Abbone di Provenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abbone
Duca di Provenza
In carica seconda e terza decade dell'VIII secolo
Nascita verso il 685
Morte verso il 739[1]
Waldelenus era il cognato del re Gontrano, che qui vediamo con Childeberto II. È anche il bisnonno d'Eticone d'Alsazia e quindi l'avo degli Eticonidi, ma anche della gens Abbo.

Abbone (verso il 685 – verso il 739[1]) è stato un nobile franco, fu duca di Provenza, nella seconda e terza decade dell'VIII secolo.

Era figlio di Felice e di Rustica.

Come governatore franco della Moriana e di Susa fondò il 30 gennaio 726 l'abbazia della Novalesa dedicata ai santi Pietro e Andrea in val Cenischia, a poca distanza dal Colle del Moncenisio.

Abbone aveva ottenuto il consenso di questa fondazione dal vescovo di Susa e aveva eretto il monastero su terre di sua proprietà. Il monastero era indipendente dal vescovo di Susa e Abbone vi nominò primo abate san Godone.[2]

Tale fondazione aveva un valore prettamente strategico in quanto i Franchi puntavano su questi monasteri per avere il controllo dei passi delle Alpi, tra i quali il passo del Moncenisio, per contrastare i Longobardi. Qualche decina di chilometri a valle di Novalesa, infatti, al limitare della parte montana della Valle di Susa e della probabile zona di influenza del cenobio novalicense dell'VIII secolo, sorgevano i confini e le Chiuse longobarde, forse un sistema di fortificazioni più che un muro, che ancora oggi dà il nome a Chiusa di San Michele. Di Abbone non si hanno più notizie e non si conosce la data della morte. La sepoltura avvenne probabilmente presso l'Abbazia di Novalesa, cui Abbone testò morendo. Qui è stata trovata presso il fianco meridionale della chiesa una tomba coeva alla fondazione ecclesiale, che potrebbe essere attribuita al fondatore[3].

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Di Abbone non si hanno notizie né su una eventuale moglie, né su discendenti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Georges de Manteyer, La Provence du premier au douzième siècle, p. 72 qui
  2. ^ San Godone abate su Santi e Beati
  3. ^ S. Uggè, Fragmenta Novaliciensia: Abbazia di Novalesa Il museo archeologico, Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte e del Museo Antichità Egizie - Provincia di Torino - Centro Culturale Diocesano di Susa, Edizioni d'arte Marconi, Genova 2012, pagg. 20-21

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]