Darsena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la stazione di Genova, vedi Darsena (metropolitana di Genova).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la Darsena di Milano, vedi Darsena (Milano).

Una darsena è in generale un bacino acqueo artificiale utilizzato per l'ormeggio e il rimessaggio di imbarcazioni.

Con lo stesso termine si indica la parte più interna di un porto, cinta da dighe e protezioni, dove si procede alla riparazione delle navi e gli specchi d'acqua interni degli Arsenali militari marittimi.

Il termine deriva dall'arabo dār-ṣinā, divenuto darsena tramite modifiche dialettali italiane, anche se è difficile stabilirne con certezza l'etimologia. Alcune fonti ne attribuiscono derivazione genovese[1], altre siciliana [2]. È attestato, nella forma darsana, in un testo pisano in latino datato 1192[3]; ma probabilmente la parola è emersa ben prima, in quanto, all'incirca nello stesso periodo, si stima sia avvenuta la fondazione dell'Arsenale di Venezia (1150-1200[4]), il cui termine, arsenale, deriva esso stesso dall'arabo dār-ṣinā[5], e quindi da darsena.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ dàrsena, Treccani. URL consultato il 17/5/2015.
  2. ^ darsena, dizionario etimologico online, etimo.it.
  3. ^ Tullio de Mauro, Grande dizionario italiano dell'uso, Torino, UTET, 2000, ISBN 8802078173.
  4. ^ cronologia arsenale di venezia, arsenale.comune.venezia.it.
  5. ^ arsenale, vocabolario Treccani, treccani.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4255968-6