Raimondo Berengario IV di Barcellona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raimondo Berengario IV
Raimondo Berengario IV con la moglie Petronilla; (Monastero di Santa Maria di Poblet, 1400);
Raimondo Berengario IV con la moglie Petronilla;
(Monastero di Santa Maria di Poblet, 1400);
Conte di Barcellona
In carica 1131 - 1162
Predecessore Raimondo Berengario III
Successore Raimondo Berengario che assunse il nome di Alfonso II il Casto
Nome completo Raimondo Berengario
Altri titoli conte di Girona, d'Osona e di Cerdagna, poi principe d'Aragona
Nascita Rodez, 1113
Morte Borgo San Dalmazzo, 1162
Luogo di sepoltura monastero di Ripoll
Casa reale casato di Barcellona
Padre Raimondo Berengario III
Madre Dolce I di Provenza
Consorte Petronilla d'Aragona
Figli Pietro
Raimondo che poi prese il nome di Alfonso
Pietro che poi prese il nome di Raimondo Berengario
Dolce e
Sancho, legittimi
Raimondo, illegittimo
Scudo d'armi del re d'Aragona, adottato dal 1157, dopo la morte di Ramiro II di Aragona, dal principe d'Aragona, Raimondo Berengario IV, in virtù del suo matrimonio con Petronilla di Aragona, regina d'Aragona.

Raimondo Berengario, detto il Giovane o il Santo. Raimond Bérenger in francese, Ramon Berenguer in catalano, Ramón Berenguer in spagnolo (castigliano) e in aragonese, Raimundo Berenguer in galiziano e in portoghese. Raimondo Berengario, Raimundus Berengarius in latino, (1113Borgo San Dalmazzo, 6 agosto 1162), fu conte di Barcellona, Girona, Osona e Cerdagna dal 1131 al 1162, poi principe d'Aragona e conte di Sobrarbe e Ribagorza dal 1137 al 1162.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Statua di Raimondo Berengario IV, che si trova nel passeggio dell'Argentina[1], nei giardini del Parco del Retiro di Madrid

Secondo la Ex Brevi Historia Comitum Provinciæ e familia comitum Barcinonensium era figlio del conte di Barcellona, Girona, Osona e Cerdagna, Raimondo Berengario III e della contessa di Provenza e Gévaudan, Dolce I[2], figlia primogenita del Visconte di Millau, di Gévaudan, e di Carlat, Gilberto I di Gévaudan e della Contessa di Provenza, Gerberga (come ci viene confermato dalle Note dell'Histoire Générale de Languedoc, Tome II[3]), figlia secondogenita del conte di Provenza, Goffredo I e della moglie Stefania o Dolce (?- dopo il 1096, anno in cui Stefania fece una donazione per l'anima del figlio Bertrando[4]), come viene riportato a pagina 529 delle Note dell'Histoire Générale de Languedoc, Tome II[3]; secondo lo storico Szabolcs de Vajay, Stefania era viscontessa di Marsiglia, figlia del visconte di Marsiglia, Guglielmo II.
Raimondo Berengario III di Barcellona, secondo la Inquisitio circa comitatum Carcassonæ quomodo pervenerit ad comites Barcinonenses era l'unico figlio maschio del conte di Barcellona, Girona, Osona e Carcassonne, Raimondo Berengario II, detto testa di stoppa[5] e di Matilde d'Altavilla (o Mafalda di Puglia)[6], che secondo il cronista attivo in Italia in epoca normanna, a cavallo tra la fine del secolo XI e l'inizio del secolo XII, Guglielmo di Puglia, nel suo Gesta Roberti Wiscardi era la figlia primogenita del duca di Puglia e Calabria e conte di Sicilia, Roberto il Guiscardo (anche l'Ex Gestis Comitum Barcinonensium ci conferma che era figlia del Guiscargo[7]) e della principessa longobarda, Sichelgaita di Salerno[8], che secondo il Gestis Ducum Normannorum, Continuatione Roberti era la figlia primogenita di Guaimario[9], principe di Salerno e di Capua, duca di Amalfi e Gaeta e duca di Puglia e Calabria e della sua terza moglie[10], Gemma di Capua, figlia del conte di Capua Laidolfo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Petronilla d'Aragona e suo marito, il conte di Barcellona, Raimondo Berengario IV

Raimondo Berengario viene citato per la prima volta nel documento n° 194 del Recueil des chartes de l'abbaye de la Grasse, Tome I 779-1119, del febbraio 1114, in cui i suoi genitori fecero una donazione all'abbazia di Grasse[11].
Poi il 20 gennaio 1117, controfirmò una donazione che i suoi genitori fecero al monastero di San Pietro di Girona, come risulta dal documento n° XXXVIII della España Sagrada Tomo XLIII[12].

Alla morte del padre, nel 1131, ereditò il titolo di conte di Barcellona, Girona, Osona e Cerdagna[11], come era espresso nel testamento del padre, datato 8 luglio 1130[11].

Nei primi anni del suo governo la contea dovette subire gli attacchi del re d'Aragona, Alfonso I il Battagliero, che nella sua avanzata su Lerida e Tortosa, aveva occupato alcuni territori della contea di Barcellona, che, con la morte di Alfonso I, nel 1134, ritornarono sotto il controllo di Raimondo Berengario[11].

Contea di Barcellona
Casato di Barcellona
Aragon Arms.svg

Goffredo
Figli
Goffredo II Borrell I
Figli
  • Riquilda
Sunyer I
Figli
Mirò I
Borrell II
Figli
Raimondo Borrell III
Figli
Berengario Raimondo I
Figli
Raimondo Berengario I
Figli
  • Arnau di Barcellona
  • Berengario di Barcellona
  • Pietro Raimondo di Barcellona
  • Raimondo Berengario II el Cap d'Estopes ("Testa di Stoppia")
  • Berengario Raimondo II el Fratricida ("il Fratricida")
  • Inès o Agnese di Barcellona
  • Sancha di Barcellona
Raimondo Berengario II
Figli
Berengario Raimondo II
Raimondo Berengario III
Figli
Raimondo Berengario IV
Modifica

Nel 1137 il nuovo re d'Aragona, Ramiro II il Monaco promise la figlia Petronilla in sposa a Raimondo Berengario IV[13]; l'impegno matrimoniale fu firmato a Barbastro, l'11 agosto 1137; mentre il 27 agosto, nel castello di Ayerbe, Ramiro II redasse un documento in cui si impegnava a non prendere importanti decisioni, senza l'approvazione del futuro genero. Il 13 novembre dello stesso anno, infine, pur mantenendo il titolo di re, Ramiro II abdicò[14], in favore della figlia Petronilla, e, mentre la regina bambina veniva portata a Barcellona per essere educata alla corte della contea di Barcellona, delegò il futuro genero a governare il regno d'Aragona col titolo di principe d'Aragone e conte di Barcellona, per contrastare l'ingombrante re di León e Castiglia, Alfonso VII, che dopo aver occupato il regno di Navarra, nel 1136, era entrato in Aragona, aveva occupato parte del regno[14] e (assumendo il titolo di Imperatore) gli aveva imposto il vassallaggio.
Ramiro II, che morì a Huesca il 16 agosto 1157 (la data della morte è stabilita in un documento del dicembre 1157[14]) trascorse l'ultimo periodo della sua vita nel monastero di San Pedro di Huesca e nella sua proprietà di San Úrbez de Sarrablo (Huesca), ma non vi è certezza che tornasse definitivamente alla vita monastica[14].

Raimondo Berengario si dovette anche occupare del testamento di Alfonso I, che aveva lasciato tutti i suoi territori agli ordini monastici e tra il 1137 ed il 1143 riuscì a chiudere i vari contenziosi, cedendo ai Templari sei castelli aragonesi ed alcuni territori conquistati ad al-Andalus[15].
In quello stesso periodo Raimondo Berengario riconobbe la sovranità del papa Innocenzo II su Aragona e sulle contee catalane[15].

Tra il 1139 ed il 1140 a Carrión de los Condes, Raimondo Berengario IV, principe d'Aragona e conte di Barcellona, stipulò un trattato con Alfonso VII che fissava i confini tra Castiglia ed Aragona (Alfonso restituì Saragozza, dopo che all'Aragona aveva riconosciuto i territori sulla sponda sinistra del fiume Ebro e la Castiglia si teneva quelli sulla destra)[13] e lo impegnava in una guerra di conquista contro la Navarra. Dopo essere stato sconfitto, il re di Navarra, Garcia IV Ramirez, confermandosi suo vassallo, firmò a Tudela, nel 1140, una pace separata con Alfonso VII, mentre manteneva con l'Aragona una situazione di conflittualità.

Territori peninsulari sotto il dominio di Raimondo Berengario IV al momento della sua morte (1162)

Tra il 1141 ed il 1147, Raimondo Berengario IV, dopo essersi alleato con Alfonso VII, recuperò diverse città che erano state riprese dai musulmani dopo la sconfitta di Alfonso il Battagliero a Fraga, nel 1134, e operò anche varie incursioni nelle regioni di Murcia (1144) e di Valencia (1146)[15].

Nel 1143, a Zamora, di fronte al legato del papa Innocenzo II, il re di Castiglia Alfonso VII riconobbe il contratto di matrimonio tra il conte di Barcellona, Raimondo Berengario IV, e la giovanissima regina di Aragona, Petronilla, accettando così l'unione di tutte le contee catalane con l'Aragona, e di fatto la formazione di un più grande regno d'Aragona.

Nel 1144, alla morte del fratello, il conte di Provenza, Berengario Raimondo I, Raimondo Berengario IV assunse la reggenza della contea di Provenza, per conto del nipote minorenne Raimondo Berengario II, che mantenne sino al 1157.

Sempre in collaborazione con il regno di Castiglia nella lotta contro i regni musulmani, nel 1147, con l'aiuto della flotta genovese, Raimondo Berengario IV mise sotto assedio Almeria[16]

Nel 1148, completò la conquista della regione di Tortosa e tolse ai musulmani anche la regione di Lérida e Fraga il 24 ottobre 1149, dopodiché si autoproclamò marchese di Tortosa e Lerida[15].

Nel 1149 Raimondo Berengario IV firmò un trattato di pace con il re di Navarra Garcia IV Ramirez, che impegnava Raimondo Berengario IV (già promesso però a Petronilla di Aragona), a sposare Bianca di Navarra (già promessa a Sancho, figlio del re di Castiglia), la figlia di Garcia IV. Ma con la morte di Garcia IV l'impegno non fu mantenuto.

Raimondo Berengario IV e la moglie, la regina d'Aragona, Petronilla

Dopo che la regina d'Aragona, nel 1150, aveva compiuto i quattordici anni, età richiesta dal Diritto canonico per il matrimonio, a Lérida, nel mese di agosto, Raimondo Berengario IV sposò Petronilla, che secondo la Ex Brevi Historia Comitum Provinciæ e familia comitum Barcinonensium era figlia del re d'Aragona e conte di Sobrarbe e Ribagorza, Ramiro II[2] e della moglie, Matilde (o Agnese) di Poitiers (1103-ca. 1160), figlia legittima del duca d'Aquitania e conte di Poitiers, Guglielmo IX (questa tesi è sostenuta, sia dal Chronicon sancti Maxentii Pictavensis, Chroniques des Eglises d'Anjou[17] che dalla Ex Gestis Comitum Barcinonensium[7], e anche dalla Crónica de San Juan de la Peña[18]. Infine, secondo le Europäische Stammtafeln[19], vol II, 58 e 76 (non consultate)[14] era figlia illegittima di Guglielmo IX) e vedova del visconte Emerico V di Thouars (questo matrimonio è confermato dalla donazione n° CXLVII del Cartulaire de l'abbaye de la Sainte-Trinité de Tiron, Tome I, del 1030 circa, fatta unitamente da Emerico e Agnese[20]), che si era dimostrata fertile col suo primo marito, come ci conferma il documento n° 1159 della Chronique de Robert de Torigni, abbé de Mont-Saint-Michel, Tome I, dove la sposa e chiamata Matilde[21]; e la Ex Fragmentis Chronicorum Comitum Pictaviæ, Ducum Aquitaniæ dove la sposa è chiamata Matilde (Mahauda), detta Agnese (Agnes dicta)[22], che però sostiene, assieme ad altre fonti non primarie[14]che Agnese era la figlia di Guglielmo, signore di Puy-du-Fou[22].

Nel 1151, firmò il Trattato di Tudilén con Alfonso VII, che, oltre che ad essere in chiave anti navarrese, riservava all'Aragona la conquista delle terre musulmane di Valenza, Denia e Murcia, ottenendo nuovamente il tributo dall'emirato di Valenza[15].

Tra il 1151 e il 1153, fondò il Monastero di Santa Maria di Poblet[15].

Nel 1154, ottenne da papa Anastasio IV la supremazie dell'archidiocesi di Tarragona, su tutta la Catalonia, l'Aragona e la Navarra[15].

Sempre nel 1154, ottenne la tutela del visconte di Béarn, Gastone V che era ancora un bambino[15].

Nell'agosto del 1161, secondo la Ex Gestis Comitum Barcinonensium, Raimondo Berengario IV accompagnò sino a Torino il nipote, il conte di Provenza Raimondo Berengario II, per richiedere ed ottenere la conferma della contea di Provenza da parte dell'imperatore Federico Barbarossa[23]. Nel contempo fu organizzato il matrimonio di Raimondo Berengario II con la nipote dell'imperatore, Richenza di Polonia, (1130-1185), figlia del duca di Polonia, in esilio, Ladislao II l'Esiliato (1105-1159) e di Agnese di Babenberg (1111-1157).[24] Il matrimonio fu celebrato nel novembre dello stesso anno.

Sulla via del ritorno da Torino, a Borgo San Dalmazzo, nel 1162, Raimondo Berengario IV morì[23], conferendo al nipote la tutela del suo successore sul trono d'Aragona e nella contea di Barcellona, il figlio secondogenito Raimondo Berengario. La morte di Raimondo Berengario è riportata anche dagli Annales Sancti Victoris Massilienses[25] e da un epitaffio dell'Appendice della España Sagrada Tomo. XLIII[26].
Il corpo del conte fu trasportato a Barcellona e inumato nel Monastero di Santa Maria di Ripoll[23]>.

Nel 1164, due anni dopo la morte del conte Raimondo Berengario IV, Petronilla, regina d'Aragona, abdicò a favore del figlio, Raimondo Berengario, ridenominato Alfonso, in onore del prozio, Alfonso I il Battagliero. Così, salito sul trono d'Aragona col nome di Alfonso II, ed ereditate dal padre le contee catalane, unificò l'Aragona alla Catalogna.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Raimondo Berengario e Petronilla ebbero cinque figli[15][27]:

Raimondo Berengario ebbe anche un figlio illegittimo da un'amante di cui non si conoscono né il nome né gli ascendenti:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La statua di Raimondo Berengario IV, che si trova nel passeggio dell'Argentina, popolarmente detto El paseo de las estatuas, nel Parco del Retiro di Madrid; è una delle statue di monarchi Spagnoli commissionate per la decorazione del Palazzo Reale di Madrid durante il regno di Ferdinando VI. L'idea iniziale ara stata di adornare la cornice del palazzo; scolpite da Olivieri e Filippo de Castro, non furono mai poste nelle posizioni per cui erano state scolpite, ma furono piazzate in altri luoghi della città: piazza d'Oriente, parco del Retiro, porta di Toledo. Alcune furono posizionate in altre città.
  2. ^ a b (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, Tomus XII, Ex Brevi Historia Comitum Provinciæ e familia comitum Barcinonensium, pag 361
  3. ^ a b (FR) Histoire générale de Languedoc, Notes, tomus II, pagina 529
  4. ^ (LA) Cartoulaire de l'abbaye de Saint-Victor de Marseille tome I, documento 220, pagg. 242 e 244
  5. ^ (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, Tomus XII,Inquisitio circa comitatum Carcassonæ quomodo pervenerit ad comites Barcinonenses, par. C, pag 374
  6. ^ Matilde d'Altavilla, in Catalogna, fu conosciuta come Mafalda di Puglia
  7. ^ a b c (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, Tomus XII, Ex Gestis Comitum Barcinonensium, cap. 15, pag 375
  8. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, Tomus IX, Gesta Roberti Wiscardi, liber IIII, pag 279
  9. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, Tomus XXVI, Gestis Ducum Normannorum, Continuatione Roberti, par. 42, pag 8
  10. ^ (LA) Antiquitates Italicæ Medii ævi, Tome I, colonne 323 e 324
  11. ^ a b c d (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy :Conti di Barcellona - RAMON BERENGUER IV de Barcelona
  12. ^ (LA) España Sagrada Tomo. XLIII, Apendix, doc. XXXVIII, pag 453
  13. ^ a b [Rafael Altamira, La Spagna (1031-1248, pag. 879]
  14. ^ a b c d e f (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy :Re d'Aragona - IInfante don RAMIRO de Aragón
  15. ^ a b c d e f g h i j k l m (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy :Re d'Aragona - RAMON BERENGUER IV de Barcelona (Infanta doña PETRONILA de Aragón)
  16. ^ [Rafael Altamira, La Spagna (1031-1248, pag. 880]
  17. ^ (LA) Chronicon sancti Maxentii Pictavensis, Chroniques des Eglises d'Anjou, pag 419
  18. ^ (CA) Crónica de San Juan de la Peña, cap. 20, righe 91 e 92, pag. 468
  19. ^ Le Europäische Stammtafeln sono una raccolta di tavole genealogiche delle (più influenti) famiglie europee.
  20. ^ (LA) Cartulaire de l'abbaye de la Sainte-Trinité de Tiron, Tome I, doc. CXLVII, pag. 171
  21. ^ (LA) Chronique de Robert de Torigni, abbé de Mont-Saint-Michel, Tome I, doc. 1159, pag 318
  22. ^ a b (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tome XII, Ex Fragmentis Chronicorum Comitum Pictaviæ, Ducum Aquitaniæ, par. A, pag. 409
  23. ^ a b c d e (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, Tomus XII, Ex Gestis Comitum Barcinonensium, cap. 17, pag 377
  24. ^ Agnese di Babenberg era figlia del Margravio d'Austria, Leopoldo III, e di Agnese di Germania, a sua volta figlia dell'imperatore Enrico IV di Franconia.
  25. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, Tomus XXIII, Annales Sancti Victoris Massilienses, anno 1162, pag 3
  26. ^ (LA) España Sagrada Tomo. XLIII, Apendix, doc. XLIII, pag 466
  27. ^ a b (EN) #ES Genealogy : Barcelona - Ramon Berenguer IV "the Saint" of Barcelona
  28. ^ a b (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, Tomus XII, Ex Brevi Historia Comitum Provinciæ e familia comitum Barcinonensium, pag 363

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie[modifica | modifica sorgente]

Letteratura storiografica[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Conte di Barcellona Successore Aragon.png
Raimondo Berengario III 11311162 Alfonso I

Controllo di autorità VIAF: 53000985 LCCN: n81003590