Cesarina Vighy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cesarina Vighy (Venezia, 31 maggio 1936Roma, 1 maggio 2010) è stata una scrittrice italiana.


Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata a Venezia nel 1936, da Maria D’Alberton e Dino Vighy (importante figura intellettuale della città), conseguì la maturità presso il Liceo Classico Marco Polo. Ancora giovanissima, diventò una piccola stella del Teatro Universitario di Ca’ Foscari con il quale partecipò a diverse tournée per l’Europa. Si iscrisse successivamente alla facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di Padova ma già alla fine degli anni Cinquanta decise di trasferirsi a Roma dove si laureò in Epigrafia latina con una tesi sulla condizione dell’attore in epoca romana.

Nel 1982, stabilitasi nel quartiere Trastevere con il marito Giancarlo e la figlia Alice, dopo un periodo di attività al Ministero per i Beni Culturali, comincia a lavorare presso la Biblioteca di storia moderna e contemporanea, nello storico palazzo Mattei di Giove, in cui resta fino alla pensione.

Nel 2009, all’età di settantatré anni e già gravemente malata di sclerosi laterale amiotrofica (SLA), esordisce con L'ultima estate, un romanzo dai forti spunti autobiografici, che vince il Premio Campiello opera prima, il Premio Cesare De Lollis, e si impone nella cinquina del Premio Strega.

Muore nel maggio del 2010, due giorni dopo l’uscita del suo secondo libro, Scendo. Buon proseguimento, un addio in forma epistolare costruito con un corpus di mail spedite a familiari e amici.


Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi L'ultima estate.
« Camminare eretti e parlare, due facoltà che hanno fatto della scimmia un uomo: io le sto perdendo entrambe. Restano l'inutile pollice sovrapponibile e l'insopportabile coscienza di me. »
(L'ultima estate)
« Eccoci qua dopo anni di quiete che si potrebbero chiamare anni felici se solo sapessimo, mentre la si vive, che quella è la felicità. »
(L'ultima estate)
« Dicono che si nasca incendiari e muoia pompieri. A me è successo il contrario: brucerei tutto, adesso. »
(L'ultima estate)


Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Scendo. Buon proseguimento.


Opere[modifica | modifica sorgente]


Audiolibri


Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Sito ufficiale dedicato a Cesarina Vighy: [1]
  • Dal sito di Fazi Editore: su L'ultima estate [2]
  • Dal sito di Fazi Editore: su Scendo. Buon proseguimento [3]
  • Sito del Premio Campiello (opera prima): [4]
  • Dal sito della Fondazione Bellonci (Premio Strega): [5]
  • Video da Extraterreni di Valeria Paniccia. Puntata su Venezia, con Cesarina Vighy [6]
  • La prima intervista su "la Repubblica" [7], 23 aprile 2009.
  • Il primo intervento sul "Corriere della sera" [8], 8 giugno 2009.
  • L'ultima estate libro del giorno a Fahrenheit Radio3 [9], puntata del 27/05/2009.
  • Intervento su la Repubblica del 20/0/2009 [10]
  • Racconto "La terza trovatella" pubblicato sul Corriere della sera il 20/08/2009 [11]
  • Ottavia Piccolo su "L'ultima estate" [12]
  • Presentazione dell'audiolibro a cura di EMONS [13]
  • Incontri con l'autore - Forlì 29/01/2010 [14]
  • Omaggio a Cesarina Vighy, Fahrenheit Radio3 [15], puntata del 3 maggio 2010.


Altri progetti[modifica | modifica sorgente]