Samuel Scheidt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Samuel Scheidt.

Samuel Scheidt (Halle, 3 novembre 1587Halle, 24 marzo 1654) è stato un compositore e organista tedesco, considerato uno dei più grandi compositori del XVII secolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato ad Halle (la città che diede i natali anche a Georg Friedrich Händel) fu dapprima (1603) organista presso la Moritzkirche, poi si spostò ad Amsterdam per studiare con Jan Pieterszoon Sweelinck (dal 1607 al 1609), al tempo il più importante musicista e compositore. Dopo essere tornato ad Halle, diventò organista nella cappella reale del Margravio Christian Wilhelm di Brandeburgo. La sua conoscenza nella cosiddetta organologia (rectius organaria) lo fa essere a Bayreuth insieme a Michael Praetorius e Heinrich Schütz nel 1618, per provare e modificare un organo. Sempre con Praetorius, in precedenza, si era reso protagonista di una sfida (1614) fra musicisti, cosa non rara all'epoca, organizzata per testare le capacità musicali dei due sfidanti. Al contrario di altri musicisti, rimase nelle proprie terre anche durante la Guerra dei trent'anni, cercando di barcamenarsi fra piccoli lavori e la didattica. Nel 1624 pubblicò la sua importante Tablatura Nova, una raccolta di musiche per organo e clavicordo che presentava per la prima volta la scrittura su pentagramma. Nel 1627 si sposò con Helena Magdalena Keller ed ebbe 7 figli, solo 2 dei quali sopravvissero all'epidemia di peste del 1636. Con la fuga del margravio di fronte alle truppe del Wallenstein (1628) perse il lavoro a corte, ma diventò Director musices in tre chiese di Halle. Dopo alterne vicende che videro il ritorno del cattolicesimo nella sua città e nonostante nel 1644 avesse dato alle stampe 70 sinfonie, morì in completa povertà nel 1654.

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Allemanda di Scheidt.

Scheidt fu il primo musicista rappresentativo a livello internazionale della musica barocca tedesca, iniziando uno stile caratteristico che non risentiva più dell'influenza di Roma e della musica italiana, come invece accadeva nel sud della Germania, ma era indipendente e di stampo protestante. Il suo corpus compositivo si divide in due parti: musica strumentale, la maggior parte della quale dedicata all'organo, e musica vocale, preminentemente sacra, e a cappella o con il sostegno del basso continuo. La sua fama fu molto estesa fino all'arrivo di Johann Sebastian Bach, che cambiò il modo di comporre.

Selezione delle opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Cantiones sacrae (1620)
  • Cantiones sacræ (4 volumi, 1621)
  • Ludi musici (1621)
  • Tabulatura nova I-III (1624)
  • Geistliche Konzerte Teil I (1631)
  • Geistliche Konzerte Teil II (1634)
  • Geistliche Konzerte Teil III (1635)
  • Liebliche Kraftblümlein (1635)
  • Geistliche Konzerte Teil IV (1640)
  • LXX Symphonias (1644)
  • Görlitzer Tabulaturbuch (1650)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 64193069 LCCN: n79108397