Rodolfo II di Borgogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rodolfo II
Re di Arles o delle due Borgogne
In carica 933- 937
Predecessore fu il primo
Successore Corrado III di Borgogna
Nascita ca. 888
Morte 937
Luogo di sepoltura Abbazia di San Maurizio d'Agaune[2]
Dinastia Casato dei Guelfi
Padre Rodolfo I di Borgogna
Madre Willa di Provenza
Coniuge Berta di Svevia
Figli Giuditta
Corrado III di Borgogna
Burcardo
Adelaide di Borgogna e
Rodolfo

Rodolfo II di Borgogna (888 circa – 937) fu Re di Borgogna Transgiurana dal 911 al 933, poi re d'Italia dal 922 al 933 ed infine Re di Arles o delle due Borgogne dal 933 alla sua morte.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Figlio del conte e poi re di Borgogna Transgiurana, Rodolfo I (come ci conferma l'Herimanni Augiensis Chronicon[3] e della moglie, Willa di Provenza (873-929, figlia del re di Provenza Bosone (che fosse la figlia di Bosone è confermato da due documenti dei Recueil des chartes de l'abbaye de Cluny, tomus I, n* 633 e 631 entrambi del 943, in cui il re di Arles, Corrado I, cita il nipote di Willa, Carlo Costantino, definendolo parente[4][5]) e della sua prima moglie di cui non si conoscono né generalità né ascendenti (l'esistenza di questa[3] moglie è confermata dagli Annales Fuldenses, che affermano che il conte di Provenza, Bosone, avvelenò la (prima) moglie[6] e non (come erroneamente da alcuni viene sostenuto) di Ermengarda d'Italia, figlia dell'imperatore Luigi il Giovane e di Engelberga d'Alsazia. Rodolfo I era figlio del conte di Auxerre e poi conte di Borgogna Transgiurana, Corrado II[7] (ca. 835-876), e di Waldrada, come risulta dalle Mémoires concernant l'histoire civile et ecclésiastique d'Auxerre et de son ancient diocese, in cui il nuovo re dei Franchi occidentali, Luigi il Balbo, dopo la morte del marito, la conferma proprietaria dell'abbazia di Saint-Germain d'Auxerre[8], di cui non si conoscono gli ascendenti.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

L'impero carolingio nel 915. In viola il regno della Borgogna Transgiurana e in rosa il regno d'Italia

Sempre secondo l'Herimanni Augiensis Chronicon, nel 912, alla morte del padre, Rodolfo I, Rodolfo gli successe sul trono della Borgogna Transgiurana[3], come Rodolfo II.
Rodolfo, appena salito al trono cercò di ampliare i territori del regno a scapito dei vicini[9], ma, nel 919, poco dopo l'elezione a re di Germania di Enrico I di Sassonia, fu sconfitto a Winterthur, dal duca di Svevia, Burcardo II[10], riuscendo però a conservare le contee di Argovia e Turgovia[9], a est del fiume Aar, appena conquistate (secondo lo storico britannico, Austin Lane Poole, Rodolfo ottenne i territori ad est del fiume Aar, in seguito al suo matrimonio o addirittura dopo la morte del suocero[11]), in quanto Burcardo dovette far fronte al nuovo re di Germania, Enrico I[10], detto l'uccellatore.

Nel 922, sia per gli Annales Sangallenses Maiores che secondo il cronista Liutprando, sposò Berta di Svevia[12] (907- dopo l'8 aprile 962[13]), detta la Filandina, figlia del duca di Svevia e di Sassonia, Burcardo II[14], e pare che in questa occasione a Rodolfo fu confermato il suo dominio sui territori a est del fiume Aar (sempre secondo lo storico britannico, Austin Lane Poole, la conferma di tale cessione da parte di Enrico I si ebbe al concilio di Worms, nel novembre 926, in cambio della Sacra Lancia, donata da rodolfo ad Enrico[11]).

Verso la fine del 921, una parte della nobiltà italiana, guidata dal marchese Adalberto I di Ivrea (?-924)[15], aveva offerto a Rodolfo II la corona d'Italia[16]. Rodolfo accettò, attraversò le Alpi, si diresse su Pavia, capitale del regno, ed entrato in città, dalla maggior parte dei notabili, fu eletto re d'Italia[16], in contrapposizione a Berengario del Friuli, che oltre che re d'Italia era anche imperatore. Rodolfo, nel febbraio del 922, fu incoronato re d'Italia a Pavia[16], mentre Berengario, accusato di vigliaccheria per aver lasciato entrare nella penisola i suoi alleati Ungari, resisteva a Verona[17]. La guerra continuò e nel 923, Berengario sconfitto, con pesanti perdite (ca. 1500 morti) da Rodolfo, a Fiorenzuola d'Arda, vicino a Piacenza[16], si ritirò nuovamente a Verona, dove, il 7 aprile 924, fu assassinato[17] da un suo vassallo[18], mettendo fine così alla guerra[16].
Rodolfo, quindi governò sia l'Italia che la Borgogna Transgiurana, risiedendo alternativamente in ambedue i regni.

In quello stesso 924 Rodolfo trovò un accordo con Ugo di Provenza per combattere gli Ungari che erano penetrati in Provenza, ed insieme li ricacciarono nella Gotia, al di là del Rodano[19].
Nello stesso anno però, mentre Rodolfo si trovava in Borgogna, l'Italia settentrionale fu attaccata dagli Ungari, che devastarono la Lombardia e incendiarono Pavia; allora, nel corso del 925, la vedova di Adalberto I e sorellastra di Ugo, Ermengarda si unì al proprio fratello, Guido di Toscana e all'arcivescovo di Milano, Lamperto, si ribellarono a Rodolfo[20], che tentò di ritornare in italia dalla Borgogna, ma per due volte gli impedirono di rientrare nel regno d'Italia[20]. Nel 926, Rodolfo fece un ultimo tentativo di rioccupare il regno d'Italia, chiedendo aiuto all duca di Svevia, Burcardo II, suo suocero da alcuni anni, che però, nell'aprile di quello stesso anno, venne ucciso in un'imboscata[16], presso Novara[21]. Dopo di che Rodolfo lasciò l'Italia e, attraversate le Alpi, rientrò in Borgogna[16]. Dopo che Rodolfo aveva lasciato definitivamente l'Italia, i nobili che gli si erano ribellati contro, in accordo con la nobiltà che aveva appoggiato Berengario offrirono il trono ad Ugo[16], marchese di Provenza[22], che l'accettò e dopo essere sbarcato nei pressi di Pisa, proveniente dalla Provenza[23], il 6 luglio 926[20] fu incoronato a Pavia[23].

Regno di Arles

Dopo i rovesci subiti da Ugo, nuovo re d'Italia in contrapposizione a Rodolfo, negli ultimi anni (tra cui un nuovo attacco degli Ungari ed una ribellione di Pavia, del 931), i nobili italiani, nel 933 (secondo il cronista Liutprando, l'accordo tra Ugo e Rodolfo fu stipulato, nel 931[24]), si recarono in Borgogna per richiamare il re Rodolfo in Italia[25]; ma, essendone venuto a conoscenza, Ugo d'Arles inviò i suoi messaggeri a offrire al re di Borgogna, Rodolfo II, tutti i territori che aveva governato in Provenza, a patto che Rodolfo non rimettesse più piede in Italia[24]. Rodolfo accettò[24] e così, in quell'anno (933), dall'unione della Borgogna Transgiurana e della Provenza (che inccudeva anche la Borgogna Cisgiurana) ebbe origine il regno di Arles o delle due Borgogne[25].
Secondo lo storico francese Paul Fournier il regno di Arles era uno stato nato per volontà politica. Le varie popolazioni che si trovavano sul territorio non erano unite da nessun saldo legame, la struttura del regno era così artificiale che ci volle del tempo, affinché il regno stesso fosse accetto, anche nella sua denominazione. Alla monarchia non mancava solo il titolo ma anche il potere reale; il potere era nella mani delle signorie ecclesiastiche di Besançon, Lione e Vienne, poi, nelle contee di Vienne, Moriana e Provenza ed infine, verso la fine del secolo anche nella contea di Borgogna (Franca Contea), e nel marchesato di Provenza. Anche per la capitale non vi fu una residenza fissa: Arles era trascurata e i re preferirono risiedere a Vienne, mentre quando si recavano in Borgogna risiedevano a volte a Basilea, ma preferivano i monasteri e le abbazie come San Maurizio d'Agauno[26].
La Provenza comunque tornò molto presto nelle mani di Ugo e quando Rodolfo morì, secondo il cronista Flodoardo verso la fine del 937[27], lasciando il regno di Arles in eredità al figlio Corrado, ancora minorenne[27], che governò sotto la custodia del nuovo re di Germania, Ottone I[28], l'unione dei due regni era solo teorica, almeno sino alla morte di Ugo (947).

Dopo la morte di Rodolfo II, in quello stesso 937, il 12 dicembre, secondo Liutprando, la vedova, Berta di Svevia, sposò Ugo di Provenza[29], mentre Adelaide di Borgogna, la figlia di Rodolfo II e Berta, veniva fidanzata al figlio di Ugo, Lotario[28].

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Rodolfo e Berta ebbero quattro[30] (o cinque[8]) figli:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tra il 922 ed il 924 il trono gli fu conteso da Berengario del Friuli, nel 926 da Ugo di Provenza.
    Dal 926 al 933 fu solo Re titolare
  2. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus V, Herimanni Augiensis Chronicon, Pag 113
  3. ^ a b c (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus V, Herimanni Augiensis Chronicon, Pag 112
  4. ^ (LA) Recueil des chartes de l'abbaye de Cluny, tomus I, doc. 622, Pag 579
  5. ^ (LA) Recueil des chartes de l'abbaye de Cluny, tomus I, doc. 631, Pag 588
  6. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus I: Annalium Fuldensium Pars Tertia , Pag 392
  7. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus II: Reginonis Chronicon, anno 888, pag. 598
  8. ^ a b (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: re di Borgogna - CONRAD
  9. ^ a b Louis Halphen, Il regno di Borgogna, pag. 808
  10. ^ a b Austin Lane Poole, "Germania: Enrico I e Ottone il Grande", pag. 85
  11. ^ a b Austin Lane Poole, "Germania: Enrico I e Ottone il Grande", pag. 85, nota
  12. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus I: Annales Sangallenses Maiores. anno 922, pag. 78
  13. ^ (LA) Recueil des Chartes de l'Abbaye de Cluny, tome II, documento 1127, Pag 217 e 218
  14. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus III: Liudprandi Antapodosis II. par. 60, pag. 299
  15. ^ Adalberto I di Ivrea era il genero di Berta di Lotaringia, madre di Ugo di Provenza, reggente di Provenza col titolo di marchese.
  16. ^ a b c d e f g h Louis Halphen, Il regno di Borgogna, pag. 809
  17. ^ a b C. W. Previté-Orton, "L'Italia nel X secolo", pag. 668
  18. ^ Secondo alcuni cronisti l'autore dell'omicidio di Berengario era stato istigato da Rodolfo.
  19. ^ Louis Halphen, Il regno di Borgogna, pag. 811
  20. ^ a b c C. W. Previté-Orton, "L'Italia nel X secolo", pag. 669
  21. ^ (LA) #ES Foundation for Medieval Genealogy : Nobiltà Sveva - BERTA
  22. ^ Ugo d'Arles governava la Provenza per conto del re Ludovico il Cieco,
  23. ^ a b Louis Halphen, Il regno di Borgogna, pag. 812
  24. ^ a b c (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus III: Liudprandi Antapodosis III. par. 47, pag. 314
  25. ^ a b C. W. Previté-Orton, "L'Italia nel X secolo", pag. 672
  26. ^ Paul Fournier, "Il regno di Borgogna o d'Arles dal XI al XV secolo", pagg. 385 e 386
  27. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus III, Flodoardi Annales, Pagg. 384 e 385
  28. ^ a b Louis Halphen, Il regno di Borgogna, pag. 813
  29. ^ a b (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus III: Liudprandi Antapodosis IV. par. 12, pag. 319
  30. ^ (EN) #ES Genealogy: Casato dei Guelfi -Rudolf II
  31. ^ (LA) Recueil des Chartes de Cluny, tomus I: documento N° 379, pagg. 358-361
  32. ^ a b (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus IX: Diplomata Reginarum VI, Diploma Berthæ Reginæ Burgundiæ, pag. 667
  33. ^ (LA) Recueil des chartes de l'abbaye de Cluny, tomus II, doc. 1127, Pag 218
  34. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Diplomata regum et imperatorum Germaniae, tomus I, Kaiserurkunden Otto I, doc 201, Pag 280

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie[modifica | modifica sorgente]

Letteratura storiografica[modifica | modifica sorgente]

  • C. W. Previté-Orton, "L'Italia nel X secolo", cap. XXI, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 662-701.
  • Louis Halphen, "Il regno di Borgogna", cap. XXV, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 807-821.
  • Austin Lane Poole, "Germania: Enrico I e Ottone il Grande", cap. IV, vol. IV (La riforma della chiesa e la lotta fra papi e imperatori) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 84-111.
  • Paul Fournier, "Il regno di Borgogna o d'Arles dal XI al XV secolo", cap. XI, vol. VII (L'autunno del medioevo e la nascita del mondo moderno) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 383-410.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re di Borgogna Successore
Rodolfo I 912–933 fu l'ultimo
Predecessore Re di Arles Successore
fu il primo 933–937 Corrado III
Predecessore Re d'Italia Successore Crown of Italy.svg
Berengario del Friuli 922 - 933
(solo titolare 926-933)
(trono conteso
con Berengario del Friuli
e Ugo di Provenza)
Ugo di Provenza

Controllo di autorità VIAF: 15157403