Reggina 1914

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Reggina Calcio)
Jump to navigation Jump to search
Reggina 1914
Calcio Football pictogram.svg
Reggina 1914.png
Amaranto
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Amaranto2.svg Amaranto
Simboli Lettera R maiuscola, pallone da calcio
Inno Vai Reggina
Raffaello di Pietro
Dati societari
Città Reggio Calabria
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie B
Fondazione 1914
Rifondazione1935
Rifondazione1944
Rifondazione2015
Proprietario Italia Club Amaranto Srl
Presidente Italia Luca Gallo
Allenatore Italia Domenico Toscano
Stadio Oreste Granillo
(27 543[1] posti)
Sito web www.reggina1914.it
Palmarès
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

La Reggina 1914[2], nota semplicemente come Reggina, è una società calcistica italiana con sede nella città di Reggio di Calabria.

L'11 gennaio 1914 sessantuno impiegati pubblici fondarono l'US Reggio. È però, grazie alla buona volontà di Ettore Serpieri, già presidente e fondatore della squadra reggina dell'Ausonia e successivamente consigliere del Reggio Football Club, che nel 1928 il club si trasformerà in US Reggina.

Nella stagione 1964-1965 la Reggina ottenne la prima promozione in Serie B; a cavallo fra il 1999 e il 2009 disputò nove stagioni in Serie A, di cui sette consecutive. Il miglior piazzamento in massima serie è il decimo posto raggiunto nel campionato 2004-2005. Il club figura inoltre al 44º posto su 65 squadre nella classifica della tradizione sportiva e al 36º posto nella classifica perpetua dei punti, che tengono conto di tutte le squadre di calcio che hanno militato nella massima serie nazionale almeno una volta.

Disputa le partite interne presso lo Stadio Oreste Granillo. Il colore sociale è l'amaranto.

Nella stagione 2020-2021 milita in Serie B.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia della Reggina 1914.

La prima società nasce l'11 gennaio 1914 con il nome di Unione Sportiva Reggio Calabria, fondata da un gruppo di sessantuno impiegati pubblici che sottoscrivono un atto collettivo. Nel 1922 la squadra si stabilisce presso il primo vero stadio, il Lanterna rossa, situato nei pressi della darsena del porto e inaugurato nel 1924. Nel frattempo, nel 1922, la FIGC ha ratificato l'esistenza dell'Unione Sportiva Reggio Calabria, che poco dopo assume la denominazione di Reggio Foot Ball Club.

La squadra trascorre i primi trent'anni di storia militando nei campionati interregionali. La svolta avviene nell'immediato dopoguerra, quando, per meriti sportivi, la compagine reggina viene ammessa a partecipare al campionato Serie C 1945-1946, categoria in cui milita sino alla stagione 1951-1952, quando viene retrocessa per tentato illecito. Nel 1964-1965 la società, sotto la guida del presidente Oreste Granillo, cui sarà intitolato più tardi lo stadio della città, e dell'allenatore Tommaso Maestrelli, ottiene la promozione in Serie B, in cui la Reggina milita per nove anni consecutivi. Si ricorda l'annata 1965-1966, quando i calabresi sfiorano la promozione in Serie A, con il quarto posto nell'annata del debutto in cadetteria, a un solo punto dal Mantova terzo e promosso.

Tifosi della Reggina in festa per la promozione in Serie A allo stadio delle Alpi di Torino il 13 giugno 1999.

Retrocessa in Serie C al termine della stagione 1973-1974, la squadra entra in un quindicennio cupo, segnato da due retrocessioni in Serie C2. Nel 1986 la società rischia di fallire, ma viene salvata dall'impegno di un gruppo di giovani imprenditori tra cui Pasquale Foti, che la rilevano dandole il nome di Reggina Calcio, mantenendo il titolo sportivo del precedente club. Nel 1987-1988 la squadra, allenata da Nevio Scala, ascende nuovamente in cadetteria, poi va vicina per due volte alla promozione in massima serie, ma nel 1991 un altro tracollo riporta i calabresi in Serie C.

Inizia dunque la gestione del presidente Pasquale Foti, che riesce a ricondurre il club in Serie B nel 1995. Quattro anni dopo, gli amaranto allenati da Bruno Bolchi, subentrato a Elio Gustinetti, centrano la prima storica promozione in Serie A, in virtù del quarto posto nel campionato di Serie B 1998-1999. La prima stagione in massima serie vede i reggini ottenere la salvezza, impresa sfiorata nell'annata seguente malgrado otto sconfitte di fila subite tra la seconda e nona giornata: la retrocessione giungerà solo al termine del doppio spareggio contro il Verona. Il ritorno in massima serie sarà immediato, con il terzo posto al termine del campionato di Serie B 2001-2002. Seguiranno sette stagioni di fila in Serie A, caratterizzate da salvezze come quella, prodigiosa, del 2006-2007, quando la Reggina di Walter Mazzarri, partita con 15 punti di penalizzazione, poi ridotti a 11, per delibera della C.A.F. in seguito al deferimento nell'ambito dell'inchiesta su Calciopoli, guadagna la permanenza nella massima categoria battendo in casa, all'ultima giornata, il Milan neo-campione d'Europa.

Tornato in Serie B nel 2009, il club perde l'anno dopo la semifinale dei play-off per la promozione, ma nelle successive annate il rendimento peggiora, sino alla caduta in Serie C nel 2014, l'anno del centenario del club. Salvatasi dalla retrocessione nei dilettanti tramite i play-out nel 2015, la società, oberata dai debiti, non si iscrive al successivo campionato di Lega Pro e cambia denominazione in Associazione Sportiva Dilettantistica Reggio Calabria, poi, nel 2016, in Società Sportiva Dilettantistica Reggio Calabria S.r.l. e infine in Urbs Reggina 1914 S.r.l.. Nel gennaio 2019 l'imprenditore romano Luca Gallo interviene finanziariamente per sanare le pendenze più urgenti relative al club, che nell'annata 2018-2019 centra l'accesso ai play-off. Nell'estate dello stesso anno la denominazione sociale muta in Reggina 1914. Nel 2019-2020, stante l'impossibilità di proseguire la stagione a causa della pandemia di COVID-19, la squadra viene promossa in Serie B per decisione del Consiglio federale della F.I.G.C., trovandosi al primo posto nel girone C di Serie C al momento dell'interruzione del campionato.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della Reggina 1914
  • 11 gennaio 1914 - Fondazione dell'Unione Sportiva Reggio Calabria.
  • 1914-1922 - Il sodalizio svolge attività a carattere locale.
  • 1922 - L'Unione Sportiva Reggio Calabria cambia denominazione in Reggio Foot Ball Club.
  • 1922-1924 - La società svolge attività a carattere episodico e nel 1924 si affilia alla FIGC iscrivendosi al campionato di Seconda Divisione.
  • 1924-1925 - 1ª nel girone D della Lega Sud di Seconda Divisione. Perde le semifinali per il titolo locale.
  • 1925-1926 - 4ª nel girone Sicilia e Calabria della Lega Sud di Seconda Divisione.
  • 1926-1927 - 7ª nel girone D del Direttorio Divisioni Inferiori Sud di Seconda Divisione. Retrocessa in Terza Divisione e scioltasi per problemi finanziari.
  • 1927-1928 - La società non partecipa al campionato di Terza Divisione ma rimane comunque affiliata alla FIGC.
  • 1928 - Il Reggio Football Club cambia denominazione in Unione Sportiva Reggina e riparte dal Campionato Meridionale di Prima Divisione.
  • 1928-1929 - 5ª nel sottogirone siciliano del Campionato Meridionale. Retrocessa in Seconda Divisione.
  • 1929-1930 - 2ª nel girone A del Direttorio Meridionale di Seconda Divisione. Ammessa al girone finale: arriva 1ª. Promossa in Prima Divisione.

  • 1930-1931 - 4ª nel girone E Sud della Prima Divisione.
  • 1931-1932 - 6ª nel girone F della Prima Divisione.
  • 1932-1933 - 5ª nel girone I della Prima Divisione.
  • 1933-1934 - 4ª nel girone H della Prima Divisione.
  • novembre 1934 - La società cambia denominazione in Associazione Sportiva Reggina.
  • 1934-1935 - 13ª nel girone H della Prima Divisione. Al termine della stagione, la società si scioglie per problemi finanziari.
  • 1935 - Viene fondata la Società Sportiva La Dominante che però non s'iscrive ad alcun campionato.
  • 1935-1937 - Il sodalizio non svolge alcuna attività e nel 1937 si riaffilia alla FIGC ripartendo dalla Prima Divisione.
  • 1937-1938 - 1ª nel campionato calabro di Prima Divisione. Promossa in Serie C.
  • 1938-1939 - 11ª nel girone eliminatorio H della Serie C. Retrocessa in Prima Divisione.
  • 1939-1940 - La società partecipa al girone unico Calabria della Prima Divisione e al termine del campionato, si scioglie per problemi finanziari.

  • 1940-1944: Attività sospesa per cause belliche.
  • 1944 - Alla ripresa delle attività agonistiche, viene fondata l'Associazione Sportiva Reggina che riparte dal campionato di Prima Divisione Provinciale.
  • 1944-1945 - 1ª nel girone A della Prima Divisione Provinciale. Perde le possibilità di disputare la fase finale a causa un trasferimento irregolare ma viene ammessa in Serie C anche se non avente diritto.
  • 1945-1946 - 7ª nel girone F della Lega Naz. Centro-Sud di Serie C.
  • 1946-1947 - 3ª nel girone C della Lega Interreg. Sud di Serie C. Perde gli spareggi per l'ammissione al girone finale.
  • 1947-1948 - 2ª nel girone T della Lega Interreg. Sud di Serie C.
  • 1948-1949 - 3ª nel girone D della Serie C.
  • 1949-1950 - 3ª nel girone D della Serie C.


Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.

Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Fase a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Fase a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Fase a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.
2º posto in Coppa Italia Semiprofessionisti. Partecipa al trofeo Anglo-Italiano.
Ottavi di finale di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Semiprofessionisti.

? di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Semifinalista di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 1986 - La società cambia la denominazione in Reggina Calcio S.p.A.
  • 1986-1987 - 6ª nel girone B della Serie C1.
? di Coppa Italia Serie C.
  • 1987-1988 - 3ª nel girone B della Serie C1. Promossa in Serie B dopo aver vinto lo spareggio.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Primo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.

Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie C.
Primo turno di Coppa Italia Serie C.
Sedicesimi di finale della Coppa Italia Serie C.
Primo turno di Coppa Italia.
Terzo turno di Coppa Italia Serie C.
Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.

  • 2000-2001 - 15ª in Serie A. Retrocessa in Serie B dopo aver perso lo spareggio retrocessione.
Secondo turno di Coppa Italia.
Fase a gironi di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Quarto turno di Coppa Italia.

Quarto turno di Coppa Italia.
Terzo turno di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Quarto turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Lega Pro.
  • 2015 - La Reggina Calcio S.p.A. decide di non iscriversi al successivo campionato di Lega Pro per il debito di quasi venti milioni di € quindi nell'estate viene fondata l'Associazione Sportiva Dilettantistica Reggio Calabria, ammessa in Serie D per meriti sportivi.
  • 2015-2016 - 4ª nel girone I della Serie D. Perde la semifinale dei play-off ma viene ripescata in Lega Pro a completamento organici. Nel mese di marzo 2016 diventa una s.r.l e cambia la denominazione in Società Sportiva Dilettantistica Reggio Calabria S.r.l.
Secondo turno di Coppa Italia Serie D.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
  • 2018-2019 - 7ª nel girone C della Serie C. Perde il secondo turno dei play-off.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 2019 - La società cambia ragione sociale in Reggina 1914 S.r.l.
  • 2019-2020 - 1ª nel girone C della Serie C. Promossa in Serie B.
Secondo turno di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
Terzo turno di Coppa Italia.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

Il colore della maglia della Reggina è l'amaranto, colore caratterizzante la città di Reggio Calabria. Originariamente le maglie erano dapprima a righe bianconere e poi successivamente interamente nere, infine (dal 1924) definitivamente amaranto.[5]

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma dell'A.S. Reggina utilizzato fino al 1986 raffigurava un pallone di cuoio. Nel medesimo anno la Reggina Calcio disegnò il nuovo logo raffigurante una lettera R stilizzata con un pallone da calcio che seguiva le curve della stessa.[6] Il simbolo dell'SSD Reggio Calabria, usato unicamente per la stagione 2015-2016, riprendeva in modo restilizzato il vecchio stemma dell'A.S. Reggina 1914, utilizzato fino al 1985: di forma circolare, amaranto con bordi dorati, in cui figuravano il nome di Reggio Calabria e il relativo patrono (San Giorgio che sconfigge il drago), che cintano un pallone di cuoio situato al centro.[7] In data 13 agosto 2016 è stato presentato un nuovo logo, che combina quello dell'anno precedente con la R stilizzata del 1986: la ragione sociale inscritta nella corona esterna viene mutata in Reggina 1914, a caratteri stampatelli bianchi. Nel febbraio 2019 la società ha acquisito dalla curatela fallimentare il marchio in uso fino al 2015, riproponendolo come stemma ufficiale.[8]

Inno[modifica | modifica wikitesto]

L'inno della squadra è Vai Reggina, scritta dal cantautore reggino Raffaello Di Pietro. Il 2 luglio 2019 diventa l’inno ufficiale del club, dopo che il presidente Luca Gallo comunica di aver acquisito i diritti d’autore e il marchio relativi alla canzone. Dopo anni di utilizzo improprio, il presidente ha intavolato una lunga e laboriosa trattativa con Di Pietro. L’accordo è successivamente arrivato dietro un cospicuo investimento economico.[9]

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stadio Oreste Granillo.

Nei primi anni la società reggina non ebbe un proprio campo da gioco, le gare quindi venivano disputate presso i "campi francesi". Dagli anni '20 il terreno di gioco (condiviso con altre realtà calcistiche locali) divenne il "lanterna rossa" ma il 4 novembre 1928 la nuova società U.S. Reggina presieduta dal presidente Giuseppe Vilardi inaugurò il "Sant'Anna" (La gara fu contro il forte Vomero Napoli e la Reggina perse 0-3). Nel 1932 visto il crescente numero di tifosi fu costruito il "Michele Bianchi" nello stesso luogo dove poi nacque il "Comunale" e successivamente il Granillo. Dal 12 settembre 1999 (gara dell'esordio casalingo in serie A contro la Fiorentina terminata 2-2) la squadra amaranto gioca le proprie partite casalinghe presso lo Stadio Oreste Granillo di Reggio Calabria: l'impianto è intitolato alla memoria di Oreste Granillo, sindaco della città e presidente della Reggina promossa per la prima volta in serie B. La capienza dello Stadio è la più ampia di tutta la regione Calabria di 27.543 posti a sedere[1]. Dopo i lavori di rifacimento della gradinata est, la capienza è stata ridotta di 1200 posti e i seggiolini con la spalliera colorati formano la scritta "Reggio Calabria".

Centro di allenamento[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Centro sportivo Sant'Agata.

Il Centro sportivo Sant'Agata è il centro di allenamento della Reggina dal 1991. Al centro sportivo amaranto si allenano la prima squadra, il settore giovanile amaranto e la scuola calcio. A seguito di alcune vicissitudini societarie, la Reggina è costretta a rinunciarvi per parte della stagione 2018-19. L'11 gennaio 2019, dopo alcuni mesi di spostamenti in altri centri, la Reggina torna alla base in modo temporaneo e il successivo 1º luglio riacquista la proprietà del centro sportivo dopo essersi aggiudicata il bando relativo alla concessione dell'impianto fino al dicembre 2040, spendendo una massiccia somma di 1,2 milioni di euro e sottoponendolo a immediati lavori di ristrutturazione.

Società[modifica | modifica wikitesto]

La Reggina è controllata per il 100% dalla Club Amaranto Srl, società facente parte alla M&G Holding Srl della quale Luca Gallo è unico proprietario.[10][11][12]

[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia degli sponsor tecnici
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • 1982-1983 Bieffedi Auto Peugeot-Talbot
  • 1983-1984 Kalabria
  • 1984-1985 JONICAGRUMI
  • 1986-1987 A&O discount
  • 1987-1988 Mangiatorella acqua
  • 1988-1989 Balocco
  • 1990-1991 Gis Gelati
  • 1993-1994 Eurokeller Caldaie
  • 1994-1995 A&O Supermercati
  • 1995-2003 Mauro Caffè
  • 2003-2004 Spi/Stocco&Stocco/Credit Suisse/Family Mart
  • 2004-2006 Gicos/Stocco&Stocco
  • 2006-2009 Gicos/Regione Calabria
  • 2009-2010 Stocco&Stocco/Guglielmo Caffè/Ipac/La Gru[13]
  • 2010-2011 Provincia di Reggio Calabria/Stocco&stocco (secondo sponsor di maglia)/La Fabbrica dello Sport/Zappalà/Canale/Mobylia Design/ Progetto5/Goalsbet Italia/(Coppa Italia: Progetto5/La Gru)
  • 2011-2012 Impresa Canale/Goalsbet Italia/Diano/La Gru/Stocco&Stocco (secondo sponsor di maglia)/(Coppa Italia: Progetto5
  • 2012-2013 Stocco&Stocco (sponsor secondario); contro il Brescia alla 18ª giornata lo sponsor principale è Adamello Ski / dalla 23ª giornata lo sponsor principale è la società di telecomunicazioni "Ciao"/Coppa Italia: Emme Persiane
  • 2013-2014 Ciao Telecom; Stocco&Stocco (secondo sponsor di maglia); Clima Control come sponsor sui pantaloncini nella prima giornata; Came Automazioni dalla gara interna contro il Siena in poi. NGM (azienda) mobile come sponsor di maglia posteriore.
  • 2014-2015 Impresa Canale; Stocco&stocco (secondo sponsor); Puliservice (sponsor sui pantaloncini).
  • 2015-2016 Le Saline Resort; Meridionale calcestruzzi (secondo sponsor); U.S.1 (sponsor sui pantaloncini)
  • 2016-2017 Ecoenergy/Polimeno Pietro srl/Cliché Moda/Apollo Tyres Pneumatici/Generali Assicurazioni
  • 2017-2018 Bencivenni Group primo sponsor; Patea azienda agricola (secondo sponsor di maglia posto centralmente); Puliservice secondo sponsor di maglia posto sulla destra del petto; Sudauto (sponsor sui pantaloncini): Hotel Medinblu posto sotto il numero sul posteriore
  • 2018-2019 Volkswagen Bencivenni group sponsor centrale sul petto; Puliservice sul frontale in piccolo nella parte destra; Sudauto Renault, Dacia, Hyundai come sponsor posteriore sotto il numero di maglia.
  • 2019-2020 Bencivenni group Volkswagen sponsor principale centrale; Puliservice sponsor centrale sotto quello principale; La trattoria del pesce fresco sponsor sui pantaloncini; Despar sponsor sotto il numero sul retro.
  • 2020-2021 Bencivenni group Volkswagen sponsor principale; Puliservice sponsor sul fronte sotto al principale; Caffè Mauro sulla manica sinistra.

Settore giovanile[modifica | modifica wikitesto]

La Reggina ha avuto per tanti anni un settore giovanile composto da varie formazioni, per un totale di circa 220 atleti[14]. Le formazioni attuali sono: Primavera, Allievi e Giovanissimi. Nel 2009 la squadra degli Allievi Nazionali ha vinto il Torneo Internazionale Sanremo detto anche "Carlin's Boys".

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'Urbs Reggina 1914 e Categoria:Presidenti dell'Urbs Reggina 1914

Di seguito la cronologia degli allenatori e dei presidenti.[15]

Allenatori
Presidenti
  • 1914-1928 ...
  • 1928-1932 Italia Paolo Vilardi
  • 1932-1933 Italia Carlo Perissinotti
  • 1933-1934 Italia Giuseppe Pirottina
  • 1934-1935 Italia Francesco Delfino (commis. straord.)
    Italia Lorenzo Labate (commis. straord.)
  • 1935-1944
  • 1944-1945 Italia Andrea Giunta
  • 1945-1946 Italia Francesco Biacca e Italia Guido Aloi
  • 1946-1947 Italia Francesco Romeo
  • 1947-1950 Italia Natale Costantino, Italia Francesco Marra e Italia Antonio Vilardi
  • 1950-1951 Italia Antonino Chindamo
    Italia Demetrio Russo, Italia Gaetano Margiotta e Italia Lorenzo Piccolo
  • 1951-1952 Italia Domenico Catalano (commis. straord.)
  • 1952-1953 Italia Gaetano Margiotta
  • 1953-1960 Italia Giuseppe Grillo Zappia
  • 1960-1976 Italia Oreste Granillo
  • 1976-1979 Italia Amedeo Matacena
  • 1979-1983 Italia Ugo Ascioti
  • 1983-1985 Italia Diego Nava
  • 1985-1986 Italia Ivan Morace
    Italia Aldo Sgroj
  • 1986-1991 Italia Pino Benedetto
  • 1991-2013 Italia Pasquale Foti[17]
  • 2013-2014 Italia Giuseppe Ranieri
  • 2014-2015 Italia Pasquale Foti[18]
  • 2015-2019 Italia Mimmo Praticò
  • 2019- Italia Luca Gallo

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'Urbs Reggina 1914

Contributo alle nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Questa lista contiene i calciatori convocati nella nazionale italiana quando vestivano la maglia della Reggina.[19]

Calciatori campioni del mondo con la nazionale italiana che hanno indossato la maglia della Reggina:

Altre nazionali[modifica | modifica wikitesto]

La lista contiene i calciatori convocati nelle nazionali maggiori dei loro paesi quando indossavano la maglia amaranto.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni interregionali[modifica | modifica wikitesto]

1964-1965 (Sud)
2019-2020 (girone C)
1994-1995 (girone B)
1983-1984 (girone C)
1955-1956 (girone H)

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

1991
2009

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Terzo posto: 2001-2002
Secondo posto: 1947-1948 (girone T)
Terzo posto: 1946-1947 (girone C), 1948-1949 (girone D), 1949-1950 (girone D), 1976-1977 (girone C), 1977-1978 (girone C)
Secondo posto: 1993-1994 (girone B)
Terzo posto: 1987-1988 (girone B)
Secondo posto: 1985-1986 (girone D)
1937-1938
Secondo posto: 1929-1930 (girone A)
Terzo posto: 1953-1954 (girone H)
Finalista: 1977-1978
Semifinalista: 1983-1984
Semifinalista: 1955-1956

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Statistiche e record della Reggina 1914.

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Campionati nazionali
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie A 9 1999-2000 2008-2009 9
Serie B 23 1965-1966 2020-2021 23
Seconda Divisione 1 1926-1927 45
Campionato Meridionale 1 1928-1929
Prima Divisione 5 1930-1931 1934-1935
Serie C 24 1938-1939 2019-2020
Serie C1 12 1978-1979 1994-1995
Lega Pro 2 2014-2015 2016-2017
Seconda Divisione 1 1929-1930 8
IV Serie 4 1952-1953 1955-1956
Serie C2 2 1983-1984 1985-1986
Serie D 1 2015-2016
Campionati regionali
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Prima Divisione 1 1937-1938 1
Seconda Divisione 2 1924-1925 1925-1926 2

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

La Reggina ha disputato 326 partite in Serie A dal 1999 al 2009, più 4 partite (andata e ritorno 2 vittorie; 1 pareggio; 1 sconfitta 4 reti fatte 3 subite) di spareggio per la permanenza nel massimo campionato. Nel dettaglio (esclusi gli spareggi): 83 vittorie, 107 pareggi e 136 sconfitte (324 gol segnati e 467 gol subiti).

La Reggina ha disputato 858 partite in Serie B, più 1 partita di spareggio per la promozione in massima categoria nel campionato 88/89 e play off nel campionato 2010/2011 contro il novara (reggina-novara 0-0; novara-reggina 2-2) La squadra amaranto nella sua storia nel campionato cadetto ha realizzato: 264 vittorie, 318 pareggi e 276 sconfitte, realizzando 828 gol subendone 865, conquistando due promozioni nella massima serie.

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Record di presenze
Record di reti

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il tifo amaranto in trasferta allo stadio Renato Curi di Perugia il 12 giugno 1988 , per il vittorioso spareggio contro la Virescit Boccaleone che valse alla Reggina la promozione in Serie B.

La maggior parte dei tifosi della Reggina proviene dalla città di Reggio Calabria e dalla sua provincia[23]. Tuttavia la squadra amaranto è molto popolare in tutta la Calabria e l'Italia, visto che per molti anni è stata tra le poche rappresentanti del Mezzogiorno nel campionato di Serie A. La squadra è sostenuta dai numerosi emigranti calabresi stabilitisi nel Settentrione[24]. Tifosi della Reggina, soprattutto emigrati calabresi, sono presenti anche all'estero: l'unico club ufficiale di tifosi con sede all'estero è in Svizzera[25] ma sono molti i tifosi in Canada e Nord America[26], Germania, Malta[27] ed Australia[28]. In passato, grazie alla presenza in squadra del calciatore giapponese Shunsuke Nakamura tra il 2002 al 2005, molti furono i simpatizzanti in Giappone[27][29]. La tifoseria della Reggina vinse per due anni consecutivi (1999 e 2000) il premio come miglior tifoseria organizzata di tutta l'Italia. In Curva sud i principali gruppi sono stati: C.U.C.N., Boys, Irriducibili, Nuova Guardia, Ultras Gebbione.

Dalla stagione 2014-2015 in curva sud il gruppo attivo è stato Per la Maglia Per la mia città Reggio Calabria, rappresentati da uno striscione che ha campeggiato sia sugli spalti del "Granillo" che in ogni trasferta con la scritta "DIGNITA'", gruppo sciolto il 10 luglio 2017, Precedenti gruppi ultras sono stati: Ultras 1914[30], in tribuna est Gate 22, Cani Sciolti, Reggio Ultras, Quei Bravi Ragazzi e Quelli di sempre (Qds) che dal 2016 si sono uniti alla Curva insieme a gruppi provenienti dalla provincia reggina come Pellaro sez.Sud, Oliveto e Croce Valanidi Presente. Dal 2018 in curva si sono tutti uniti sotto il nome comune di Diffidati Liberi Curva Sud RC. Altri gruppi furono i Warriors Sant'Anna '79, i Position Fighters, Traversa Matta, Covo, Wailers, Kassariati, Cuore Amaranto (in gradinata), Wild Boys (in gradinata), Fossa Sudista, Amaranth Korps, Oltranzisti, Gladiators, Eagles, Club Università Pisa, Indios, Rebels Brescia, HelloWeen, Tignadores, Kaos, Sun Group, Crazy, Drosi.

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Derby dello Stretto e Derby calcistici in Calabria.

I tifosi della Reggina sono storicamente gemellati con quelli del Bari, della Salernitana e del Latina. Il gemellaggio più recente è con il Milan, risalente al 1999. Altri rapporti di amicizia, esistono con i tifosi dell'Ascoli, del Licata, dell'Olympique Lyonnais, della Vibonese, della Fidelis Andria e dell'Acireale. In passato vi era forte amicizia con i tifosi del Torino, della Roma, del Palermo e del Siracusa.

La rivalità da sempre più sentita è quella con i dirimpettai del Messina, con i quali si disputa il derby dello Stretto. Rivalità molto sentite sono presenti anche in ambito regionale con le tifoserie di Catanzaro, Cosenza, Crotone (quest'ultimo rappresenta il derby della Magna Grecia)[31] e Vigor Lamezia. Altre inimicizie accese sono con i tifosi di Atalanta, Avellino, Brescia, Catania, Cavese, Frosinone, Lecce, Modena, Napoli, Palermo (ex gemellaggio diventato una rivalità costituita da vari scontri)[32], Pescara, Taranto, Ternana e Verona.[33][34]

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Reggina 1914 2020-2021.

Rosa 2020-2021[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata al 5 ottobre 2020.[35]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Enrico Guarna
3 Polonia D Thiago Cionek
4 Grecia D Dīmītrios Stavropoulos
6 Italia D Giuseppe Loiacono Captain sports.svg
7 Francia A Jérémy Menez
8 Italia C Lorenzo Crisetig
9 Francia A Gabriel Charpentier
10 Italia C Nicola Bellomo
11 Marocco C Hachim Mastour
12 Italia P Alessandro Plizzari
13 Italia D Marco Rossi
14 Italia D Gabriele Rolando
15 Italia C Nicolò Bianchi
16 Italia C Andrea Marcucci
N. Ruolo Giocatore
17 Italia D Gianluca Di Chiara
18 Irlanda del Nord A Kyle Lafferty
19 Argentina A Germán Denis
20 Italia C Francesco De Rose
21 Svezia A Nikola Vasic
24 Italia D Enrico Del Prato
31 Italia D Daniele Gasparetto
44 Italia C Lorenzo Peli
77 Italia P Alessandro Farroni
90 Italia C Michael Folorunsho
91 Senegal C Ricardo Faty
92 Croazia C Mario Šitum
94 Italia D Daniele Liotti
99 Honduras C Rigoberto Rivas

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è riportato lo staff tecnico della Reggina.[36]

Staff dell'area tecnica
  • Italia Domenico Toscano - allenatore
  • Italia Michele Napoli - allenatore in seconda
  • Italia Andrea Nocera - preparatore atletico
  • Italia Maurizio Guido - preparatore dei portieri
  • Italia Massimo Taibi - direttore sportivo
  • Italia Federica Scipioni - amministratore delegato
  • Italia Dott. Pasquale Favasuli - responsabile sanitario
  • Italia Domenico Lisi - fisioterapista
  • Italia Vincenzo Paonessa - fisioterapista
  • Italia Roberto Simonetta - consulente ortopedico
  • Italia Giuseppe Vilasi - magazziniere
  • Italia Massimo Bandiera - segretario sportivo
  • Italia Salvatore Conti - segretario generale
  • Italia Sergio Miceli - segretario del settore giovanile
  • Italia Giuseppe Praticò - responsabile della comunicazione e stampa
  • Italia Filippo Mazzù - ufficio stampa
  • Italia Gianluca Rovito - multimedialità
  • Italia Pietro Nania - grafico
  • Italia Lillo D'Ascola - fotografo
  • Italia Consuelo Apa - responsabile del marketing
  • Italia Maurizio Albanese - responsabile della biglietteria
  • Italia Giuseppe Calabrò - delegato alla sicurezza dello stadio
  • Italia Pietro Casile - sostenitore ufficiale di collegamento (SLO)
  • Italia Filippo Lo Presti - speaker dello stadio
  • Italia Matteo Patti - team manager
  • Italia Antonio Tempestilli - responsabile del settore giovanile

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (PDF) Documento dell'Osservatorio Nazionale sulle manifestazioni sportive - Ministero dell'Interno (aggiornato al 06-08-2010) (PDF), su osservatoriosport.interno.it. URL consultato l'08-05-2014 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2011).
  2. ^ Cambio denominazione sociale, su reggina1914.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  3. ^ Lega Calcio, Comunicato Ufficiale 381 del 23 giugno 2005 (PDF), su legaseriea.it, 23 giugno 2005. URL consultato il 3 maggio 2018.
  4. ^ Senza penalità chiudeva il campionato in 8ª posizione.
  5. ^ G. Branca, pag. 8.
  6. ^ Reggina, Dionigi esonerato, Pillon in pole, http://www.ntacalabria.it/, 16 marzo 2013. URL consultato il 13 agosto 2015.
  7. ^ A.s.d. Reggio Calabria, ecco il nuovo logo, http://www.reggiotv.it/, 12 agosto 2015. URL consultato il 13 agosto 2015.
  8. ^ a b Il presidente Gallo acquisisce il marchio della Reggina Calcio, su reggina1914.it, 28 febbraio 2019. URL consultato il 28 febbraio 2019.
  9. ^ L'inno della Reggina, video.gazzetta.it, 26 ottobre 2007.
  10. ^ Il presidente Luca Gallo acquisisce quote societarie, su reggina1914.it. URL consultato il 24 aprile 2019.
  11. ^ comunicato, Reggina: Luca Gallo al cento per cento. Acquisizione totale, su CityNow, 22 ottobre 2019. URL consultato il 27 ottobre 2019.
  12. ^ Il presidente Luca Gallo proprietario unico della Reggina, su Reggina 1914, 22 ottobre 2019. URL consultato il 27 ottobre 2019.
  13. ^ Lo sponsor principale di maglia non è inizialmente presente; l'azienda Stocco&Stocco è invece il secondo sponsor di maglia, presente sulla maglia con un logo ridotto sul petto. Nella gara contro l'Ancona del 17 ottobre 2009 lo sponsor Stocco&Stocco è sponsor principale. Nella partita del 23 ottobre 2009 contro il Torino, lo sponsor principale è Guglielmo Caffè: l'azienda catanzarese sarà presente come sponsor principale anche in occasione della doppia sfida contro il Crotone (vedi: Regginacalcio.com - «"Guglielmo": il caffe' dei tifosi» [collegamento interrotto], su regginacalcio.com. URL consultato il 21 ottobre 2009.). Lo sponsor Ipac Inox è lo sponsor principale in occasione delle gare d'andata contro il Lecce e la Salernitana (vedi: Regginacalcio.com - «Ipac Sponsor di maglia» [collegamento interrotto], su regginacalcio.com. URL consultato il 26 ottobre 2009.). Nelle gare del girone di andata contro Brescia e Ascoli lo sponsor principale è Centro Commerciale "La Gru (vedi: Regginacalcio.com - «La Gru e Reggina Calcio: la FORZA del territorio» [collegamento interrotto], su regginacalcio.com. URL consultato il 29 novembre 2009.)
  14. ^ Regginacalcio.com - Settore giovanile, su regginacalcio.com. URL consultato il 20 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2009).
  15. ^ G. Branca, appendice.
  16. ^ da febbraio 1983
  17. ^ Comunicato Ufficiale, regginacalcio.com, 5 novembre 2013. URL consultato il 5 novembre 2013 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2013).
  18. ^ REGGINA - Foti torna alla presidenza - Tutto Reggina
  19. ^ Convocati della REGGINA CALCIO S.P.A, figc.it. URL consultato il 1º giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2013).
  20. ^ Sono incluse nel computo: le due gare di spareggio salvezza contro l'Hellas Verona del 2001, e le due gare di spareggio salvezza contro l'Atalanta del 2003.
  21. ^ Sono inclusi nel computo: un gol nello spareggio per la permanenza in Serie A del 24 giugno 2001 contro il Verona e un gol nello spareggio per la permanenza in Serie A del 2 giugno 2003 contro l'Atalanta
  22. ^ Il computo considera anche la rete nello spareggio contro l'Atalanta del 2003, e le 2 reti contro il Novara nelle semifinali play-off del 2010-2011.
  23. ^ La Gazzetta dello Sport - 5 luglio 1999, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 18-09-2009.
  24. ^ La Gazzetta dello Sport - 31 agosto 1999, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 18-09-2009.
  25. ^ Regginacalcio.com - Club ufficiali, su regginacalcio.it. URL consultato il 18 settembre 2009.
  26. ^ La Gazzetta dello Sport - 2 giugno 2000, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 18-09-2009.
  27. ^ a b La Gazzetta dello Sport - 9 agosto 2004, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 18-09-2009.
  28. ^ La Gazzetta dello Sport - 26 maggio 2002, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 18-09-2009.
  29. ^ La Gazzetta dello Sport - 5 agosto 2004, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 18-09-2009.
  30. ^ Reggina, storico comunicato degli Ultras 1914:"Basta, ci mettiamo da parte" | Reggio nel Pallone
  31. ^ Reggina-Crotone, made in ‘Calavrìa’, http://www.reggionelpallone.it/, 13 aprile 2012. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  32. ^ Calcio - Inchiesta: Le tifoserie più "bollenti" d'Italia, realsports.it. URL consultato il 13 luglio 2010.
  33. ^ Stefano Pozzoni, Dove sono gli ultrà? Squadre, stadi, curve e cori, Zelig Editore, Milano 2005, ISBN 88-6018-083-X p.147.
  34. ^ Curva Ospiti | I tifosi della… Reggina Archiviato il 12 agosto 2014 in Internet Archive.
  35. ^ Rosa, su reggina1914.it.
  36. ^ Copia archiviata, su reggina1914.it. URL consultato il 6 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2018).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Saverio Pedullà, Alfredo Pedullà, Grande RegginA, Reggio Calabria, La Campanella, 2000, SBN IT\ICCU\RCA\0018575.
  • Giusva Branca, Cacciatori di tigri. Il racconto del primo campionato della Reggina in serie A, Reggio Calabria, Iiriti, 2000, ISBN 88-87935-05-X.
  • Giusva Branca, Francesco Scarpino, Reggio Calabria e la sua Reggina. Un intreccio di storia e destini 1964-2002, Reggio Calabria, Laruffa, 2002, ISBN 88-7221-177-8.
  • Eugenio Marino, Franco Iacopino, Una storia amaranto, Reggio Calabria, Falzea, 2003, ISBN 88-8296-115-X.
  • Giusva Branca, Idoli di carta, Reggio Calabria, Laruffa, 2006, ISBN 88-7221-292-8.
  • Giuseppe Licandro, Rino Tripodi, Reggina 1999-2008. Dieci anni all'ultimo respiro, Reggio Calabria, Città del Sole Edizioni, 2007, ISBN 978-88-7351-167-0.
  • Giusva Branca, Reggina (1914-2008). La storia, Reggio Calabria, Laruffa, 2008, ISBN 88-7221-400-9.
  • Domenico Romeo, Il Libro del Centenario Amaranto. 1914-2014. Reggina:storia di un secolo (Città Del Sole Edizioni), ISBN 978-88-7351-806-8

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN243895280 · GND (DE7543583-4