Massimo Mariotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massimo Mariotto
Massimo Mariotto.jpg
Massimo Mariotto con la maglia della Reggina (1988)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182 cm
Peso 76 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Direttore sportivo (ex centrocampista)
Ritirato 1999 - calciatore
Carriera
Giovanili
Conegliano
Squadre di club1
1982-1984 Conegliano 44 (1)
1984-1985 Fiorentina 0 (0)
1985-1986 Mestre 16 (3)
1986-1990 Reggina 120 (8)
1990-1991 Como 23 (1)
1991-1992 Reggina 31 (2)
1992-1993 Udinese 12 (0)
1993-1995 Reggina 66 (3)
1995-1997 Alessandria 61 (0)
1997-1998 Atletico Catania 28 (0)
1998-1999 Catanzaro 28 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 maggio 2012

Massimo Mariotto (San Stino di Livenza, 12 febbraio 1966) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Massimo Mariotto ha disputato oltre 400 presenze da professionista. Di queste, 217 sono state collezionate con la maglia della Reggina: è al sesto posto tra i giocatori con più presenze in amaranto.

Con la squadra calabrese ha ottenuto due promozioni dalla Serie C1 alla Serie B; ha inoltre perso uno spareggio per la promozione in Serie A nel 1989 contro la Cremonese.

Prima di militare in amaranto, ha esordito da professionista nel Conegliano, squadra che lo acquistò per le giovanili[1]. A 19 anni si trasferisce alla Fiorentina, dove però non disputa alcuna partita; nel 1985-1986 passa al Mestre in C2. L'anno seguente approda alla Reggina, dove resta fino all'ottobre 1990.

Nel 1990 va in prestito al Como in Serie C1; ritorna poi alla Reggina e nel 1992-1993 disputa 12 partite in Serie A con l'Udinese. Dal 1993 al 1998 disputa la Serie C1 con le maglie di Reggina, Alessandria e Atletico Catania. Chiude la carriera da calciatore al Catanzaro in Serie C2.

Dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro ha intrapreso la carriera di direttore sportivo, prima al Sant'Anastasia Calcio, successivamente all'Atletico Catania[2]. Dal 2002 al 2008 è tornato in Calabria, alla Vibonese[2], per poi trasferirsi al Benevento[3], società con la quale rimane in carica tra il 2008 e il 2012[4]. Nel 2012 passa alla Salernitana, per poi lasciare l'incarico nel luglio 2013.[5] Nel 2016 diventa direttore sportivo del Monopoli in Lega Pro.[6]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato
Comp Pres Reti
1982-1983 Italia Conegliano C2 17 0
1983-1984 D 27 1
Totale Conegliano 44 1
1984-1985 Italia Fiorentina A 0 0
1985-1986 Italia Mestre C2 16 3
1986-1987 Italia Reggina C1 26 1
1987-1988 C1 31 3
1988-1989[7] B 31 1
1989-1990 B 31 3
lug.-ott. 1990 B 1 0
ott. 1990-1991 Italia Como C1 23 1
1991-1992 Italia Reggina C1 31 2
1992-1993 Italia Udinese A 12 0
1993-1994[8] Italia Reggina C1 34 2
1994-1995 C1 32 1
Totale Reggina 217 13
1995-1996 Italia Alessandria C1 29 0
1996-1997 C1 32 0
Totale Alessandria 61 0
1997-1998 Italia Atletico Catania C1 28 0
1998-1999 Italia Catanzaro C2 28 0
Totale carriera 429 18

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Reggina: 1994-1995

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. Branca, p. 51.
  2. ^ a b G. Branca, p.53.
  3. ^ Mariotto nuovo ds del Benevento, TuttoMercatoWeb. URL consultato il 2 novembre 2010.
  4. ^ Tra Mariotto e il Benevento è finita, LoStregone.net. URL consultato il 7 maggio 2012.
  5. ^ Salernitana, Mariotto lascia, Giubilato diventa diesse, ilmattino.it. URL consultato il 3 luglio 2014.
  6. ^ Il nuovo corso del Monopoli è affidato a Diego Zanin, su monopolicalcio.it, 16 giugno 2016. URL consultato il 27 settembre 2016 (archiviato il 27 settembre 2016).
  7. ^ Le statistiche del 1988-1989 includono il computo della presenza nello spareggio promozione contro la Cremonese.
  8. ^ Le statistiche del 1993-1994 includono il computo della presenza nello spareggio promozione contro la Juve Stabia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giusva Branca, Idoli di carta, Reggio Calabria, Laruffa, pp. 49-58 anno= 2006, ISBN 88-7221-292-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]