Luigi VIII di Francia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi VIII
Louis VIII le Lion.jpg
Re di Francia
In carica 14 luglio 1223 – 8 novembre, 1226
Predecessore Filippo II di Francia
Successore Luigi IX di Francia
Nascita Parigi, 5 settembre 1187
Morte Montpensier, 8 novembre 1226
Sepoltura Basilica di Saint-Denis, Francia.
Dinastia Capetingi
Padre Filippo II di Francia
Madre Isabella di Hainaut
Consorte Bianca di Castiglia
Re di Francia
Capetingi

Arms of the Kingdom of France (Ancien).svg

Luigi VIII

Luigi VIII, detto Luigi il Leone (Parigi, 5 settembre 1187Montpensier, 8 novembre 1226), fu re di Francia dal 1223 al 1226. Figlio e successore di Filippo II Augusto, apparteneva alla dinastia capetingia.

Il periodo da principe[modifica | modifica sorgente]

All'età di dodici anni sposò Bianca di Castiglia il 23 maggio 1200, dopo lunghe trattative fra Filippo II e Giovanni d'Inghilterra. Nel 1216 i baroni inglesi si ribellarono (prima guerra baronale) contro re Giovanni (1199-1216) ed offrirono il trono a Luigi, allora principe; Luigi invase l'Inghilterra e venne proclamato re nel maggio 1216, pur non venendo incoronato, trovando a Londra della resistenza alla sua ascesa al potere.

Incoronazione di Luigi VIII e della regina Bianca di Castiglia nel 1223, miniatura dalle Grandes Chroniques de France, Parigi, Bibliothèque nationale de France, XV secolo.

Venne incoronato nella cattedrale di Saint Paul, ricevendo l'omaggio di molti nobili ed anche quello di re Alessandro II di Scozia. Il 14 giugno conquistò Winchester, e da lì a poco metà del regno inglese; dopo circa un anno e mezzo di guerra metà dei baroni inglesi era sconfitta, cosicché Luigi dovette rinunciare al trono inglese col trattato di Lambeth.

Il periodo di regno[modifica | modifica sorgente]

LuiGI VIII

Successe al padre il 14 luglio 1223, venendo incoronato il 6 agosto nella cattedrale di Reims. Combatté contro gli Angioini, strappando loro il Poitou e la Saintonge nel 1224. Seguirono la conquista di Avignone e della Linguadoca.

Il 1º novembre 1223 emanò un'ordinanza che vietava ai suoi funzionari di riscuotere debiti dovuti agli ebrei, rovesciando il provvedimento in materia del padre (Filippo II di Francia). L'usura era condannata allora dalla chiesa cattolica, e chi la praticava era passibile di scomunica (per questo era generalmente praticata con l'intermediazione degli ebrei). Ventisei baroni accettarono, ma il potente Teobaldo I di Navarra, conte di Champagne, rifiutò d'obbedire, poiché ricavava denaro dalla tassazione dell'usura.

Nel 1225 il concilio di Bourges scomunicò il conte di Tolosa Raimondo VII, indicendo una crociata contro i baroni del sud della Francia; Luigi partecipò alla crociata per consolidare il proprio potere. Morì di dissenteria nell'Auvergne, e venne sepolto all'interno della Basilica di Saint-Denis.

Figli[modifica | modifica sorgente]

  • Bianca (1205–1206)
  • Agnese (1207)
  • Filippo (1209-1218)
  • Alfonso (1213)
  • Giovanni (1213), gemello di Alfonso
  • Luigi, poi Luigi IX di Francia (1214-1270)
  • Roberto (1216-1250) conte di Artois
  • Filippo (1218-1220)
  • Giovanni (1219-1232)
  • Alfonso (1220-1271), Conte di Poitiers e Auvergne
  • Filippo Dagoberto (1222-1232)
  • Isabella (1225-1269)
  • Carlo (1226-1285) Re di Sicilia

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re di Francia Successore
Filippo II 1223–1226 Luigi IX


Controllo di autorità VIAF: 29542569 LCCN: n83225874