Governanti della Provenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dopo che fu conquistata dai Franchi, la Provenza fu governata da un duca, a volte indipendente, a volte alle dipendenze del regno burgundo. Dopo che il potere effettivo fu nelle mani dei Carolingi la Provenza fu governata direttamente dai re dei Franchi. Col declino del potere centrale, fu creato un regno, che in un secondo tempo fu unito al regno di Borgogna. La Provenza fu però governata da un conte, che godeva di una certa indipendenza. Quando l'imperatore Corrado il Salico, nel 1032, divenne re di Arles, la Provenza entrò a fa parte dell'impero, fino al 1481, quando fu definitivamente incorporata nel regno di Francia.

Duchi Merovingi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la conquista della Provenza, i re merovingi la affidarono ad un duca che aveva il compito di organizzare e comandare militarmente la regione per difendere le frontiere del regno da eventuali attacchi dei nemici. In questo coordinamento la Provenza a volte veniva aggregata al regno di Burgundia.

Questa è una lista incompleta di duchi Merovingi:

[...]

Conti Carolingi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che Carlo Martello ha conquistato il pieno potere nei regni dei Franchi non si hanno notizie di conti di Provenza, e dopo che suo figlio Pipino il Breve è stato riconosciuto re di tutti i Franchi, si ha notizia che la Provenza venne governata da Missi dominici, e si hanno notizie di conti di Provenza a partire dalla fine dell'VIII secolo. Questa è una lista incompleta di conti Carolingi:

Re Carolingi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il trattato di Verdun (843), che divise l'impero in tre parti, l'Imperatore Lotario I oltre al titolo imperiale, ottenne il regno di Lotaringia, dove, secondo lo storico francese, Pierre Riché, in Provenza, dovette contrastare la ribellione del successore di Guerino, il conte Fulcrado. Con la Ripartizione di Prüm, avvenuta poco prima della morte di Lotario I, nell'855, la Lotaringia venne divisa tra i suoi tre figli. Al figlio più giovane, Carlo toccò la Provenza (a cui si attribuirono anche i nomi di Borgogna Cisgiurana o Bassa Borgogna), con capitale Vienne e poi Arles:

Alla sua morte la Provenza venne divisa tra i fratelli Lotario II e Ludovico II, a cui andò la massima parte.

  • Ludovico II (863 - 875), anche re d'Italia e Imperatore dall'855. Durante il suo regno, secondo, Frédéric de Gingins-La-Sarra, l'amministrazione della provenza fu affidata al conte Adalberto.

Alla morte di Ludovico II, gli subentrò in tutti e tre i titoli il prozìo.

  • Carlo il Calvo (875 - 877), già re di Francia dall'840, Imperatore, re d'Italia e re di Provenza, che, come successore di Adalberto, diede a Bosone il titolo di Duca di Provenza.
  • Luigi il Balbo (877 - 879), anche re di Francia. Non fu incoronato imperatore.

Alla sua morte, i nobili provenzali rifiutarono la corona ai due figli di Luigi il Balbo ed elessero re il loro duca: Bosone V di Provenza che aveva sposato Ermengarda, figlia dell'imperatore Luigi il Giovane.

Il regno di Ludovico non passò ai suoi eredi, ma invece a suo cognato, il marito di sua sorella, Ugo che era reggente dal 905.

Nel 933 Ugo, in cambio della corona ferrea d'Italia, cedette la Provenza (Borgogna Cisgiurana o Bassa Borgogna) a Rodolfo II di Borgogna (Borgogna Transgiurana o Alta Borgogna). Il nuovo regno fu denominato regno di Arles o regno delle due Borgogne.

Conti della dinastia di Provenza[modifica | modifica wikitesto]

Divisione della Provenza tra contea e marchesato di Provenza e contea di Forcalquier, nel corso del XII secolo

Il re di Arles, Corrado il Pacifico, alla morte di Ugo di Provenza, elevò a conte di Provenza il di lui nipote Bosone:

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi marchesi di Provenza.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Conti di Forcalquier.

Conti di Provenza-Gévaudan[modifica | modifica wikitesto]

Conti della casa di Barcellona[modifica | modifica wikitesto]

Conti della prima dinastia d'Angiò[modifica | modifica wikitesto]

Giovanna, senza eredi, adottò e nominò erede il conte Luigi I d'Angiò, figlio del re di Francia Giovanni il Buono della casa di Valois

Conti della seconda dinastia d'Angiò[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1481, la Provenza, con Angiò e Maine, divennero possesso del re, Luigi XI di Francia.

Gran siniscalchi[modifica | modifica wikitesto]

Governatori — Gran siniscalchi[modifica | modifica wikitesto]

  • Filippo, margravio di Hochberg, signore di Rothelin, dal 1493 al 1503
  • Luigi d'Orléans, conte di Longueville, marchese di Rothelin, dal 1504 al 1513
  • Giovanni di Poitiers, signore di Saint-Vallier, visconte dell'Étoile, 1514
  • Renato di Savoia, conte di Tenda, dal 1515 al 1525
  • Claudio di Savoia, conte di Tenda, figlio del precedente, dal 1525 al 1566
  • Onorato di Savoia, conte di Tenda e di Sommariva, figlio del precedente, dal 1566 al 1572

Gran siniscalchi[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni V di Pontevès, conte di Carcès, barone di Cotignac, dal 1572 al 1582
  • Gaspard de Pontevès, conte di Carcès, figlio del precedente, dal 1582 al 1610
  • Giovanni di Pontevès, conte de Carcès, figlio del precedente, dal 1610 al 1655
  • François de Simiane, marchese di Gordes, conte di Carcès, nipote del precedente, dal 1655 al 1662

Governatori[modifica | modifica wikitesto]

Con l'avvento della rivoluzione francese la carica venne soppressa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia