Serie C 1949-1950

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Serie C 1949-1950
Competizione Serie C
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Organizzatore Lega Nazionale
Date dall'11 settembre 1949
al 16 luglio 1950
Luogo Italia Italia
Partecipanti 82
Risultati
Promozioni Seregno
Treviso
Anconitana
Messina
Retrocessioni Rivarolese
Pro Lissone
Vogherese
Asti
Parabiago
Luparense
Imolese
Pro Rovigo
Sebinia Lovere
Bondenese
Baracca Lugo
Pescara
Tivoli
Monsummanese
Ternana
Vigor Fucecchio
Nocerina
Drepanum
Pomigliano
Statistiche
Miglior marcatore Italia ?? (??)
Incontri disputati 1614
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1948-1949 1950-1951 Right arrow.svg

La Serie C 1949-1950 fu la dodicesima edizione della terza categoria del campionato italiano di calcio, la seconda gestita dalla Lega Nazionale.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

La manifestazione aveva trovato finalmente stabilità, e si svolse con la stessa formula della precedente edizione, salvo un numero maggiore di retrocessioni volte a dare un piccolo taglio progressivo agli organici. Le squadre iscritte furono 82, di cui quattro provenienti dalla Serie B e dodici dalla Promozione.

Come già accaduto l'anno prima, le lotte di vertice furono molto serrate. Ritrovò subito la serie cadetta il Seregno - destino inverso a quello del Pescara che andò direttamente in quarta serie - che approfittò della rinuncia allo spareggio del Mortara, società con netti limiti economici. Successi anche per il Treviso, d'un soffio sul Parma, e per l'Anconitana, mentre al Sud il Messina travolse allo spareggio il Cosenza.

In zona retrocessione è da segnalare il farragionoso comportamento della FIGC, che annunciò un progetto di riduzione degli organici, ma demandò la sua precisa definizione ad una serie di commissioni da stabilirsi a stagione in corso. Quando le riunioni si conclusero e venne decretata la riduzione dei gironi a 18 squadre cadauno, in più distribuendo i posti releganti in maniera quasi indipendente dalla numerosità dei gruppi, molte squadre si trovarono d'un tratto a malpartito a campionato già volgente al termine. Furono soprattutto le società meridionali a lamentarsi, dato che il pesante contributo loro imposto, abbinato agli scarsi rimpiazzi giungenti dalla sottostante Lega Sud della Promozione, comportava matematicamente la depauperazione del loro girone nella stagione successiva.[1] Quando poi al Nord la stagione si chiuse con la clamorosa caduta della Pro Vercelli, all'epoca terza squadra d'Italia per numero di scudetti dopo Genoa e Juventus, la FIGC si convinse a riammetterla insieme ad altre società nelle altre zone del paese, rinviando il progetto di riduzione dei gironi.

Girone A[modifica | modifica wikitesto]

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1uparrow green.svg 1. Seregno 55 42 23 9 10 68 35 +33
2. Mortara[2] 55 42 22 11 9 61 43 +18
3. Crema 52 42 20 12 10 63 35 +28
3. Sanremese 52 42 23 6 13 83 57 +26
5. Monza 51 42 20 11 11 79 43 +36
6. Pavia 50 42 20 10 12 71 51 +20
7. Savona 48 42 22 4 16 74 62 +12
7. Casale 48 42 18 12 12 51 47 +4
9. Varese 47 42 18 11 13 74 69 +5
10. Gallaratese 45 42 17 11 14 63 57 +6
11. Azzurro.png Villasanta 41 42 17 7 18 57 63 -6
12. Biellese 40 42 16 8 18 48 48 0
12. Fossanese 40 42 16 8 18 59 64 -5
12. Omegna 40 42 15 10 17 62 77 -15
12. Sestrese 40 42 15 10 17 67 87 -20
16. Luino 37 42 12 13 17 50 62 -12
17. Pro Vercelli[3] 37 42 15 7 20 46 48 -2
1downarrow red.svg 18. Rivarolese 36 42 13 10 19 58 71 -13
1downarrow red.svg 19. Pro Lissone 30 42 10 10 22 51 76 -25
1downarrow red.svg 20. Vogherese 29 42 9 11 22 48 73 -25
1downarrow red.svg 21. Asti 28 42 9 10 23 46 77 -31
1downarrow red.svg 22. Parabiago 23 42 9 5 28 47 81 -34

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

Girone B[modifica | modifica wikitesto]

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1uparrow green.svg 1. Treviso 52 40 20 12 8 69 38 +31
2. Parma 51 40 21 9 10 64 28 +36
3. Azzurro e Bianco2.svg Pro Palazzolo Marzoli 49 40 16 17 7 60 41 +19
4. Libertas Trieste 48 40 16 16 8 69 54 +15
4. Marzotto Valdagno 48 40 19 10 11 73 59 +14
6. Vita Nova 47 40 16 15 9 52 34 +18
6. Piacenza 47 40 21 5 14 66 58 +8
8. San Donà 45 40 17 11 12 65 55 +10
9. Mantova 43 40 14 15 11 61 41 +20
10. Edera Trieste 41 40 16 9 15 71 63 +8
11. Rimini 40 40 16 8 16 58 59 -1
12. Cesena 39 40 15 9 16 55 54 +1
12. Bolzano 39 40 15 9 16 60 61 -1
14. Mestrina 38 40 14 10 16 47 47 0
15. Pro Gorizia 38 40 15 8 17 67 68 -1
1downarrow red.svg 16. Luparense[4] 38 40 13 12 15 56 65 -9
1downarrow red.svg 17. Imolese 36 40 13 10 17 52 64 -12
1downarrow red.svg 18. Pro Rovigo 30 40 9 12 19 43 70 -27
1downarrow red.svg 19. Sebinia Lovere 27 40 8 11 21 36 73 -37
1downarrow red.svg 20. Bondenese 26 40 8 10 22 47 80 -33
1downarrow red.svg 21. Baracca Lugo 18 40 5 8 27 29 88 -59

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

Girone C[modifica | modifica wikitesto]

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1uparrow green.svg 1. Anconitana 58 40 25 8 7 79 30 +49
2. Piombino 56 40 25 6 9 84 45 +39
3. Sambenedettese 49 40 20 9 11 78 44 +34
3. Siena 49 40 19 11 10 70 53 +17
5. Maceratese 46 40 18 10 12 85 67 +18
6. Cagliari 45 40 19 7 14 67 56 +11
7. Jesina 44 40 17 10 13 69 55 +14
8. Carrarese 42 40 16 10 14 70 51 +19
8. Arezzo 42 40 18 6 16 51 58 -7
10. Carbosarda 40 40 15 10 15 59 46 +13
10. Rosignano Solvay 40 40 13 14 13 47 47 0
10. Pistoiese 40 40 16 8 16 65 65 0
10. Signe 40 40 17 6 17 64 70 -6
14. Grosseto 39 40 17 5 18 65 69 -4
14. Latina 39 40 13 13 14 56 62 -6
16. Perugia[5] 38 40 15 8 17 52 58 -6
1downarrow red.svg 17. Pescara 36 40 14 8 18 43 62 -19
1downarrow red.svg 18. Tivoli 33 40 13 7 20 39 57 -18
1downarrow red.svg 19. Monsummanese 30 40 10 10 20 33 58 -25
1downarrow red.svg 20. Ternana 17 40 6 5 29 35 91 -56
1downarrow red.svg 21. Vigor Fucecchio[6] 16 40 5 7 28 36 103 -67

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Anconitana promossa in Serie B 1950-1951.
  • Perugia ripescato per motivi di rappresentanza territoriale.
  • Pescara, Tivoli, Monsummanese, Ternana e Vigor Fucecchio retrocesse in Promozione 1950-1951.

Girone D[modifica | modifica wikitesto]

Come l'anno precedente, anche questa edizione del girone meridionale di terza serie si concluse con uno scandalo di corruzione. Stavolta fu protagonista il Messina, che dopo la fine del torneo fu accusato di aver pagato il Cosenza per perdere lo spareggio. La Lega Nazionale intervenne in maniera draconiana, decretando il 31 agosto la squalifica e la retrocessione dei siciliani.[7] L'esito di questa vicenda fu poi però diverso, in quanto la CAF cassò la sentenza per insufficienza di prove.

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1uparrow green.svg 1. Messina[8] 51 34 21 9 4 61 24 +37
2. Cosenza 51 34 21 9 4 64 28 +36
3. Reggina 47 34 20 7 7 68 33 +35
4. Lecce 43 34 18 7 9 58 29 +29
5. Arsenale Messina 37 34 15 7 12 51 37 +14
6. Crotone 36 34 14 8 12 53 41 +12
6. Benevento 36 34 13 10 11 53 58 -5
8. Brindisi 34 34 13 8 13 52 57 -5
9. Torrese 32 34 13 6 15 58 58 0
9. Foggia 32 34 12 8 14 57 62 -5
11. Catanzaro 31 34 12 7 15 49 47 +2
11. Acireale 31 34 10 11 13 35 46 -11
13. Stabia 30 34 10 10 14 32 44 -12
14. Igea Virtus[9] 29 34 9 11 14 24 37 -13
15. Marsala[10] 28 34 8 12 14 43 58 -15
1downarrow red.svg 16. Nocerina 26 34 9 8 17 41 62 -21
1downarrow red.svg 17. Granata.png Drepanum 21 34 7 7 20 32 65 -33
1downarrow red.svg 18. Granata.png Juve Alfa Pomigliano[11] 16 34 5 7 22 33 78 -45

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Messina promosso in Serie B 1950-1951.
  • Igea Virtus e Marsala ripescate per motivi di rappresentanza territoriale.
  • Nocerina, Drepanum e Juve Alfa Pomigliano retrocesse in Promozione 1950-1951.

Note[modifica | modifica wikitesto]

A parità di punteggio le squadre furono normalmente classificate a pari merito, mentre i regolamenti dei campionati redatti dalla F.I.G.C. per questa e per le successive stagioni prevedevano che, trovandosi necessità di attribuire qualsiasi titolo sportivo di promozione o retrocessione, si procedesse a disputare uno o più spareggi in campo neutro.

  1. ^ Dato che 5 erano le retrocessioni previste dal girone meridionale della Serie C verso la Lega Sud di Promozione, mentre solo due erano le promozioni stabilite nel senso contrario, di fatto la FIGC aveva imposto la riduzione del girone meridionale da 18 a 15 squadre, a meno di sopperire obbligando tre squadre del Centro Italia a traslocare al Sud col conseguente rischio di lunghe e costosissime trasferte.
  2. ^ Il Mortara rinunciò volontariamente allo spareggio promozione.
  3. ^ Sconfitta nello spareggio salvezza: a Legnano, 2 luglio 1950, Luino-Pro Vercelli 1-0 dts. Successivamente venne comunque ripescata in virtù del suo palmarès.
  4. ^ Retrocessa dopo spareggi: a Portogruaro, 2 luglio 1950, Luparense-Pro Gorizia 1-1; a Portogruaro, 9 luglio 1950, Pro Gorizia-Mestrina 1-1; a Vicenza, 16 luglio 1950, Mestrina-Luparense 2-0. Classifica: Mestrina 3, Pro Gorizia 2, Luparense 1.
  5. ^ Ripescata per garantire una rappresentanza umbra nei campionati della Lega Nazionale.
  6. ^ Un punto di penalizzazione.
  7. ^ Corriere dello Sport, 1º settembre 1950.
  8. ^ Promosso dopo spareggi: a Salerno, 4 giugno 1950, Messina-Cosenza 1-1; a Como, 11 giugno 1950, Messina-Cosenza 6-1.
  9. ^ Ripescata per dare maggiore rappresentanza al calcio meridionale.
  10. ^ Ripescato per dare maggiore rappresentanza al calcio meridionale.
  11. ^ Un punto di penalizzazione.
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio