Giacomo Carissimi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giacomo Carissimi

Giacomo Carissimi (Marino, 18 aprile 1605Roma, 12 gennaio 1674) è stato un compositore italiano del periodo barocco, insieme a Bonifazio Graziani uno dei maggiori rappresentanti della scuola polifonica romana del XVII secolo.

La vita[modifica | modifica wikitesto]

Carissimi nacque nel 1605 [1] a Marino, cittadina fortificata a cinque leghe e mezzo circa da Roma, nei Castelli Romani. Si sa che fu in questa città che apprese la musica, ma si ignora il nome del maestro che lo guidò nei suoi studi. È comunque verosimile che Carissimi non debba ad altri che a sé stesso il talento che acquisì nella sua arte, si nota infatti, nelle sue opere, un'invenzione ed una vena creativa in aperto contrasto con lo stile severo allora in uso nelle scuole d'Italia. Suo padre era una fabbricante di botti che assunse come cognome il nome di suo padre, Carissimo. All'età di diciotto anni venne ammesso come cantore nella cappella del Duomo di Tivoli, e ben presto ne divenne organista. Al compimento dei vent'anni fu portato ad Assisi e vi esercitò le funzioni di maestro di cappella fino al 1629. Nel 1630 ottenne a Roma il posto di maestro di cappella della chiesa di Sant'Apollinare del collegio germanico[2], carica che ricoprì fino all'ultimo dei suoi giorni. Nel 1637 fu ordinato sacerdote. Non uscì mai dallo Stato della Chiesa né diede lezioni di musica o di composizione al di fuori della capitale del mondo cristiano. È quindi senza alcun fondamento che Le Cerf de la Vieille de Fresnease[3] pretende che Carissimi si sia formato facendo cantare, per lungo tempo i suoi pezzi ai Teatini di Parigi. Prima di Mazarino, non si conosce musicista italiano che sia andato in Francia, se non Baltazarini, o Kircher che ha fatto stampare la sua Musurgia a Roma nel 1650. Amico di Carissimi, quest'ultimo racconta che Carissimi era da lungo tempo maestro della già citata chiesa di Sant'Apollinare e, per di più, le notizie raccolte dall'abate Pietro Alfieri, dimostrano che non fece mai viaggi all'estero. Carissimi morì nel 1674 e fu inumato nella stessa chiesa in cui aveva trascorso buona parte della sua vita. La congregazione ed accademia di Santa Cecilia della quale era stato membro, gli organizzò un funerale solenne nella chiesa del convento di Santa Maddalena; non restano tracce della sua tomba[4]. "...suo successore come maestro di cappella al Collegio Germanico nel 1686, che ce lo descrive come:Assai frugale nelle sue vicende domestiche, molto nobile di maniere nei confronti di amici e conoscenti, di alta statura, magro e incline alla melanconia." [5].

Considerazioni sull'artista[modifica | modifica wikitesto]

Operando come docente e compositore in uno dei centri della cultura musicale dell'epoca, Carissimi esercitò una significativa influenza su alcuni aspetti della musica barocca. La sua fama è legata soprattutto alle cantate e agli oratori. Se non fu l'inventore della cantata propriamente detta, lo si può perlomeno considerare come uno dei maestri che contribuirono più efficacemente a perfezionarne le forme, e che, per la bellezza delle opere in questo genere, le fecero preferire ai madrigali, che non si adattavano più allo stile patetico e drammatico che l'invenzione dell'opera aveva fatto nascere. Carissimi fu anche uno dei primi compositori italiani a togliere al basso continuo la pesantezza e la monotonia che aveva nelle opere di Peri, di Caccini e anche di Monteverdi, dandogli movimento e varietà di forme. Il canto di Carissimi ha della grazia, vi si nota soprattutto un'espressione vera e spirituale, sostenuta da un'armonia che, senza essere sapiente come quella dei maestri dell'antica scuola romana, è molto pura. La sua musica è, alla luce di ogni evidenza, il prototipo della musica moderna. Perfezionata dai suoi allievi Bassani, Cesti e Bononcini, e soprattutto da Alessandro Scarlatti, la sua maniera ha condotto per gradi allo stile della musica del XVIII secolo. Tanto fecondo quanto originale, Carissimi ha scritto 8 messe, circa 200 mottetti, 227 cantate e 35 oratori (di cui due in lingua italiana), ma non è stata stampata che una piccola parte delle sue opere, da qui l'estrema rarità. Tra i compositori italiani del XVII secolo, Carissimi è uno di quelli che più hanno contribuito al perfezionamento del recitativo, messo in voga in quell'epoca da Giulio Caccini, Jacopo Peri e Claudio Monteverdi. Aveva una vera e propria passione per questa parte della musica, ed è a lui che Kircher deve gli insegnamenti dei quali aveva bisogno per trattare del recitativo nella sua Musurgia.

Notizia storica sulle opere[modifica | modifica wikitesto]

Pitoni dice che si conservava, ai suoi tempi, il ritratto di Carissimi, insieme alla raccolta di tutte le sue composizioni. Mancano datazioni sicure sulle sue opere e, a complicare il tutto, vi fu la soppressione dei Gesuiti: tutto ciò che si trovava nella chiesa del Gesù, e in quella di Sant'Apollinare, fu venduto a peso o distrutto. Il canonico Massagnoli, che l'abate Alfieri ha conosciuto nella sua giovinezza, diceva che, per una felice coincidenza, aveva acquistato, per un prezzo ridicolo, mille libbre di musica della chiesa di Sant'Apollinare ma le opere di Carissimi non si trovavano tra quelle. Solo grazie alla stima di allievi stranieri, tra cui il francese Charpentier ed il tedesco Kerll, alcune copie manoscritte delle opere del compositore sono sopravvissute e giunte sino a noi. Fra le edizioni originali si conservano solo un libro di Messe (Colonia, 1666) e uno di canzoni sacre (Costanza, 1670) oltre ai Sacri concerti musicali (Roma, 1675).[6]

Oratori latini[modifica | modifica wikitesto]

  • Audite Sancti
  • Balthazar
  • Cain
  • Diluvium universale
  • Ezechias
  • Felicitas beatorum
  • Historia Abraham et Isaac
  • Historia divitis
  • Historia Davidis et Jonathae
  • Historia di Job
  • Jephte
  • Jonas
  • Judicium extremum
  • Judicium Salomonis
  • Lamentatio damnatorum
  • Lucifer
  • Martyres
  • Salve Jesu
  • Sponsa Canticorum
  • Tolle Sponsa
  • Vir frugi et pater familias
  • Vanitas vanitatum

Oratori italiani[modifica | modifica wikitesto]

  • Oratorio della santissima vergine
  • Oratorio di Daniele profeta

Messe[modifica | modifica wikitesto]

  • Missa in Sol magg. a 8 voci senza basso continuo (Kyrie, Gloria, Credo)
  • Missa in Do magg. a 4 voci
  • Missa "sciolto havean de l'alte sponde" a 5 voci e strumenti
  • Missa L'homme armé a 12 voci
  • Missa ut queant laxis
  • Missa a quinque et novem in Do magg.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Non attendibili sono le fonti che indicano Padova come suo luogo di nascita e l'anno 1582 per la sua venuta al mondo. Johann Mattheson attribuisce infatti a Carissimi l'età di novant'anni nel 1672. Per quel che concerne il luogo di nascita, è indicata da Spiridione nella prefazione della raccolta raccolta musica romana,
  2. ^ Jacobus Carissimus, excellentissimus et celebri famae symphoneta ecclesiae Sancti Apollinaris collegii Germanici multorum annorum spatio musicae prefectus signissimus... (Musurgia, C. I, P.605)
  3. ^ Comparaison de la musique italienne et de la musique francaise 3me partie p. 202, Bruxelles 1706, in-12°
  4. ^ romecity.it, CHIESA DI SANT'APOLLINARE. URL consultato il 10 luglio 2008.
  5. ^ GLI ORATORI LATINI DI GIACOMO CARISSIMI. JEPHTE E JONAS di Simone Sorini, http://www.fortepiano.it.
  6. ^ "Le muse", De Agostini, Novara, 1965, Vol.III, pag.90

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Integrale degli oratori, direttore Flavio Colusso, Ensemble Seicentonovecento, 9CD Musicaimmagine Records

Editoria[modifica | modifica wikitesto]

Primo libro dei Mottetti, per cura e studio di Paolo Pacini. http://www.casamusicaleeco.com/shop/it/coro-voce/404-primo-libro-dei-mottetti-9788860531995.html

Secondo libro dei Mottetti, per cura e studio di Paolo Pacini. http://www.casamusicaleeco.com/shop/it/coro-voce/405-secondo-libro-dei-mottetti-9788860532008.html

Terzo libro dei Mottetti, per cura e studio di Paolo Pacini. http://www.casamusicaleeco.com/shop/it/coro-voce/406-terzo-libro-dei-mottetti-9788860532015.html

Messa a voci 5 co, V.V., per cura e studio di Paolo Pacini. http://www.casamusicaleeco.com/shop/it/coro-voce/153-messa-a-voci-5-con-vv-del-sig-giacomo-carissimi-9788860531414.html

Sacri concerti musicali Vol. I, per cura e studio di Paolo Pacini.http://www.esarmonia.com/Ita/contents/it/d62_03.html

Sacri concerti musicali Vol. II, per cura e studio di Paolo Pacini.http://www.esarmonia.com/Ita/contents/it/d62_03.html

Sacri concerti musicali Vol. III, per cura e studio di Paolo Pacini.http://www.esarmonia.com/Ita/contents/it/d62_03.html

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ugo Onorati, Giacomo Carissimi: genio musicale d'Europa, gloria di Marino, Marino 2005.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • [1] Giacomo Carissimi maestro dell'Europa musicale

Controllo di autorità VIAF: 14957743 LCCN: n82164742 SBN: IT\ICCU\CFIV\119124