Attilio Kossovel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Attilio Kossovel
Nazionalità Italia Italia
Altezza 168 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1944 - giocatore
1968 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1928-1930 Flag red HEX-CE2931.svg Alleanza ? (?)
1930-1933 Milan 55 (4)
1933-1934 Atalanta 24 (2)
1934-1935 Comense 25 (7)
1935-1937 Venezia 66 (6)
1937-1939 Vigevano 42 (8)
1939-1940 Pirelli 28 (0)
1940-1942 600px solid HEX-A9A9A9.svg Commercianti ? (?)[1]
1942-1943 Fiumana 20 (9)
1943-1944 Stradellina ? (?)
Carriera da allenatore
1945-1946 Fermana
1949-1950 Terranova Gela
1950-1952 Notinese
1952-1953 Ponte San Pietro
1953-1955 Piacenza
1955-1956 Termini Imerese
1956-1957 Palermo Vice
1957-1958 Palermo
1958-1959 Reggina
1959-1960 Monza
1963 Monza De Martino
1963-1964 Monza
1966-1968 Pro Sesto
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ernesto Attilio Kossovel detto Attila (Fiume, 21 aprile 1909Monza, 5 luglio 1982[2]) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Kossovel esordisce in Serie A con il Milan il 4 gennaio 1931 a Busto Arsizio contro la Pro Patria (sconfitta per 2-1). Rimane in rossonero fino al 1933 quando, dopo aver disputato 56 partite e realizzato 4 reti con i milanesi nella massima serie nazionale, passa all'Atalanta in Serie B. Rimane a Bergamo una sola stagione per poi trasferirsi alla Comense nel 1934, sempre in cadetteria.

Nel 1935 passa al Venezia, in Serie C, conquistando la promozione in Serie B e giocando titolare nella cosiddetta mediana di ferro con Varini e Biffi[3]. Conclude la carriera al Vigevano nel 1937 (ancora in Serie B), nel Dopolavoro Pirelli nel 1939, in Serie C, nella Fiumana e, durante la guerra, nella Stradellina[4].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce come allenatore dopo la guerra, guidando la Fermana[5]. Nel 1949 si trasferisce a Gela, dove allena la locale squadra di calcio vincendo il campionato di Prima Divisione[6], e nello stesso tempo gestisce con la moglie un bar in città[7]. Allena poi la Notinese[8] e il Ponte San Pietro[senza fonte].

Dopo aver partecipato al corso per allenatori[9], guida il Piacenza, nel campionato di Serie C 1953-1954[10] e nella stagione successiva, nella quale viene sostituito da Giuseppe Antonini[11]. Dopo una stagione sulla panchina del Termini Imerese, nell'estate 1956 passa al Palermo, come vice di Ettore Puricelli[12], subentrandogli nel marzo successivo[13]: alla guida dei rosanero non evita la retrocessione in Serie B, subendo 9 sconfitte in 13 partite[14]. Nella stagione successiva torna brevemente ad allenare il Palermo nella serie cadetta, subentrando a Pietro Rava e venendo sua volta sostituito da Carlo Rigotti[15].

Dopo l'esperienza palermitana, siede sulla panchina della Reggina, dove subisce un nuovo esonero nel campionato 1958-1959[16], e del Monza, con cui ottiene la salvezza nel campionato di Serie B 1959-1960[17].

Rimane al Monza anche nelle stagioni successive, allenando la De Martino all'inizio della stagione 1963-1964[18], prima di sostituire Hugo Lamanna alla guida della prima squadra[19]. Conclude la carriera di allenatore guidando per due stagioni la Pro Sesto, in Serie D[20][21].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Venezia: 1935-1936

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Gela: 1949-1950

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Visti tabellini di Prima Divisione lombarda pubblicati dalla Gazzetta dello Sport edizione nord sulle pagine del giovedì.
  2. ^ Dibenedetto, p.183.
  3. ^ La Storia del Venezia Ombra.net
  4. ^ Piacenza-Stradellina 2-1 - Campionato di guerra 1944 Storiapiacenza1919.it
  5. ^ La Storia - pag.1 Brigategialloblu.com
  6. ^ La Storia della Nissa Nissa.it
  7. ^ Monumento vivente dello sport gelese Corrieredigela.it
  8. ^ Li vedremo all'opera quest'anno, Libertà, 11 agosto 1954, pag.5
  9. ^ I risultati e le graduatorie del 2º corso allenatori, Il Corriere dello Sport, 27 settembre 1953, pag.4
  10. ^ Stagione 1953-1954 Storiapiacenza1919.it
  11. ^ Stagione 1954-1955 Storiapiacenza1919.it
  12. ^ L'ex biancorosso Kossovel allenatore in seconda del Palermo, Libertà, 7 agosto 1956, pag.5
  13. ^ Calcio: Kossovel allenatore del Palermo, L'Unità, 13 marzo 1957, pag.6
  14. ^ Scheda da allenatore su Wikicalcioitalia.info Archiviato il 15 maggio 2012 in Internet Archive.
  15. ^ Gli allenatori Rosanerouniverse.it
  16. ^ In Serie B solo un successo amaranto a Pescara Tuttoreggina.com
  17. ^ Serie B 1959-1960 Xoomer.virgilio.it
  18. ^ G.Brera, A.Maietti, L'arcimatto 1960-1966, pag.158
  19. ^ Kossovel sostituisce Lamanna alla guida tecnica del Monza, Libertà, 12 dicembre 1963, pag.5
  20. ^ Stagione 1966-1967 Acprosesto.it Archiviato il 12 giugno 2013 in Internet Archive.
  21. ^ Stagione 1967-1968 Acprosesto.it Archiviato il 12 giugno 2013 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luca Dibenedetto, El Balon fiuman quando su la tore era l'aquila. L'epopea del calcio a Fiume: i suoi numeri ed i suoi eroi dal 1918 al 1948, Borgomanero, Litopress, 2004.
  • Elio Corbani, Pietro Serina, Cent'anni di Atalanta - Vol 2, Bergamo, Sesaab, 2007, ISBN 978-88-903088-0-2.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]