Sandro Mazzola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'ex calciatore di ruolo centrocampista, vedi Alessandro Mazzola (1969).
Alessandro Mazzola
Sandro mazzola inter.jpg
Mazzola con la maglia dell'Inter negli anni settanta
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Ritirato 1977
Carriera
Giovanili
Inter Inter
Squadre di club1
1960-1977 Inter Inter 417 (116)
Nazionale
1963-1974 Italia Italia 70 (22)
Palmarès
W.Cup2.svg Coppa Rimet
Argento Messico 1970
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Italia 1968
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al dicembre 2008

Alessandro Mazzola detto Sandro (Torino, 8 novembre 1942) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante. Campione europeo nel 1968 e vice-campione mondiale nel 1970 con la Nazionale italiana.

Noto per lo scatto bruciante e l'agilità nel dribbling[1], è figlio di Valentino Mazzola, giocatore del Grande Torino scomparso nella tragedia di Superga e fratello di Ferruccio, anch'egli calciatore. È considerato uno dei più grandi calciatori italiani di tutti i tempi.[2]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Un Sandro Mazzola ancora bambino, assieme al padre Valentino, nel 1949.

Scoperto da Giuseppe Meazza nel settore giovanile, Sandro Mazzola giocò inizialmente come centravanti e quindi come mezzala offensiva nell'Inter allenata da Helenio Herrera, e qui trascorse l'intera carriera. Il suo esordio nella Serie A avvenne in una circostanza curiosa, il 10 giugno 1961 contro la Juventus: in questa occasione il presidente Angelo Moratti fece mettere in campo per protesta la squadra Primavera, che perse 9-1, con gol proprio di Mazzola su calcio di rigore.

Con i neroazzurri vinse quattro scudetti (1962-63, 1964-65, 1965-66 e 1970-71), due Coppe dei Campioni (1963-64 e 1964-65) e due Coppe Intercontinentali (1964 e 1965). Capocannoniere del Campionato 1964-65, giocò in Serie A 417 gare segnando 116 gol. In totale vestì la maglia dell'Inter in 564 incontri segnando 160 reti. Tra i suoi gol più importanti vanno citati la doppietta nella gara di andata della Coppa Intercontinentale 1965, la doppietta nella finale di Coppa Campioni 1963-64 vinta contro il Real Madrid e la rete contro la Juventus nell'incontro del 28 aprile 1963, che lanciò l'Inter verso lo scudetto (il primo dell'era Moratti).

Nel 1967 la FIFA lo onorò della convocazione nella selezione del Resto del Mondo nella partita giocata contro la Spagna per festeggiare i 65 anni di Ricardo Zamora. Il Resto del Mondo, in cui figuravano anche Gianni Rivera e Mario Corso, vinse per 3-0 e Mazzola segnò una rete.

Nel 1971 arrivò al secondo posto nella classifica del Pallone d'oro, dietro l'olandese Johan Cruijff.

Giocò con la maglia nerazzurra per l'ultima volta un tempo di un'amichevole a Pechino contro la nazionale cinese, il 12 giugno 1978.[3][4]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Mazzola in Nazionale assieme a Gianni Rivera, con cui diede vita alla famosa "staffetta" voluta dal commissario tecnico Valcareggi.

In Nazionale fece parte della selezione che vinse nel 1968 il Campionato europeo. Contrapposto più dalla critica giornalistica che da effettive rivalità personali al capitano del Milan Gianni Rivera, fu vicecampione del mondo nel 1970, torneo che vide la cosiddetta "staffetta" tra i due campioni[5], espediente escogitato dal Commissario Tecnico azzurro Ferruccio Valcareggi che in tre partite schierò inizialmente l'interista per poi fargli subentrare nel secondo tempo il milanista.

Vanta in totale 70 presenze in nazionale e 22 gol. Al momento del suo ritiro era al secondo posto per numero di presenze (dietro Giacinto Facchetti) ed al quinto posto per numero di reti.

Dirigente sportivo[modifica | modifica sorgente]

Svolse incarichi dirigenziali prima all'Inter, tra il 1977 ed il 1984, poi al Genoa.

Dal 1995 al 1999 tornò a lavorare all'Inter come direttore sportivo e principale responsabile del mercato, prima di essere sostituito dall'ex calciatore e compagno di squadra Gabriele Oriali.

Dal 2000 al 2003 ha lavorato come dirigente del Torino.

Commentatore televisivo[modifica | modifica sorgente]

Attualmente svolge l'attività di commentatore tecnico per Rai Sport. Detiene il singolare record di essere stato il commentatore tecnico delle finali dei Mondiali di calcio 1982 a fianco di Luigi Colombo per Telemontecarlo (primo caso di una finale trasmessa in diretta da una TV commerciale) e dei Mondiali di calcio 2006 al fianco di Marco Civoli per la RAI, entrambe vinte dalla Nazionale italiana.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nel club[modifica | modifica sorgente]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1960-1961 Italia Inter A 1 1 - - - - - - - - - 1 1
1961-1962 A 1 0 - - - - - - - - - 1 0
1962-1963 A 23 10 CI 1 1 - - - - - - 24 11
1963-1964 A 29+1[6] 9+0 - - - CC 9 7 - - - 39 16
1964-1965 A 33 17 CI 2 0 CC 6 3 CInt 2 1 43 21
1965-1966 A 30 19 CI 1 0 CC 4 1 CInt 2 2 37 22
1966-1967 A 30 17 CI 2 2 CC 10 3 - - - 42 22
1967-1968 A 28 6 CI 9 2 - - - - - - 37 8
1968-1969 A 29 7 CI 3 0 - - - - - - 32 7
1969-1970 A 28 4 CI 5 1 CdF 10 1 - - - 43 6
1970-1971 A 29 7 CI 3 2 CdF 1 0 - - - 33 9
1971-1972 A 28 7 CI 9 2 CC 9 2 - - - 46 11
1972-1973 A 26 2 CI 9 4 CU 6 0 - - - 41 6
1973-1974 A 26 4 CI 10 3 CU 2 0 - - - 38 7
1974-1975 A 23 3 CI 7 0 CU 4 0 - - - 34 3
1975-1976 A 25 2 CI 10 4 - - - - - - 35 6
1976-1977 A 28 1 CI 9 3 CU 2 0 - - - 39 4
Totale 417+1 116+0 80 24 63 17 4 3 565 160

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
12/05/1963 Milano Italia Italia 3 – 0 Brasile Brasile Amichevole 1
09/06/1963 Vienna Austria Austria 0 – 1 Italia Italia Amichevole -
10/11/1963 Roma Italia Italia 1 – 1 URSS URSS Qual. Euro 1964 -
14/12/1963 Torino Italia Italia 1 – 0 Austria Austria Amichevole -
11/04/1964 Firenze Italia Italia 0 – 0 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Amichevole -
10/05/1964 Losanna Svizzera Svizzera 1 – 3 Italia Italia Amichevole 1
04/11/1964 Genova Italia Italia 6 – 1 Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 1966 2
13/03/1965 Amburgo Germania Ovest Germania Ovest 1 – 1 Italia Italia Amichevole 1
18/04/1965 Varsavia Polonia Polonia 0 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 1966 -
16/06/1965 Malmö Svezia Svezia 2 – 2 Italia Italia Amichevole 1
23/06/1965 Helsinki Finlandia Finlandia 0 – 2 Italia Italia Qual. Mondiali 1966 2
27/06/1965 Budapest Ungheria Ungheria 2 – 1 Italia Italia Amichevole 1
01/11/1965 Roma Italia Italia 6 – 1 Polonia Polonia Qual. Mondiali 1966 1
09/11/1965 Glasgow Scozia Scozia 1 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 1966 -
07/12/1965 Napoli Italia Italia 3 – 0 Scozia Scozia Qual. Mondiali 1966 -
19/03/1966 Parigi Francia Francia 0 – 0 Italia Italia Amichevole -
14/06/1966 Bologna Italia Italia 6 – 1 Bulgaria Bulgaria Amichevole 1
22/06/1966 Torino Italia Italia 3 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
29/06/1966 Firenze Italia Italia 5 – 0 Messico Messico Amichevole 1
13/07/1966 Sunderland Italia Italia 2 – 0 Cile Cile Mondiali 1966 - 1º Turno 1
16/07/1966 Sunderland URSS URSS 1 – 0 Italia Italia Mondiali 1966 - 1º Turno -
19/07/1966 Middlesbrough Corea del Nord Corea del Nord 1 – 0 Italia Italia Mondiali 1966 - 1º Turno -
01/11/1966 Milano Italia Italia 1 – 0 URSS URSS Amichevole -
26/11/1966 Napoli Italia Italia 3 – 1 Romania Romania Qual. Euro 1968 2
27/03/1967 Roma Italia Italia 1 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
01/11/1967 Cosenza Italia Italia 5 – 0 Cipro Cipro Qual. Euro 1968 2
23/12/1967 Cagliari Italia Italia 4 – 0 Svizzera Svizzera Qual. Euro 1968 1
06/04/1968 Sofia Bulgaria Bulgaria 3 – 2 Italia Italia Qual. Euro 1968 -
20/04/1968 Napoli Italia Italia 2 – 0 Bulgaria Bulgaria Qual. Euro 1968 -
05/06/1968 Napoli Italia Italia 0 – 0 dts URSS URSS Euro 1968 - Semif. -
10/06/1968 Roma Italia Italia 2 – 0 Jugoslavia Jugoslavia Euro 1968 - Finale - 1º Titolo Europeo
23/10/1968 Cardiff Galles Galles 0 – 1 Italia Italia Qual. Mondiali 1970 -
29/03/1969 Berlino Est Germania Est Germania Est 2 – 2 Italia Italia Qual. Mondiali 1970 -
24/05/1969 Torino Italia Italia 0 – 0 Bulgaria Bulgaria Amichevole -
04/11/1969 Roma Italia Italia 4 – 1 Galles Galles Qual. Mondiali 1970 1
22/11/1969 Napoli Italia Italia 3 – 0 Germania Est Germania Est Qual. Mondiali 1970 1
10/05/1970 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
3-6-1970 Toluca Italia Italia 1 – 0 Svezia Svezia Mondiali 1970 - 1º Turno -
6-6-1970 Puebla Italia Italia 0 – 0 Uruguay Uruguay Mondiali 1970 - 1º Turno -
11/06/1970 Toluca Italia Italia 0 – 0 Israele Israele Mondiali 1970 - 1º Turno -
14/06/1970 Toluca Italia Italia 4 – 1 Messico Messico Mondiali 1970 - Quarti -
17/06/1970 Città del Messico Italia Italia 4 – 3 dts Germania Ovest Germania Ovest Mondiali 1970 - Semif. -
21/06/1970 Città del Messico Brasile Brasile 4 – 1 Italia Italia Mondiali 1970 - Finale - 2º Posto
17/10/1970 Berna Svizzera Svizzera 1 – 1 Italia Italia Amichevole 1
31/10/1970 Vienna Austria Austria 1 – 2 Italia Italia Qual. Euro 1972 1
08/12/1970 Firenze Italia Italia 3 – 0 Irlanda Irlanda Qual. Euro 1972 -
20/02/1971 Cagliari Italia Italia 1 – 2 Spagna Spagna Amichevole -
10/05/1971 Dublino Irlanda Irlanda 1 – 2 Italia Italia Qual. Euro 1972 -
09/06/1971 Stoccolma Svezia Svezia 0 – 0 Italia Italia Qual. Euro 1972 -
25/09/1971 Genova Italia Italia 2 – 0 Messico Messico Amichevole -
09/10/1971 Milano Italia Italia 3 – 0 Svezia Svezia Qual. Euro 1972 -
04/03/1972 Atene Grecia Grecia 2 – 1 Italia Italia Amichevole -
29/04/1972 Milano Italia Italia 0 – 0 Belgio Belgio Qual. Euro 1972 -
13/05/1972 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 1 Italia Italia Qual. Euro 1972 -
17/06/1972 Bucarest Romania Romania 3 – 3 Italia Italia Amichevole -
21/06/1972 Sofia Bulgaria Bulgaria 1 – 1 Italia Italia Amichevole -
20/09/1972 Torino Italia Italia 3 – 1 Jugoslavia Jugoslavia Amichevole -
07/10/1972 Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo 0 – 4 Italia Italia Qual. Mondiali 1974 -
21/10/1972 Berna Svizzera Svizzera 0 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 1974 -
25/02/1973 Istanbul Turchia Turchia 0 – 1 Italia Italia Qual. Mondiali 1974 -
31/03/1973 Genova Italia Italia 5 – 0 Lussemburgo Lussemburgo Qual. Mondiali 1974 -
09/06/1973 Roma Italia Italia 2 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
14/06/1973 Torino Italia Italia 2 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
29/09/1973 Milano Italia Italia 2 – 0 Svezia Svezia Amichevole -
20/10/1973 Roma Italia Italia 2 – 0 Svizzera Svizzera Qual. Mondiali 1974 -
26/02/1974 Roma Italia Italia 0 – 0 Germania Ovest Germania Ovest Amichevole -
08/06/1974 Vienna Austria Austria 0 – 0 Italia Italia Amichevole -
15/06/1974 Monaco Italia Italia 3 – 1 Haiti Haiti Mondiali 1974 - 1º Turno -
19/06/1974 Stoccarda Italia Italia 1 – 1 Argentina Argentina Mondiali 1974 - 1º Turno -
23/06/1974 Stoccarda Polonia Polonia 2 – 1 Italia Italia Mondiali 1974 - 1º Turno -
Totale Presenze (17º posto) 70 Reti (11º posto) 22

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Sandro Mazzola assieme a Pelé nel 1963 durante l'amichevole Italia-Brasile 3-0
Sandro Mazzola

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]
Inter: 1962-1963, 1964-1965, 1965-1966, 1970-1971
Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]
Inter: 1963-1964, 1964-1965
Inter: 1964, 1965

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

1968

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Alessandro Mazzola, nazionaleitalianacalcio.it. URL consultato il 2 gennaio 2012.
  2. ^ Nella casa di Valentino Mazzola, due camere e cucina per un mito- LASTAMPA.it
  3. ^ Articolo su La Stampa Sera del 12 giugno 1978
  4. ^ Amichevoli dell'Inter nella stagione 1977-1978
  5. ^ Mazzola, Sandro, sapere.it. URL consultato il 29 ottobre 2009.
  6. ^ Spareggio scudetto

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 114421499 LCCN: n85101848 SBN: IT\ICCU\CFIV\021552