Lucio Caracciolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il generale Lucio Caracciolo, duca di Roccaromana (Napoli, 1771 – 1833), vedi Lucio Caracciolo (duca di Roccaromana).
Lucio Caracciolo

Lucio Caracciolo (Roma, 7 febbraio 1954) è un giornalista, saggista e docente italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureato in filosofia all'Università La Sapienza di Roma, dirige la rivista italiana di geopolitica Limes che ha fondato nel 1993 e la Eurasian Review of Geopolitics Heartland nata nel 2000. È considerato uno dei massimi esperti italiani di geopolitica.

Carriera giornalistica[modifica | modifica sorgente]

Dal 1973 al 1975 è redattore di Nuova Generazione (periodico della FGCI), poi passa a la Repubblica, dove lavora dal 1976 al 1983 come cronista politico, diventando capo della redazione politica.
È stato caporedattore di MicroMega dal 1986 al 1995.

Scrive editoriali e commenti di politica estera per il Gruppo Editoriale L'Espresso, intervenendo a volte anche su questioni calcistiche. Le sue note simpatie romaniste, che spesso lo portano a scrivere in maniera assai distante dal suo solito stile, gli hanno però provocato non poche critiche.

Considerato tra i maggiori geopolitologi in Italia, ha scritto diversi saggi, alcuni dei quali sono stati pubblicati anche in altri paesi.

Nel 2002 ha condotto insieme a Silvestro Montanaro il programma televisivo C'era una volta - Dagli Appennini alle Ande in onda su Rai 3 in cui venivano affrontati i grandi temi politici, economici e sociali del nuovo Millennio assieme agli ospiti che settimanalmente si avvicendavano.

Docenze a contratto[modifica | modifica sorgente]

Ha Insegnato Geografia politica ed economica all’Università degli studi Roma Tre, svolge seminari di geopolitica in varie istituzioni e presiede i master in geopolitica organizzati dalla SIOI.

Dall'anno accademico 2006/07 insegna Geografia politica ed economica presso la facoltà di Filosofia della mente, della persona, della città e della storia dell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

Dall'anno accademico 2009/10 insegna "Studi strategici" nell'ambito della facoltà di Scienze politiche della LUISS Guido Carli.

Dall'anno accademico 2010/11 partecipa all'insegnamento della prima laurea magistrale in "International Relations" in lingua inglese della LUISS Guido Carli.

Principali pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Alba di Guerra Fredda (Laterza, 986);
  • La democrazia in Europa, intervista a Ralf Dahrendorf, Francois Furet e Bronislaw Geremek (Laterza, 1992);
  • Intervista sulla destra a Ernesto Galli della Loggia (Laterza, 1996);
  • Euro no. Non morire per Maastricht (Laterza, collana «Il nocciolo», 1997);
  • L'Italia alla ricerca di se stessa, (in "Storie d'Italia", a cura di G. Sabbatucci e V. Vidotto) (Laterza, 1999);
  • Terra incognita. Le radici geopolitiche della crisi italiana (Saggi Tascabili Laterza, 2001);
  • con Enrico Letta Dialogo intorno all'Europa (Saggi Tascabili Laterza, 2002);
  • con Enrico Letta L'Europa è finita? (Add editore, 2010).

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]