Alfredo Aglietti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfredo Aglietti
Alfredo Aglietti - SSC Napoli 1996-97.jpg
Aglietti al Napoli nella stagione 1996-1997
Nazionalità Italia Italia
Altezza 190 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 2003 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1987-1990Rondinella37 (8)
1990-1991Montevarchi19 (2)
1991-1993Rondinella63 (23)
1993-1994Pontedera34 (22)
1994-1996Reggina69 (38)
1996-1997Napoli28 (8)
1997-2000Verona73 (18)
2000Chievo10 (2)
2000-2001Pistoiese18 (3)
2001-2003Arezzo28 (2)
2003Milazzo3 (1)
2003Villacidrese19 (11)
Carriera da allenatore
2004-2005Rondinella
2005-2006AS Sestese
2006-2009Viareggio
2009-2010SampdoriaPrimavera
2010-2011Empoli
2012Empoli
2012-2013Novara
2014Novara
2015-2016Entella
2016-2017Ascoli
2017-2018Entella
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 maggio 2018

Alfredo Aglietti (San Giovanni Valdarno, 16 settembre 1970) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Conta 10 reti in Serie A, ed è stato autore del secondo gol del Pontedera nella vittoria in amichevole contro l'Italia di Sacchi (2-1 a Coverciano il 6 aprile 1994)[1]. Nella stagione a Pontedera segnò 22 reti in Serie C2, vincendo la classifica cannonieri[2], aiutando i granata a salire in Serie C1.

Nella stagione 1994-1995, nel girone B di Serie C1, segna 20 gol con la maglia della Reggina, ottenendo il titolo di capocannoniere[3] e contribuendo a portare gli amaranto in Serie B, dove l'anno seguente, sempre con la maglia dei calabresi, realizza 18 reti. L'apice della carriera lo raggiunge nella stagione 1996-1997 quando esordisce in Serie A, acquistato dal Napoli. Non gioca tutte le gare da titolare, segnando 8 gol in campionato e 1 in Coppa Italia: tra questi, la rete che all'ottava giornata, il 3 novembre 1996, consente agli azzurri di pareggiare in trasferta con la Juventus 1-1, e la doppietta del 17 novembre 1996 nella vittoria in casa col Perugia 4-2, alla nona giornata[4].

In seguito passa al Verona per tre stagioni, prima di una parentesi ai concittadini del Chievo, in Serie B. Nel 2000 torna in Toscana, prima con la maglia della Pistoiese e poi con quella dell'Arezzo.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dilettanti e giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 novembre 2004 diventa l'allenatore della Rondinella, in Serie D, subentrando all'esonerato Luciano Bruni. Conclude la stagione al 16º posto. Poco convinto che quella potesse essere la sua nuova professione, per qualche anno ha continuato a lavorare nell'azienda di famiglia, atttiva nella grande distribuzione alimentare[5]

Nel 2005 approda all'AS Sestese di Sesto Fiorentino, in Serie D[6], subentrando all'esonerato Roberto D'Annibale. Nel 2006 passa al Viareggio dove conquista primo posto nel girone E della Serie D e annessa promozione in C2. Nel 2007-2008 raggiunge la salvezza ai play-out, e nella stagione 2008-2009 ottiene secondo posto e promozione in Prima Divisione, dopo il verdetto del Consiglio Federale.

La stagione successiva è ingaggiato dalla Sampdoria come allenatore della squadra Primavera. Porta la formazione ligure fino alla final eight del campionato di categoria, dov'è estromesso in semifinale perdendo 4-1 il derby col Genoa.

Empoli e Novara[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2010 è allenatore dell'Empoli, in Serie B.[7][8] Confermato sulla panchina azzurra nella stagione successiva, è esonerato il 2 ottobre 2011[9] a seguito della sconfitta in casa 2-4 col Padova, dopo aver ottenuto in totale 2 vittorie, 5 sconfitte e il sest'ultimo posto in classifica. A febbraio 2012 è richiamato a Empoli, subentrando all'esonerato Guido Carboni; non venendo confermato, il 18 giugno seguente lascia il club toscano dopo averlo salvato ai play-out.

Il 17 novembre 2012 è ingaggiato dal Novara con cui, partendo dalla zona retrocessione, raggiunge a fine torneo le semifinali play-off, venendo sconfitto e eliminato dalla sua ex squadra dell'Empoli (1-1 all'andata, sconfitta 4-1 al ritorno). Esonerato il 18 novembre 2013, a causa dello scarso rendimento della squadra (13 punti in 13 gare) e del quart'ultimo posto in classifica, è sostituito da Alessandro Calori;[10] a questi Aglietti subentra il 16 febbraio 2014, quand'è richiamato sulla panchina dei gaudenziani[11]. Il successivo 7 giugno, all'indomani della sconfitta 0-2 in casa nei play-out d'andata col Varese, è definitivamente esonerato dal club piemontese.[12] Il 12 aprile 2015 rescinde il suo contratto con il Novara.

Entella[modifica | modifica wikitesto]

Aglietti all'Entella nel 2016

Il 12 aprile 2015 firma con l'Entella, club emergente militante in Serie B e momentaneamente al quart'ultimo posto della classifica.[13] Non salva direttamente la squadra ligure, nonostante la serie utile messa in fila nello scorcio finale di campionato, e affronta di nuovo i play-out trovandosi di fronte il Modena. A seguito dell'esito della doppia sfida contro gli emiliani, inizialmente l'Entella retrocede in Lega Pro dopo un solo anno di cadetteria.

Ciò nonostante, nelle settimane successive i liguri vengono riammessi in B a seguito delle sentenze dello scandalo calcioscommesse. Nella stagione 2015-2016 l'Entella si rivela una delle sorprese del campionato arrivando al 9º posto, a solo 1 punto dalla zona play-off, grazie 12 risultati utili consecutivi ottenuti tra ottobre e dicembre. Il 26 maggio 2016, in scadenza di contratto, lascia l'Entella per alcune divergenze con la società riguardanti i piani futuri, subetrandogli Roberto Breda.

Ascoli e ritorno all'Entella[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 giugno 2016 diventa il tecnico dell'Ascoli.[14] Dopo aver condotto la squadra alla salvezza, il 1º giugno 2017 lascia il club marchigiano;[15] a stagione in corso aveva peraltro rassegnato le dimissioni, respinte dalla società, poiché a suo vedere la squadra non lo seguiva più.

Il successivo 6 novembre torna sulla panchina dell'Entella, in sostituzione di Gianpaolo Castorina;[16] ritrova così anche il figlio Tommaso, classe 2000 e portiere della Primavera biancoceleste.[17] Viene esonerato il 6 maggio, con la squadra terzultima.[18]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppa Italia Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1987-1988 Italia Rondinella C2 1 0 - - - - - - 1 0
1988-1989 C2 5 0 - - - - - - 5 0
1989-1990 C2 31 8 - - - - - - 31 8
1990-1991 Italia Montevarchi C2 19 2 - - - - - - 19 2
1991-1992 Italia Rondinella Int 33 12 - - - - - - 33 12
1992-1993 CND 30 11 - - - - - - 30 11
Totale Rondinella 100 31 - - 100 31
1993-1994 Italia Pontedera C2 34 22 - - - - - - 34 22
1994-1995 Italia Reggina C1 32 20 CI-C 1 1 - - - 33 21
1995-1996 B 37 18 CI - - - - - 37 18
Totale Reggina 69 38 1 1 70 39
1996-1997 Italia Napoli A 28 8 CI 6 1 - - - 34 9
1997-1998 Italia Verona B 26 9 CI 4 4 - - - 30 13
1998-1999 B 35 7 CI 4 0 - - - 39 7
1999-gen. 2000 A 12 2 CI 2 0 - - - 14 2
Totale Verona 73 18 10 4 83 22
gen.-giu. 2000 Italia Chievo B 10 2 CI - - - - - 10 2
2000-2001 Italia Pistoiese B 18 3 CI - - - - - 18 3
2001-2002 Italia Arezzo C1 13 2 CI - - - - - 13 2
2002-2003 C1 15 0 CI - - - - - 15 0
Totale Arezzo 28 2 - - 28 2
2003 Italia Milazzo D 3 1 - - - - - - 3 1
2003 Italia Villacidrese D 19 11 - - - - - - 19 11
Totale carriera 401 139 17 6 418 145

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 5 Maggio 2018

Stagione Squadra Piazzamento Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % vittorie
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P
2004-2005 Italia Rondinella 16°, salvo dopo play-out D 38+2 11+2 10 17+1 CID 8 4 2 2 48 17 12 20 35,41
2005-2006 Italia AS Sestese 10° D 34 10 13 11 CID 4 1 1 2 38 11 14 13 28,94
2006-2007 Italia Viareggio 1°, promosso D 34 22 9 3 CID 6 3 2 1 PS 2 1 0 1 42 26 11 5 61,90
2007-2008 14°, salvo dopo play-out C2 34+2 10+2 9 15 CIC 8 3 4 1 44 15 13 16 34,09
2008-2009 2°, perde semifinale play-off LP2D 34+2 15+1 13 6+1 CIC 4 1 2 1 40 17 15 8 42,50
Totale Viareggio 106 50 31 25 18 7 8 3 2 1 0 1 126 58 39 29 46,03
2010-2011 Italia Empoli B 42 13 18 11 CI 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 44 14 18 12 31,81
2011-2012 esonerato, subentrato B 22+2[19] 8+1[20] 6+1[20] 8 CI 2 2 0 0 - - - - - - - - - - 26 11 7 8 42,30
Totale Empoli 66 22 25 19 4 3 0 1 - - - - - - - - 70 25 25 20 35,71
2012-2013 Italia Novara subentrato, 5° B 27+2[21] 16 5+1[22] 6+1[22] CI - - - - - - - - - - - - - - 29 16 6 7 55,17
2013-2014 esonerato, subentrato, esonerato B 31+1[20] 7 12 12+1[20] CI 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 34 8 12 14 23,52
Totale Novara 61 23 18 20 2 1 0 1 - - - - - - - - 63 24 18 21 38,09
2014-2015 Italia Entella subentrato, 18°, retrocesso B 7+2[19] 1 4+2[19] 2 CI - - - - - - - - - - - - - - 9 1 6 2 11,11
2015-2016 B 42 17 13 12 CI 1 0 0 1 - - - - - - - - - - 43 17 13 13 39,53
2016-2017 Italia Ascoli 16° B 42 10 19 13 CI 1 0 1 0 43 10 20 13 23,25
2017-2018 Italia Entella esonerato B 27 6 9 12 CI 0 0 0 0 - - - - - - - - - - 27 6 9 12 24,00
Totale Entella 78 24 28 26 1 0 0 1 - - - - - - - - 79 24 28 26 31,16
Totale carriera 427 152 144 132 38 16 12 10 - - - - 2 1 0 1 466 169 156 143 36,42

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Reggina: 1994-1995
Verona: 1998-1999

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1993-1994 (22 gol)
1994-1995 (20 gol)

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Viareggio: 2006-2007 (girone E)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giancarlo Padovan, Realtà romanzesca: Pontedera vs Italia 2 a 1, in Corriere della Sera, 7 aprile 1994. URL consultato il 2 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2013).
  2. ^ (EN) Italy - Serie C2 Top Scorers - RSSSF.com
  3. ^ (EN) Italy - Serie C1 Top Scorers - RSSSF.com
  4. ^ Tabellini rsssf.com
  5. ^ "Dopo 3 secondi aveva già deciso di tornare". Entella - Aglietti, via all'atto secondo per "riprendere quel percorso lasciato a metà"
  6. ^ Serie D : Sestese - Via D’Annibale, tocca ad Aglietti, su calciopiu.net.
  7. ^ Presentazione allenatore prima squadra Archiviato il 20 luglio 2011 in Internet Archive. Empolicalcio.it
  8. ^ Empoli: Aglietti nuovo allenatore sport.repubblica.it
  9. ^ Empoli: esonerato Aglietti, arriva Pillon Radiobrunotoscana.it
  10. ^ Alessandro Calori è il nuovo allenatore del Novara, Sito ufficiale del Novara Calcio. URL consultato il 18 novembre 2013.
  11. ^ Ufficiale: Alfredo Aglietti torna alla guida del Novara, Sito ufficiale del Novara Calcio. URL consultato il 16 febbraio 2014.
  12. ^ Comunicato stampa Novaracalcio.com
  13. ^ UFFICIALE: ALFREDO AGLIETTI E' L'ALLENATORE DELL'ENTELLA, entella.it, 12 aprile 2015. (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2015).
  14. ^ Giaretta nuovo DS, allenatore Aglietti ascolipicchio.com
  15. ^ UFFICIALE: Ascoli, interrotto il rapporto col tecnico Alfredo Aglietti tuttomercatoweb.com
  16. ^ UFFICIALE: Virtus Entella, Aglietti torna sulla panchina ligure turtomercatoweb.com
  17. ^ "Dopo 3 secondi aveva già deciso di tornare". Entella - Aglietti, via all'atto secondo per "riprendere quel percorso lasciato a metà"
  18. ^ Aglietti sollevato dall’incarico, la squadra affidata a Volpe entella.it
  19. ^ a b c 2 nei play-out.
  20. ^ a b c d 1 nei play-out.
  21. ^ 2 nei play-off.
  22. ^ a b 1 nei play-off.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Alfredo Aglietti, su transfermarkt.it (calciatore), Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata
  • (DEENIT) Alfredo Aglietti, su transfermarkt.it (allenatore), Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata