Corrado III di Borgogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Corrado III
Re di Arles o delle due Borgogne
In carica 937- 993
Predecessore Rodolfo II di Borgogna
Successore Rodolfo III di Borgogna
Nascita 925
Morte 993
Dinastia Casato dei Guelfi
Padre Rodolfo II di Borgogna
Madre Berta di Svevia
Coniugi Adelaide di Bellay
Matilde di Francia
Figli Corrado e
Gisella, di primo letto
Berta
Gerberga
e
Rodolfo, di secondo letto e
Burcardo, illegittimo

Corrado III di Borgogna o di Provenza o Corrado I di Arles detto il Pacifico (925993) fu Re di Arles o delle due Borgogne, dal 937 alla sua morte.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del Re di Borgogna Transgiurana e poi primo Re di Arles o delle due Borgogne, Rodolfo II (come ci conferma l'Herimanni Augiensis Chronicon[1] e della moglie, Berta di Svevia (ca. 907-dopo l'8 aprile 962[2]), detta la Filandina, unica figlia femmina, secondo il cronista Liutprando, del duca di Svevia, Burcardo II[3], e di sua moglie Regelinda, figlia del conte di Zurigo, Eberardo II[4][5]. Rodolfo II era figlio del conte e poi re di Borgogna Transgiurana, Rodolfo I (come ci conferma l'Herimanni Augiensis Chronicon[6] e della moglie, Willa di Provenza (873-929, figlia del re di Provenza Bosone (che fosse la figlia di Bosone è confermato da due documenti dei Recueil des chartes de l'abbaye de Cluny, tomus I, n* 633 e 631 entrambi del 943, in cui il re di Arles, Corrado I, cita il nipote di Willa, Carlo Costantino, definendolo parente[7][8]) e della sua prima moglie di cui non si conoscono né generalità né ascendenti (l'esistenza di questa[6] moglie è confermata dagli Annales Fuldenses, che affermano che il conte di Provenza, Bosone, avvelenò la (prima) moglie[9] e non (come erroneamente da alcuni viene sostenuto) di Ermengarda d'Italia, figlia dell'imperatore Luigi il Giovane e di Engelberga d'Alsazia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Regno di Arles
L'impero carolingio nel 947. In arancione il Regno di Arles

Alla morte del padre, Rodolfo II, secondo il cronista Flodoardo verso la fine del 937[10] Corrado III, ancora minorenne[10], gli succedette nel titolo di re di Arles o delle due Borgogne (Borgogna Transgiurana e Borgogna Cisgiurana unificate.
Secondo lo storico francese Paul Fournier il regno di Arles era uno stato nato per volontà politica. Le varie popolazioni che si trovavano sul territorio non erano unite da nessun saldo legame, la struttura del regno era così artificiale che ci volle del tempo, affinché il regno stesso fosse accetto, anche nella sua denominazione. Alla monarchia non mancava solo il titolo ma anche il potere reale; il potere era nella mani delle signorie ecclesiastiche di Besançon, Lione e Vienne, poi, nelle contee di Vienne, Moriana e Provenza ed infine, verso la fine del secolo anche nella contea di Borgogna (Franca Contea), e nel marchesato di Provenza. Anche per la capitale non vi fu una residenza fissa: Arles era trascurata e i re preferirono risiedere a Vienne, mentre quando si recavano in Borgogna risiedevano a volte a Basilea, ma preferivano i monasteri e le abbazie come San Maurizio d'Agauno[11].
Corrado entrò nel reale pieno possesso della Cisgiurana (Provenza) solo dopo la morte di Ugo di Provenza, nel 947, con l'aiuto e la protezione del re di Germania, Ottone il Grande[12].
Infatti quando, nel 937, il re d'Italia, Ugo di Provenza, secondo Liutprando, si recò a Ginevra per sposare, il 12 dicembre la madre di Corrado, Berta[13]mentre la sorella di Corrado, Adelaide, (931-999), veniva promessa in sposa al figlio di Ugo, Lotario, Ottone il Grande, appena salito al trono di Germania, partì per la Borgogna, sequestrò Corrado[14], impadronendosi del regno di Borgogna e lo tenne, per quattro anni, sempre con sé e quando, nel 942, lo lasciò libero era sicuro che poteva fidarsi completamente di Corrado[15]. Da allora il re di Borgogna si comportò come un vassallo del re di Germania, Ottone, accompagnandolo in tutte le occasioni importanti e nelle campagne militari[15].
Nel 951 il legame si fece ancora più stretto per il matrimonio di Ottone il Grande con la sorella di Corrado, Adelaide, vedova di Lotario II d'Italia, come ci confermano l'Annalista Saxo[16], ed il cronista, Flodoardo[10].
Ottone, da quel momento, considerò il regno di Borgogna, come appendice dei suoi domini.

Corrado si sposò, dopo il 950, in prime nozze, con Adelaide di Bellay (ca. 940-963/4, che viene citata nel documento n° 1152 dei Recueil des Chartes de l'Abbaye de Cluny, tome II, di una donazione del marito, Corrado II[17].

Nel 964, rimasto vedovo, sposò, in seconde nozze, come viene ricordato dalla Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, Matilde di Francia (943-980), figlia del re Luigi IV di Francia, detto d'Oltremare[18] e, secondo il continuatore del cronista Flodoardo, di Gerberga di Sassonia[19](913-984), figlia del re di Germania, Enrico I l'Uccellatore. Matilde era quindi la nipote di Ottone il Grande che, nel 962, era stato incoronato imperatore. Quindi Corrado oltre che essere cognato di Ottone ora ne era anche il nipote.

Il suo regno coincise con un periodo di pace e prosperità, da cui il soprannome di Pacifico. Dovette subire un'invasione da parte di Ungheresi e Saraceni, che nello stesso tempo entrarono nel suo regno e si scontrarono tra loro. Corrado si scagliò sui contendenti, facendone strage. Fu l'unica guerra che, durante il suo lungo regno, dovette sostenere, con l'appoggio del suo protettore, l'imperatore Ottone il Grande.

Corrado morì il 19 ottobre 993, a Vienne (dove fu tumulato nella cattedrale di San Maurizio[20]), lasciando il regno in eredità al figlio, Rodolfo.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Corrado ebbe due figli da Adelaide[21]:

e quattro da Matilde[21]:

mentre da una sua amante di nome Aldiude[25], un figlio illegittimo[21]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus V, Herimanni Augiensis Chronicon, Pag 113
  2. ^ (LA) Recueil des Chartes de l'Abbaye de Cluny, tome II, documento 1127, Pag 217 e 218
  3. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus III: Liudprandi Antapodosis II. par. 60, pag. 299
  4. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : Nobiltà Sveva - BERTA
  5. ^ (DE) Bertha, Historischen Lexicon der Schweiss. URL consultato il 14-05-2013.
  6. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus V, Herimanni Augiensis Chronicon, Pag 112
  7. ^ (LA) Recueil des chartes de l'abbaye de Cluny, tomus I, doc. 622, Pag 579
  8. ^ (LA) Recueil des chartes de l'abbaye de Cluny, tomus I, doc. 631, Pag 588
  9. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus I: Annalium Fuldensium Pars Tertia , Pag 392
  10. ^ a b c (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus III, Flodoardi Annales, Pagg. 384 e 385
  11. ^ Paul Fournier, "Il regno di Borgogna o d'Arles dal XI al XV secolo", pagg. 385 e 386
  12. ^ C. W. Previté-Orton, "L'Italia nel X secolo", pag. 674
  13. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus III: Liudprandi Antapodosis IV. par. 12, pag. 319
  14. ^ C. W. Previté-Orton, "L'Italia nel X secolo", pag. 672
  15. ^ a b Louis Halphen, Il regno di Borgogna, pag. 813
  16. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, Scriptores, tomus VI, Annalista Saxo, anno. 951, pag. 607
  17. ^ (LA) Recueil des Chartes de l'Abbaye de Cluny, tome II, documento 1152, Pag 242
  18. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus XXIII, Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 986, Pag 773
  19. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus III, Flodoardi Annales, anno 966, addit 1, Pag. 407
  20. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: re di Borgogna - CONRAD
  21. ^ a b c d e (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: re di Borgogna - CONRAD
  22. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus V, Herimanni Augiensis Chronicon, anno 995, Pag 117
  23. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus IX, Hugonis Floriacensis, Liber qui Modernorum Regum Francorum continet Actus 9, Pag 387
  24. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus V, Herimanni Augiensis Chronicon, anno 998, Pag 118
  25. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus VIII, Chronicon Hugonis, monachi Virdunensis et divionensis abbatis Flaviniacensis, liber 1, anno 972, Pag 367

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • C. W. Previté-Orton, "L'Italia nel X secolo", cap. XXI, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 662-701.
  • Louis Halphen, "Il regno di Borgogna", cap. XXV, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 807-821.
  • Austin Lane Poole, "Germania: Enrico I e Ottone il Grande", cap. IV, vol. IV (La riforma della chiesa e la lotta fra papi e imperatori) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 84-111.
  • Paul Fournier, "Il regno di Borgogna o d'Arles dal XI al XV secolo", cap. XI, vol. VII (L'autunno del medioevo e la nascita del mondo moderno) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 383-410.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Arles Successore
Rodolfo II 937–993 Rodolfo III