Bari International Film Festival

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bari International Film Festival
Logo BIF&ST.png
Logo del Bari International Film Festival
Luogo Bari
Anni 2009 - oggi
Fondato da Felice Laudadio, Apulia Film Commission, Regione Puglia
Date Marzo
Genere Cinema
Staff Ettore Scola (Presidente)

Felice Laudadio (Direttore Artistico)

Sito ufficiale http://www.bifest.it/

Il Bari International Film Festival (BIF&ST) è il festival internazionale del cinema e della cultura cinematografica di Bari.

Il BIF&ST è stato voluto e promosso dalla Regione Puglia (Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo) ed è organizzato dalla Apulia Film Commission, come principale progetto portato avanti in questi anni dall'Ente. Appuntamento promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, con la collaborazione del Comune di Bari e dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro.[1]Durante la mostra sono presentati molti film di produzione internazionale in anteprima mondiale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Bari International Film Festival (in acronimo: "Bif&st") nasce nel 2009 da un'idea di Felice Laudadio, che ne è il direttore artistico. Ettore Scola è il presidente del Festival.[2]

L'iniziativa è stata promossa e cofinanziata dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) della Unione Europea.

Le edizioni svolte sono le seguenti:

Le sezioni[modifica | modifica sorgente]

Il programma artistico del Bif&st si articola nelle sezioni:

  • Anteprima mondiale o internazionale - proiezione di film italiani e stranieri di prossima uscita, alla presenza degli autori e degli interpreti, e opere prime inedite di autori italiani e stranieri.
  • Rassegna di film TV, miniserie TV, episodi pilota e lunghe serie TV realizzate per le televisioni da produttori, registi, sceneggiatori, attori di tutto il mondo.
  • Rassegna dei migliori film italiani di lungometraggio prescelti da un Comitato composto da critici cinematografici.

Inoltre il festival è corredato da tributi, retrospettive, incontri e lezioni di cinema con attori e registi italiani e stranieri, laboratori di cinema e di teatro, convegni, mostre, spettacoli teatrali e presentazioni di libri.

Le categorie in concorso[modifica | modifica sorgente]

L'edizione “Zero”[modifica | modifica sorgente]

Nel 2009 si tiene l'edizione "zero" dal 12 al 17 gennaio: il festival con il nome di Festival di Bari per il cinema italiano (ItaliaFilmFest) e la partecipazione di 150 cineasti, supera i 17.500[3] spettatori in cinque giorni di programmazione, con successo tra il pubblico giovanile: è l'edizione sperimentale.

Le giurie[modifica | modifica sorgente]

Le due giurie popolari[4] dell'ItaliaFilmFest sono state presiedute da Michele Placido (categoria lungometraggi) e da Corso Salani (categoria documentari).

Tributi e retrospettive[modifica | modifica sorgente]

Nel programma sono stati previsti tributi e retrospettive[5]:

Le anteprime a Bari[modifica | modifica sorgente]

Le tre anteprime dell'edizione zero del Festival[6]:

Premi Fellini 8 1/2 per l'Eccellenza Artistica[modifica | modifica sorgente]

I premi del 2009[7][modifica | modifica sorgente]

La prima edizione[modifica | modifica sorgente]

Nel 2010 si tiene la prima edizione tra il 23 e il 30 gennaio: 331 eventi con 45.000 spettatori[8] in 10 sale della città di Bari. Cortometraggi, rassegna di film italiani di cortometraggio selezionati, documentari italiani selezionati[9]. Il 5 settembre 2009, presso la Villa degli Autori, al Lido di Venezia si è svolta la conferenza stampa di presentazione della prima edizione in programma[10].

Le giurie[modifica | modifica sorgente]

Le giurie[11] del Bari International Film Festival sono composte da italiani e stranieri. La giuria internazionale che ha assegnato la maggior parte dei premi è stata presieduta dalla regista Margarethe von Trotta e composta dal produttore Cedomir Kolar, dal direttore di festival Moritz de Hadeln, dall'attrice Greta Scacchi e dai critici Klaus Eder e Grazyna Torbicka. Una giuria del pubblico composta da 50 spettatori e presieduta dalla produttrice e attrice Zeudi Araya, ha attribuito i premi Franco Cristaldi, Vittorio Gassman e Alida Valli. Un'altra giuria del pubblico composta da 30 spettatori e presieduta dalla regista Enrica Fico Antonioni ha attribuito il premio Michelangelo Antonioni. Una terza giuria del pubblico composta da 30 spettatori e presieduta da Gianni Minà ha attribuito il premio Vittorio De Seta.

Tributi e retrospettive[modifica | modifica sorgente]

Nel programma sono stati previsti tributi e retrospettive[12]:

  • Francesco Rosi, sono stati proiettati 13 suoi film;
  • Elio Petri, sono stati proiettati 7 suoi film;
  • Gian Maria Volonté, sono stati proiettati 18 suoi film;
  • Tonino Guerra, per festeggiare i 90 anni dello scrittore sono stati proiettati 16 suoi film, molti dei quali compresi nella retrospettiva Rosi;
  • Valerio De Paolis, sono stati proiettati 26 suoi film;
  • Federico Fellini, dedicato al 90º anniversario della nascita del regista italiano e ai 60 anni del Festival del cinema di Cannes è stato proiettato il film Chacun son cinéma composto da 34 cortometraggi di 3 minuti l'uno, diretti da 36 registi. Inoltre è stato proiettato il film 8 1/2;
  • Edoardo Winspeare, sono stati proiettati 7 suoi documentari;
  • Cinema e ambiente, sono stati proiettati 8 film e documentari rivolti agli studenti delle scuole medie superiori.

Le anteprime[modifica | modifica sorgente]

Le dieci anteprime della prima edizione del Festival[13]:

Premi Fellini 8 1/2 per l'Eccellenza Artistica[modifica | modifica sorgente]

I premi del 2010[14][modifica | modifica sorgente]

La seconda edizione[modifica | modifica sorgente]

Nel 2011 si tiene la seconda edizione tra il 22 e il 29 gennaio: 331 eventi[15] con 52.000 spettatori[16]. Il manifesto è un disegno di Marcello Mastroianni, che lo aveva realizzato per un precedente festival diretto da Felice Laudadio a Bari, EuropaCinema, nel 1988[17].

Le giurie[modifica | modifica sorgente]

Le giurie[18] del Bari International Film Festival sono composte da italiani e stranieri. La giuria internazionale che ha assegnato la maggior parte dei premi è stata presieduta dal critico francese Jean Roy e composta dallo sceneggiatore e scrittore tedesco Peter Schneider, dall'attore francese Jean Sorel, dall'attrice britannica Greta Scacchi e dallo stilista/costumista francese, di origini pugliesi, Emanuel Ungaro. Una giuria del pubblico composta da 50 spettatori e presieduta giornalista svizzera Marie Delphine Bonada, ha attribuito i premi Franco Cristaldi, Alberto Sordi e Alida Valli. Un'altra giuria del pubblico composta da 30 spettatori e presieduta dalla giornalista Maria Pia Fusco ha attribuito il premio Michelangelo Antonioni. Una terza giuria del pubblico composta da 30 spettatori e presieduta dalla documentarista Maite Carpio ha attribuito il premio Vittorio De Seta.

Tributi e retrospettive[modifica | modifica sorgente]

Nel programma sono stati previsti tributi e retrospettive[19]:

Le anteprime a Bari[modifica | modifica sorgente]

Le tredici anteprime della seconda edizione del Festival[22]:

Premi Fellini 8 1/2 per l'Eccellenza Artistica[modifica | modifica sorgente]

I premi del 2011[23][modifica | modifica sorgente]

La terza edizione[modifica | modifica sorgente]

Nel 2012 si tiene la terza edizione dal 24 al 31 marzo: 330 eventi[25] con 55.000 spettatori[26].

Le giurie[modifica | modifica sorgente]

Le giurie[27][28] del Bari International Film Festival sono composte da italiani e stranieri. La giuria internazionale che ha assegnato la maggior parte dei premi è stata composta dai critici Klaus Ede, Noura Borsali, Olga Klingenberg, Paulo Portugal e Pablo Utin. Una giuria del pubblico per la sezione Panorama internazionale invece, composta da 50 spettatori e presieduta da Stefano Bronzini, ha assegnato il Premio Internazionale Bif&st 2012. La giuria della sezione ItaliaFilmFest/Opera prima, composta dai registi Edoardo Winspeare, Alessandro Piva e Maurizio Sciarra, ha assegnato il premio Francesco Laudadio. Un'altra giuria del pubblico composta da 30 spettatori e presieduta da Maurizio Nichetti ha attribuito il premio Michelangelo Antonioni. Una quinta giuria del pubblico composta da 30 spettatori e presieduta da Gianni Minà ha attribuito il premio Vittorio De Seta.

Tributi e retrospettive[modifica | modifica sorgente]

Nel programma sono stati previsti tributi e retrospettive:

Le anteprime a Bari[modifica | modifica sorgente]

Le sette anteprime della terza edizione del Festival[31]:

Premi Fellini 8 1/2 per l'Eccellenza Artistica[modifica | modifica sorgente]

I premi del 2012[38][modifica | modifica sorgente]

La quarta edizione[modifica | modifica sorgente]

Nel 2013 si tiene la quarta edizione dal 16 al 23 marzo: 400 eventi[42] con 70.000 spettatori[43].

Le giurie[modifica | modifica sorgente]

Le giurie[44] del Bari International Film Festival sono composte da italiani e stranieri. La giuria del pubblico per la sezione Panorama Internazionale è composta da 50 spettatori e presieduta dal produttore Ulrich Felsberg e attribuisce il Premio Bif&st del pubblico per il miglior film, la migliore attrice e il miglior attore protagonisti. La giuria della sezione ItaliaFilmFest/Documentari è composta da 30 spettatori e presieduta dal regista Pippo Mezzapesa e attribuisce il premio Vittorio De Seta per il regista del miglior film documentario. Infine la giuria della sezione ItaliaFilmFest/Cortometraggi è composta da 30 spettatori e presieduta dal regista Daniele Vicari e attribuisce il premio Michelangelo Antonioni per il regista del miglior film di cortometraggio. La giuria della sezione ItaliaFilmFest/Opere prime e seconde è composta da Francesco Alò e Carlo Di Carlo e presieduta dal critico cinematografico Jean Antoine Gili e attribuisce il premio Francesco Laudadio. Una giuria internazionale presieduta dal critico cinematografico Michel Ciment assegna il premio Mario Monicelli per la migliore regia.

Tributi e retrospettive[modifica | modifica sorgente]

Nel programma sono stati previsti tributi e retrospettive:

  • Federico Fellini: questa edizione del festival è stata dedicata al regista romagnolo in occasione del ventennale della sua morte[45]. Presentato come Festival Federico Fellini ha proposto film, mostre, documentari e colloqui che hanno come protagonista il regista[46];
  • Alberto Sordi: in occasione del decennale della scomparsa dell'attore romano, gli è stato dedicato il Festival Alberto Sordi che ha proposto film e documentari[47];
  • Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo: tributo con la proiezione di 15 film ai quali hanno partecipato[48];
  • Mariangela Melato: tributo per ricordare l'attrice deceduta nel gennaio 2013 con la proiezione di 5 suoi film[49];
  • Adriano Celentano: tributo con la proiezione di 9 film interpretati dall'artista milanese[50];
  • Bertrand Tavernier: tributo al regista francese con la proiezione di 4 suoi film[51];
  • Stephen Frears: tributo al regista inglese con la proiezione di 4 suoi film[52];
  • Emidio Greco: tributo al regista deceduto nel dicembre 2012 con la proiezione di 3 suoi film[53];
  • Lina Sastri: Performance musicale dell'attrice e cantante napoletana nella serata finale del festival;
  • Lina Wertmüller: tributo alla regista romana con la proiezione di 4 suoi film[54];
  • Giancarlo Giannini: tributo con la proiezione di 4 film interpretati dall'attore[55].

Le anteprime a Bari[modifica | modifica sorgente]

Le nove anteprime della quarta edizione del Festival[56]:

Premi Fellini Platinum Award per l'Eccellenza Artistica[modifica | modifica sorgente]

I premi del 2013[62][modifica | modifica sorgente]

La quinta edizione[modifica | modifica sorgente]

La quinta edizione si è tenuta dal 5 al 12 aprile 2014: 338 eventi[66] con poco più di 70.000 spettatori[67].

Le giurie[modifica | modifica sorgente]

Le giurie[68] del Bari International Film Festival sono composte da italiani e stranieri. La giuria del pubblico per la sezione Panorama Internazionale è composta da 30 spettatori e presieduta dallo sceneggiatore e regista Francesco Bruni e attribuisce il Premio Bif&st 2014 al regista per il miglior film. La giuria della sezione ItaliaFilmFest/Documentari è composta da 30 spettatori e presieduta dal critico d’arte e documentarista Achille Bonito Oliva e attribuisce il premio Vittorio De Seta al regista del miglior film documentario. La giuria della sezione ItaliaFilmFest/Lungometraggi, espressa dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI), è composta da Valerio Caprara, Paolo D’Agostini, Piera Detassis, Fabio Ferzetti, Anton Giulio Mancino, Paolo Mereghetti, Franco Montini, Sergio Naitza, Silvana Silvestri, e vaglierà gli 11 film italiani della stagione 2013-2014 (non opere prime o seconde) selezionati dalla direzione artistica del Bif&st. La giuria della sezione ItaliaFilmFest/Opere prime e seconde è composta da 30 spettatori e presieduta dal regista Giuliano Montaldo e attribuisce il premio Francesco Laudadio. Infine, per la sezione autonoma Arcipelago, la giuria è composta da 30 spettatori e presieduta dal produttore Nicola Giuliano e attribuisce il premio Michelangelo Antonioni al regista del miglior cortometraggio.

Tributi e retrospettive[modifica | modifica sorgente]

Nel programma sono stati previsti tributi e retrospettive:

Le anteprime a Bari[modifica | modifica sorgente]

Le otto anteprime della quinta edizione del Festival[79]:

Premi Federico Fellini Platinum Award per l'Eccellenza Cinematografica e Artistica[modifica | modifica sorgente]

I premi del 2014[87][modifica | modifica sorgente]

La sesta edizione[modifica | modifica sorgente]

La sesta edizione si terrà dal 21 al 28 marzo 2015[89].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fonte: Apulia film commission.
  2. ^ Ettore Scola Presidente del Bif&st
  3. ^ 17.500 spettatori per l'ItaliaFilmFest 2009
  4. ^ Le giurie dell'ItaliaFilmFest 2009
  5. ^ Tributi e retrospettive ItaliaFilmFest 2009
  6. ^ Le anteprime 2009
  7. ^ Premi ItaliaFilmFest 2009
  8. ^ 45.000 spettatori per il Bif&st 2010
  9. ^ I numeri del festival 2010
  10. ^ Bif&st, nuovo festival del cinema a Bari
  11. ^ Le giurie del Bif&st 2010
  12. ^ Tributi e retrospettive Bif&st 2010
  13. ^ Le anteprime 2010
  14. ^ Premi Bif&st 2010
  15. ^ I numeri del festival 2011
  16. ^ 52.000 spettatori per il Bif&st 2011
  17. ^ Bif&st 2011: il manifesto è un disegno di Marcello Mastroianni
  18. ^ Le giurie del Bif&st 2011
  19. ^ Tributi e retrospettive Bif&st 2011
  20. ^ Tributo a Giuseppe Tornatore Bif&st 2011
  21. ^ Tributo a Domenico Procacci Bif&st 2011
  22. ^ Le anteprime 2011
  23. ^ Premi Bif&st 2011
  24. ^ Motivazione Premio Franco Cristaldi 2011
  25. ^ I numeri del festival 2012
  26. ^ 55.000 spettatori per il Bif&st 2012
  27. ^ Le giurie del Bif&st 2012
  28. ^ Le giurie del Bif&st 2012
  29. ^ a b Bari dedica il suo festival al poeta Tonino Guerra
  30. ^ Fonte: Programma Ufficiale BIFE&ST 2012
  31. ^ Le anteprime 2012
  32. ^ Premio Fellini 8 1/2 a Liliana Cavani
  33. ^ Premio Fellini 8 1/2 a Max von Sydow
  34. ^ Premio Fellini 8 1/2 a Richard Borg
  35. ^ Premio Fellini 8 1/2 ad Abbas Kiarostami
  36. ^ Premio Fellini 8 1/2 a John Madden
  37. ^ Premio Fellini 8 1/2 a Virna Lisi
  38. ^ Premi Bif&st 2012
  39. ^ Motivazione Premio Franco Cristaldi 2012
  40. ^ Menzione speciale a Il Mundial dimenticato di Filippo Macelloni e Lorenzo Grazella
  41. ^ Menzione speciale a Il numero di Sharon di Roberto Gagnor
  42. ^ Bif&st 2013, Bari celebra la cultura
  43. ^ Bif&st, vincono Mereu e Bellocchio migliori attori Herlitzka e due debuttanti
  44. ^ Le giurie del Bif&st 2013
  45. ^ Bif&st 2013 dedicato a Fellini
  46. ^ Festival Federico Fellini
  47. ^ Festival Alberto Sordi
  48. ^ Tributo Ferretti/Lo Schiavo
  49. ^ Tributo a Mariangela Melato
  50. ^ Tributo ad Adriano Celentano
  51. ^ Tributo a Bertrand Tavernier
  52. ^ Tributo a Stephen Frears
  53. ^ Tributo ad Emidio Greco
  54. ^ tributo a Lina Wertmüller
  55. ^ Tributo a Giancarlo Giannini
  56. ^ Le anteprime 2013
  57. ^ Fellini Platinum Award a Giancarlo Giannini
  58. ^ Fellini Platinum Award a Stephen Frears
  59. ^ Fellini Platinum Award a Barbara Sukowa
  60. ^ Fellini Platinum Award a Bertrand Tavernier
  61. ^ Fellini Platinum Award per i tre volte Premi Oscar Ferretti/Lo Schiavo
  62. ^ I premi del Bif&st 2013
  63. ^ Premio Michelangelo Antonioni per il miglior cortometraggio a Genesi di Donatella Altieri
  64. ^ Premio Vittorio De Seta per il miglior regista di film documentario a Matteo Bastianelli per The Bosnian Identity
  65. ^ Premio Francesco Laudadio per la miglior opera prima e seconda Razza Bastarda di Alessandro Gassman
  66. ^ Bif&st 2014
  67. ^ Bif&st, 70mila spettatori in una settimana
  68. ^ Le giurie del Bif&st 2014
  69. ^ Festival Gian Maria Volonté
  70. ^ Tributo a Massimo Troisi
  71. ^ Tributo a Carlo Mazzacurati
  72. ^ Tributo a Paolo Sorrentino
  73. ^ Tributo a Sergio Castellitto
  74. ^ Tributo a Cristina Comencini
  75. ^ Tributo a Ugo Gregoretti
  76. ^ Tributo a Luis Bacalov
  77. ^ Tributo a Andrea Camilleri
  78. ^ Tributo a Carlo Lizzani
  79. ^ Le anteprime 2014
  80. ^ Federico Fellini Platinum Award for Cinematic Excellence a Paolo Sorrentino
  81. ^ Federico Fellini Platinum Award for Cinematic Excellence a Sergio Castellitto
  82. ^ Federico Fellini Platinum Award for Cinematic Excellence a Cristina Comencini
  83. ^ Federico Fellini Platinum Award for Artistic Excellence a Ugo Gregoretti
  84. ^ Federico Fellini Platinum Award for Cinematic Excellence a Luis Bacalov
  85. ^ Federico Fellini Platinum Award for Cinematic Excellence a Michael Radford
  86. ^ Federico Fellini Platinum Award for Artistic Excellence a Andrea Camilleri
  87. ^ I premi del Bif&st 2014
  88. ^ Premio Michelangelo Antonioni per il miglior cortometraggio
  89. ^ Bif&st 2014, dati da record

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]