempre più vicino causò. Nella prima metà del Novecento dal centro si staccarono ufficialmente quattro parrocchie: Travettore nel 1931, Cusinati nel 1932, Sant'Anna nel 1942 e San Pietro nel 1947.

La Resistenza[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Resistenza vicentina.

Anche Rosà svolse un ruolo da protagonista nella Resistenza contro Nazismo e Fascismo soprattutto durante la Guerra di liberazione.

Dal dopoguerra ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ventennio fascista dal 1946 Rosà diviene comune della Repubblica italiana. L’industria , l’artigianato e il commercio diedero slancio all’economia di Rosà e del bassanese dopo il secondo conflitto mondiale. Questo periodo di boom economico provocò di conseguenza una rapida crescita demografica che dura ancora oggi a testimoniare, anche in tempo di grave crisi economica, il benessere della comunità. Grazie a questa crescita demografica oggi la ridente cittadina veneta si appresta a divenire comune superiore: comune oltre 15.000 abitanti.

Nome e simboli[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del nome di Rosà è controverso. C'è chi lo fa derivare da roxata, roggia, con chiaro riferimento al corso d'acqua scavato da Francesco da Carrara nel 1336 che avrebbe costituito il sistema di irrigazione della zona a sud di Bassano del Grappa; chi invece lo riferisce alla rosada, il fiorire lungo la stessa roggia delle rose, rose che sono diventate lo stemma comunale.

Lo Stemma di Rosà

Stemma del Comune di Rosà[modifica | modifica wikitesto]

« "Partito d'azzurro e d'argento, alla fascia diminuita dall'uno nell'altro, caricata della rosa al naturale, gambuta e fogliata di verde, posta in palo, attraversante. Ornamenti esteriori da Comune" »
(Descrizione araldica dello Stemma del Comune di Rosà)

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Il Duomo di Rosà

Il Duomo è certamente il monumento più celebre del paese; iniziato attorno al 1720, come ingrandimento della vecchia chiesa di Sant'Antonio. Il campanile fu disegnato da Giuseppe Bernardi-Torretti, il primo maestro del Canova e fu completato nel 1817. Nel Duomo sono conservati dipinti di Leandro, Giovanni Battista e Jacopo da Ponte, statue di Orazio Marinali e di Giuseppe Bernardi-Torretti.

Ville Venete[modifica | modifica wikitesto]

Senza dubbio Rosà è conosciuta per le sue ville, la più celebre delle quali è senz'altro Villa Dolfin Boldù, immersa in un grande parco, a Ca' Dolfin, a due km dal centro del paese. La villa, iniziata nei primi anni del settecento, presenta un corpo centrale in pietra rossa, un cortile di ampio respiro, con l'aggiunta di un porticato in stile neoclassico, con statue di ingresso. Nel 1918 fu sede del comando del IX Corpo d'Armata schierato sul Monte Grappa ed il 24 agosto 1918 ospitò il re d'Italia Vittorio Emanuele III. La Villa più antica sembra essere però Villa Morosini a Travettore, oggi Gioiagrande, già Villa Sturm fino all'ultima guerra. Altra villa dei primi anni del Settecento è Ca' Diedo, a Cusinati, villa Compostella-Zanchettin e Villa Branca-Boldù in stile impero asburgico. Da ricordare inoltre: Villa Zanchetta a Travettore, dove ebbe inizio la carriera artistica di Tito Gobbi, Villa Remondini-Nardini, Villa Ca' Minotto, Villa Segafredo, Villa Caffo.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Il centenario Teatro Montegrappa realizzato nel 1914 e oggetto nel 1996 di un poderoso restauro.
  • La Scuola dell’Infanzia Statale di Rosà, progettata dal noto architetto Mario Botta su commissione comunale, è stata istituita nel settembre 2004. La progettazione della scuola ha privilegiato materiali e colori naturali e tenui.
  • La Biblioteca civica situata in Palazzo Casale Dolfin di fronte al municipio. Il palazzo è diventato sede della Biblioteca civica nel 2008 dopo essere stato sottoposto ad un'imponente restauro che ha portato alla luce antichi affreschi, due bifore e un camino.
  • Il Palarosa, Palazzetto dello Sport di Rosà, situato nell'area a nord-est del centro vicino a Villa Segafredo e utilizzato anche come struttura polifunzionale.
  • L'Anfiteatro Athena, struttura scoperta con 1200 posti a sedere situata a fianco del Palarosa.
  • Le [piscine comunali "Piscina delle Rose", situate nell'area sportiva adiacente a Villa Segafredo, offrono 3 vasche coperte, 2 scoperte e un'area benessere.
  • Lo Stadio Comunale "T. Zen" nell'area nord-ovest del centro dotato di ampie gradinate coperte.
  • Il nuovo Centro Diurno per Anziani realizzato nel 2011 in un'area molto centrale del paese grazie al contributo finanziario della Regione Veneto.
  • Il Parco delle Rose situato dietro la Biblioteca civica.
  • Lo Skatepark "Rosangeles" costruito nell'area piscine vicino a Villa Segafredo.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Rosà è interessato insieme a Cartigliano e Bassano del Grappa dal Parco Civiltà delle Rogge. Il Parco rurale regionale ha un'estensione di 250ha, di cui 150ha nel solo comune di Rosà. È situato tra Travettore di Rosà e Quartiere Prè di Bassano. L'area, appartenuta in gran parte alla famiglia nobiliare veneziana Morosin, conserva traccia dell'antica divisione fondiaria della zona ed è interessata da una rete di antiche rogge. Nel parco è conservata una delle ultime strade romane non asfaltate in Veneto.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Piazze[modifica | modifica wikitesto]

  • Piazza Cardinale Baggio o Piazza Duomo
  • Piazza Serenissima
  • Piazza San Marco
  • Piazza Monsignor Ciffo
  • Piazza Tito Gobbi (Travettore)
  • Piazza Pontida

Vie centrali[modifica | modifica wikitesto]

  • Via Roma
  • Via Mazzini
  • Via Garibaldi
  • Via Capitano Alessio

Aree verdi[modifica | modifica wikitesto]

Parco delle Rose

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT[7] al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 1.358 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Romania Romania 264 1,87%

Kosovo Kosovo 205 1,45%

Marocco Marocco 190 1,34%

Ghana Ghana 188 1,33%

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Oltre all'italiano, nella popolazione è fortemente radicato, soprattutto tra le persone più anziane, il dialetto veneto. Esso deriva dal latino volgare parlato dagli antichi Veneti romanizzati a partire dalla fine del III secolo a.C..

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Prodotti tipici[modifica | modifica wikitesto]

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Operaestate Festival Veneto: 35 città coinvolte, 400 serate di spettacolo in oltre 2 mesi tra ville, castelli, parchi e palazzi, piazze e musei della Pedemontana. Si svolge annualmente tra giugno e settembre.
  • Mostra concorso dell'Asparago bianco di Bassano del Grappa D.O.P. in Piazza Cardinale Baggio a Rosà.
  • Battimarzo (in veneto Batimarso): biciclettata tradizionale per le strade paesane nell'ultimo giorno di marzo per scacciare il freddo inverno e propiziare un buon raccolto.
  • Festa della trebbiatura: tradizionale festa per la raccolta del grano. Si svolge verso la metà di luglio.

Eventi e sagre[modifica | modifica wikitesto]

  • Cose vecchie e curiose: ogni seconda domenica del mese in Viale dei Tigli (mercatino dell'usato).
  • Sagra di San Pietro (29 giugno),
  • Sagra di Sant'Anna (26 luglio),
  • Sagra di Rosà (25 agosto),
  • Sagra di Travettore (8 settembre),
  • Sagra di Cusinati (seconda domenica di settembre).
  • Ogni quartiere tiene la sua sagra in una determinate ricorrenze (prevalentemente in estate),
  • Torneo di calcio amatoriale dei quartieri (giugno),
  • L'agosto rosatese: una serie di appuntamenti culturali, religiosi e folcloristici, tra i quali il Palio delle Rose, competizione fra gli 11 quartieri di Rosà.

I vincitori delle ultime edizioni del Palio delle Rose sono:

Persone legate a Rosà[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Quartieri[modifica | modifica wikitesto]

Rosà è attualmente suddivisa in 11 quartieri, con presidente e colori sociali.
Annualmente questi quartieri si sfidano durante l'estate in 2 tornei di calcio amatoriale e il Palio delle Rose.
Questi sono i quartieri:

  • Borgo Tocchi
  • Ca' Dolfin
  • Ca' Minotto
  • Carpellina
  • Cremona
  • Lunardon
  • Nuovo
  • Oratorio
  • Sant'Antonio
  • Seminarietto
  • Tigli-Matteotti

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Oggigiorno, i settori produttivi in cui è maggiormente impegnata l'economia rosatese riguardano il mobile, la ceramica, la microutensileria e la meccanica leggera.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Provincia di Vicenza#Infrastrutture.

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Rosà è nata su un'importante crocivia di 3 strade che si intersecano secondo gli assi nord-sud ed est-ovest:

Il comune sarà presto servito anche dalla Superstrada Pedemontana Veneta che lo collegherà alla rete autostradale italiana, in particolare alla A4, alla A31 e alla A27.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La Stazione di Rosà, che serve la cittadina, è inserita nella linea ferroviaria Bassano del Grappa - Padova

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Autobus[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è servito sia da Busitalia-Sita Nord con la linea Bassano del Grappa - Padova sia da FTV Ferrovie Tramvie Vicentine con la linea Bassano del Grappa - Rossano Veneto

Piste ciclabili[modifica | modifica wikitesto]

21km di piste ciclabili collegano il centro con le frazioni e con i comuni di Bassano del Grappa, Rossano Veneto e Cartigliano

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

Gli aeroporti internazionali più vicini sono Venezia e Treviso.

Ecologia e Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

  • L'amministrazione comunale ha aderito al Patto dei Sindaci, un impegno per l'energia sostenibile[8].
  • Rosà è stato il primo comune della provincia di Vicenza ad attuare la raccolta differenziata grazie ad un'approfondito studio del sistema già in uso in Germania[9].
  • La raccolta differenziata nel Comune di Rosà raggiunge il 70,91%[10].
  • Il Comune ha visto il premio Legambiente "Comune Riciclone" per gli ottimi risultati in questo campo.
  • La Casa alloggio per anziani ed il Distretto sanitario rappresentano, dalla loro apertura nell'ottobre 2011, il primo edificio pubblico del bassanese ad entrare nella classe energetica "B", permettendo un notevole risparmio in campo di refrigerazione e riscaldamento[11]
  • È stata recentemente edificato nel territorio retrostante le scuole medie un'impianto di riscaldamento a biomassa che copre il fabbisogno della maggior parte degli edifici pubblici del capoluogo.
  • Impianti fotovoltaici sono stati installati sui tetti di: scuola primaria di Travettore (80 moduli con 18 kW di potenza), magazzino comunale (188 con 19 kW), scuola primaria di S. Anna (95 / 20 kW), scuola primaria del capoluogo (210 / 50 kW), palestra Balbi (doppio impianto di 78 + 60 moduli per un totale di 32 kW) e spogliatoi del campo sportivo di San Pietro (32 / 8 kW) per una potenza totale di 148 kW e una produzione elettrica di 29.500 euro /anno[12].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gonfalone comunale
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1993 1997 Giovanni Didonè Lega Nord Sindaco
1997 26 maggio 2002 Giovanni Didonè Lega Nord Sindaco
26 maggio 2002 27 maggio 2007 Manuela Lanzarin Lega Nord Sindaco
27 maggio 2007 7 maggio 2012 Manuela Lanzarin Lega Nord Sindaco
7 maggio 2012 in carica Paolo Bordignon Lega Nord Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

  • Rosà è ufficialmente Comune europeo dello sport 2011[13].
  • Sport molto diffuso è l'atletica leggera, grazie all'associazione N.E.VI.(con campioni d'italia Trevisan Elisa, Baggio Claudia, Marcon Alessandro, Baggio Mauro, Guidolin Lisa)
  • Il nuoto, grazie agli impianti comunali, vanta grandi risultati nazionali e internazionali con il Team Veneto

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Rosà è stato il primo comune della provincia di Vicenza ad attuare la raccolta differenziata grazie ad un'approfondito studio del sistema già in uso in Germania[14].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Rosà - Statuto.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2012.
  3. ^ Fonte: ISTAT - Bilancio demografico al 01/01/2013 [1].
  4. ^ Fonte: Bassano del Grappa e dintorni [2].
  5. ^ Fonte: ACES Europe - Comuni europei dello Sport [3].
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Statistiche demografiche ISTAT
  8. ^ Patto dei Sindaci, un impegno per l'energia sostenibile
  9. ^ Rosà: primo comune della provincia di Vicenza ad attuare la raccolta differenziata
  10. ^ Ecologia a Rosà
  11. ^ Rosà: primo edificio pubblico del bassanese con classe energetica B
  12. ^ Rosà: impianti fotovoltaici
  13. ^ Fonte: ACES Europe - Comuni europei dello Sport [4].
  14. ^ Rosà: primo comune della provincia di Vicenza ad attuare la raccolta differenziata

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]