Associazione Calcio Stabia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Società Sportiva Juve Stabia.

A.C. Stabia
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Blu e Giallo.svg Blu e Giallo
Dati societari
Città Castellammare di Stabia
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Fondazione 1933
Scioglimento 1953
Stadio
( posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Calcio Stabia fu la principale società calcistica di Castellammare di Stabia (NA).

Nacque nel 1933 prendendo quindi il posto della disciolta Football Club Stabiese. Cessò le attività nel 1953 per problemi economici, lasciando il ruolo di primo club cittadino alla Società Sportiva Juventus Stabia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Stabia 1950-1951

L'A.C. Stabia, il nuovo club fondato nel 1933 ossia dopo il fallimento della precedente Football Club Stabiese, dovette ripartire da zero, come una neoaffiliata. Pertanto iniziò la sua storia dalla Terza Divisione, ed in tal modo le venne conferito il testimone di prima squadra cittadina.

Nel 1945 vinse il Campionato campano, traguardo raggiunto dopo un avvincente testa a testa con la Salernitana. In quegli anni la compagine di Castellammare di Stabia aveva tra le proprie fila il celebre calciatore Romeo Menti, a cui è dedicato lo stadio cittadino.

Il 17 giugno 1951 lo Stabia raggiunse la Serie B, traguardo ottenuto vincendo per 2-0 nello spareggio contro il Foggia sul campo neutro di Firenze grazie alle due reti di Cereseto, siglate entrambe nel primo tempo. Tuttavia concluse la stagione 1951-1952 all'ultimo posto, e di conseguenza retrocesse in Serie C. Nel 1953, infine fallì per debiti.

La tradizione calcistica stabiese a partire dal 1953 proseguì quindi mediante le gesta della già esistente Società Sportiva Juventus Stabia.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Associazione Calcio Stabia
  • 1933 - Viene fondata la società Associazione Calcio Stabia iscritta al campionato di Terza Divisione.
  • 1933-34 - 2ª nel campionato di Terza Divisione Campana. Ammessa al girone finale. 1ª nel girone finale[1]. Green Arrow Up.svg Promossa nel campionato di Seconda Divisione.
  • 1934-35 - 2ª nel girone unico del Direttorio XIII Zona (Campania) del campionato di Seconda Divisione. Ammessa al nuovo campionato di Prima Divisione.
  • 1935-36 - 7ª nel girone unico del Direttorio XIII Zona (Campania) del campionato di Prima Divisione.
  • 1936-37 - 1ª nel girone unico del Direttorio XIII Zona (Campania) del campionato di Prima Divisione. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie C.
  • 1937-38 - 10ª nel girone E della Serie C.
  • 1938-39 - 7ª nel girone G della Serie C - Prima fase.
  • 1939-40 - 4ª nel girone G della Serie C - Prima fase.

  • 1940-41 - 14ª nel girone G della Serie C - Prima fase.
  • 1941-42 - 5ª nel girone G della Serie C - Prima fase.
  • 1942-43 - 9ª nel girone L della Serie C - Prima fase.
  • 1943–1945 - Sospensione attività sportive per cause belliche.
  • 1945 - 1ª nel Campionato Campano.
  • 1945-46 - 8ª nel girone D Campania di Lega Centro-Sud di Serie C.
  • 1946-47 - 4ª nel girone A della Lega Sud di Serie C.
  • 1947-48 - 1ª nel girone A della Lega Sud di Serie C. Ammessa in Lega Calcio.
  • 1948-49 - 6ª nel girone D della Serie C.
  • 1949-50 - 13ª nel girone D della Serie C.

  • 1950-51 - 1ª nel girone D della Serie C dopo spareggio vinto contro il Foggia. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie B.
  • 1951-52 - 20ª in Serie B. Red Arrow Down.svg Retrocessa in Serie C.
  • 1952-53 - 16ª in Serie C. Red Arrow Down.svg Retrocessa e finanziariamente fallita.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Su "Il Littoriale" risultati e prossimi turni vedi la Terza giornata del 29 marzo 1934[collegamento interrotto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Mercatelli, 1907-1993 Una leggenda in gialloblé, Castellammare di Stabia, Eidos Nicola Longobardi Editore, 1993.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • La Storia, juvestabia.info. (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2015).
  • Storia, ssjuvestabia.it. (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2015).
  • Storia, calonet.