Bivin di Vienne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dinastia bosonide
Bosone il Vecchio
Bivin di Vienne
Regno di Provenza
Bosonides.gif

Bosone I
Ludovico III
Ducato di Borgogna
Flag of Cross of Burgundy.svg

Riccardo
Rodolfo
Ugo
Gilberto
Oddone
Enrico I
Ottone I Guglielmo
Modifica

Bivin de Vienne o Bivin de Gorze (ma anche Beuves, Buwin, Bouvin, Bouin, Brouin, Warin, Guérin) (830 circa[1]863/9[2]) è stato conte delle Ardenne[1] e abate laico di Gorze[2].

Origine[modifica | modifica sorgente]

Non si hanno molte notizie, ma si ritiene che fosse figlio di:

oppure fosse figlio di:

  • Riccardo II, conte di Amiens, e della moglie di cui non si conoscono, né il nome, né gli ascendenti[2]. In questo caso, sarebbe stato il genero di Bosone il Vecchio, avendone sposato la figlia, Richilde.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Secondo il mittelrheinisches urkundenbuch, Bivin viene citato in un documento di una donazione, del 12 novembre 842, in cui l'imperatore Lotario I, conferma suo fratello Riccardo[3], nella proprietà dell'abbazia di Prüm[2].

Tra l'855 e l'856, il re di Lotaringia, Lotario II, secondo lo storico francese, Christian Settipani, gli garantì la proprietà dell'abbazia di San Pietro a Gorze[2], un'abbazia benedettina fondata verso il 747[4] nei pressi di Metz, di cui divenne abate laico.

Bivin viene ancora citato nei Cartolari dell'abbazia di Gorze in un documento dell'863, in cui si menzione la riforma dell'abbazia di Gorze, attuata dal vescovo di Metz[2].

Di Bivin non si conosce la data esatta della morte. Comunque secondo gli Annales Bertiniani, era già morto nell'869[5].

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica sorgente]

Verso l'844 sposò, molto probabilmente, una figlia di Bosone il Vecchio, forse Richilde (gli Annales Bertiniani confermano che era sposato senza precisare il nome della moglie, ma facendoci conoscere il nome di una sorella della moglie, Teuteberga[5], che era una delle figlie di Bosone il Vecchio) che gli diede quattro figli[1][2]:

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie[modifica | modifica sorgente]

Letteratura storiografica[modifica | modifica sorgente]

  • René Poupardin, I regni carolingi (840-918), in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 583-635
  • Louis Halphen, Il regno di Borgogna, in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 807-821

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]