Maresciallo di Francia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il bastone da maresciallo di Francia

Maréchal de France, italianizzato in maresciallo di Francia, è un termine formato a partire da quello di maresciallo, per il quale una spiegazione etimologica rimanda al termine celtico march (cavallo) e all'alemanno scalch (maestro), da cui il latino medievale marescallus come "maestro dei cavalli"[1][2].

Inizialmente, in epoca carolingia, il termine designava un ufficiale che sovrintendeva alle scuderie reali; nel medesimo periodo esisteva con analoghi compiti la funzione di connestabile (dal latino comes stabuli, "compagno della scuderia"): durante il Basso impero romano e in alcuni regni romano-barbarici la parola comes (da cui in seguito "conte") designava i funzionari di corte, tra cui sicuramente amici e parenti del sovrano. Per un certo periodo quindi le due figure coesistettero e si sovrapposero, ma quella di connestabile, in quanto retaggio della cultura imperiale romana, fu sempre superiore all'altra, patrimonio dei barbari invasori germanici[1].

Fu con la monarchia capetingia (la prima per cui esistono in merito fonti certe), che all'accrescersi delle necessità dello Stato tenne dietro, per questa come per altre cariche, un accrescersi di importanza e di rango: la guerra, mobilitando crescenti risorse, richiedeva sempre più uomini e cavalli, cosicché il siniscalco ebbe il comando dell'esercito, e il maresciallo, sempre in subordine, ebbe il comando della cavalleria ed una serie di altre funzioni di tipo ispettivo ed organizzativo[1][3].

Guglielmo il Bretone, parlando della conquista dell'Angiò e del Poitou da parte di Filippo Augusto, dice che il ruolo del maresciallo consisteva nel comandare l'avanguardia e dare il segnale d'attacco[2], laddove il connestabile, a lui superiore, comandava il grosso dell'esercito[4]; il ridursi del potere del connestabile avrebbe nel corso del tempo magnificato il ruolo del maresciallo[5].

Occasionalmente il re conferiva la carica di "maresciallo generale degli accampamenti e degli eserciti del re" (Maréchal général des camps et armées du roi), il cui titolare aveva autorità su tutti gli altri marescialli; dopo l'abolizione della carica di connestabile da parte del cardinale Richelieu nel 1624 questo divenne il più alto riconoscimento dell'esercito, ma quasi mai conferito a militari in servizio attivo, trattandosi piuttosto, specie nei secoli XVIII e XIX, di una ricompensa a fine carriera per i marescialli particolarmente meritevoli.
Solamente sei furono i titolari del grado di maresciallo generale:

Indice

Prerogative ed evoluzione della carica[modifica | modifica sorgente]

La carica per lungo tempo non fu implicitamente vitalizia: vi furono titolari che l'abbandonarono per assumere altri incarichi: ad esempio Bernard de Moreuil si dimise nel 1328 per attendere all'educazione del delfino di Francia Giovanni (poi Giovanni II), Arnoul d'Audrehem fece lo stesso nel 1368 per diventare portaorifiamma, Louis de Sancerre lasciò la carica di maresciallo nel 1397 per assumere quella di connestabile di Francia.

Sebbene accadesse più di una volta che la carica di maresciallo fosse conferita a più membri di una stessa famiglia, essa non fu mai ereditaria: ad esempio, all'atto dell'investitura di Jean III Clement, Luigi VIII gli fece giurare, per sé e la propria discendenza, di non pretendere né l'ereditarietà della carica, né la proprietà dei cavalli a sua disposizione[1].

Inizialmente poteva esistere in carica un solo maresciallo, fu Luigi IX a nominarne un secondo, per le accresciute esigenze belliche, e due rimasero fino a Carlo VII; nel corso del tempo il loro numero fu poi variamente regolamentato[4].

Nel XIV secolo i marescialli entrarono nel novero dei grandi ufficiali della Corona, e le loro funzioni si accrebbero, anche grazie ad un sistema di funzionari che si stabilì intorno a loro.

Enrico II nel 1547 emanò un'ordinanza che divideva il reame in tre dipartimenti, ognuno sotto la giurisdizione di un maresciallo incaricato di provvedere alla disciplina delle truppe, alla sorveglianza delle piazzeforti e alla giustizia militare; sotto il suo regno il numero dei marescialli crebbe a sette, da cinque che erano con Francesco I: quest'ultimo introdusse anche la nomina vitalizia, onorando i marescialli col titolo di cugino del Re.

Sotto Filippo di Valois i marescialli godevano di una ricompensa di 500 lire tornesi per ogni anno in carica, inoltre ricevevano un cavallo delle scuderie reali quando intraprendevano una campagna bellica. All'epoca di Carlo IX risale con qualche probabilità l'istituzione del simbolo della dignità di maresciallo in uso poi per secoli[2].

Enrico IV nel 1598 decise una prebenda di 12 000 lire annuali, più 1 000 per ogni 45 giorni trascorsi al comando dell'esercito.

Il XVII secolo, prima con Luigi XIII che nel 1627 soppresse la carica di connestabile, poi con Luigi XIV, vide una notevole crescita nella valorizzazione della carica, sia per dignità che per ricchezza; anche l'esigenza bellica, per le varie guerre condotte dalla Corona di Francia, impose il proprio contributo: il numero dei marescialli si moltiplicò in quel secolo e da cinque che erano nel 1615, passò a diciassette nel 1655; se poi scese a sei nel 1692, crebbe sino ai venti del 1704 (46 diversi marescialli furono nominati nei 45 anni precedenti la morte di Luigi XIV)[1].

Contemporaneamente si perse il rapporto diretto fra la figura del maresciallo e la direzione delle operazioni militari: il sovrano decideva talvolta la nomina indipendentemente dai meriti squisitamente bellici, e da grado militare il maresciallato divenne una distinzione[1].

Con una ordinanza del 12 maggio 1696, Luigi XIV si occupò minuziosamente degli onori dovuti alla carica: quando un maresciallo entrava in una città doveva essere salutato da più colpi di cannone; doveva ricevere una guardia personale di 50 uomini, compreso un sergente e un tamburino, comandata da un capitano, un tenente, un sottotenente o un alfiere con bandiera; la guardia doveva essere scelta fra i più antichi reggimenti della guarnigione e schierata davanti all'alloggio del maresciallo al momento del suo arrivo. La dignità di maresciallo, ottenuta sino ad allora soltanto con il servizio per terra, con Luigi XIV fu accordata anche per il servizio in mare, e la ricompensa fu portata a 40 000 lire annue[2].

Dal 2 febbraio 1705 i marescialli divennero ipso facto cavalieri dell'Ordine del re, e la nomina fu vitalizia. Crebbe l'importanza dei marescialli nella vita di corte: accompagnava il sovrano in parlamento per rendere giustizia, alle consacrazioni reali rappresentavano le alte cariche che non erano presenti, sia per soppressione formale che per assenza dei titolari. Alle udienze degli ambasciatori era sempre presente un maresciallo, il che ne sottolineava il crescente ruolo in politica estera[1].

Luigi XV, con un'ordinanza del 17 marzo 1708 fissò il trattamento economico dei marescialli a 30 000 lire annue, 36 000 per chi in aggiunta governava una provincia; i marescialli ricevettero inoltre il titolo di monseigneur, ed erano giudicati da un tribunale apposito (Tribunal du point d'honneur, Connétablie o Table de marbre) che si riuniva al palazzo reale[2].

Oltre alle loro funzioni politico-militari, i marescialli avevano anche la responsabilità del mantenimento dell'ordine durante le campagne, tramite i prevosti dei marescialli, da cui deriva il soprannome maréchaussée, occasionalmente attribuito alla polizia.

Nel 1714 per la prima volta l'Académie française ebbe fra i suoi membri un maresciallo di Francia: Claude Louis Hector de Villars. Ciò contrassegnò l'apertura dall'Accademia non solo ai grandi nomi delle belle lettere, ma anche a personaggi appartenenti all'élite dell'esercito, della Chiesa, della politica; i marescialli del XVIII secolo appartenevano infatti tutti alla più alta nobiltà, ad eccezione di Nicolas Luckner[1].

Nel 1758, col maresciallo de Belle-Isle al ministero della guerra, venne regolamentato con precisione il simbolo del maresciallato, il celebre bastone, riguardo a forma, dimensioni ed ornamenti: il bastone è da allora un cilindro di legno pieno, di 52 centimetri di lunghezza e 3,5 di diametro, ricoperto di velluto color blu di Francia e decorato con 36 fiordalisi d'oro (furono aquile con l'Impero, stelle con la Repubblica); ad ogni estremità reca un pomolo in oro, sul cui piatto è raffigurato un fiordaliso, mentre attorno al pomolo superiore è incisa la scritta "Terror belli, decus pacis" ovvero "Terrore in guerra, ornamento in pace", che esprime la duplice natura del maresciallato[1].

Un'ordinanza del 17 marzo 1788 fissò il numero massimo dei marescialli a 12 in tempo di pace. L'Ancien Régime era ormai al tramonto: il maresciallato fu abolito in quanto dignità dalla Convenzione nazionale nel settembre 1790, equiparato al massimo grado dell'esercito, ed ai suoi titolari vennero riservate solo funzioni militari.[1]

Nel 1792, dopo la proclamazione della Prima Repubblica francese, il maresciallato fu abolito del tutto. Poco dopo iniziò il Regime del Terrore: il 4 gennaio 1794 Luckner salì al patibolo, de Mailly subì la medesima sorte il 25 marzo; tre mesi dopo venne il turno di de Mouchy.[1]

Alla nascita del Primo Impero (18 maggio 1804) lo stesso senatoconsulto che affidò a Napoleone Bonaparte il governo della Repubblica in veste di imperatore, ripristinò il titolo di maresciallo con una leggera variante: maresciallo dell'Impero, e fissò a sedici il numero massimo (più i marescialli onorari, maréchaux sénateurs). Durante l'Impero, con i numerosi conflitti combattuti, le promozioni si succedettero a ritmo serrato, per un totale di 25 nomine; le funzioni e prerogative dei marescialli tornarono ad avvicinarsi a quelle pre-rivoluzione: il comando militare era solo una di queste, come testimoniano Berthier ministro della guerra, Bessières ambasciatore, Sérurier governatore dell'Hôtel des Invalides, Murat re di Napoli.[1]

Con la Restaurazione i marescialli dell'Impero ritornarono ad essere marescialli di Francia, reintegrati a tutti gli effetti nella struttura portante della monarchia francese (14 marescialli entrarono, ad esempio, nella Camera dei Pari). Durante i Cento giorni fra i marescialli vi fu chi rimase fedele alla monarchia (come Perrin e Marmont), chi assunse un atteggiamento defilato (come Kellermann), chi cambiò campo più volte (come Sérurier) e chi tornò a fianco di Napoleone (fu il caso di Ney). Il 15 luglio 1816 i marescialli rimasti fedeli alla monarchia e quelli di nuova nomina prestarono giuramento secondo l'antica formula feudale di fronte a Luigi XVIII, che poté così legare nuovamente il maresciallato alla Corona. Anche scenograficamente la figura del maresciallo tornò all'antico: alla cerimonia di consacrazione di Carlo X (l'ultima di un re francese) Moncey occupava il posto del connestabile, Jourdan portava la corona di Carlo Magno e Soult reggeva lo scettro.[1]

La Monarchia di Luglio (legge del 4 agosto 1839) portò definitivamente a sei il numero dei marescialli in tempo di pace e a dodici in tempo di guerra.

La Seconda Repubblica e il Secondo Impero non modificarono nulla. I marescialli di Francia divennero membri di diritto del Senato.

Con l'avvento della Terza Repubblica, la funzione fu percepita come troppo legata all'Impero e non fu più nominato alcun maresciallo: la legge del 13 marzo 1875 mise i quattro marescialli in carica alla testa dello Stato maggiore, rimandando a ulteriori disposizioni la regolamentazione delle successive nomine; l'ultimo maresciallo, Canrobert, morì nel 1895. Fu con la prima guerra mondiale che la carica venne ripristinata, quando il 26 dicembre 1916 un decreto del Presidente della Repubblica nominò il maresciallo Joffre, già comandante in capo dell'esercito francese.

Attualmente in Francia il maresciallato è una distinzione o una dignità, non un grado militare. È simbolizzato da sette stelle contro le cinque del grado più elevato, generale d'armata, e le sei che spettavano un tempo al comandante in capo della piazza di Parigi.

Cronologia[modifica | modifica sorgente]

Ricostruire una cronologia esatta dei diversi marescialli di Francia succedutisi durante i secoli è piuttosto complesso, in quanto le diverse fonti sono in disaccordo su quando collocare l'istituzione di tale carica, e circa i nomi dei primi investiti, stante anche la scarsità di documenti antecedenti al XIV secolo.

Père Anselme, e con lui la tradizione maggiormente diffusa, indica come primo maresciallo Albéric Clément, investito del titolo da Filippo Augusto verso il 1190.[5]

Pinard, nella sua Chronologie historique-militaire, cita l'esistenza nel 1179 di un maresciallo (e non un siniscalco o un connestabile) al servizio del conte Enrico I di Champagne, e trova improbabile che tale carica non fosse in uso anche presso la corte di Francia: riporta infatti un certo Pierre, maresciallo dal 1185 al 1190 e citato in diverse ordinanze di Filippo Augusto; con lo stesso nome inizia la Chronologie des maréchaux de France lieutenants-généraux et marechaux de camp edita nel 1886 dal ministero della Guerra francese.[4]

Il tenente colonnello Beaufort nel suo trattato del 1784 Recueil concernant le tribunal de nosseigneurs les maréchaux de France, les prérogatives et les fonctions des officiers chargés d'exécuter ses ordres, sottoposto all'approvazione dal Tribunale dei marescialli di Francia, si riferisce col termine "maresciallo" ad alcuni grandi comandanti dell'Alto Medioevo che - pur senza ricevere tale denominazione ufficiale - combatterono al servizio dei sovrani di Francia incarnando un'autorità in seguito divenuta propria dei marescialli: l'elenco stilato da Beaufort per i "marescialli" più antichi inizia da un certo Wambert, al servizio di Clotario I nel 543, per giungere sino ai tempi di Filippo I, quando un certo Guy ed un certo Ancelin o Anselme sottoscrissero in qualità di marescialli un documento per la chiesa di Saint-Martin-des-Champs di Parigi (1067); non è citato il Pierre riportato da altre fonti, e la nomina di Albéric Clément è collocata al 1185.[6]

Capetingi[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Filippo II Augusto, dal 1180 al 1223[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Luigi IX, dal 1226 al 1270[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Filippo III l'Ardito, dal 1270 al 1285[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Filippo IV il Bello, dal 1285 al 1314[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Luigi X, dal 1314 al 1316[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Filippo V il Lungo, dal 1316 al 1322[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Carlo IV, dal 1322 al 1328[modifica | modifica sorgente]

Valois[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Filippo VI di Valois, dal 1328 al 1350[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Giovanni II il Buono, dal 1350 al 1364[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Carlo V il Saggio, dal 1364 al 1380[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Carlo VI, dal 1380 al 1422[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Carlo VII, dal 1422 al 1461[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Luigi XI, dal 1461 al 1483[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Carlo VIII, dal 1483 al 1498[modifica | modifica sorgente]

I Valois Orléans[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Luigi XII, dal 1498 al 1515[modifica | modifica sorgente]

I Valois Angoulême[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Francesco I, fra 1515 e 1544[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Enrico II, dal 1547 al 1559[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Francesco II nel 1559[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Carlo IX, dal 1560 al 1574[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Enrico III, dal 1574 al 1589[modifica | modifica sorgente]

Borbone[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Enrico IV fra 1592 e 1602[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Luigi XIII, dal 1613 al 1643[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Luigi XIV, fra 1643 e 1715[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Luigi XV dal 1715 al 1774[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Luigi XVI, dal 1774 al 1792[modifica | modifica sorgente]

Primo Impero[modifica | modifica sorgente]

26 Marescialli nominati da Napoleone

1804[modifica | modifica sorgente]

1807[modifica | modifica sorgente]

1809[modifica | modifica sorgente]

1811[modifica | modifica sorgente]

1812[modifica | modifica sorgente]

1813[modifica | modifica sorgente]

1815[modifica | modifica sorgente]

Restaurazione (1815-1830)[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Luigi XVIII, fra 1816 e 1823
Nominati da Carlo X, fra 1827 e 1830

Monarchia di Luglio[modifica | modifica sorgente]

10 marescialli sotto Luigi Filippo di Francia, dal 1830 al 1848

Seconda repubblica[modifica | modifica sorgente]

7 marescialli sotto Luigi Napoleone Bonaparte, presidente della Repubblica dal 1848 al 1852

Secondo impero[modifica | modifica sorgente]

12 marescialli sotto Napoleone III, dal 1852 al 1870

Terza repubblica[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Raymond Poincaré, dal 1913 al 1920
Nominati da Alexandre Millerand, dal 1920 al 1924

Quarta repubblica[modifica | modifica sorgente]

Nominati da Vincent Auriol, dal 1947 al 1954

Quinta repubblica[modifica | modifica sorgente]

Nominati da François Mitterrand, dal 1981 al 1995

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m Dictionnaire des Maréchaux de France..., cit.
  2. ^ a b c d e De l'ancienne France..., cit.
  3. ^ Catalogue historique des généraux français..., cit.
  4. ^ a b c Chronologie historique-militaire, cit.
  5. ^ a b Histoire généalogique de la maison royale..., cit.
  6. ^ Recueil concernant le tribunal de nosseigneurs les maréchaux de France..., cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]