Domitilla D'Amico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Domitilla D'Amico (Roma, 5 settembre 1982) è una doppiatrice italiana. Ha vinto diversi premi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Domitilla è nata a Roma, il 5 settembre del 1982. Il padre, Arnaldo D'Amico, è docente di ingegneria elettronica. Sua madre, Maria Francesca Aronica, ha origini francesi, e ciò ha permesso alla D'Amico di doppiare anche parti di film, serie tv e cartoni animati nelle quali i personaggi parlano in quella lingua. Domitilla ha esordito nel mondo del doppiaggio all'età di otto anni, quando Carlo Baccarini la chiamò per interpretare due personaggi di La voce della luna, diretto da Federico Fellini. Tuttavia, la carriera della D'Amico iniziò prima, quando ella aveva quattro anni: nel 1986, la bambina recitò insieme a Ferruccio Amendola nello spot di una nota marca di detersivo. Domitilla ha, inoltre, studiato danza classica e pianoforte.

È sposata con l'ingegnere Marco Infussi, ha una figlia, Charlotte, nata nel 2011, che ha inizio la carriera di doppiatrice, ed un figlio, Francesco Dante, avuto nel 2015.[1][2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Domitilla è la voce italiana di Kirsten Dunst, Emmy Rossum, Anne Hathaway, Scarlett Johansson, Eva Green, Margot Robbie e Lea Michele. Altre attrici da lei doppiate sono Emma Stone, Mila Kunis, Emily Blunt, Anna Paquin, Mena Suvari, Ashley Johnson, Alison Lohman, Rebecka Liljeberg, Tina Majorino, Sarah Michelle Gellar.

Nel film documentario Sybil (2007), tratto da un famoso caso clinico di disordine da personalità multipla, Domitilla doppia Tammy Blanchard nel ruolo di Sybil Dorsette, interpretandola in ben sette modi diversi.

Per quanto riguarda l'animazione, Domitilla ha lavorato ne La gabbianella e il gatto, in Neon Genesis Evangelion, La malinconia di Haruhi Suzumiya, Chicken Little - Amici per le penne, Arthur e il popolo dei Minimei, Ratatouille e La principessa e il ranocchio. Tra i personaggi anime da lei doppiati, Urumi Kanzaki nella serie GTO (Great Teacher Onizuka), Yukari in Paradise Kiss, Noi-chan in Perfect Girl Evolution, Kiki (e Ursula) nell'edizione italiana del 2002 di Kiki consegne a domicilio, Lettie ne Il castello errante di Howl, di Hayao Miyazaki, Kallen Kozuki in Code Geass: Lelouch of the Rebellion. Attualmente, la voce della D'Amico è di Zoey, nel cartone animato A tutto reality.

Riconoscimenti e premi[modifica | modifica wikitesto]

Ha vinto il premio per il Miglior Doppiaggio al Festival del Cinema di Busto Arsizio 2006, a causa dell'interpretazione di Julia Jentsch in La rosa bianca - Sophie Scholl.

Vincitrice del premio Miglior Interpretazione Femminile 2003 e Voce femminile dell'anno 2007 attribuito dal pubblico al Gran Galà del Doppiaggio Romics.

Vincitrice del Premio Leggio d'oro 2010 per il miglior doppiaggio di un'attrice protagonista: la principessa Neytiri (interpretata da Zoe Saldana) in Avatar.[3]

Nomination come Migliore Attrice Protagonista al Gran Premio Internazionale del Doppiaggio Ince 2010, per il ruolo di Carey Mulligan (Jenny Miller) in An Education.

Ha vinto il premio come Miglior Attrice Non Protagonista al Gran Premio Internazionale del Doppiaggio Ince 2011 per l'interpretazione di Mila Kunis (Lily) ne Il cigno nero.

Vincitrice del Gran Premio Internazionale del Doppiaggio Ince 2015 per l'interpretazione di Eva Green (Vanessa Ives) in Penny Dreadful.

Vincitrice del Premio le Voci del Cinema Ince 2015 per l'interpretazione di Lea Michele (Rachel Barry) in Glee.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Film per il cinema[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Film per la televisione[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Soap opera[modifica | modifica wikitesto]

Anime e cartoni animati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ facebook.com, 13 novembre 2015, https://www.facebook.com/marco.infussi .
  2. ^ antoniogenna.net, http://www.antoniogenna.net/doppiaggio/voci/vocicida.htm .
  3. ^ SPECIALE LEGGIO D'ORO 2010, su www.antoniogenna.net. URL consultato il 15 aprile 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]