Rinaldo di Dammartin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rinaldo di Dammartin durante il trasporto a Parigi, con Ferdinando del Portogallo, conte delle Fiandre, sotto lo sguardo del re di Francia, Filippo Augusto

Rinaldo (Reginaldo) di Dammartín in francese Renaud de Dammartin, in inglese Renaud I, Count of Dammartin, in tedesco Rainald I. von Dammartin, in olandese Reinoud van Dammartin, in spagnolo Renaud de Dammartín in portoghese Reinaldo de Dammartin (1165 circa – Goulet, 21 aprile 1217) , conte di Dammartin dal 1200, di Aumale dal 1205 e di Mortain dal 1209 fu anche conte consorte di Boulogne avendo sposato, nel 1190, la contessa di Boulogne, Ida di Lorena o Ida delle Fiandre, fino al 1217. Dal 1214 al 1217 fu solo titolare delle contee, in quanto era stato imprigionato..

Origine[modifica | modifica sorgente]

Suo padre era Alberico II di Dammartin (Aubry II de Dammartin), nato nella prima metà del XII secolo e morto nel 1200, conte di Dammartin e signore di Lillebonne ed era figlio di Alberico I di Dammartin e Adela. Sua madre era Matilde di Clermont, morta nel 1200 circa, ed era la figlia di Rinaldo di Clermont (?-1162) e della seconda moglie Clemenza.[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Blasone della famiglia Dammartin

Un anonimo continuatore delle cronache del cronista Roberto di Mont-Saint-Michel lo cita come Reginaldus Comes Boloniæ filius eius (Albericus Dammartini Comes)[1].

Rinaldo si sposò in prime nozze con Maria di Châtillon[2] (?-dopo il 1241), figlia del signore di Châtillon-sur-Marne, Guido II, e di Alice de Dreux; ripudiò la moglie, da cui non aveva avuto figli e prima del 1190 divorziarono[1].

In seconde nozze, nell'aprile del 1190, Rinaldo sposò la contessa di Boulogne Ida di Lorena[3], figlia di Matteo di Lorena (o Matteo delle Fiandre) e Maria di Boulogne, dopo che l'aveva rapita e rinchiusa nel castello di Riste in Lorena, dove aveva attirato il di lei fidanzato, Arnoul de Guines, Signore d'Ardres e organizzato il suo arresto con l'aiuto di Albert de Hièrges vescovo di Verdun[1].

Nel 1192, Rinaldo divenne conte di Boulogne, per diritto di matrimonio e, nel 1200, successe al padre nella contea di Dammartin[1].

Poi il re di Francia, Filippo Augusto, gli donò, nel 1205, la contea d'Aumale e, nel 1209 la contea di Mortain[1].
Nonostante ciò, nel 1212, Rinaldo rese omaggio al re d'Inghilterra, Giovanni Senza Terra, per cui Filippo Augusto gli requisì tutti i suoi possedimenti[1] e Rinaldo si trovò in conflitto col suo re.
Nel 1214, Rinaldo si schierò apertamente con l'imperatore, Ottone IV, che guidava una coalizione contro l'esercito francese e così, il 27 luglio 1214, schierò le sue truppe a fianco di Ottone IV, che alla battaglia di Bouvines fu severamente sconfitto dalle truppe del re di Francia.

Rinaldo durante la battaglia di Bouvines fu preso prigioniero dai francesi, che lo arrestarono e lo imprigionarono nel castello di Goulet[1].
Il re di Francia, Filippo Augusto prese il controllo diretto della contea di Boulogne e nel 1216, secondo un contratto stipulato a Compiegne, nel 1201 e rinnovato nel maggio 1210 a Saint-Germain-en-Laye fece sposare l'unica figlia di Rinaldo, Matilde, l'erede della contea di Boulogne con suo figlio, Filippo Hurepel[1] (1200-1234), avuto dalla terza moglie, Agnese di Merania.

Nel 1217, Rinaldo si suicidò nel carcere in cui era rinchiuso da circa 3 anni, e la figlia, Matilde, unica erede, divenne contessa titolare di Boulogne e di Dammartin.
Rinaldo fu tumulato a Boulogne, dove raggiunse la moglie, Ida, deceduta l'anno prima.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Rinaldo e Ida ebbero una sola figlia:[1]

  • Matilde (ultima decade del XII secolo - 14 gennaio 1259), contessa di Boulogne e di Dammartin

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j (EN) Nobiltà della regione di Parigi
  2. ^ Maria di Châtillon (?-dopo il 1241), in seconde nozze, nel 1213, sposò il conte di Vendôme, Giovanni III (?- all'inizio del 1217). Poi in terze nozze, sposò, nel 1218, Roberto di Vieuxpont, Signore di Courville.
  3. ^ Ida di Lorena, contessa di Boulogne dal 1173, era al suo quarto matrimonio: era vedova dall'8 settembre 1186, del conte di Zähringen, Bertoldo IV, dopo essere rimasta vedova, nel 1181, di Gerardo di Gheldria, figlio del conte di Gheldria ed aver prima ancora divorziato da tale Matteo di cui non si conoscono gli ascendenti.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Frederick Maurice Powicke, I regni di Filippo Augusto e Luigi VIII di Francia, in Storia del mondo medievale, vol. V, 1999, pp. 776-828

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Conte di Boulogne
sino al 1216 con la moglie Ida di Lorena
poi da solo (solo titolare)
Successore
Ida di Lorena 1190-1217 Matilde II di Boulogne

Controllo di autorità VIAF: 215004798