Maria Corti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Corti

Maria Corti (Milano, 7 settembre 1915Milano, 22 febbraio 2002) è stata una filologa, critica letteraria, scrittrice e semiologa italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte prematura della madre, visse la sua adolescenza prevalentemente in collegio, mentre il padre, ingegnere, lavorava in Puglia. Nonostante la situazione, trascorse una giovinezza relativamente serena. S'iscrisse poi all'Università di Milano e conseguì due lauree: la prima in lettere con una tesi sul latino medievale (Studi sulla latinità merovingia, relatore Benvenuto Terracini), la seconda in filosofia (relatore Antonio Banfi).

Mossa da ragioni economiche e anche dalla sua passione per l'insegnamento, cominciò a lavorare come insegnante di scuola media, prima a Chiari, in provincia di Brescia, poi a Como, infine a Milano. Contemporaneamente, svolgeva all'Università di Pavia un incarico di assistente; i continui spostamenti tra le varie sedi di lavoro mise a dura prova il suo fisico minuto. Nonostante tutto riuscì a superare le difficoltà e i disagi dei primi tempi, grazie al suo carattere e alla sua volontà ferrea. Nel suo primo romanzo Il trenino della pazienza (pubblicato molto tardi e rimaneggiato nel 1991 con diverso titolo: Cantare nel buio), descrive con un linguaggio piano e sommesso ma di grande impatto sociale i suoi continui viaggi da pendolare in terza classe, con gli operai.

Alla fine della seconda guerra mondiale, dopo una partecipazione attiva alla Resistenza col gruppo di allievi del suo maestro Antonio Banfi, Maria Corti si dedicò con entusiasmo alla carriera universitaria, spinta dallo stesso Terracini (ritornato dall'Argentina dove era espatriato in seguito alle leggi razziali del 1938) ed ebbe l'insegnamento di Storia della lingua italiana all'Università del Salento e, in seguito, all'Università di Pavia, destinata a restare per sempre la sua sede universitaria.

Con alcuni colleghi dell'ateneo di Pavia (Cesare Segre, d'Arco Silvio Avalle, Dante Isella), contribuì a fondare una scuola di studi letterari particolarmente innovativa, denominata Scuola di Pavia, legata alla tradizione filologica ma anche ai nuovi studi semiotici e allo strutturalismo.

Maria Corti fondò fra l'altro il Fondo Manoscritti di autori moderni e contemporanei, nell'incredulità del corpo docente e dei collaboratori, supportata solo dalla sua grande volontà e dalla sua sagacia nel reperire i fondi (racconta queste vicissitudini nel libro Ombre dal Fondo, 1997). Un archivio di scritti, manoscritti e appunti vari, donati da scrittori e poeti del Novecento, tra i quali all'apertura nel 1968 Eugenio Montale, seguito da Romano Bilenchi e Carlo Emilio Gadda, attualmente la Fondazione (che in Europa è paragonabile solo al Fondo Marbach presso Stoccarda) è in possesso di scritti di valore immenso e inestimabile: da Mario Luzi a Guido Morselli, da Alfonso Gatto ad Alberto Arbasino, da Italo Calvino ad Anna Banti, da Indro Montanelli a Carlo Levi, da Umberto Saba a Amelia Rosselli, da Giorgio Manganelli a Luigi Meneghello, da Antonio Pizzuto a Paolo Volponi, da Goffredo Parise a Luigi Malerba.

Si dedicò in particolare allo studio della letteratura italiana contemporanea, proponendo un modello di studi con l'edizione critica dell'opera di Beppe Fenoglio (1978). Sono suoi alcuni importanti contributi teorici sulla semiotica letteraria: si ricordano in particolare Nuovi metodi e fantasmi (Bompiani 2001), Principi della comunicazione letteraria (Bompiani 1998) e Per una enciclopedia della comunicazione letteraria (Bompiani 1986).

Tra i romanzi viene ricordato in particolare L'ora di tutti, ambientato a Otranto; contemporaneamente non trascura la sua grande passione per la storia medievale con i suoi saggi su Cavalcanti, Dante, l'aristotelismo latino e l'influsso della cultura araba (Dante a un nuovo crocevia 1981; Percorsi dell'invenzione 1993; La felicità mentale 1983).

La Corti non solo si dedicò all'insegnamento, ma per la scuola scrisse diversi libri di testo: fra gli altri, l'innovativa grammatica Una lingua per tutti (1978), che elaborò con alcuni giovani collaboratori; non va poi dimenticato che nel suo dinamismo culturale fu un'accademica della Crusca, fondò e diresse riviste come "Strumenti critici", "Autografo" e "Alfabeta", collaborando anche a riviste quali "Il cavallo di Troia", "L'Albero" (1949-1954, salentina), "Paragone", "Uomini e libri", "Nuova Antologia", "Nuovi Argomenti", "L'immaginazione" e ai quotidiani "Il Giorno" (dal 1965 al 1979) e "la Repubblica" (dal 1980 al 2002).

Ricevette alcuni premi: nel 1989 il Premio Flaiano, l'Ambrogino d'oro e il premio speciale per la letteratura della Presidenza del Consiglio, nel 1999 il premio Ministro dei Beni culturali dall'Accademia dei Lincei e, nello stesso anno, il Premio Campiello alla carriera.

Come curatele, presentazioni e edizioni critiche si è occupata anche di Pietro Jacopo De Jennaro, Vincenzo Monti, Jacopo Sannazaro, dell'anonima Vita di san Petronio, di Benvenuto Terracini, Hans Memling, Beppe Fenoglio (di cui ha curato le opere presso Einaudi), Giacomo Leopardi (in particolare dei testi giovanili), Antonio Porta, Bonvesin de la Riva, Elio Vittorini (di cui ha curato le opere ne "I Meridiani"), Eugenio Montale (gli autografi), Pier Massimo Forni, Nico Orengo, Giulio Angioni, Sandro Sinigaglia, Sibilla Aleramo, Daniello Bartoli, Lucio Mastronardi, Antonia Pozzi, Giovanni Faldella, Fabio Pusterla, Ennio Flaiano (di cui ha curato le opere presso Bompiani con Anna Longoni), Luigi Meneghello, Romano Bilenchi, Giorgio Manganelli, Gesualdo Bufalino (di cui ha curato le opere presso Bompiani con Francesca Caputo), Jurij Lotman, Cesare Angelini, Carlo Levi, Alda Merini (di cui fu intima amica), Salvatore Toma, Carlo Emilio Gadda, delle antologie in volume delle riviste "L'albero" e "Alfabeta", di letteratura milanese, linguaggio pubblicitario, canzone d'autore, poesia albanese e, magistralmente, di Guido Cavalcanti e Dante Alighieri.

All'inizio del 2002 ancora attiva e lucida venne ricoverata all'ospedale San Paolo di Milano in seguito a una crisi respiratoria, e il 22 febbraio morì; la salma venne tumulata nella tomba di famiglia a Pellio Intelvi il 25 febbraio.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Studi sulla latinitià merovingia in testi agiografici minori, Messina, Principato, 1939
  • Studi sulla sintassi della lingua poetica avanti lo Stilnovo, Firenze, Olschki 1953; poi in La lingua poetica avanti lo Stilnovo. Studi sul lessico e sulla sintassi, a cura di Giancarlo Breschi e Angelo Stella, Firenze, Galluzzo 2005 ISBN 8884501423
  • Metodi e fantasmi, Milano, Feltrinelli 1969, nuova ed. ampliata come Nuovi metodi e fantasmi, 1997 ISBN 8807103176
  • I metodi attuali della critica in Italia (in coll. con Cesare Segre), Torino, ERI, 1970
  • Entro dipinta gabbia - Tutti gli scritti inediti, rari e editi 1809-1810 di Giacomo Leopardi, Milano, Bompiani, 1972
  • Princìpi della comunicazione letteraria, Milano, Bompiani 1976, nuova ed. come Per una enciclopedia della comunicazione letteraria, 1997 ISBN 8845230953 ISBN 8845230961
  • II viaggio testuale. Le ideologie e le strutture semiotiche, Torino, Einaudi 1978 e 1991 ISBN 8806300806
  • Beppe Fenoglio. Storia di un «continuum» narrativo, Padova, Liviana 1978
  • Una lingua di tutti. Pratica, storia e grammatica della lingua italiana, con Emilio Manzotti e Flavia Ravazzoli, Firenze, Le Monnier 1979 ISBN 880031130X
  • Dante a un nuovo crocevia, Firenze, Sansoni-Le lettere 1981
  • La felicità mentale. Nuove prospettive per Cavalcanti e Dante, Torino, Einaudi 1983 ISBN 8806056298 ISBN 8806562916
  • Per filo e per segno: grammatica italiana per il biennio (con Claudia Caffi), Milano, Bompiani, 1989 ISBN 8845028321
  • Storia della lingua italiana e storia dei testi (con una bibliografia a cura di Rossana Saccani), Milano-Napoli, Ricciardi, 1989
  • Percorsi dell'invenzione. Il linguaggio poetico e Dante, Torino, Einaudi 1993 ISBN 8806121405
  • Ombre dal fondo, Torino, Einaudi 1997 ISBN 8806143174
  • Dialogo in pubblico, intervista di Cristina Nesi, Milano, Rizzoli 1995; Bompiani 2001, con bibliografia ISBN 8817844381 ISBN 8845257185
  • Scritti su Cavalcanti e Dante, Torino, Einaudi 2003: contiene La felicità mentale e Percorsi dell'invenzione ISBN 8806158988
  • Un ponte tra latino e italiano, Novara, Interlinea 2003 ISBN 8882123502

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]