Geografia politica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La geografia politica è l'ambito disciplinare della geografia umana che si occupa di studiare i differenti esiti, nei diversi luoghi, dei processi politici e di potere, così come i modi in cui quegli stessi processi sono condizionati dai contesti spaziali.

Ai fini dell'analisi, la geografia politica adotta convenzionalmente una struttura analitica su tre livelli, che vede al centro lo stato e la politica con, al di sopra, lo studio delle relazioni internazionali al mondo che attengono alla geopolitica; al di sotto, vi è invece lo studio delle località.

Rispetto a questi tre livelli, la sub-disciplina della geografia politica può essere sinteticamente definita come lo studio delle interrelazioni tra la popolazione, lo stato e il territorio.

La geografia politica, con il passare degli anni, tende a specializzarsi sempre di più: ad esempio esistono la geografia urbana, quella delle popolazioni e quella dei commerci.

La geografia politica non deve essere confusa con la geopolitica.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

geografia Portale Geografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di geografia