Giovanni Battista Pergolesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Battista Draghi, detto Pergolesi

Giovanni Battista Draghi detto Pergolesi (Jesi, 4 gennaio 1710Pozzuoli, 17 marzo 1736) fu un compositore, organista e violinista italiano di opere e musica sacra dell'epoca barocca.

Aiuto
Giovanni Battista Pergolesi (info file)
Concerto per flauto e orchestra in Sol. 1-Spirituoso, 2-Andante, 3-Allegro spirituoso
Aiuto
Giovanni Battista Pergolesi (info file)
Concerto per violino in si bemolle maggiore primo movimento  — (Trascrizione per mandolino)

Biografia e opere maggiori[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia nelle Marche e trasferimento a Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Battista Draghi (o Drago) nasce a Jesi in provincia d'Ancona nel 1710. Il soprannome Pergolesi deriva dal nonno Francesco, un artigiano originario della cittadina di Pergola (PU) trasferitosi nel 1635 nella città natale di Giovanni Battista. Col tempo il soprannome Pergolesi divenne di uso comune per designare la sua famiglia.

La posizione del padre, amministratore statale, consentì al giovane Giovanni Battista di avere una giovinezza relativamente agiata ed una prima formazione musicale. Fece i primi studi di organo e violino nella città natale, durante i quali mostrò notevole talento musicale. All'età di quindici anni, grazie al mecenatismo del vescovo di Larino e Governatore della Santa Casa di Loreto Carlo Maria Pianetti, fu ammesso nel celebre Conservatorio di Santa Maria di Loreto a Napoli, dove ebbe modo di studiare composizione con alcuni dei più celebri autori della Scuola musicale napoletana, come Francesco Durante e Gaetano Greco.

Napoli nella prima metà del Settecento era senza dubbio una delle città più vivaci dal punto di vista musicale: artisti come Alessandro Scarlatti, Nicola Porpora o Leonardo Leo avevano proposto con successo lo stile musicale napoletano nelle corti di tutta Europa e non è sorprendente che nel 1739 lo scrittore e politico francese Charles de Brosses[1] riferendosi alla città partenopea, la definisse la capitale mondiale della musica.

In virtù del suo talento come violinista, Pergolesi fu nominato nel 1729 capo paranza dell'orchestra del conservatorio, titolo che si potrebbe associare all'attuale primo violino. Si diplomò nel 1731 a ventuno anni, componendo, come saggio finale, l'oratorio La conversione e morte di San Guglielmo; nell'ultimo anno di studi aveva già composto altre opere di pregio come l'oratorio La fenice sul rogo, ovvero la morte di San Giuseppe (la cui attribuzione è considerata dubbia da alcuni studiosi), una Messa in Re e l'opera Salustia (messa in scena 2 anni dopo), che gli diedero una certa fama e lo posero nel novero dei più promettenti giovani compositori napoletani. Proprio per questa notorietà, al termine degli studi fu assunto dal Principe Stigliano Colonna (appartenente al ramo napoletano della nota famiglia nobile) con l'incarico di maestro di cappella, godendo inoltre della protezione dell'influente duca di Maddaloni.

Salustia e Lo frate 'nnamorato (1731-1732)[modifica | modifica wikitesto]

Grazie all'ottimo successo del suo oratorio La conversione e morte di San Guglielmo, nel periodo tra il 1731 e il 1732 Pergolesi ebbe modo di allestire la sua prima opera lirica: il dramma per musica Salustia, sul libretto di anonimo, tratto dall'Alessandro Severo di Apostolo Zeno. Commissionatagli dal Teatro San Bartolomeo di Napoli, ebbe la prima rappresentazione nel gennaio del 1732.

Dal punto di vista musicale si trattò di un'opera decisamente conservatrice, certamente a causa delle pressioni del primo attore, Nicolò Grimaldi, detto Nicolino, cantante di valore, ma anziano e legato alle convenzioni della "vecchia scuola" di autori come Georg Friedrich Händel. La morte del Nicolino a poche settimane dalla prima e la sostituzione col ben più giovane Gioacchino Conti crearono seri problemi all'allestimento e costrinsero, fra l'altro, a riscrivere ben tre volte la sinfonia d'apertura ed a riadattare alcune arie. Queste vicissitudini aiutano a comprendere la sensazione di incompiutezza e di immaturità dell'opera e a giustificare il successo solo parziale che ottenne alla sua messa in scena.

Tutt'altro esito ebbe Lo frate 'nnamorato, una commedia in musica in italiano e in napoletano su libretto di Gennaro Antonio Federico, allestita dal Teatro dei Fiorentini nel settembre 1732, eccezionalmente ripresa, con alcune modifiche dello stesso autore, già due anni dopo per le celebrazioni del carnevale. L'opera ebbe un successo straordinario e fu indubbiamente la composizione di maggiore fortuna durante la vita del Pergolesi.

Nel novembre del 1732 Pergolesi ottiene l'incarico di organista soprannumerario presso la Cappella Reale. Particolarmente interessante è la relazione sulla sua assunzione, custodita dall'archivio di Stato di Napoli, nella quale si fa riferimento alle enormi aspettative che accompagnavano la sua carriera, al grande successo dell'opera Lo frate 'nnamorato e soprattutto al bisogno che tiene la Cappella Reale de soggetti che compongono sopra il gusto moderno'.

Il prigionier superbo e La serva padrona (1733)[modifica | modifica wikitesto]

I drammatici maremoti che colpirono la città di Napoli alla fine del 1732 portarono alla sospensione delle celebrazioni del carnevale nella città partenopea per il 1733 e la stagione dei teatri, che proprio in quel periodo presentava i più ricchi allestimenti, fu cancellata in ossequio al lutto. Proprio a causa di questa tragica sciagura fu commissionata la Messa in Re maggiore, a dieci voci e due cori.

Libretto d'epoca de La serva padrona, da rappresentarsi come intermezzo dell'opera seria L'odio vinto dalla costanza

Per poter mettere in scena il suo nuovo lavoro teatrale, Pergolesi dovette attendere la fine dell'estate, in particolare il 28 agosto 1733, in occasione del compleanno dell'imperatrice Maria Cristina. Si tratta de Il prigionier superbo, dramma per musica in tre atti, con libretto attribuito a Gennaro Antonio Federico, tratto da La fede tradita e vendicata di Francesco Silvani, la cui musica era pronta da quasi un anno. Il successo fu ottimo, tanto da costringere gli impresari a prolungare le repliche, originariamente previste per il solo mese di settembre, fino alla fine del mese di ottobre.

Tuttavia, la fama di queste rappresentazioni non è tanto collegata all'opera principale, quanto alla composizione che veniva eseguita durante gli intervalli: si trattava infatti della celebre La serva padrona, un breve intermezzo buffo in due atti. Questa composizione, di carattere allegro e scanzonato e non priva di malizia, composta in maniera libera e senza tenere conto dei formalismi musicali dell'epoca, rappresenta situazioni e personaggi caricaturali ma realistici, vicini a quelli della tradizionale commedia dell'arte.

Proprio la rappresentazione di questa breve opera a Parigi nel 1752 scatenò una disputa, nota come la Querelle des bouffons, fra i sostenitori dell'opera tradizionale francese, incarnata dallo stile di Jean-Baptiste Lully e Jean-Philippe Rameau, e i sostenitori della nuova opera buffa italiana fra cui alcuni enciclopedisti (in particolare Jean Jacques Rousseau, anch'egli compositore). La disputa divise la comunità musicale francese e la stessa corte (con la regina che si schierò a fianco degli "italiani"), per due anni, e portò ad una rapida evoluzione del gusto musicale del paese transalpino verso modelli meno schematici e più moderni.

Adriano in Siria e la ripresa di Lo frate 'nnamorato (1734)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il successo dell'anno precedente, nel 1734 Pergolesi mise in scena Adriano in Siria, dramma in musica in tre atti su libretto di Pietro Metastasio, commissionatogli per le celebrazioni del compleanno della regina Elisabetta Farnese ed allestita al Teatro San Bartolomeo. A quest'opera venne abbinato l'altro celebre intermezzo buffo, Livietta e Tracollo, anch'esso destinato a superare per fama l'opera principale in cui era inserito, seppure senza raggiungere la popolarità universale del precedente La serva padrona.

Nel febbraio era intanto stato nominato maestro di Cappella sostituto dalla «Fedelissima Città di Napoli», posizione di prestigio che gli consentiva di aspirare alla successione del titolare, l'anziano e stimato Domenico Sarro. Soprattutto in quest'anno, la ripresa dell'opera Lo frate 'nnamorato addirittura superò per successo l'allestimento originario, diventando l'attrazione principale del carnevale partenopeo e permettendo all'autore di allargare la propria popolarità al di là dei confini della città di Napoli.

Pergolesi a Roma: L'Olimpiade e Il Flaminio (1735)[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 maggio 1734 Carlo di Borbone aveva conquistato la città di Napoli e gran parte dell'aristocrazia asburgica che aveva fornito appoggio e sostegno alla carriera di Pergolesi aveva trovato rifugio a Roma, in attesa dell'evolversi della situazione. Su invito e con l'appoggio dei suoi mecenati duchi di Maddaloni e della famiglia Colonna nel gennaio 1735 Pergolesi debuttò a Roma, al Teatro di Tordinona, con L'Olimpiade, dramma in tre atti su soggetto di Metastasio.

A causa delle precarie condizioni finanziarie degli impresari, l'opera venne allestita in maniera non consona al valore musicale, costringendo, ad esempio, a rinunciare alle parti per il coro ed a ricorrere a cantanti di secondo piano. Tuttavia, nonostante il parziale insuccesso iniziale, la musica è probabilmente fra la più ispirata mai scritta dal Pergolesi e non deve stupire il fatto sia stata considerata da diversi critici (fra i quali lo scrittore Stendhal[2]) la rappresentazione in musica più riuscita del libretto del Metastasio. Maggiore fortuna aveva avuto la sua Messa in Fa per sei voci e coro, nota come Missa Romana: ebbe la prima esecuzione il 16 maggio 1734 alla chiesa romana di San Lorenzo in Lucina. Essa è tuttora una delle sue composizioni di musica sacra più note ed eseguite.

La disorganizzazione del mondo teatrale romano e l'acuirsi dei problemi di salute indussero Pergolesi a tornare a Napoli, dove nell'autunno rappresentò al Teatro Nuovo Il Flaminio, dramma in musica su libretto del fido Gennaro Antonio Federico. Si trattò di un lavoro maturo ed interessante da diversi punti di vista, come l'utilizzo di diversi registri musicali (con l'utilizzo di stilemi della tradizione folcloristica napoletana) a seconda della classe sociale del personaggio, la scelta di scrivere in dialetto le parti del libretto destinate ai personaggi più “popolani” o la caratteristica di affiancare ad arie serie momenti musicalmente più leggeri e addirittura comici.

L'opera fu un grande successo e a Pergolesi arrivò la commissione di una serenata per le nozze del Principe Raimondo di San Severo con Carlotta Gaetani dell'Aquila di Aragona. Tale serenata andava completata per il giorno del matrimonio, fissato per il 1º dicembre 1735 a Torremaggiore, tuttavia le peggiorate condizioni di salute del musicista lo costrinsero a interrompere la composizione e a musicarne solo una parte. La musica è andata perduta e si desume ciò dal ritrovamento del libretto. L'incedere inflessibile della tubercolosi sul suo fisico lo costrinse a salutare sua zia Cecilia Giorgi, che si era trasferita a Napoli per aiutarlo e a ritirarsi a Pozzuoli, dove si riteneva ci fosse un clima più salubre e poteva contare sull'asilo e l'assistenza medica del locale convento dei cappuccini.

Lo Stabat Mater e la morte (1736)[modifica | modifica wikitesto]

Caricatura di Pergolesi effettuata da Pier Leone Ghezzi nel 1735, quando il musicista si recò a Roma per l'Olimpiade. In basso a sinistra si trova la didascalia apposta successivamente dallo stesso Ghezzi in cui si legge, tra l'altro: «Signor Pergolese, compositore di musica napoletano, il quale è bravo assai et è morto in Napoli il dì 7 febbr. 1736…»[3]

In tutta la sua breve carriera, parallelamente all'attività operistica, Pergolesi fu un fecondo autore di musica sacra, ma è solo ai suoi ultimi mesi di vita che dobbiamo la composizione di quelli che sono considerati il suo lascito più importante in questo ambito: si tratta del suo Salve Regina del 1736 e soprattutto del coevo Stabat Mater per orchestra d'archi, soprano e contralto, che la tradizione vuole sia stato completato il giorno stesso della sua morte.

Se questo aneddoto sia realistico o si tratti di un ulteriore ricamo romantico fiorito attorno alla figura del Pergolesi è di secondaria importanza. È invece certa, come si rileva nello studio dell'autografo, una grande fretta di scrivere, confermata da numerosi errori, parti di viole mancanti o soltanto abbozzate, e più in generale un certo disordine tipico di chi ha poco tempo davanti a sé. Tanto che in calce all'ultima pagina dello spartito scrisse di suo pugno "Finis Laus Deo", quasi a mostrare il sollievo per aver avuto "il tempo necessario per concludere l'opera".[4]

È da notare il fatto che quest'opera fosse commissionata dai Cavalieri della Vergine dei dolori della Confraternita di San Luigi al Palazzo per sostituire lo Stabat Mater di Alessandro Scarlatti, che veniva tradizionalmente eseguito nel periodo quaresimale: che una composizione del celebre Alessandro Scarlatti, datata 1724, fosse sostituita è indicativo della rapida evoluzione del gusto musicale nella Napoli settecentesca e di come composizioni di pochi anni più antiche fossero considerate di stile arcaico rispetto allo stile proposto da musicisti come Pergolesi.

È infine da ricordare come la musica dello Stabat Mater pergolesiano sia da sempre estremamente apprezzata, tanto che Johann Sebastian Bach la utilizzò per farne una parafrasi (modificando l'orchestrazione della viola ed aggiungendovi l'uso di un coro), nel suo salmo Tilge, Höchster, meine Sünden (BWV 1083).

La parabola artistica di Pergolesi, afflitto dall'infanzia da seri problemi di salute - si ritiene fosse affetto da spina bifida o da poliomielite - si compì in appena cinque anni. Morì di tubercolosi a soli 26 anni, nel 1736, nel convento dei cappuccini di Pozzuoli. Fu sepolto nella fossa comune della Cattedrale di San Procolo.

Scarna e di dubbia attribuzione è l'attività nella musica strumentale: quello che era considerato il suo lascito più notevole, la raccolta I Concerti Armonici, è definitivamente risultata essere opera del compositore dilettante fiammingo Unico Wilhelm van Wassenaer da quando, nel 1979, ne sono stati rintracciati gli originali autografi presso il castello di Twickel, in Olanda.

Leggenda e fama postuma[modifica | modifica wikitesto]

Se in vita, nonostante i numerosi riconoscimenti, la fama di Pergolesi era quasi esclusivamente limitata all'ambiente musicale napoletano e romano, non deve sorprendere che questa figura di compositore, morto giovanissimo con una parabola artistica di soli cinque anni e tuttavia in grado di lasciare una manciata di composizioni indimenticabili, abbia potuto suggestionare poeti ed artisti che nel corso dell'Ottocento ne reinterpretarono la figura in chiave romantica.

Monumento a Giovanni Battista Pergolesi a Jesi

Tuttavia già alla metà del Settecento Pergolesi era immensamente più noto di quanto non fosse stato in vita: come accennato, le numerose stampe delle sue composizioni iniziarono a diffondersi in tutta l'Europa, interessando autori come Johann Sebastian Bach, che addirittura scrive sulla musica del celebre "Stabat Mater" il Salmo 51 BWV 1083 modificandone solo la coda dell'Amen, ed una quantità innumerevole di autori minori, come Pietro Chiarini, autore di numerosi pastiche di arie pergolesiane. Soprattutto la scarsità di informazioni tangibili sulla sua vita e sulle sue opere fu terreno fertile per il fiorire di fantasiosi aneddoti di ogni tipo. Si insinuò il dubbio che la sua tragica fine fosse dovuta non a cause naturali ma all'avvelenamento da parte di musicisti invidiosi del suo talento. Gli furono attribuiti una bellezza apollinea e numerosi tragici amori.

Proprio a causa di tale straordinaria fama postuma, il catalogo delle sue opere ha avuto un imprevedibile destino: nel corso del XVIII e XIX secolo si diffuse la prassi di pubblicare a suo nome, con fini speculativi, qualunque spartito avesse lo stile musicale della Scuola musicale napoletana. Questo portò alla fine del XIX secolo a contare oltre cinquecento composizioni nel catalogo informale delle sue opere. Gli studi contemporanei hanno ridotto a meno di cinquanta le composizioni di Pergolesi, fra queste solo ventotto sono i lavori la cui paternità è considerata certa.

Tuttora vi sono seri dubbi sull'attribuzione di diversi lavori, anche fra i più noti, come il Salve Regina in Fa, o l'oratorio La Fenice sul rogo e diverse edizioni musicali e discografiche perpetuano queste incertezze sulla paternità di diverse composizioni, pubblicando a suo nome lavori sicuramente prodotti da altri autori, come ad esempio le arie Se tu m'ami (certamente composta dal musicologo Alessandro Parisotti nella seconda metà dell'Ottocento e inclusa in una sua raccolta di arie barocche a nome di Pergolesi) e Tre giorni son che Nina (attribuita a Vincenzo Legrenzio Ciampi) o il Magnificat in Re, composto dal suo maestro Francesco Durante.

Emblematico nel descrivere la situazione di estrema incertezza che contraddistingue il catalogo delle opere del Pergolesi è il caso del Pulcinella di Igor Stravinskij: composto nel 1920 quale omaggio allo stile del compositore jesino, la più recente critica musicale ha stabilito che dei ventuno pezzi utilizzati per questa composizione, ben undici sono da attribuirsi ad altri autori della Scuola musicale napoletana (principalmente Domenico Gallo e Alessandro Parisotti), due sono di dubbia attribuzione e solo otto (per lo più tratti dalle sue opere liriche), sono da attribuirsi al Pergolesi. In suo onore, l'asteroide 6624 P-L è stato chiamato 7622 Pergolesi.

Attualità della musica di Pergolesi[modifica | modifica wikitesto]

A differenza dei lavori di compositori suoi contemporanei, la musica di Pergolesi gode tuttora di vasta popolarità ed è frequentemente eseguita nei teatri e nelle sale da concerto. In particolare lo Stabat Mater e il Salve Regina sono eseguiti comunemente, soprattutto a cavallo del periodo pasquale, e non è raro ascoltarne adattamenti o brani all'interno delle colonne sonore di film e spot pubblicitari.

Della sua produzione operistica, l'intermezzo buffo La serva padrona è regolarmente inserita nei programmi dei maggiori teatri mondiali. Parallelamente al rinnovato interesse del pubblico per la musica barocca, manifestatosi negli ultimi decenni, vi è stata una "riscoperta" delle sue composizioni meno celebri, fra le quali è da ricordare la sfarzosa rappresentazione di Lo frate 'nnammorato, allestita dal Teatro alla Scala di Milano nel 1989 con la direzione di Riccardo Muti e la regia di Roberto De Simone.

Dal 2001 la "Fondazione Pergolesi-Spontini" di Jesi organizza un festival annuale dedicato alla musica dei due illustri compositori marchigiani. Nel corso degli anni sono state allestite per la prima volta alcune fra le opere più rare del compositore jesino, permettendone la registrazione e la pubblicazione discografica e favorendone quindi la riscoperta presso il grande pubblico. Da ricordare, infine, che il 2010 costituisce il III centenario dalla nascita del compositore jesino, occasione sfruttata dai maggiori teatri mondiali per riproporre in cartellone alcune delle sue composizioni, anche fra le meno celebri.

Colonne sonore cinematografiche nelle quali è impiegata musica di Pergolesi[modifica | modifica wikitesto]

Catalogo delle opere[modifica | modifica wikitesto]

Il presente elenco è tratto dal Catalogo Caffarelli del 1941, integrato dai successivi maggiori contributi in campo musicologico. Per quanto si sia cercato di compilare un elenco esaustivo e preciso, la materia presenta difficoltà oggettive ed ambiguità nelle fonti che non consentono di considerarlo del tutto affidabile. Le opere di cui esiste l'originale autografo sono segnalate con il simbolo (*).

Opere pubblicate in vita[modifica | modifica wikitesto]

  • 1729, O salutaris hostia, Inno per tenore e basso continuo.
  • 1731, Li prodigi della divina grazia nella conversione di S. Guglielmo Duca d'Aquitania, Dramma sacro. (*)
  • 1731 Questo è il piano - Cantata per contralto.
  • 1731-1732, Salustia, Opera. (*)
  • Abbinata all'intermezzo Nerina e Nibbio (del quale si è persa la musica).
  • 1732, Messa in Re (Kyrie e Gloria) .(*)
  • 1732, Domine ad adjuvandum me, Mottetto a 5 voci per coro e archi. (*)
  • 1732, Dixit Dominus, Salmo per soprano, 2 cori e orchestra. (*)
  • 1732, Confitebor tibi Domine, Salmo per soprano, contralto, coro e archi.
  • 1733, Il prigionier superbo, Opera. (*)
  • Abbinata all'intermezzo La serva padrona. (*)
  • 1734, Messa in Fa (Kyrie e Gloria). Nota anche come Missa Romana. (*)
  • 1734, Adriano in Siria, Opera. (*)
  • Abbinata all'intermezzo Livietta e Tracollo nota anche come La Contadina Astuta o La Finta Polacca. (*)
  • 1732, Lo Frate 'nnamorato, Opera buffa in lingua napoletana. (*)
  • 1735, Il tempo felice, preludio musicale. (*)
  • 1735, Il Flaminio, Opera buffa. (*)
  • 1735, L'Olimpiade, Opera. (*)

Opere postume[modifica | modifica wikitesto]

  • Concerto per Violino in Si bemolle.
  • Dalsigre, ahi mia Dalsigre - Cantata per soprano e archi. (*)
  • In coelestibus regnis, Antifona per contralto, archi e basso continuo. (*)
  • Laetatus sum, Salmo per soprano e orchestra. (*)
  • Laudate pueri Dominum, Salmo per soprano, coro e orchestra. (*)
  • Luce degli occhi miei - Cantata per soprano e archi.
  • Salve Regina in Do minore, mottetto per soprano, archi e basso continuo.(*)
  • Segreto tormento altrimenti noto come Chi non ode e chi non vede - Cantata per soprano. (*)
  • Sonata in La per clavicembalo. (*)
  • Stabat Mater per soprano, contralto, archi e basso continuo. (*)
  • Tu resterai mia cara - Cantata per soprano, contralto e archi. (*)

Opere di incerta attribuzione[modifica | modifica wikitesto]

  • 42 Solfeggi a 2 voci
  • 64 Solfeggi a 3 voci
  • In hoc die quam decora, Mottetto per soprano, contralto, tenore, 2 cori e orchestra.
  • Le luci vezzose del caro mio bene aria, inedita.
  • La Fenice sul rogo ovvero La Morte di San Giuseppe, Oratorio. Alcuni studiosi ritengono sia opera di Johann Adolf Hasse.
  • Nacqui agli affanni in seno aria, inedita.
  • Miserere II in Do minore.
  • Orfeo altrimenti noto come Nel chiuso centro - Cantata per soprano e archi. Talvolta attribuita anche a Benedetto Marcello.
  • Salve regina in Fa minore, mottetto per contralto, archi e basso continuo.
  • Sinfonia (sonata) in Fa per violoncello e basso continuo.
  • sonate in Do per clavicembalo.
  • Un caro e dolce sguardo aria, inedita.

Opere erroneamente attribuite a Pergolesi[modifica | modifica wikitesto]

Includiamo anche un elenco delle più note fra le opere erroneamente attribuite al Pergolesi. Laddove possibile, si è indicato anche l'autore originale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lettres familières écrites d'Italie en 1739 et 1740 (Parigi, 1799)
  2. ^ Vite di Haydn, Mozart e Metastasio (Parigi, 1814)
  3. ^ Biblioteca Apostolica Vaticana, Codice Ottoboniano.
  4. ^ Barry S. Brook, Marvin E. Paymer - The Pergolesi Hand: A Calligraphic Study (Oxford, 1982)
  5. ^ M. G. Genesi. Recitativi per Il Maestro di Musica di Pergolesi-Auletta. Piacenza, W.P.R.Edizioni, 2010, pp.164.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV. - Enciclopedia Garzanti della Musica - Milano 1998
  • Filippo Caffarelli - Catalogo delle opere di G.B.Pergolesi - Roma 1941
  • a cura di Pietro Celli - Dizionario dell'Opera - Roma 2006
  • C.L. Cudworth - Notes on the Instrumental Works Attributed to Pergolesi - British musical Quarterly Vol. XXX n. 4 - Oxford 1949
  • Alfred Einstein - Notes on the Stabat Mater - Oxford 1927
  • Massimo Mila - Breve storia della musica - Torino 1963
  • Frank Walker - Two Centuries of Pergolesi Forgeries and Misattributions in Music and Letters - British musical Quarterly Vol. XXX n. 4 - Oxford 1949

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 79169092 LCCN: n79091200