Lingue celtiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Lingue celtiche
Parlato in Europa; oggi Isole Britanniche, Bretagna
Classifica non nelle prime 100
Scrittura Alfabeto latino
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Lingue celtiche
Suddivisioni vedi Classificazione
Codici di classificazione
ISO 639-2 cel
ISO 639-5 cel

Le lingue celtiche sono idiomi che derivano dal proto-celtico, o celtico comune, una branca della grande famiglia linguistica indoeuropea. Durante il I millennio a.C., queste venivano parlate in tutta l'Europa, dal Golfo di Guascogna al Mar del Nord, lungo il Reno ed il Danubio fino al Mar Nero e la penisola anatolica settentrionale (Galazia). Oggi le lingue celtiche sono limitate a poche zone ristrette in Gran Bretagna, nell'Isola di Man, in Irlanda, in Patagonia, ed in Bretagna in Francia. Il proto-celtico si divide apparentemente in quattro sub-famiglie:

Alcuni studiosi distinguono un celtico continentale da un celtico insulare, argomentando che le differenze tra le lingue goideliche e quelle brittoniche si sono originate dopo la separazione fra lingue continentali e insulari. Altri studiosi distinguono invece un celtico-Q da un celtico-P, a seconda dello sviluppo della consonante indoeuropea .

La lingua bretone è brittonica, non gallica. Quando gli anglo-sassoni si trasferirono in Gran Bretagna, alcuni dei nativi gallesi (welsh, dalla parola germanica wealas che designa gli "stranieri") attraversarono la Manica e si stabilirono in Bretagna. Quest'ultimi portarono con sé la loro lingua madre che diventò in seguito il bretone, che rimane ancora oggi parzialmente intelligibile con il gallese moderno ed il cornico.

La distinzione del celtico in queste quattro sub-famiglie, probabilmente accadde attorno al 1000 a.C. I primi celti sono comunemente associati alla cultura dei campi di urne, alla cultura di Hallstatt ed alla cultura di La Tène.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Le nazioni celtiche, dove sono concentrati la maggior parte dei locutori celtici oggi

Ci sono al giorno d'oggi due diversi schemi di categorizzazione in competizione. Uno schema, sostenuto da Schmidt (1988) tra gli altri, collega il gallico al brittonico in un gruppo celtico-P, lasciando il goidelico come celtico-Q. La differenza tra le lingue P e le lingue Q è nel trattamento di *kw in proto-celtico, che divenne *p nel celtico-P e *k in goidelico. Un esempio è la radice verbale proto-celtica *kwrin- "comprare", che divenne pryn- in gallico ma cren- in antico irlandese.

L'altro schema, sostenuto per esempio da McCone (1996), lega insieme il goidelico al brittonico in una branca celtica insulare, mentre il gallico ed il celtiberico sono raggruppate in una branca celtica continentale. Secondo questa teoria, il cambiamento fonetico del "celtico-P" da [kʷ] a [p] è avvenuto indipendentemente o si è trattato di influenza areale. I sostenitori dell'ipotesi celtica insulare focalizzano su altre innovazioni condivise tra le lingue celtiche insulari, incluse le preposizioni flesse, l'ordine delle parole VSO, e la lenizione della [m] intervocalica in [β̃], una a fricativa bilabiale sonora nasalizzata (un suono estremamente raro). Non esiste, comunque, nessuna prova che le lingue celtiche continentali discendano da un comune antenato "proto-celtico-continentale". Infatti lo schema insulare/continentale generalmente postula che il celtiberico sia stata la prima branca a separarsi dal proto-celtico, ed il gruppo rimanente si sia in seguito diviso in gallico e celtico insulare.

Ci sono argomenti legittimati in favore di entrambe le ipotesi. I sostenitori di ogni schema si disputano sull'accuratezza e l'utilità delle categorie dell'altra ipotesi. Poiché la scoperta che il celtiberico fosse una lingua celtica-Q avvenne solo negli anni 70' del XX secolo, la divisione in celtico continentale ed insulare è la teoria più diffusa.

Quando ci si riferisce alle moderne lingue celtiche, poiché la branca celtica continentale non ha discendenti viventi, "celtico-Q" è equivalente a "goidelico" e "celtico-P" è equivalente a "brittonico".

All'interno della famiglia indoeuropea le lingue celtiche sono state a volte accorpate con le lingue italiche in una comune sub-famiglia italo-celtica, un'ipotesi che al giorno d'oggi non è più presa in considerazione, in favore della teoria che ci siano stati invece degli stretti contatti linguistici tra le comunità pre-celtiche e pre-italiche.

Il modo in cui l'albero genealogico sia disposto dipende dal tipo di ipotesi presa in considerazione.

Continentale/Insulare[modifica | modifica sorgente]

Celtico-P/Celtico-Q[modifica | modifica sorgente]

Caratteristiche delle lingue celtiche[modifica | modifica sorgente]

Anche se ci sono molte differenze tra le lingue celtiche individuali, esse mostrano ancora molte somiglianze dovute alla comune discendenza. Queste includono:

  • Mutazioni consonantiche (solo nel celtico insulare)
  • Preposizioni flesse (solo nel celtico insulare)
  • Due generi grammaticali (solo nel celtico insulare moderno; l'antico irlandese e le lingue continentali avevano tre generi)
  • Un sistema numerico vigesimale (contando per venti)
  • Ordine delle parole Verbo Soggetto Oggetto (VSO)
  • Un'interazione tra il congiuntivo, il futuro, l'imperfetto e l'abituale, al punto che alcuni tempi e modi hanno eliminato gli altri
  • Una forma verbale impersonale o autonoma che serve come passivo o intransitivo
    • Gallese: dysgais significa "Ho insegnato", mentre dysgwyd significa "fu insegnato, si è insegnato"
  • Scomparsa degli infiniti, rimpiazzati da una forma verbale quasi nominale chiamata nome verbale o nome-verbo
  • Uso frequente di mutazioni vocaliche a livello morfologico, ad esempio per la formazione dei plurali, la coniugazione verbale, ecc.
  • Uso di particelle preverbali per segnalare subordinazione della proposizione successiva
    • Relativizzatori/subordinatori distinti per mutazione
    • Particelle di negazione, interrogative e occasionalmente per le dichiarazioni affermative
  • Pronomi infissi posizionati tra le particelle ed i verbi
  • Mancanza di un verbo semplice per "avere", con il possesso espresso da una struttura composita, normalmente essere + preposizione
  • Uso di costruzioni perifrastiche per esprimere il tempo verbale, la voce o distinzioni aspettuali
  • Distinzione della funzione delle due versioni di essere, tradizionalmente etichettate come esistenziale e copula
  • Struttura dimostrativa biforcata
  • Supplementi pronominali suffissi, chiamati pronomi supplementari o di conferma
  • Uso di singolari e/o di forme speciali di nomi numerabili e utilizzo di un suffisso di singolare per formare i singolari dai plurali, dove gli antichi singolari sono scomparsi

Esempi:
(Irlandese) Ná bac le mac an bhacaigh is ní bhacfaidh mac an bhacaigh leat.
(Traduzione letterale) Non infastidire con-figlio il GEN-mendicante e non FUT-infastidire figlio il GEN-mendicante con-te.

  • bhacaigh è il genitivo di bacach. -igh è il risultato dell'affezione; bh- è la forma sotto lenizione di b.
  • leat è la seconda persona singolare flessa della preposizione le.
  • L'ordine è VSO nella seconda parte.

(Gallese) pedwar ar bymtheg a phedwar ugain
(Traduzione letterale) quattro su quindici e quattro-venti

  • bymtheg è una forma mutata di pymtheg, che si compone di pump ("cinque") più deg ("dieci"). Allo stesso modo, phedwar è una forma mutata di pedwar.
  • I multipli di dieci sono deg, ugain, deg ar hugain, deugain, hanner cant, trigain, deg a thrigain, pedwar ugain, deg a phedwar ugain, cant.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ethnographic Map of Pre-Roman Iberia (circa 200 b
  2. ^ Kenneth Jackson ha proposto l'origine non-indoeuropea per il pitto, insieme ad una lingua pretenica. Questa teoria non viene generalmente accettata. Si veda "Language in Pictland : the case against 'non-Indo-European Pictish'" di Katherine Forsyth Etext. Si veda anche l'introduzione di James e Taylor al "Index of Celtic and Other Elements in W.J.Watson's 'The History of the Celtic Place-names of Scotland'" Etext. Si compari anche il trattamento del pitto in The Languages of Britain di Price (1984) con il suo Languages in Britain & Ireland (2000).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ball, Martin J. & James Fife (ed.) (1993). The Celtic Languages. London: Routledge. ISBN 0-415-01035-7.
  • Borsley, Robert D. & Ian Roberts (ed.) (1996). The Syntax of the Celtic Languages: A Comparative Perspective. Cambridge: Cambridge University Press. ISBN 0521481600.
  • Celtic Linguistics, 1700-1850 (2000). London; New York: Routledge. 8 vol.s comprising 15 texts originally published between 1706 and 1844.
  • Hindley, Reg (1990). The Death of the Irish Language: A Qualified Obituary. London; New York: Routledge. ISBN 0-415-04339-5.
  • Lewis, Henry & Holger Pedersen (1989). A Concise Comparative Celtic Grammar. Gottingen: Vandenhoeck & Ruprecht. ISBN 3-525-26102-0.
  • McCone, K., Towards a Relative Chronology of Ancient and Medieval Celtic Sound Change, Maynooth, Department of Old and Middle Irish, St. Patrick's College, 1996. ISBN 0-901519-40-5.
  • Russell, Paul (1995). An Introduction to the Celtic Languages. London; New York: Longman. ISBN 0-582-10082-8.
  • Schmidt, K. H., On the reconstruction of Proto-Celtic in G. W. MacLennan (a cura di), Proceedings of the First North American Congress of Celtic Studies, Ottawa 1986, Ottawa, Chair of Celtic Studies, 1988, pp. 231–48. ISBN 0-09-693260-0.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Celti Portale Celti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Celti