François-Henri de Franquetot de Coigny

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
François-Henri de Franquetot de Coigny

François-Henri de Franquetot de Coigny (Parigi, 28 marzo 173719 maggio 1821) è stato un generale francese, maresciallo di Francia, nipote di François de Franquetot de Coigny.

Entrato nei moschettieri all'età di quindici anni, fece le prime esperienze nella guerra dei sette anni. Brigadiere di cavalleria nel 1756, servì nell'Armata di Germania e prese parte alla conquista di Hannover (1757), quindi combatté ad Hastenbeck e a Minden. Passato nell'armata del conte di Clermont nel 1758, prese parte alla battaglia di Krefeld, così come alle azioni di Corbach e Warbourg (1760). Alla fine della campagna fu nominato maresciallo di campo e impiegato nell'Armata del Basso Reno, dove comandò svariate unità.

Colonnello generale dei Dragoni nel 1771, governatore di Cambrai (1773), fu impiegato nell'Armata di Bretagna e Normandia dal 1º giugno 1778 promosso quindi tenente generale (1º marzo 1780).

Fu nominato pari di Francia nel 1787, ed eletto deputato per la nobiltà di Caen agli Stati generali del 1789.

Durante la Rivoluzione francese, scelse di emigrare nel 1791 per unirsi all'esercito realista, con cui partecipò ad operazioni controrivoluzionarie. Ebbe il comando della Maison militaire du Roi sino al suo scioglimento nel novembre 1792. Luigi XVIII gli affidò allora varie missioni diplomatiche. Passò quindi al servizio del Portogallo, dove ottenne il grado di capitano generale, grado equivalente a quello di maresciallo di Francia.

Rientrato in Francia con Luigi XVIII nel 1814 fu nominato nuovamente pari di Francia; seguì il sovrano a Gand durante i Cento Giorni, dopo i quali fu designato governatore dell'Hôtel des Invalides. Coigny ricevette il bastone di maresciallo di Francia il 3 luglio 1816. Morì il 19 maggio 1821 e fu inumato all'Hôtel des Invalides.

Sua nipote sposò il generale Sebastiani.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 18005975 LCCN: nr97001288

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie