Ralf Dahrendorf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ralf Dahrendorf
Dahrendorf.jpg

Commissario europeo per la Ricerca, la Scienza e l'Educazione
Durata mandato 6 gennaio 1973 –
1974
Presidente François-Xavier Ortoli
Predecessore Altiero Spinelli (Industria e ricerca)
Successore Guido Brunner (Ricerca ed energia)

Commissario europeo per le relazioni esterne e il Commercio
Durata mandato 22 marzo 1972 –
5 gennaio 1973
Presidente Sicco Mansholt
Predecessore Ralf Dahrendorf (Commercio)
Jean-François Deniau (Relazioni esterne)
Successore Christopher Soames

Commissario europeo per il Commercio
Durata mandato 1º luglio 1970 –
21 marzo 1972
Presidente Franco Maria Malfatti
Predecessore Jean-François Deniau (Commercio, allargamento e assistenza ai Paesi in via di sviluppo)
Successore Ralf Dahrendorf (Relazioni esterne e commercio)

Ralf Gustav Dahrendorf, Barone Dahrendorf (Amburgo, 1º maggio 1929Colonia, 17 giugno 2009), è stato un filosofo, sociologo e politico tedesco, cittadino britannico dal 1988.

Di ispirazione liberale, Dahrendorf appartiene al filone della prospettiva del conflitto, e più precisamente ai teorici analitici di stampo weberiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato ad Amburgo, ha studiato filosofia, filologia classica e sociologia ad Amburgo e Londra tra il 1947 e il 1952. Ha conseguito i titoli di Ph.D. alla London School of Economics. È stato professore di sociologia ad Amburgo, Tubinga e Costanza dal 1959.

Dal 1967 al 1970 è stato presidente della Società tedesca de Sociologia. È il successore di Theodor W. Adorno.

Dal 1969 al 1970 è stato membro del parlamento tedesco per il Freie Demokratische Partei, i liberali tedeschi, e Segretario di stato nel Ministero degli esteri tedesco. Nel 1970 è divenuto membro della Commissione europea a Bruxelles, da cui si dimise nel 1974.

Dal 1974 al 1984 è stato direttore della London School of Economics e, dal 1987 al 1997, Warden (l'equivalente del CEO o dell'amministratore delegato per una università) del St. Antony College all'Università di Oxford.

Avendo adottato la cittadinanza britannica nel 1988, nel 1993 è stato nominato Lord a vita dalla regina Elisabetta II con il titolo di "Baron Dahrendorf of Clare Market in the City of Westminster".

È stato primo patron dell'Internazionale liberale.

Negli ultimi anni della sua vita ha insegnato Teoria politica e sociale presso il Wissenschaftzentrum für Sozialforschung di Berlino.

L'analisi sociologica[modifica | modifica wikitesto]

I filoni della sua analisi sono essenzialmente due: le teorie della società e i fattori del conflitto.

Egli sostiene che la tendenza al conflitto è insita nel sistema, nel quale coesistono gruppi con e senza potere, che perseguono interessi diversi.

Molto forte in Dahrendorf è il concetto di "potere", che egli definisce, sulla scia di Max Weber, come la capacità di far fare agli altri quello che si vuole, cioè di farsi obbedire. Il potere determina la struttura sociale, anche in maniera coercitiva.

Le "norme" - altro concetto chiave - sono stabilite e mantenute dal potere, e servono a tutelare degli interessi. Sono quindi funzionali agli interessi del potere e non frutto del consenso sociale. Una prova di ciò è nel fatto che a tutela delle norme sono previste delle sanzioni.

Le norme, sostenute dal potere, definiscono i criteri di desiderabilità sociale, cioè le cose (valori, status, ambizioni, etc.) che sono generalmente desiderate dalla collettività. Questo contribuisce a stabilire un ordine gerarchico di status sociali. Le norme creano anche discriminazione verso chi non vi si conforma.

Un altro concetto importante è quello di "autorità", in rapporto a quello di potere: l'autorità è l'esercizio del potere, ma con legittimità ed entro certi limiti. Per capire meglio si può far un esempio: un'università ha l'autorità sufficiente per chiedere la retta annuale ai propri iscritti, ma non, ad esempio, per estorcere prestazioni personali di altro tipo. Un ladro, invece, ha il potere di estorcere denaro, ma non l'autorità.

Dahrendorf sostiene che la divisione in classi è determinata dal possesso o meno di autorità: il conflitto (di classe) coinvolge solo due parti, e l'autorità è ciò che le separa.

Per quanto riguarda la mobilitazione e la protesta sociale, Dahrendorf, afferma che sono necessari quattro tipi di requisiti perché questa abbia luogo: tecnici (un fondatore, un'ideologia o uno statuto); politici (uno stato liberale, a differenza di uno autoritario, favorisce la protesta); sociali (la concentrazione geografica dei membri del gruppo, la facilità di comunicazione ed il reclutamento simile); psicologici (gli interessi da difendere devono apparire reali).

Il conflitto sarà caratterizzato dal livello di violenza (il "tipo di armi", anche in senso metaforico, usato) e intensità, intesa come livello di dispendio di energie nella lotta.

Il conflitto avviene tra chi dà e chi riceve ordini. Nello stato vi è una classe dirigente e una burocrazia composta di individui che contribuiscono a far sì che gli ordini del vertice siano rispettati da tutti. La presenza di questa burocrazia allarga la base del consenso.

Vi è anche un conflitto tra governo e industria.

Opere in edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

  • 1989 Riflessioni sulla rivoluzione in Europa. Lettera immaginaria a un amico di Varsavia (1990).
  • Al di là della crisi (1984).
  • Classi e conflitto di classe nella società industriale (1963).
  • Il conflitto sociale nella modernità: saggio sulla politica della libertà, Ed. Laterza, Roma - Bari 1989 ISBN 88-420-3440-1
  • La democrazia in Europa (1992).
  • Diari europei (1996).
  • Dopo la democrazia (2001).
  • Erasmiani: gli intellettuali alla prova del totalitarismo (2007).
  • Homo sociologicus: uno studio sulla storia, il significato e la critica della categoria di ruolo sociale (1966).
  • Intervista sul liberalismo e l'Europa (1979), a cura di Vincenzo Ferrari.
  • Legge e ordine (1991).
  • La libertà che cambia (1981).
  • La nuova libertà (1977).
  • Oltre le frontiere: frammenti di una vita (2004).
  • Pensare e fare politica (1985).
  • Per un nuovo liberalismo (1988).
  • Perché l'Europa? Riflessioni di un europeista scettico (1997).
  • Quadrare il cerchio: benessere economico, coesione sociale e libertà politica (1995, nuova edizione 2009).
  • La società riaperta: dal crollo del Muro alla guerra in Iraq (2005).
  • Sociologia della Germania contemporanea (1968).
  • Uscire dall'utopia (1971).

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze tedesche[modifica | modifica wikitesto]

Gran croce al merito con placca e cordone dell'Ordine al merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria Gran croce al merito con placca e cordone dell'Ordine al merito di Germania
Cavaliere dell'Ordine al merito dello Stato di Baden-Wuerttemberg - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito dello Stato di Baden-Wuerttemberg
— 1999
Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite
— 2003

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Gran decorazione d'onore in oro con fascia dell'Ordine al merito della Repubblica austriaca - nastrino per uniforme ordinaria Gran decorazione d'onore in oro con fascia dell'Ordine al merito della Repubblica austriaca
— 1975
Cavaliere di gran croce dell'Ordine di Leopoldo II (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine di Leopoldo II (Belgio)
— 1975
Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 31 luglio 2002[1]
Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito del Granducato di Lussemburgo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito del Granducato di Lussemburgo
— 1974
Cavaliere commendatore dell'Ordine dell'Impero britannico (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere commendatore dell'Ordine dell'Impero britannico (Regno Unito)
— 1982
Premio Principe delle Asturie per le scienze sociali (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per le scienze sociali (Spagna)
— 2007

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Commissario europeo per il Commercio Successore Flag of Europe.svg
Jean-François Deniau (Commercio, allargamento e assistenza ai Paesi in via di sviluppo) 1º luglio 1970- 21 marzo 1972 Ralf Dahrendorf (Relazioni esterne e commercio)
Predecessore Commissario europeo per le relazioni esterne e il Commercio Successore Flag of Europe.svg
Ralf Dahrendorf (Commercio)
Jean-François Deniau (Relazioni esterne)
22 marzo 1972- 5 gennaio 1973 Christopher Soames
Predecessore Commissario europeo per la Ricerca, la Scienza e l'Educazione Successore Flag of Europe.svg
Altiero Spinelli (Industria e ricerca) 6 gennaio 1973- novembre 1974 Guido Brunner
Predecessore Commissario europeo
della Germania
Successore Flag of Germany.svg
Fritz Hellwig 1º luglio 1970 - novembre 1974
con Wilhelm Haferkamp
Guido Brunner

Controllo di autorità VIAF: 17221311 LCCN: n79053999