Jean-François Deniau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-François Deniau

Commissario europeo per la Cooperazione allo Sviluppo
Durata mandato 6 gennaio 1973 –
7 gennaio 1977
Presidente François-Xavier Ortoli
Predecessore Jean-François Deniau (Affari esteri e aiuti allo sviluppo)
Successore Claude Cheysson

Commissario europeo per gli Affari Esteri e gli Aiuti allo Sviluppo
Durata mandato 1º luglio 1970 –
5 gennaio 1973
Presidente Franco Maria Malfatti
Sicco Mansholt
Predecessore Jean-François Deniau (Commercio, allargamento e assistenza ai Paesi in via di sviluppo)
Edoardo Martino (Relazioni esterne)
Successore Jean-François Deniau (Cooperazione allo sviluppo)
Christopher Soames (Relazioni esterne e commercio)

Commissario europeo per il Commercio, l'Allargamento e l'Assistenza ai Paesi in Via di Sviluppo
Durata mandato 2 luglio 1967 –
30 giugno 1970
Presidente Jean Rey
Predecessore Henri Rochereau (Paesi e territori d'oltremare)
Jean Rey (Commercio)
Successore Jean-François Deniau (Affari esteri e aiuti allo sviluppo)
Altiero Spinelli (Industria e commercio)

Jean-François Deniau (Parigi, 31 ottobre 1928Parigi, 24 gennaio 2007) è stato un politico, scrittore, giornalista, attivista umanitario, diplomatico, europeista e navigatore francese.

Studi[modifica | modifica sorgente]

Nel corso degli studi liceali, è premiato per due volte al Concours général bandito ogni anno dal ministero dell'Educazione. Si laurea in lettere e si specializza in economia. Si diploma all'Institut d'études politiques di Parigi e consegue un dottorato in giurisprudenza.

A 21 anni trascorre un breve periodo in Indocina dove vive il fratello Xavier (24 settembre 1923 - 29 marzo 2011), futuro ministro di Georges Pompidou. Nel 1950 supera il concorso per entrare all'École nationale d'administration (ENA). Compie il suo tirocinio presso l'Alto commissariato francese in Germania, e nel 1952 è nominato ispettore delle finanze

L'Europa[modifica | modifica sorgente]

Nel 1956 è nominato segretario generale permanente della delegazione francese a Bruxelles, presieduta dal segretario di Stato agli Affari Esteri Maurice Faure, futuro ministro di François Mitterrand. Deniau è l'estensore del preambolo del Trattato di Roma,[1] firmato in Campidoglio il 25 marzo 1957. Dal 1958 al 1963 è alto funzionario presso la Commissione Europea. Nel 1963 è nominato ambasciatore di Francia in Mauretania. Nel 1967 il presidente della Repubblica Charles de Gaulle lo nomina membro della Commissione Europea, con la delega per i negoziati di adesione della Gran Bretagna, Irlanda, Danimarca e per l'aiuto ai Paesi in via di sviluppo.

Uomo di governo[modifica | modifica sorgente]

Dal 5 aprile 1973 al 1º marzo 1974 è segretario di Stato con l'incarico della Cooperazione nel secondo governo di Pierre Messmer. Nel terzo governo Messmer (1º marzo -27 maggio 1974) è segretario di Stato all'Agricoltura e allo sviluppo rurale. Il 28 maggio 1974 lascia il governo, non essendo stato incluso nel nuovo ministero formato da Jacques Chirac dopo l'elezione di Valéry Giscard d'Estaing alla presidenza della Repubblica.

Ambasciatore[modifica | modifica sorgente]

Nel 1976 è nominato ambasciatore a Madrid: nella delicata fase del l'immediato post-franchismo, il presidente della Repubblica Valéry Giscard d'Estaing ritiene infatti opportuno avvalersi di una personalità di grande spicco e dotata di sensibilità politica.

Di nuovo al governo[modifica | modifica sorgente]

Il 26 settembre 1977 entra nel secondo governo di Raymond Barre come segretario di Stato agli Esteri. Dal 31 marzo 1978 al 2 ottobre 1980 è ministro del Commercio estero e dal 2 ottobre 1980 al 4 marzo 1981 è ministro delegato con l'incarico delle Riforme amministrative nel terzo governo Barre.

Nel dicembre 1980, sei mesi prima delle elezioni presidenziali, si propone a Valéry Giscard d'Estaing come "vice" del Primo ministro Raymond Barre. L'incarico di vice Primo ministro rappresenterebbe una novità, e se attribuito a un uomo di successo mediatico come Deniau potrebbe far passare in secondo piano l'impopolarità di Barre. Ma l'iniziativa non va in porto per l'opposizione di Barre. All'inizio del 1981 Deniau diventa uno degli uomini-chiave dello staff che coadiuva Giscard nella sfortunata campagna per la sua rielezione.

Mandati elettorali[modifica | modifica sorgente]

Alle elezioni legislative del 1978 è eletto deputato all'Assemblée Nationale per l'Unione per la Democrazia Francese (UDF), ma si dimette per incompatibilità con l'incarico ministeriale. Si ripresenta alle elezioni legislative del 1981 ma, anche a causa della vittoria dei partiti di sinistra successiva all'elezione di Mitterrand alla presidenza della Repubblica, Deniau non è eletto. Torna all'Assemblée Nationale nel 1986. Rieletto nel 1988 e nel 1993,[2] alle elezioni del 1997 decide di non ripresentarsi.

Dal 1981 al 1998 è presidente del consiglio generale dello Cher.

Alle elezioni europee del 1994 l'UDF si presenta insieme al RPR, e Deniau è indicato come probabile capolista della formazione unica, ma alla fine è designato il sindaco di Tolosa Dominique Baudis. Dal 1998 entra in contrasto con l'UDF, stigmatizzando l'elezione grazie ai voti determinanti del Front National di Jean-Marie Le Pen di cinque presidenti di Regione appartenenti al suo partito.

L'azione umanitaria[modifica | modifica sorgente]

Nel 1982 istituisce il "premio Andrej Dmitrievič Sakharov per la libertà di pensiero". La sua battaglia per i diritti dell'uomo lo portamo a guidare delle missioni in Eritrea, Cambogia, Afghanistan, Kurdistan, Somalia, Jugoslavia, Libano, Cina, Sudafrica, Spagna, Unione Sovietica, India, Romania, Sarajevo, eccetera.

Giornalista, redattore del quotidiano Le Figaro ed editorialista del settimanale L'Express, si reca clandestinamente in Afghanistan. Tra i suoi obiettivi: ottenere il riconoscimento della resistenza afgana da parte della comunità internazionale.

La giustizia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1996 è chiamato dal ministro della Giustizia Jacques Toubon a presiedere l'Alto comitato consultivo sulla procedura in materia penale.

Accademico di Francia[modifica | modifica sorgente]

È eletto all'Académie française l'11 aprile 1992, succedendo a Jacques Soustelle. È accolto da un altro l'ex ministro, scrittore e diplomatico: Alain Peyrefitte.

Il navigatore[modifica | modifica sorgente]

Nonostante i suoi gravi problemi cardiaci e polmonari [3], nel 1995 compie una traversata dell'Atlantico a vela. Nel 2003 fonda l'associazione "Scrittori di Mare", e ottiene il Gran premio del Mare per la sua attività letteraria.

Decorazioni, premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Il 1º gennaio 2006 è promosso alla dignità di grande ufficiale della Legion d'Onore.

Croce di guerra

Croce al valor militare

Commendatore al merito agricolo

Premio Vauban (1994)

Premio Grand-siècle Laurent Perrier per la sua azione nel campo umanitario (1994)

Premio Care International (1996)

Medaglia d'oro del Parlamento europeo per la difesa delle libertà (1999)

Alla fine del 2006, è nominato membro del comitato d'onore del Trattato di Roma di cui cinquent'anni prima aveva condotto le trattative, accanto a Maurice Faure e a Jean François-Poncet.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • 1955 Le Bord des larmes (Grasset)
  • 1958 Le Marché commun (PUF)
  • 1975 La mer est ronde (Le Seuil)
  • 1977 L'Europe interdite (Le Seuil)
  • 1985 Deux heures après minuit (Grasset)
  • 1988 La Désirade (Olivier Orban)
  • 1989 Un héros très discret (Olivier Orban) (prix du meilleur scénario au festival de Cannes 1996)
  • 1990 L'Empire nocturne (Olivier Orban)
  • 1992 Ce que je crois (Grasset)
  • 1993 Le Secret du Roi des serpents (Plon)
  • 1994 Mémoires de sept vies. Tome 1: Les temps aventureux (Plon)
  • 1996 L'Atlantique est mon désert (Gallimard)
  • 1997 Mémoires de sept vies. Tome 2: Croire et oser (Plon)
  • 1998 Le Bureau des secrets perdus (Odile Jacob)
  • 1999 Tadjoura (Hachette Littératures)
  • 2000 Histoires de courage (Plon)
  • 2000 La bande à Suzanne (Stock)
  • 2001 L'île Madame (Hachette Littértatures)
  • 2002 Dictionnaire amoureux de la mer (Plon)
  • 2003 La gloire à 20 ans (XO éditions)
  • 2004 La Double Passion écrire ou agir (Robert Laffont)
  • 2004 La Lune et le miroir (Gallimard)
  • 2005 Le Secret du roi des Serpents (Hachette)
  • 2005 Le grand jeu (Hachette Littératures)
  • 2006 La lune et le miroir (Gallimard)
  • 2006 Survivre (Plon)
  • 2007 L'oubli (Plon)

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore
— 1º gennaio 2006
Croix de Guerre des Theatres d'Operations Exterieurs - nastrino per uniforme ordinaria Croix de Guerre des Theatres d'Operations Exterieurs
Croix de la Valeur militaire - nastrino per uniforme ordinaria Croix de la Valeur militaire

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Europeista convinto, in occasione del Referendum sul Trattato di Maastricht del 20 settembre 1992 esprimerà pubblicamente le sue riserve sui contenuti troppo burocratici del documento. Tuttavia, sollecitato dal Primo ministro Pierre Bérégovoy che faceva affidamento sulla sua popolarità, farà campagna per il voto favorevole. Il suo appello si rivelerà determinante, giacché la ratifica è stata approvata dal 51,04 per cento dei francesi.
  2. ^ Ne Le pouvoir ne se partage pas (2009), Edouard Balladur sostiene di aver proposto il nome di Deniau per l'incarico di ministro della giustizia nel governo di coabitazione da lui formato nel 1993, ma di aver ottenuto una risposta negativa da parte di Mitterrand.
  3. ^ Colpito da un tumore ai polmoni nel 1987, affronta undici interventi chirurgici e una terapia sperimentale dagli effetti collaterali devastanti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Commissario europeo per il Commercio, l'Allargamento e l'Assistenza ai Paesi in Via di Sviluppo Successore Flag of Europe.svg
Henri Rochereau (Paesi e territori d'oltremare)
Jean Rey (Commercio)
2 luglio 1967- 30 giugno 1970 Jean-François Deniau (Affari esteri e aiuti allo sviluppo)
Altiero Spinelli (Industria e commercio)
Predecessore Commissario europeo per gli Affari Esteri e gli Aiuti allo Sviluppo Successore Flag of Europe.svg
Jean-François Deniau (Commercio, allargamento e assistenza ai Paesi in via di sviluppo)
Edoardo Martino (Relazioni esterne)
1º luglio 1970- 5 gennaio 1973 Jean-François Deniau (Cooperazione allo sviluppo)
Christopher Soames (Relazioni esterne e commercio)
Predecessore Commissario europeo per la Cooperazione allo Sviluppo Successore Flag of Europe.svg
Jean-François Deniau (Affari esteri e aiuti allo sviluppo) 6 gennaio 1973- 7 gennaio 1977 Claude Cheysson
Predecessore Commissario europeo
della Francia
Successore Flag of France.svg
Robert Marjolin 1967-1977
con Henri Rochereau fino al 1970, e Raymond Barre fino al 1973, poi con François-Xavier Ortoli e Claude Cheysson
François-Xavier Ortoli
Claude Cheysson

Controllo di autorità VIAF: 71389955 LCCN: n85340876

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie