Carlomanno di Baviera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlomanno
Miniatura francese del XIV secolo, con Carlomanno ed i due fratelli inginocchiati davanti al padre, Ludovico il Germanico, rappresentato come re francese
Miniatura francese del XIV secolo, con Carlomanno ed i due fratelli inginocchiati davanti al padre, Ludovico il Germanico, rappresentato come re francese
Re dei Franchi orientali
In carica 876-880
Predecessore Ludovico II il Germanico
Successore Ludovico III
Nome completo Carlomanno di Baviera
Altri titoli Re di Baviera
Re d'Italia
Nascita 830
Morte Altötting, Baviera, 12 aprile 880
Luogo di sepoltura Altötting
Dinastia carolingi
Padre Ludovico II il Germanico 
Madre Emma di Baviera
Coniuge la figlia di Ernesto I, conte nel Nordgau
Figli Arnolfo, illegittimo

Carlomanno di Baviera (830Altötting, 12 aprile 880) fu re di Baviera (865-880), re dei Franchi orientali (876-880) e re d'Italia (877-879).

Origine[modifica | modifica sorgente]

L'impero Carolingio alla morte di Ludovico II detto il Germanico. In viola il regno di Carlomanno.
L'impero Carolingio alla morte di Carlo il Calvo. In viola i regni di Carlomanno.

Figlio maschio primogenito del Re dei Franchi orientali e Re di Lotaringia, Ludovico II detto il Germanico e della moglie, Emma di Baviera[1], figlia di Guelfo I di Baviera (?-824/5), conte di Altdorf ed altre contee in Bavtera e di Edvige di Sassonia[2]. Quindi come confermato dagli Annales Xantenses, Emma era la sorella dell'imperatrice, Giuditta di Baviera[3].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nell'861, secondo gli Annales Bertiniani, Carlomanno si ribellò a suo padre, Ludovico il Germanico, e, alleatosi coi Venedi, guidati da Resticio, riuscì a conquistare una gran parte del regno dil padre, sino al fiume Inn[4]. Ma Ludovico riuscì a contenere la ribellione e privò degli onori il suocero di suo figlio Carlomanno, Ernesto I, conte nel Nordgau e fu esiliato dal regno assieme a Carlomanno, ad Adalardo il Siniscalco ed altri[5]. Carlomanno, nell'863, abbandonato dai Venedi, chiese di essere ricevuto dal padre, che rifiutò[6]. Ma non molto tempo dopo, Ludovico il Germanico acconsentì a ricevere Carlomanno, che era stato abbandonato anche dai nobili che l'appoggiavano e gli permise di rientrare nel regno[6].
Dato che Carlomanno era vigilato, per ordine del padre, nell'864, con la scusa di andare a caccia cercò di sottrarsi al controllo[7], che lo mandò a cercare per concedergli il perdono e restituirgli gli onori[7].

Nell'865, il padre gli assegnò i territori della Baviera (comprendeva oltre alla Baviera, la Pannonia, la Carinzia, la Boemia e la Moravia[8]) con annesso titolo regale[9].

Nell'870, a causa del trattamento di favore che Carlomanno aveva ottenuto da suo padre, Ludovico il Germanico, innescò una ribellione dei suoi fratelli, Ludovico e Carlo il Grosso, che rientrò in breve tempo[10].

Alla morte del cugino Ludovico II, nell'875, Carlomanno contrastò lo zio, il Re dei Franchi occidentali, Carlo il Calvo per la corona del Regno d'Italia[11], ottenendo l'appoggio di un feudatario importante come il futuro Imperatore Berengario, allora Marchese del Friuli, ma Carlo, che aveva l'appoggio di papa Giovanni VIII, riuscì ad imporsi nella lotta e si fece incoronare imperatore.<br>Suo padre, Ludovico, accompagnato dal figlio, Ludovico il Giovane, allora attaccò Carlo sul Reno, lo costrinse a rientrare in patria e lo sconfisse[11].

Dinastia carolingia
(Sovrani dei Franchi dell'est)
Charlemagne autograph.svg

Ludovico II il Germanico
Figli
   Carlomanno di Baviera
   Ludovico il Giovane
   Carlo il Grosso
Carlomanno di Baviera
Figli
   Arnolfo di Carinzia
Ludovico il Giovane
Carlo il Grosso
Arnolfo di Carinzia
Figli
   Ludovico il fanciullo
   Sventibaldo,
   re di Lotaringia
Ludovico IV il Fanciullo
lapide sulla tomba di Carlomanno ad Altötting

Il padre, però, rientrato in patria, il 28 agosto 876, morì[12]. Carlomanno assunse la corona dell'intero Regno Franco Orientale, assegnazione puramente onorifica in quanto dei suoi fratelli Ludovico possedeva la Franconia, la Sassonia e la Turingia, mentre Carlo il Grosso amministrava l'Alemannia (comprendente Svevia e Rezia).

Raccolto un imponente esercito, Carlomanno, nell'877, ritornò in Italia, arrivò a Pavia[13] e, sentendosi minacciando, Carlo il Calvo dovette fuggire in Moriana[14], dove morì (877). Carlomanno, allora fu incoronato re d'Italia, ma poco dopo fu colto da un grave malore[15] e dovette rientrare in Baviera.

Durante la malattia, nell'879, quando già non parve più in grado di seguire gli affari di stato, Carlomanno assegnò l'Italia al fratello Carlo il Grosso mentre l'altro fratello, Ludovico, si fece consegnare il regno di Baviera, che occupò[16], togliendolo al figlio illegittimo di Carlomanno, Arnolfo di Carinzia.

La morte di Carlomanno è ricordata,nel mese di aprile 880, sia dagli Annales Fuldenses[17], che gli Annales Necrologi Prumienses[12]. Anche il cronista Reginone ricorda la morte di Carlomanno nel mese di aprile e riporta che fu tumulato a Altötting[16].
Dopo la morte di Carlomanno, il figlio illegittimo di quest'ultimo, Arnolfo, ottenne il ducato di Carinzia, mentre il fratello, Ludovico il giovane ricevette la Baviera e il suo titolo regale, mentre il Regno d'Italia andò invece al terzo fratello, Carlo il Grosso

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Prima dell'861, Carlomanno aveva sposato la figlia (di cui non si conosce il nome) del conte nel Nordgau, Ernesto I[5]. In un documento dell'8 luglio 879, Carlomanno parla di una moglie e un figlio[18]. Comunque Carlomanno non ebbe eredi legittimi.

Carlomanno ebbe un'amante, Liutwwindis († prima del 9 marzo 891)[19], di cui non si conoscono gli ascendenti. Secondo alcuni storici era la stessa donna che poi aveva sposato, ma il figlio che gli diede, venne ritenuto illegittimo:

Antenati[modifica | modifica sorgente]

Carlomanno di Baviera Padre:
Ludovico II il Germanico
Nonno paterno:
Ludovico il Pio
Bisnonno paterno:
Carlo Magno
Trisnonno paterno:
Pipino il Breve
Trisnonna paterna:
Bertrada di Laon
Bisnonna paterna:
Ildegarda
Trisnonno paterno:
Geroldo di Vinzgau
Trisnonna paterna:
Emma di Alemagna
Nonna paterna:
Ermengarda de Hesbaye
Bisnonno paterno:
Ingerman de Hesbaye
Trisnonno paterno:
Rodberto

Bisnonna paterna:
Edvige di Baviera


Madre:
Emma di Baviera
Nonno materno:
Guelfo I di Baviera
Bisnonno materno:
Rotardo di Metz


Bisnonna materna:
Ermelinda


Nonna materna:
Edvige di Baviera
Bisnonno materno:
Isanbarto





Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie[modifica | modifica sorgente]

Letteratura storiografica[modifica | modifica sorgente]

  • René Poupardin, I regni carolingi (840-918), in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 583-635
  • Allen Mayer, I vichinghi, in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 734-769

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re dei Franchi orientali Successore Autograf, Karl den store, Nordisk familjebok.png
Ludovico il Germanico 876 - 879 Ludovico III il Giovane
Predecessore Re di Baviera Successore Bullet.png
Ludovico II il Germanico 865 - 880 Ludovico III il Giovane
Predecessore Re d'Italia Successore Corona ferrea.png
Carlo il Calvo 877 - 879 Carlo il Grosso