Strada statale 629 di Angera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strada statale 629
di Angera
Strada Statale 629 Italia.svg
Denominazioni successiveStrada provinciale 69 di Santa Caterina
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniLombardia Lombardia
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioSS 33 presso Sesto Calende
FineLaveno Mombello
Lunghezza27,100[1] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 10/07/1971 - G.U. 231 del 14/09/1971[2]
GestoreANAS (1971-1997)

La ex strada statale 629 di Angera (SS 629), ora parte della strada provinciale 69 di Santa Caterina (SP 69)[3], era una strada statale italiana che si sviluppava nella provincia di Varese. Attualmente classificata come strada provinciale, costeggia la sponda sud orientale del lago Maggiore.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La strada ha inizio a Sesto Calende, distaccandosi dalla strada statale 33 del Sempione. Prosegue in direzione nord-ovest e raggiunge la frazione di Lisanza e sfiora il centro abitato di Angera. Continuando in direzione nord, attraversa Ispra e le frazioni di Arolo, Cellina, Reno e Cerro, prima di terminare nel centro abitato di Laveno-Mombello.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Già contemplata nel piano generale delle strade aventi i requisiti di statale del 1959[4], è solo col decreto del Ministro dei lavori pubblici del 10 luglio 1971 che viene elevata a rango di statale con i seguenti capisaldi d'itinerario: "Innesto strada statale n. 33 a Sesto Calende - Ispra - Laveno-Mombello"[2].

A seguito del decreto del Ministro dei lavori pubblici[1], la strada viene declassificata a provinciale nell'ottica di classificare la nuova strada statale 629 del Lago di Monate che garantiva un collegamento più veloce.

Note[modifica | modifica wikitesto]