Roberto I di Borgogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto I di Borgogna
Re di Francia
Capetingi

Arms of the Kingdom of France (Ancien).svg

Figli
Figli
Figli

Roberto I di Borgogna (1011Fleurey-sur-Ouche, 21 marzo 1076) fu conte di Charolais e di Langres, dal 1027, duca di Borgogna dal 1032 fino alla morte, fu anche conte d'Auxerre dal 1040 al 1060.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Membro della dinastia capetingia, Roberto Il Vecchio (in francese Robert LeVieux) nacque a Reims, terzo figlio maschio del re di Francia, Roberto II (972-1031) e Costanza d'Arles (986-† luglio 1034), figlia del conte di Provenza Guglielmo I (ca.950-†993) e di Adelaide d'Angiò (ca. 947- †1026). Fu il fratello minore del re di Francia, Enrico I.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1016, il fratello secondogenito, Enrico, venne investito del titolo di duca di Borgogna, anche se il ducato, per la giovane età di Enrico, continuava ad essere governato dalla corona; mentre l'anno dopo (1017), il fratello primogenito Ugo, detto Ugo il Grande, veniva associato al trono dal padre, Roberto II il Pio.

Dopo la morte, in esilio, di Ugo, il padre, Roberto II il Pio, avrebbe voluto incoronare Enrico mentre la madre, Costanza d'Arles, avrebbe preferito incoronare il fratello minore, Roberto, in quanto Enrico era già duca di Borgogna. Alla fine prevalse la volontà del padre e Enrico venne incoronato re di Francia nella cattedrale di Reims il 14 maggio 1027 e fino al 1031 regnò assieme al padre.

Nel 1030, Roberto ed il fratello Enrico si ribellarono al loro padre, il re Roberto II. Dopo aver avuto la meglio sul padre, conquistando alcuni castelli, fecero la pace.

Alla morte del padre, nel 1031, la regina madre Costanza, spalleggiata dal conte Oddone II di Blois, capeggiò una rivolta per poter mettere sul trono Roberto al posto dell'altro figlio, Enrico, già incoronato quattro anni prima. La regina madre si impossessò di Senlis, Dammartin, Le Puiset, Poissy e Sens, donata per metà a Oddone II (come compenso per l'appoggio ricevuto). Enrico, con il sostegno decisivo del duca di Normandia, Roberto I il Magnifico, si difese con vigore, riprese alcune città, costrinse la madre e il fratello alla pace e mantenne il trono, cedendo però al fratello, Roberto, il ducato di Borgogna, che ormai, da quasi trentanni, era legato alla corona di Francia. Nel 1032, Roberto divenne il Duca di Borgogna Roberto I.

Nel 1033, Roberto sposò, in prime nozze, Helie[1] di Semur, figlia di Dalmazio, signore di Semur.

Nel 1046, ripudiò Helie e sposò, in seconde nozze, Ermengarda (detta Bianca) d'Angiò, figlia del conte d'Angiò, Folco III Nerra, e Ildegarda di Sundgau, vedova del conte del Gâtinais, Goffredo Ferréol.

Durante il governo di Roberto il ducato di Borgogna si spezzò in varie signorie che in pratica non dipendevano più dal duca, e si autogovernavano sia i feudi laici, come le contee di Chalon-sur-Saône o di Mâcon che le signorie ecclesiastiche come l'abbazia di Molesme. Il duca di Borgogna si ridusse allo stato di un tirannello senza scrupoli che passò la vita a saccheggiare le terre dei suoi vassalli, specialmente quelle della chiesa. Risulta che derubasse i raccolti del vescovo di Autun e depredasse le cantine dei canonici di Santo Stefano a Digione. Si narra che Aruino, vescovo di Langres, nel 1055, si rifiutasse di avventurarsi nei pressi di Digione, per consacrare la chiesa di Sennecey, per paura di essere esposto alla violenza del duca.

Risulta inoltre che Roberto non esitasse davanti a nessun crimine pur di soddisfare le sue ambizioni e i suoi desideri di vendetta. Risulta che, dopo aver ripudiato Helie di Semur, i rapporti con i signori di Semur si guastarono e Roberto, nel 1048, fece irruzione, con la forza, nell'abbazia di Saint-Germain, a Auxerre, per assassinare personalmente il proprio suocero, Dalmazio, e fare uccidere il giovane cognato, Joceran.

Roberto morì, nel 1076, a Fleurey-sur-Ouche, e gli successe il nipote Ugo I figlio di Enrico di Borgogna, premorto al padre Roberto.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Roberto da Helie di Semur ebbe cinque figli:

Roberto da Ermengarda (detta Bianca) d'Angiò ebbe una figlia:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il nome era un omaggio al Sole (in latino Helios).
Predecessore Duca di Borgogna Successore Blason Ducs Bourgogne (ancien).svg
Enrico I di Francia 1032–1076 Ugo I

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Louis Halphen, "La Francia dell'XI secolo", cap. XXIV, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 770-806.