Vittorio De Seta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vittorio De Seta

Vittorio De Seta (Palermo, 15 ottobre 1923Sellia Marina, 28 novembre 2011) è stato un regista e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente da una famiglia aristocratica, dopo aver studiato per qualche tempo architettura a Roma, nel 1953 intraprende la carriera cinematografica lavorando come secondo aiuto regista di Mario Chiari per un episodio del film Amori di mezzo secolo.[1] Nel 1954 diventa aiuto regista di Jean-Paul Le Chanois in Vacanze d'amore.[2] Successivamente si dedica all'attività di sceneggiatore e documentarista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

I documentari che realizza negli anni 1950, ambientati prevalentemente in Sicilia e Sardegna, descrivono con potente espressività i modi di vivere del proletariato meridionale (feste sacre di Pasqua in Sicilia) e le dure condizioni di vita dei pescatori siciliani, dei minatori di zolfo nisseni, dei pastori della Barbagia.[3] Tra questi cortometraggi il documentario Isola di fuoco, ambientato nelle isole Eolie, viene premiato come miglior documentario al Festival di Cannes del 1955.[4]

Nel 1961 debutta al cinema con Banditi a Orgosolo, sceneggiato con la moglie Vera Gherarducci, un film stilisticamente asciutto, che arricchisce di una sensibilità più moderna e consapevole la lezione del neorealismo e si annovera "tra le cose migliori di ogni tempo sulla Sardegna"[5]. Il film vince il premio Opera prima al Festival di Venezia e il Nastro d'Argento alla migliore fotografia.[6]

Nel 1966 realizza Un uomo a metà, che si allontana dal documentarismo che contraddistingue la sua carriera: è un'analisi in chiave psicanalitica della crisi di un intellettuale nei confronti del suo impegno sociale. Tra il 1969 e i primi anni 1970 si trasferisce in Francia per girare L'invitata. Il film, anche se apprezzato da Alberto Moravia e Pier Paolo Pasolini, sarà accolto freddamente.[2]

Nel 1972 De Seta ritorna alle tematiche degli esordi con una miniserie televisiva prodotta dalla RAI, Diario di un maestro, documento di una difficile esperienza didattica condotta in una borgata romana. Il film viene accolto molto bene dal pubblico, questo successo avvia la lunga collaborazione del regista con la RAI.[2]

Negli anni ottanta realizza documentari per la televisione e si trasferisce nella tenuta materna di Sellia Marina in provincia di Catanzaro.

Il suo profondo legame con la Calabria, che ha dato i natali a sua madre, è esplorato nel documentario In Calabria, del 1993.

Nel 2000 partecipa come attore (nella parte di sé stesso) al mediometraggio Melissa 49/99 di Eugenio Attanasio e Giovanni Scarfò.[7] Nello stesso anno realizza, con il fotografo Angelo Franco Aschei, il corto Mano e partecipa come attore ad un video realizzato da Leandro Manuel Emede con musiche di Giacomo Dati.[8]

Nel 2006 realizza il lungometraggio Lettere dal Sahara, che segue la vita di un immigrato africano in Italia. Il film partecipa fuori concorso al Festival di Venezia.[2]

Negli ultimi anni della sua vita si ritira in Calabria, dove muore all'età di 88 anni.[9]

Tributi[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 2009 il Bif&st di Bari assegna un premio intitolato a Vittorio De Seta per il "miglior documentario" del festival.

Nell'aprile del 2012, dopo anni di abbandono, il movimento "I cantieri che vogliamo" riapre il cinema da 500 posti dei Cantieri culturali alla Zisa di Palermo e lo intitola a Vittorio De Seta. Da allora anche per l'amministrazione comunale quello è il Cinema De Seta, dove si sperimenta una programmazione d'essai.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Anni 1950

Negli anni 1950 De Seta ha girato una serie di brevi documentari che trattano della vita quotidiana e del lavoro nell'Italia insulare: pescatori, contadini, pastori e minatori in Sicilia e Sardegna. I dimenticati, ultimo di quel periodo, è invece girato in Calabria.

  • 1954. Lu tempu di li pisci spata (11 min.)
  • 1954. Isole di fuoco (11 min.)
  • 1955. Sulfarara (10 min.)
  • 1955. Pasqua in Sicilia (11 min.)
  • 1955. Contadini del mare (10 min.)
  • 1955. Parabola d'oro (10 min.)
  • 1958. Pescherecci (11 min.)
  • 1958. Pastori di Orgosolo (11 min.)
  • 1958. Un giorno in Barbagia (14 min.)
  • 1959. I dimenticati (20 min.)

Nel 2008 la serie è stata restaurata dalla Cineteca di Bologna, e pubblicata dalla Feltrinelli in un DVD intitolato Il mondo perduto,[10] insieme a un libro che, fra gli altri, raccoglie i commenti di Roberto Saviano, Martin Scorsese, Vincenzo Consolo, Goffredo Fofi e Alberto Farassino.[11]

Anni 1970 - 2000
  • 1977-1980. Quando la scuola cambia, (226 min.)
  • 1980. La Sicilia rivisitata, (210 min.)
  • 1980. Hong Kong, città di profughi, (135 min.)
  • 1983. Un carnevale per Venezia.
  • 1993. In Calabria, (85 min.)
  • 2003. Dedicato ad Antonino Uccello, (30 min.)
  • 2008. Articolo 23 - Pentedattilo (5 min.)

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

  • Introduzione del volume La Calabria (a cura di Curtosi F. e Candido G., 2009, Città del Sole edizioni, RC), antologia dell'omonima rivista di letteratura popolare (1838-1902) diretta dal prof. Luigi Bruzzano (2009).

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda su Amori di mezzo secolo dell'Internet Movie Database
  2. ^ a b c d Vittorio De Seta - Biografia, su «Trovacinema» di «La Repubblica». Consultato il 15 luglio 2010
  3. ^ I documentari di Vittorio De Seta (1954-1959), rubrica RAI Tg2 Mizar (su YouTube) - 28 febbraio 2009. Consultato il 2 dicembre 2011.
  4. ^ a b Scheda su Isola di Fuoco, miglior documentario - corto metraggio del Festival di Cannes 1955. Consultato il 15 luglio 2010
  5. ^ Giulio Angioni, Sul grande schermo il volto degli ultimi, "La Nuova Sardegna", 30.11.2011 [1]
  6. ^ a b c Banditi a Orgosolo - Scheda premi su IMBd. Consultato il 14 luglio 2010
  7. ^ kataweb cinema - Torino film festival | cinema giovani
  8. ^ Vittorio De Seta | Festival della Montagna 2010 | Cuneo
  9. ^ Morto il regista Vittorio De Seta in cinema-tv.corriere.it, 29 novembre 2011. URL consultato il 29 novembre 2011.
  10. ^ a b Scheda su Il mondo perduto: i cortometraggi di Vittorio De Seta. 1954-1959 di Feltrinelli. Consultato il 15 luglio 2010
  11. ^ Il mondo perduto - Nota di copertina Consultato il 2 dicembre 2011
  12. ^ Premi David di Donatello - Vittorio De Seta. Consultato il 12 luglio 2010
  13. ^ a b Scheda su Détour De Seta al Tribeca Film Festival. URL consultato il 5 luglio 2010
  14. ^ Full Frame Fest Advisory Board - Martin Scorsese. Consultato il 12 luglio 2010
  15. ^ Pino La Rocca. Alessandria del Carretto: cittadinanza onoraria al regista De Seta. Consultato il 2 dicembre 2011
  16. ^ Scheda sul libro Il cinema di Vittorio De Seta. Consultato il 15 luglio 2010

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 15595540 LCCN: n97108444 SBN: IT\ICCU\RAVV\053373