Serie A 2011-2012

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri campionati, vedi Serie A 2011-2012 (disambigua).
Serie A 2011-2012
Serie A TIM 2011-2012
Competizione Serie A
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 110ª
Organizzatore Lega Serie A
Date dal 9 settembre 2011
al 13 maggio 2012
Luogo Italia Italia
Partecipanti 20
Risultati
Vincitore Juventus Juventus
(28º titolo)
Retrocessioni Lecce Lecce
Novara Novara
Cesena Cesena
Statistiche
Miglior marcatore Svezia Zlatan Ibrahimović (28)
Incontri disputati 380
Gol segnati 972 (2,56 per incontro)
Serie A 2011-2012.PNG
Distribuzione geografica delle squadre della Serie A 2011-2012.
Cronologia della competizione
Left arrow.svg ed. precedente ed. successiva Right arrow.svg

Il campionato di Serie A 2011-2012 è stato il 110º campionato italiano di calcio e l'80º a girone unico. Sarebbe dovuto iniziare il 27 agosto 2011, ma a causa di uno sciopero proclamato dall'Associazione Italiana Calciatori[1] il campionato è iniziato con l'anticipo della 2ª giornata il 9 settembre, e si è concluso il 13 maggio 2012; la 1ª giornata è stata recuperata il 21 dicembre 2011.[2] Come nella precedente stagione, sono stati confermati gli orari di anticipi e posticipi, con un anticipo la domenica alle 12:30 e, occasionalmente, un anticipo al venerdì o un posticipo al lunedì (con apposita cancellazione dell'anticipo del sabato alle 18:00 ed eventualmente anche dell'anticipo dell'ora di pranzo domenicale, se l'anticipo del venerdì e il posticipo del lunedì accadessero nella stessa giornata) per le squadre impegnate nelle coppe europee. La soluzione del venerdì e/o del lunedì verrà utilizzata comunque non più di sette volte. Gli anticipi del sabato e il posticipo della domenica sera resteranno fissi e verrà salvaguardata la contemporaneità di sei partite alla domenica pomeriggio.

In questa stagione erano previsti cinque turni infrasettimanali (uno in più rispetto alla precedente), disputati il 21 settembre 2011, il 26 ottobre 2011, il 1º febbraio 2012, l'11 aprile 2012 e il 2 maggio 2012, ma di fatto ne sono stati disputati sette dopo il rinvio della 1ª giornata al 21 dicembre 2011 e della 33ª al 25 aprile 2012. Le soste per le qualificazioni a Euro 2012 sono fissate per il 4 settembre 2011, il 9 ottobre 2011 e il 13 novembre, mentre il 25 dicembre e il 1º gennaio il torneo si è fermato per le festività natalizie; non è previsto il turno dell'Epifania, pertanto il campionato è ripreso dopo le soste natalizie direttamente il 7 e l'8 gennaio. In più il turno dell'8 aprile 2012 si è giocato il giorno precedente per le festività pasquali.

Anche in questa stagione, per la sesta volta consecutiva, a parità di punteggio la graduatoria finale è determinata in base alla classifica avulsa.[3]

Rispetto ai campionati precedenti cambiano i criteri di accesso alle competizioni europee: l'Italia infatti ha perso una posizione nel ranking UEFA a vantaggio della Germania.[4] A qualificarsi per la UEFA Champions League saranno quindi solo le prime tre squadre: le prime due alla fase a gironi, la terza ai preliminari. La qualificazione alla UEFA Europa League sarà invece appannaggio della quarta e della quinta classificata, unitamente alla vincitrice della Coppa Italia. Qualora quest'ultima fosse già qualificata alla Champions League subentrerebbe la finalista perdente, ma se invece la vincitrice di coppa si qualificasse per l'Europa League tramite piazzamento in campionato oppure entrambe le finaliste si qualificassero per la Champions League, allora accederebbe la sesta classificata del campionato.

Su richiesta della Lega Serie A, il consiglio federale ripristina la possibilità di sostituire un massimo di due calciatori extracomunitari.[5]

Novità[modifica | modifica sorgente]

Il 30 giugno 2011 è stato presentato "Nike Seitiro", il pallone ufficiale di questa nuova stagione di Serie A, che garantisce maggiore stabilità, precisione e visibilità rispetto al modello precedente.[6] Ha esordito a Pechino il 6 agosto 2011 nella finale di Supercoppa italiana tra Milan e Inter, vinta dai rossoneri. A seguito di un'iniziativa proposta dallo sponsor tecnico, il pallone verrà consegnato a chi fra i calciatori di Serie A segnerà una tripletta,[7] sulla falsariga di ciò che già succede in altri campionati stranieri: il primo calciatore a conquistare questo riconoscimento è stato Edinson Cavani del Napoli, con la tripletta al Milan alla 3ª giornata.[8]

Un altro dato riguarda l'uscita dell'Italia, dopo ventisei anni, dal vertice del calcio europeo, scalzata dalla Germania;[4] perde pertanto un posto di accesso diretto ai gironi della UEFA Champions League. Solo le prime tre squadre in classifica potranno partecipare al massimo torneo continentale (le prime due con l'accesso diretto, la terza passando per il preliminare), mentre la vincitrice della Coppa Italia, la quarta e la quinta classificata dovranno accontentarsi della UEFA Europa League (come di consueto, in caso la vincitrice della Coppa Italia e la finalista perdente avessero già conseguito la qualificazione alle coppe europee per classifica, la sesta avrà l'opportunità di partecipare all'Europa League).

Nella griglia di partenza del 110º campionato italiano di calcio, a prendere il testimone di Bari, Brescia e Sampdoria, retrocesse in Serie B nella stagione precedente, sono Atalanta, Siena (entrambe dopo un solo anno nella serie cadetta) e Novara (che mancava invece dalla massima serie da 55 anni).[9] I bergamaschi partono con 6 punti di penalizzazione per responsabilità oggettiva e presunta, negli illeciti contestati al suo giocatore Cristiano Doni, nello scandalo scommesse.[10]

L'incontro della 2ª giornata tra Cesena e Napoli, terminato 3-1 per i partenopei, che si è giocato al Dino Manuzzi, è stato il primo nella storia della Serie A a svolgersi su un campo in erba sintetica; anche il manto erboso dello stadio del Novara, il Silvio Piola, è sintetico e questo primato sarebbe spettato all'incontro della 1ª giornata tra Novara e Palermo, se non fosse stato rinviato a causa dello sciopero proclamato dall'AIC.[11][12] Novità anche per la Juventus, che da questa stagione gioca nel nuovo Juventus Stadium.[13]

Avvenimenti[modifica | modifica sorgente]

Calciomercato estivo[modifica | modifica sorgente]

Calciatori[modifica | modifica sorgente]

Dopo un decennio al Milan, nel 2011-2012 Andrea Pirlo passa a vestire la maglia della Juventus.

La squadra campione d'Italia in carica, ovvero il Milan, bissa alcuni colpi di rafforzamento a parametro zero come il difensore della Roma Philippe Mexès, il difensore del Marsiglia Taye Taiwo e Alberto Aquilani in prestito dal Liverpool; inoltre si aggiungono in squadra Antonio Nocerino dal Palermo e il giovane Stephan El Shaarawy. L'altra squadra di Milano, l'Inter, opta per un mercato al risparmio (al contrario degli anni passati) per far fronte all'imminente fair play finanziario introdotto dalla UEFA: vengono acquistati l'esperto Diego Forlán, i giovani Andrea Poli e Jonathan e l'altalenante Mauro Zárate. La Juventus applica l'ennesima rivoluzione: si decide di puntare tutto su Andrea Pirlo e Mirko Vučinić affiancati dai nuovi innesti di Arturo Vidal e Stephan Lichtsteiner. La Lazio si affida all'esperienza di Miroslav Klose e ai gol di Djibril Cissé, mentre la Roma, con l'arrivo del nuovo presidente americano Thomas DiBenedetto rivoluziona la rosa comprando nove nuovi giocatori tra i quali il portiere Maarten Stekelenburg, l'esperto centrale Gabriel Heinze, il centrocampista Fernando Gago, il trequartista Miralem Pjanić, la punta Pablo Osvaldo e i giovanissimi Bojan Krkić ed Erik Lamela. In casa Napoli l'obiettivo numero uno è rafforzarsi per fare buona figura in Champions League, per questo vengono acquistati Blerim Džemaili, Gökhan Inler, Marco Donadel, Mario Santana e Goran Pandev.

Allenatori[modifica | modifica sorgente]

Al primo anno sulla panchina della Juventus, Antonio Conte vince lo scudetto con il nuovo record d'imbattibilità stagionale.

Per quanto riguarda gli allenatori, del blocco originario solo Fiorentina, Lazio, Milan, Napoli, Parma e Udinese mantengono il tecnico della stagione precedente. Il Cagliari, che aveva inizialmente confermato Roberto Donadoni, esonera quest'ultimo in agosto[14] e si accorda con Massimo Ficcadenti.[15] Delle emiliano-romagnole, il Bologna affida la propria panchina al felsineo Pierpaolo Bisoli, mentre il Cesena si accorda con Marco Giampaolo. Anche le due siciliane cambiano tecnico: il Catania, dopo aver rescisso consensualmente con un anno d'anticipo il contratto di Diego Pablo Simeone, annuncia l'ingaggio di Vincenzo Montella, esonerato dalla Roma dove viene rimpiazzato dallo spagnolo Luis Enrique; mentre il Palermo, dopo l'abbandono di Delio Rossi, assume Stefano Pioli dal ChievoVerona, ma anche quest'ultimo viene esonerato alla fine di agosto, e la squadra affidata all'allenatore della formazione Primavera Devis Mangia.[16] Da par loro, i clivensi ripongono la fiducia in Domenico Di Carlo. Il Lecce e il Genoa ingaggiano rispettivamente Eusebio Di Francesco e Alberto Malesani.[17] Cambio di panchina anche per Inter e Juventus: i nerazzurri, dopo l'addio di Leonardo assunto come dirigente sportivo dal Paris Saint-Germain, si affidano all'ex genoano Gian Piero Gasperini;[18] i torinesi, dopo le dimissioni di Delneri in seguito alla infruttuosa stagione trascorsa conclusasi con l'esclusione dalle coppe europee, ingaggiano dal Siena l'emergente Antonio Conte, già capitano dei bianconeri negli anni novanta.[19] Delle neopromosse, solo i senesi cambiano allenatore sostituendo Conte con Giuseppe Sannino, mentre Atalanta e Novara confermano rispettivamente Stefano Colantuono e Attilio Tesser.

Campionato[modifica | modifica sorgente]

Girone di andata[modifica | modifica sorgente]

La stagione 2011-2012 vede iniziare bene sia la nuova Juventus di Conte sia l'Udinese di Guidolin che nelle prime giornate si contendono il primato in classifica. Stentano invece le milanesi: il Milan ha una partenza sottotono, come non accadeva alla squadra campione in carica dalla stagione 1990-1991;[20] non va meglio all'Inter, che con quattro punti in sei partite batte il precedente record negativo del 1983-1984, e incappa nel suo peggior esordio da quando esiste il girone unico.[21] Tra i fatti curiosi di questa prima parte di campionato, nella 7ª giornata si segnalano cinque partite terminate a reti inviolate, cosa che non accadeva dalla 33ª giornata della stagione 1988-1989;[22] il Monday Night della 15ª giornata tra Roma e Juventus è invece la prima partita nella storia della Serie A trasmessa in 3D;[23] l'incontro della 19ª giornata tra Cagliari e Fiorentina, inizialmente previsto alle 15:00 di domenica, viene posticipato alle 15:30 a causa di una protesta messa in atto dagli operai dell'Alcoa di Portovesme.[24]

I 28 gol del capocannoniere Zlatan Ibrahimović non bastano al Milan per difendere il titolo.

Il girone d'andata si chiude con la Juventus che si laurea campione d'inverno.[25] I bianconeri, che arrivano al giro di boa imbattuti,[26] distanziano rispettivamente di un punto il Milan,[27] che dopo l'inizio stentato ritorna a marciare a pieno ritmo, e di tre l'Udinese, che ormai staziona stabilmente ai primi posti della classifica. Seguono a ridosso l'Inter e la Lazio; i nerazzurri, dopo il disastroso inizio che li aveva relegati ai margini della zona retrocessione, a seguito del cambio in panchina tra Gasperini e Ranieri sono artefici di una rimonta, culminata in sette vittorie consecutive, che li riporta ai piani alti.[28] Anche la Roma, dopo una partenza altalenante, trova continuità di risultati, mentre deludono il Napoli, che perde terreno dalle grandi a causa di continui alti e bassi nei risultati, e la Fiorentina, che staziona nella seconda parte della classifica.

Girone di ritorno[modifica | modifica sorgente]

L'inizio del girone di ritorno è ostaggio di una pesante ondata di freddo che porta al rinvio per maltempo di numerose gare, mutilando le giornate di campionato.[29][30] Nel mese di febbraio si inizia a delineare un duello in testa tra Milan e Juventus;[31][32] lo scontro diretto al Meazza del 25 febbraio termina in parità, ma è macchiato da vari errori arbitrali (tra cui un gol fantasma non assegnato ai rossoneri, e una rete valida annullata ai bianconeri) che scatenano fitte polemiche.[33] Udinese e Lazio seguono a distanza, in lotta per il terzo posto. Dietro di loro, il Napoli incomincia a inanellare una serie di risultati positivi che lo riportano in zona Europa, mentre l'Inter ricade invece in un periodo negativo.[34] In coda alla classifica si accende la lotta salvezza: si distinguono in positivo il Lecce che, dato quasi per spacciato alla fine del girone d'andata, con l'arrivo in panchina di Cosmi torna competitivo,[35] e in negativo la Fiorentina, che rischia di rimanere invischiata nella lotta per non retrocedere.[36] Agli ultimi posti stazionano Novara e Cesena le quali, nonostante l'ingaggio di nuovi allenatori, non mostrano fin qui cambi di marcia. Tra le note di colore, nella 25ª giornata gli arbitri hanno effettuato i sorteggi sui campi con la vecchia moneta da 500 lire "Caravelle", come iniziativa per le celebrazioni del decennale dall'uscita di circolazione della lira italiana,[37] mentre l'incontro della 26ª giornata tra Bologna e Novara è stato posticipato dalle 15:00 alle 18:30 a causa della concomitanza col rito funebre di Lucio Dalla.[38]

Il Catania di Vincenzo Montella è tra le sorprese dell'annata.

A inizio marzo, dopo i recuperi delle partite precedentemente rinviate per maltempo, il Milan trova la testa solitaria della classifica con due punti di vantaggio sulla Juventus, rallentata da una serie di pareggi.[39] La 27ª giornata segna un primo punto di svolta nel campionato,[40] coi rossoneri che battono in casa il Lecce e scavano un solco di quattro punti sui bianconeri,[41] bloccati in trasferta dal Genoa;[42] dietro rallentano sia Lazio che Udinese, col Napoli che si riporta in lotta per il terzo posto.[43] In questo mese continua a mettersi positivamente in luce il Catania di Montella, che mostra uno dei giochi più spettacolari del torneo, e che dopo aver raggiunto una facile salvezza si trova in lotta per posizioni più prestigiose,[44][45] mentre esplode la crisi della Fiorentina, che dopo il pesante tracollo casalingo contro la Juventus scivola nel pieno della lotta per non retrocedere.[46]

Ad aprile il Cagliari, a causa del perdurare dell'inagibilità del Sant'Elia,[47] sceglie di giocare i suoi rimanenti incontri casalinghi al Nereo Rocco di Trieste.[48] Per quanto riguarda il calcio giocato, l'inizio del mese segna un nuovo ribaltamento nelle posizioni di vertice del campionato: tra la 30ª e 31ª giornata la Juventus batte Napoli[49][50] e Palermo[51][52] e si riporta in testa di un punto sul Milan, che in pochi giorni viene fermato sul pari sul campo del Catania[53][54] e battuto in casa da una Fiorentina alla ricerca di punti-salvezza.[55] La Lazio sembra poter mettere una seria ipoteca sul terzo posto dopo la vittoria casalinga della 31ª contro i diretti rivali del Napoli,[56][57] ma già nella giornata successiva le concomitanti sconfitte dei biancocelesti, dei partenopei e dell'Udinese riaprono i giochi, con Roma e Inter che si riportano sotto.[58][59] La 33ª giornata viene rinviata per decisione della FIGC al 25 aprile 2012,[60] che sceglie di sospendere tutti i campionati a causa della morte in campo, avvenuta il 14 aprile 2012 durante la 35ª giornata della Serie B, del calciatore del Livorno Piermario Morosini.[61] Tornando al calcio giocato, la 34ª giornata vede la Juventus portare a tre le lunghezze di vantaggio sul Milan, complice l'ampia vittoria dei bianconeri sulla Roma[62] e il nuovo passo falso dei rossoneri in casa, stavolta col Bologna.[63] In coda inizia a farsi preoccupante la situazione del Genoa, ormai a ridosso della zona retrocessione;[64] nel corso della pesante sconfitta interna col Siena, gli ultras genoani si rendono protagonisti di una feroce protesta che porta alla sospensione della gara per 45 minuti,[65] episodio per cui la società ligure viene penalizzata con il divieto di pubblico per le seguenti due partite casalinge di campionato.[66] Il recupero della 33ª emette il primo verdetto del campionato: dopo la sconfitta casalinga contro la Juventus, il Cesena è matematicamente retrocesso in Serie B;[67][68] rimanendo nella zona bassa della classifica, la Fiorentina continua invece la sua risalita.[69][70] Col successo della 35ª giornata sul Novara, la Juventus mette a segno una striscia di otto vittorie consecutive, nuovo record stagionale.[71]

Il Parma di Roberto Donadoni, subentrato a gennaio, è artefice di un buon finale di torneo.

Nella parte finale di campionato si segnalano anche i buoni risultati di tre club di seconda fascia come Atalanta, Bologna e Parma. I bergamaschi riescono a raggiungere un'agevole salvezza nonostante la penalizzazione inflittagli a inizio stagione, ottenendo peraltro il loro primato di punti nella massima serie,[72] mentre le due emiliane, già rivitalizzate dall'arrivo, rispettivamente, di Pioli a ottobre e di Donadoni a gennaio, chiudono il campionato con una striscia di risultati utili consecutivi nelle ultime giornate: i rossoblù collezionano quattro vittorie in casa e tre pareggi in trasferta, prima di essere fermati proprio dai gialloblù, che da parte loro con la vittoria sui felsinei conquistano il loro settimo successo consecutivo, risultato che porta la squadra di Donadoni a un piazzamento in classifica subito a ridosso delle grandi.[73]

Delio Rossi, tecnico della Fiorentina, viene squalificato per tre mesi dopo aver aggredito il suo giocatore Adem Ljajić.

Il mese di maggio, che va a concludere il torneo, si apre con ancora quasi tutti i verdetti in palio a poche giornate dal termine. Alla 36ª la capolista impatta in casa col Lecce e vede ridursi a un punto il vantaggio sul Milan,[74][75] vittorioso tra le mura amiche contro l'Atalanta, e che sembra poter riaprire i giochi per il titolo;[76] ma già il turno successivo, il 6 maggio 2012, la Juventus conquista aritmeticamente lo scudetto con una giornata d'anticipo, in virtù della vittoria esterna contro il Cagliari e della contemporanea sconfitta rossonera nel derby.[77] Il successo bianconero arriva senza mai aver perso una partita, e con 23 vittorie e 15 pareggi la squadra di Conte conclude poi l'intero campionato da imbattuta,[78] eguagliando un risultato ottenuto nella storia del girone unico solo dal Perugia di Castagner del 1978-1979 e dal Milan di Capello del 1991-1992; la Juventus è però la prima formazione a conseguire tale record in un torneo a 20 squadre.

La lotta per l'ultimo posto Champions sembra invece restringersi a Napoli[79] e Udinese.[80] In queste ultime giornate risulta degno di nota, per motivi alterni, l'incontro Fiorentina-Novara: il pareggio tra le due squadre sancisce la seconda retrocessione stagionale, coi piemontesi che salutano la Serie A dopo una sola stagione,[81] ma nel corso della partita l'allenatore dei fiorentini Delio Rossi si rende protagonista di un grave gesto, aggrendendo il suo giocatore Adem Ljajić dopo che quest'ultimo aveva preso male la sua sostituzione;[82][83] in seguito all'episodio, Rossi viene esonerato dalla dirigenza viola[84] e squalificato per tre mesi dal giudice sportivo.[85]

Dopo l'ultima giornata del 13 maggio vengono ufficializzati i verdetti relativi alle retrocessioni e ai piazzamenti per le coppe europee. Nonostante un buon girone di ritorno, il Lecce è la terza e ultima squadra a retrocedere in Serie B, a vantaggio del Genoa che rimane invece in massima serie.[86] Per quanto concerne l'affollata lotta per il terzo posto, la spunta l'Udinese che si qualifica ai preliminari della Champions League.[87] La Lazio e il Napoli accedono all'Europa League, la prima nel turno di play-off, i partenopei direttamente alla fase a gironi dopo la vittoria in Coppa Italia.[87] L'Inter disputerà invece il terzo turno preliminare della competizione.[87]

In questo campionato, dall'8ª giornata sino al termine, non sono mai cambiate le ultime tre squadre in classifica.

Squadre partecipanti[modifica | modifica sorgente]

Club Città Stadio Sponsor tecnico Sponsor ufficiale Risultato nella stagione 2010-2011
Atalanta Atalanta Bergamo Stadio Atleti Azzurri d'Italia Erreà AXA Assicurazioni
Konica Minolta
1º posto in Serie B
Bologna Bologna Bologna Stadio Renato Dall'Ara Macron NGM
Ceramica Serenissima
Cerasarda
16º posto in Serie A
Cagliari Cagliari Cagliari Stadio Sant'Elia[88] Kappa Sardegna 14º posto in Serie A
Catania Catania Catania Stadio Angelo Massimino (Cibali) Givova SP - Energia Siciliana
Provincia di Catania
13º posto in Serie A
Cesena Cesena Cesena Stadio Dino Manuzzi (La Fiorita) Adidas Technogym 15º posto in Serie A
Chievo Chievo Verona Stadio Marcantonio Bentegodi Givova Banca Popolare di Verona
Paluani
Midac Batteries
11º posto in Serie A
Fiorentina Fiorentina Firenze Stadio Artemio Franchi Lotto Save the Children
Mazda
9º posto in Serie A
Genoa Genoa Genova Stadio Luigi Ferraris (Marassi) Asics iZi Play 10º posto in Serie A
Inter Inter Milano Stadio Giuseppe Meazza (San Siro) Nike Pirelli 2º posto in Serie A
Juventus Juventus Torino Juventus Stadium Nike BetClic
Balocco
7º posto in Serie A
Lazio Lazio Roma Stadio Olimpico di Roma Puma 5º posto in Serie A
Lecce Lecce Lecce Stadio Via del Mare Asics BancApulia
Veneto Banca
Betitaly
17º posto in Serie A
Milan Milan Milano Stadio Giuseppe Meazza (San Siro) Adidas Fly Emirates Campione d'Italia in carica
Napoli Napoli Napoli Stadio San Paolo Macron Lete
MSC Crociere
3º posto in Serie A
Novara Novara Novara Stadio Silvio Piola Joma Banca Popolare di Novara
Intesa
3º posto in Serie B
(promosso ai play-off)
Palermo Palermo Palermo Stadio Renzo Barbera (La Favorita) Legea Eurobet
Burger King[89]
8º posto in Serie A
Parma Parma Parma Stadio Ennio Tardini Erreà Navigare
Banca Monte Parma
12º posto in Serie A
Roma Roma Roma Stadio Olimpico di Roma Kappa Wind 6º posto in Serie A
Siena Siena Siena Stadio Artemio Franchi - Montepaschi Arena Kappa Monte dei Paschi di Siena 2º posto in Serie B
Udinese Udinese Udine Stadio Friuli Legea Dacia
Tipicamente Friulano
Lumberjack
4º posto in Serie A

Allenatori e primatisti[modifica | modifica sorgente]

Squadra Allenatore Calciatore più presente Cannoniere
Atalanta Italia Stefano Colantuono Argentina Italia Ezequiel Schelotto (37) Argentina Italia Germán Denis (16)
Bologna[90] Italia Pierpaolo Bisoli (1ª-6ª)
Italia Stefano Pioli (7ª-38ª)
Italia Marco Di Vaio (37) Italia Marco Di Vaio (10)
Cagliari[91][92][93] Italia Massimo Ficcadenti (1ª-11ª)
Italia Davide Ballardini (12ª-27ª)
Italia Massimo Ficcadenti (28ª-38ª)
Colombia Víctor Ibarbo (38) Cile Italia Mauricio Pinilla (8)
Catania Italia Vincenzo Montella Italia Francesco Lodi (37) Italia Francesco Lodi (9)
Cesena[94][95][96] Italia Marco Giampaolo (1ª-10ª)
Italia Daniele Arrigoni (11ª-24ª)
Italia Mario Beretta (25ª-38ª)
Italia Marco Parolo (31) Romania Adrian Mutu (8)
Chievo Italia Domenico Di Carlo Italia Stefano Sorrentino (37) Italia Sergio Pellissier (8)
Fiorentina[97][98][99] Serbia Italia Siniša Mihajlovic (1ª-11ª)
Italia Delio Rossi (12ª-36ª)
Italia Vincenzo Guerini (37ª-38ª)
Polonia Artur Boruc (36) Montenegro Stevan Jovetić (14)
Genoa[100][101] Italia Alberto Malesani (1ª-16ª)
Italia Pasquale Marino (17ª-30ª)
Italia Alberto Malesani (31ª-32ª;34ª)
Italia Luigi De Canio (33ª;35ª-38ª)
Francia Sébastien Frey (38) Argentina Spagna Rodrigo Palacio (19)
Inter[102][103][104] Italia Gian Piero Gasperini (1ª-4ª)
Italia Claudio Ranieri (5ª-29ª)
Italia Andrea Stramaccioni (30ª-38ª)
Argentina Italia Esteban Cambiasso (37) Argentina Italia Diego Milito (24)
Juventus Italia Antonio Conte Italia Andrea Pirlo (37) Italia Alessandro Matri (10)
Lazio Italia Edoardo Reja Argentina Italia Cristian Daniel Ledesma (37) Polonia Germania Miroslav Klose (13)
Lecce[105] Italia Eusebio Di Francesco (1ª-12ª)
Italia Serse Cosmi (13ª-38ª)
Colombia Juan Cuadrado,
Uruguay Italia Guillermo Giacomazzi,
Serbia Nenad Tomović (33)
Italia David Di Michele (11)
Milan Italia Massimiliano Allegri Italia Antonio Nocerino (35) Svezia Zlatan Ibrahimovic (28)
Napoli Italia Walter Mazzarri Italia Morgan De Sanctis,
Slovacchia Marek Hamšík (37)
Uruguay Italia Edinson Cavani (23)
Novara[106][107][108] Italia Attilio Tesser (1ª-20ª)
Italia Emiliano Mondonico (21ª-26ª)
Italia Attilio Tesser (27ª-38ª)
Italia Filippo Porcari,
Italia Marco Rigoni (35)
Italia Marco Rigoni (11)
Palermo[109][110] Italia Devis Mangia (1ª-16ª)
Italia Bortolo Mutti (17ª-38ª)
Paraguay Italia Édgar Barreto (34) Italia Fabrizio Miccoli (16)
Parma Italia Roberto Donadoni Francia Jonathan Biabiany (38) Italia Sebastian Giovinco (15)
Roma Spagna Luis Enrique Spagna Serbia Bojan Krkić (33) Argentina Italia Pablo Osvaldo (11)
Siena Italia Giuseppe Sannino Italia Franco Brienza (36) Italia Mattia Destro (12)
Udinese Italia Francesco Guidolin Slovenia Samir Handanovič (38) Italia Antonio Di Natale (23)

Classifica finale[modifica | modifica sorgente]

Aggiornata al 13 maggio 2012[111]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Campione d'Italia 1. Juventus Juventus 84 38 23 15 0 68 20 +48
Coppacampioni.png 2. Milan Milan 80 38 24 8 6 74 33 +41
Coppacampioni.png 3. Udinese Udinese 64 38 18 10 10 52 35 +17
Coppauefa.png 4. Lazio Lazio 62 38 18 8 12 56 47 +9
Vincitore della Coppa Italia Coppauefa.png 5. Napoli Napoli 61 38 16 13 9 66 46 +20
Coppauefa.png 6. Inter Inter 58 38 17 7 14 58 55 +3
7. Roma Roma 56 38 16 8 14 60 54 +6
8. Parma Parma 56 38 15 11 12 54 53 +1
9. Bologna Bologna 51 38 13 12 13 41 43 −2
10. Chievo Chievo 49 38 12 13 13 35 45 −10
11. Catania Catania 48 38 11 15 12 47 52 −5
12. Atalanta Atalanta[112] 46 38 13 13 12 41 43 −2
13. Fiorentina Fiorentina 46 38 11 13 14 37 43 −6
14. Siena Siena 44 38 11 11 16 45 45 0
15. Cagliari Cagliari 43 38 10 13 15 37 46 −9
16. Palermo Palermo 43 38 11 10 17 52 62 −10
17. Genoa Genoa 42 38 11 9 18 50 69 −19
Declassato in Lega Pro 18. Lecce Lecce 36 38 8 12 18 40 56 −16
1downarrow red.svg 19. Novara Novara 32 38 7 11 20 35 65 −30
1downarrow red.svg 20. Cesena Cesena 22 38 4 10 24 24 60 −36

Legenda:

      Campione d'Italia e ammessa alla UEFA Champions League 2012-2013
      Ammesse alla UEFA Champions League 2012-2013
      Ammesse alla UEFA Europa League 2012-2013
      Retrocesse in Serie B 2012-2013

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Atalanta parte da −6 punti.

Verdetti[modifica | modifica sorgente]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Il sorteggio del calendario è avvenuto il 27 luglio 2011 presso gli studi televisivi Interactive Group a Milano, con copertura televisiva offerta da Sky Sport.[113] La prima giornata slitta a causa dello sciopero indetto dall'Associazione Italiana Calciatori[1] ed è stata recuperata il 21 dicembre 2011.[2] La FIGC ha rinviato al 25 aprile 2012 la 33ª giornata,[60] in programma il 15 aprile, per la morte del giocatore del Livorno Piermario Morosini.[61]

andata
1ª giornata
ritorno
21 dic. 2011[2] 29 gen. 2012
4-1 Atalanta-Cesena 1-0
0-2 Bologna-Roma 1-1
0-2 Cagliari-Milan 0-3
4-1 Inter-Lecce 0-1
0-0 Lazio-Chievo 3-0
6-1 Napoli-Genoa 2-3
2-2 Novara-Palermo 0-2
3-3 Parma-Catania 1-1
0-0 Siena-Fiorentina 1-2
0-0 Udinese-Juventus 1-2


andata
4ª giornata
ritorno
21 set. 2011 12 feb. 2012
1-2 Cesena-Lazio 2-3
1-0 Chievo-Napoli 0-2
3-0 Fiorentina-Parma 2-2
3-0 Genoa-Catania 0-4
1-1 Juventus-Bologna 1-1
1-2 Lecce-Atalanta 0-0
1-1 Milan-Udinese 2-1
3-1 Novara-Inter 1-0
3-2 Palermo-Cagliari 1-2
1-1 Roma-Siena 0-1


andata
7ª giornata
ritorno
16 ott. 2011 4 mar. 2012
0-0 Atalanta-Udinese 0-0
0-0 Cagliari-Siena 0-3
2-1 Catania-Inter 2-2
0-0 Cesena-Fiorentina 0-2
0-0 Chievo-Juventus 1-1
0-0 Genoa-Lecce 2-2
2-1 Lazio-Roma 2-1
3-0 Milan-Palermo 4-0
1-2 Napoli-Parma 2-1
0-2 Novara-Bologna 0-1


andata
10ª giornata
ritorno
30 ott. 2011 25 mar. 2012
3-1 Bologna-Atalanta 0-2
0-3 Cagliari-Lazio 0-1
2-1 Catania-Napoli 2-2
1-0 Fiorentina-Genoa 2-2
1-2 Inter-Juventus 0-2
1-1 Lecce-Novara 0-0
2-0 Parma-Cesena 2-2
2-3 Roma-Milan 1-2
4-1 Siena-Chievo 1-1
1-0 Udinese-Palermo 1-1


andata
13ª giornata
ritorno
27 nov. 2011 11 apr. 2012
1-1 Atalanta-Napoli 3-1
1-1 Cagliari-Bologna 0-1
2-0 Cesena-Genoa 1-1
0-1 Lazio-Juventus 1-2
0-1 Lecce-Catania 2-1
4-0 Milan-Chievo 1-0
2-1 Novara-Parma 0-2
2-0 Palermo-Fiorentina 0-0
0-1 Siena-Inter 1-2
2-0 Udinese-Roma 1-3


andata
16ª giornata
ritorno
18 dic. 2011 29 apr. 2012
2-0 Catania-Palermo 1-1
0-1 Cesena-Inter 1-2
2-0 Chievo-Cagliari 0-0
2-2 Fiorentina-Atalanta 0-2
2-1 Genoa-Bologna 2-3
2-0 Juventus-Novara 4-0
2-2 Lazio-Udinese 0-2
2-0 Milan-Siena 4-1
1-3 Napoli-Roma 2-2
3-3 Parma-Lecce 2-1


andata
19ª giornata
ritorno
22 gen. 2012 13 mag. 2012
0-2 Atalanta-Juventus 1-3
0-0 Bologna-Parma 0-1
0-0 Cagliari-Fiorentina 0-0
2-1 Inter-Lazio 1-3
2-2 Lecce-Chievo 0-1
0-3 Novara-Milan 1-2
5-3 Palermo-Genoa 0-2
5-1 Roma-Cesena 3-2
1-1 Siena-Napoli 1-2
2-1 Udinese-Catania 2-0
andata
2ª giornata
ritorno
11 set. 2011 1º feb. 2012
0-0 Catania-Siena 1-0
1-3 Cesena-Napoli 0-0
2-2 Chievo-Novara 2-1
2-0 Fiorentina-Bologna 0-2
2-2 Genoa-Atalanta 0-1
4-1 Juventus-Parma 0-0
0-2 Lecce-Udinese 1-2
2-2 Milan-Lazio 0-2
4-3 Palermo-Inter 4-4
1-2 Roma-Cagliari 2-4


andata
5ª giornata
ritorno
25 set. 2011 19 feb. 2012
2-1 Atalanta-Novara 0-0
1-3 Bologna-Inter 3-0
0-0 Cagliari-Udinese 0-0
1-1 Catania-Juventus 1-3
2-1 Chievo-Genoa 1-0
0-0 Lazio-Palermo 1-5
1-0 Milan-Cesena 3-1
0-0 Napoli-Fiorentina 3-0
0-1 Parma-Roma 0-1
3-0 Siena-Lecce 1-4


andata
8ª giornata
ritorno
23 ott. 2011 11 mar. 2012
0-2 Bologna-Lazio 3-1
0-0 Cagliari-Napoli 3-6
2-2 Fiorentina-Catania 0-1
1-0 Inter-Chievo 2-0
2-2 Juventus-Genoa 0-0
3-4 Lecce-Milan 0-2
1-2 Parma-Atalanta 1-1
1-0 Roma-Palermo 1-0
2-0 Siena-Cesena 2-0
3-0 Udinese-Novara 0-1


andata
11ª giornata
ritorno
6 nov. 2011 1º apr. 2012
1-0 Atalanta-Cagliari 0-2
0-1 Cesena-Lecce 0-0
1-0 Chievo-Fiorentina 2-1
0-1 Genoa-Inter 4-5
1-0 Lazio-Parma 1-3
4-0 Milan-Catania 1-1
3-3 Napoli-Juventus 0-3
0-2 Novara-Roma 2-5
3-1 Palermo-Bologna 3-1
2-1 Udinese-Siena 0-1


andata
14ª giornata
ritorno
4 dic. 2011 25 apr. 2012[114]
1-0 Bologna-Siena 1-1
0-1 Catania-Cagliari 0-3
0-0 Chievo-Atalanta 0-1
3-0 Fiorentina-Roma 2-1
0-2 Genoa-Milan 0-1
0-1 Inter-Udinese 3-1
2-0 Juventus-Cesena 1-0
3-0 Lazio-Novara 1-2
4-2 Napoli-Lecce 2-0
0-0 Parma-Palermo 2-1


andata
17ª giornata
ritorno
8 gen. 2012 2 mag. 2012
0-2 Atalanta-Milan 0-2
2-0 Bologna-Catania 1-0
3-0 Cagliari-Genoa 1-2
5-0 Inter-Parma 1-3
0-1 Lecce-Juventus 1-1
0-3 Novara-Fiorentina 2-2
1-3 Palermo-Napoli 0-2
2-0 Roma-Chievo 0-0
4-0 Siena-Lazio 1-1
4-1 Udinese-Cesena 1-0
andata
3ª giornata
ritorno
18 set. 2011 5 feb. 2012
1-0 Atalanta-Palermo 1-2
0-2 Bologna-Lecce 0-0
2-1 Cagliari-Novara 0-0
1-0 Catania-Cesena 0-0
0-0 Inter-Roma 0-4
1-2 Lazio-Genoa 2-3
3-1 Napoli-Milan 0-0
2-1 Parma-Chievo 2-1
0-1 Siena-Juventus 0-0
2-0 Udinese-Fiorentina 2-3


andata
6ª giornata
ritorno
2 ott. 2011 26 feb. 2012
0-0 Cesena-Chievo 0-1
1-2 Fiorentina-Lazio 0-1
0-3 Inter-Napoli 0-1
2-0 Juventus-Milan 1-1
0-2 Lecce-Cagliari 2-1
3-3 Novara-Catania 1-3
2-0 Palermo-Siena 1-4
3-1 Parma-Genoa 2-2
3-1 Roma-Atalanta 1-4
2-0 Udinese-Bologna 3-1


andata
9ª giornata
ritorno
26 ott. 2011 18 mar. 2012
1-1 Atalanta-Inter 0-0
1-1 Cesena-Cagliari 0-3
0-1 Chievo-Bologna 2-2
2-1 Genoa-Roma 0-1
2-1 Juventus-Fiorentina 5-0
1-1 Lazio-Catania 0-1
4-1 Milan-Parma 2-0
2-0 Napoli-Udinese 2-2
1-1 Novara-Siena 2-0
2-0 Palermo-Lecce 1-1


andata
12ª giornata
ritorno
20 nov. 2011 7 apr. 2012
0-1 Bologna-Cesena 0-0
1-2 Catania-Chievo 2-3
0-0 Fiorentina-Milan 2-1
1-0 Genoa-Novara 1-1
2-1 Inter-Cagliari 2-2
3-0 Juventus-Palermo 2-0
0-0 Napoli-Lazio 1-3
2-0 Parma-Udinese 1-3
2-1 Roma-Lecce 2-4
2-2 Siena-Atalanta 2-1


andata
15ª giornata
ritorno
11 dic. 2011 22 apr. 2012
1-1 Atalanta-Catania 0-2
2-2 Bologna-Milan 1-1
0-0 Cagliari-Parma 0-3
2-0 Inter-Fiorentina 0-0
2-3 Lecce-Lazio 1-1
1-1 Novara-Napoli 0-2
0-1 Palermo-Cesena 2-2
1-1 Roma-Juventus 0-4
0-2 Siena-Genoa 4-1
2-1 Udinese-Chievo 0-0


andata
18ª giornata
ritorno
15 gen. 2012 6 mag. 2012
1-1 Catania-Roma 2-2
3-1 Cesena-Novara 0-3
1-0 Chievo-Palermo 4-4
0-1 Fiorentina-Lecce 1-0
3-2 Genoa-Udinese 0-2
1-1 Juventus-Cagliari 2-0
2-0 Lazio-Atalanta 2-0
0-1 Milan-Inter 2-4
1-1 Napoli-Bologna 0-2
3-1 Parma-Siena 2-0

Matrice risultati[modifica | modifica sorgente]

Aggiornata al 13 maggio 2012

Leggendo per riga si hanno i risultati casalinghi della squadra indicata in prima colonna, mentre leggendo per colonna si hanno i risultati in trasferta della squadra in prima riga.

ATA BOL CAG CAT CES CHI FIO GEN INT JUV LAZ LEC MIL NAP NOV PAL PAR ROM SIE UDI
Atalanta Atalanta 2-0 1-0 1-1 4-1 1-0 2-0 1-0 1-1 0-2 0-2 0-0 0-2 1-1 2-1 1-0 1-1 4-1 1-2 0-0
Bologna Bologna 3-1 1-0 2-0 0-1 2-2 2-0 3-2 1-3 1-1 0-2 0-2 2-2 2-0 1-0 1-3 0-0 0-2 1-0 1-3
Cagliari Cagliari 2-0 1-1 3-0 3-0 0-0 0-0 3-0 2-2 0-2 0-3 1-2 0-2 0-0 2-1 2-1 0-0 4-2 0-0 0-0
Catania Catania 2-0 0-1 0-1 1-0 1-2 1-0 4-0 2-1 1-1 1-0 1-2 1-1 2-1 3-1 2-0 1-1 1-1 0-0 0-2
Cesena Cesena 0-1 0-0 1-1 0-0 0-0 0-0 2-0 0-1 0-1 1-2 0-1 1-3 1-3 3-1 2-2 2-2 2-3 0-2 0-1
Chievo Chievo 0-0 0-1 2-0 3-2 1-0 1-0 2-1 0-2 0-0 0-3 1-0 0-1 1-0 2-2 1-0 1-2 0-0 1-1 0-0
Fiorentina Fiorentina 2-2 2-0 0-0 2-2 2-0 1-2 1-0 0-0 0-5 1-2 0-1 0-0 0-3 2-2 0-0 3-0 3-0 2-1 3-2
Genoa Genoa 2-2 2-1 2-1 3-0 1-1 0-1 2-2 0-1 0-0 3-2 0-0 0-2 3-2 1-0 2-0 2-2 2-1 1-4 3-2
Inter Inter 0-0 0-3 2-1 2-2 2-1 1-0 2-0 5-4 1-2 2-1 4-1 4-2 0-3 0-1 4-4 5-0 0-0 2-1 0-1
Juventus Juventus 3-1 1-1 1-1 3-1 2-0 1-1 2-1 2-2 2-0 2-1 1-1 2-0 3-0 2-0 3-0 4-1 4-0 0-0 2-1
Lazio Lazio 2-0 1-3 1-0 1-1 3-2 0-0 1-0 1-2 3-1 0-1 1-1 2-0 3-1 3-0 0-0 1-0 2-1 1-1 2-2
Lecce Lecce 1-2 0-0 0-2 0-1 0-0 2-2 0-1 2-2 1-0 0-1 2-3 3-4 0-2 1-1 1-1 1-2 4-2 4-1 0-2
Milan Milan 2-0 1-1 3-0 4-0 1-0 4-0 1-2 1-0 0-1 1-1 2-2 2-0 0-0 2-1 3-0 4-1 2-1 2-0 1-1
Napoli Napoli 1-3 1-1 6-3 2-2 0-0 2-0 0-0 6-1 1-0 3-3 0-0 4-2 3-1 2-0 2-0 1-2 1-3 2-1 2-0
Novara Novara 0-0 0-2 0-0 3-3 3-0 1-2 0-3 1-1 3-1 0-4 2-1 0-0 0-3 1-1 2-2 2-1 0-2 1-1 1-0
Palermo Palermo 2-1 3-1 3-2 1-1 0-1 4-4 2-0 5-3 4-3 0-2 5-1 2-0 0-4 1-3 2-0 1-2 0-1 2-0 1-1
Parma Parma 1-2 1-0 3-0 3-3 2-0 2-1 2-2 3-1 3-1 0-0 3-1 3-3 0-2 1-2 2-0 0-0 0-1 3-1 2-0
Roma Roma 3-1 1-1 1-2 2-2 5-1 2-0 1-2 1-0 4-0 1-1 1-2 2-1 2-3 2-2 5-2 1-0 1-0 1-1 3-1
Siena Siena 2-2 1-1 3-0 0-1 2-0 4-1 0-0 0-2 0-1 0-1 4-0 3-0 1-4 1-1 0-2 4-1 0-2 1-0 1-0
Udinese Udinese 0-0 2-0 0-0 2-1 4-1 2-1 2-0 2-0 1-3 0-0 2-0 2-1 1-2 2-2 3-0 1-0 3-1 2-0 2-1

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Record[modifica | modifica sorgente]

Aggiornati al 13 maggio 2012

  • Maggior numero di vittorie: Milan (24)
  • Minor numero di sconfitte: Juventus (0)
  • Migliore attacco: Milan (74 gol fatti)
  • Miglior difesa: Juventus (20 gol subiti)
  • Miglior differenza reti: Juventus (+48)
  • Maggior numero di pareggi: Juventus e Catania (15)
  • Minor numero di pareggi: Inter (7)
  • Minor numero di vittorie: Cesena (4)
  • Maggior numero di sconfitte: Cesena (24)
  • Peggiore attacco: Cesena (24 gol fatti)
  • Peggior difesa: Genoa (69 gol subiti)
  • Peggior differenza reti: Cesena (-36)
  • Partita con più reti: Napoli - Cagliari 6-3 e Inter - Genoa 5-4 (9)
  • Partita con maggiore scarto di gol: Napoli - Genoa 6-1; Inter - Parma 5-0; Fiorentina - Juventus 0-5 (5)
  • Maggior numero di reti in una giornata: 35 (2ª e 30ª giornata)
  • Minor numero di reti in una giornata: 14 (7ª giornata)
  • Miglior serie positiva: Juventus (38 risultati utili consecutivi, dalla 1ª alla 38ª giornata)
  • Peggior serie negativa: Cesena (6 sconfitte consecutive, dalla 23ª alla 28ª giornata)
  • Totali reti segnate: 974

Capoliste solitarie[modifica | modifica sorgente]

Juventus Football Club Associazione Calcio Milan Juventus Football Club Juventus Football Club Juventus Football Club Juventus Football Club Udinese Calcio

Classifica marcatori[modifica | modifica sorgente]

Aggiornata al 13 maggio 2012[115]

Gol Rigori Giocatore Squadra
28 10 Svezia Zlatan Ibrahimović Milan Milan
24 8 Argentina Diego Milito Inter Inter
23 3 Uruguay Edinson Cavani Napoli Napoli
23 4 Italia Antonio Di Natale Udinese Udinese
19 3 Argentina Rodrigo Palacio Genoa Genoa
16 3 Argentina Germán Denis Atalanta Atalanta
16 2 Italia Fabrizio Miccoli Palermo Palermo
15 4 Italia Sebastian Giovinco Parma Parma
14 4 Montenegro Stevan Jovetić Fiorentina Fiorentina
12 0 Italia Mattia Destro Siena Siena
12 0 Germania Miroslav Klose Lazio Lazio
11 4 Italia Emanuele Calaiò Siena Siena
11 5 Italia David Di Michele Lecce Lecce
11 0 Italia Pablo Osvaldo Roma Roma
11 6 Italia Marco Rigoni Novara Novara
10 1 Italia Marco Di Vaio Bologna Bologna
10 0 Italia Alessandro Matri Juventus Juventus
10 0 Italia Antonio Nocerino Milan Milan
10 3 Cile Mauricio Pinilla Cagliari Cagliari (8)
Palermo Palermo (2)
9 0 Italia Fabio Borini Roma Roma
9 0 Slovacchia Marek Hamšík Napoli Napoli
9 1 Argentina Ezequiel Lavezzi Napoli Napoli
9 7 Italia Francesco Lodi Catania Catania
9 0 Italia Claudio Marchisio Juventus Juventus
9 0 Montenegro Mirko Vučinić Juventus Juventus

Marcature multiple[modifica | modifica sorgente]

[118].

Reti Calciatore Incontro Giornata
4 Argentina Diego Milito Inter-Palermo 4-4 21

Squadra campione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Juventus Football Club 2011-2012.
Titolari
1 Italia Gianluigi Buffon (35 presenze)
3 Italia Giorgio Chiellini (34)
15 Italia Andrea Barzagli (35)
19 Italia Leonardo Bonucci (32)
26 Svizzera Stephan Lichtsteiner (35)
21 Italia Andrea Pirlo (37)
8 Italia Claudio Marchisio (36)
22 Cile Arturo Vidal (33)
7 Italia Simone Pepe (31)
14 Montenegro Mirko Vučinić (32)
32 Italia Alessandro Matri (31)

Riserve Emanuele Giaccherini (23), Fabio Quagliarella (23), Alessandro Del Piero (23), Paolo De Ceglie (21), Marcelo Estigarribia (14), Marco Borriello (13), Martín Cáceres (11), Miloš Krasić (7), Simone Padoin (6), Eljero Elia (4), Luca Marrone (3), Marco Storari (3), Fabio Grosso (2)

Miglior undici[modifica | modifica sorgente]

La formazione ideale, basata sulla media dei voti dati dai quotidiani ai giocatori (fonte Televideo).[119]


Media spettatori[modifica | modifica sorgente]

Media spettatori della Serie A 2011-2012: 23 214.[120]

Club Pos. Media Max. Totale Abbonamenti
Milan Milan 1 49 020 79 522 931 372 31 233
Inter Inter 2 44 806 78 222 851 323 36 890
Napoli Napoli 3 39 808 57 402 756 354 15 600
Juventus Juventus 4 37 545 40 944 713 351 24 531
Roma Roma 5 36 219 50 801 688 164 18 400
Lazio Lazio 6 32 410 57 148 615 785 21 160
Fiorentina Fiorentina 7 21 412 36 387 406 833 13 385
Genoa Genoa 8 20 898 27 527 355 262 17 475
Bologna Bologna 9 19 257 30 321 365 877 13 225
Palermo Palermo 10 19 218 28 941 365 136 12 513
Udinese Udinese 11 18 595 28 588 353 312 14 871
Cesena Cesena 12 16 410 23 343 311 793 12 114
Atalanta Atalanta 13 15 492 22 335 294 341 9 658
Catania Catania 14 15 387 20 839 292 344 9 206
Parma Parma 15 13 464 19 481 259 278 9 620
Novara Novara 16 10 957 17 649 208 189 7 211
Siena Siena 17 10 128 15 265 192 432 7 623
Lecce Lecce 18 9 961 23 298 189 265 3 905
Chievo Chievo 19 9 649 22 000 183 324 7 147
Cagliari Cagliari[121] 4 494

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Maurizio Galdi e Marco Iaria, La Lega dice no all'Aic - Sciopero, la serie A non parte in gazzetta.it, 26 agosto 2011. URL consultato il 27 agosto 2011.
  2. ^ a b c Le parole di Beretta in legaseriea.it, 22 settembre 2011. URL consultato il 22 settembre 2011.
  3. ^ Comunicato ufficiale n. 52/A, figc.it, 4 agosto 2011. URL consultato il 14 settembre 2011.
  4. ^ a b Italia retrocessa nel Ranking Uefa in sportmediaset.mediaset.it, 15 aprile 2011. URL consultato il 12 agosto 2011.
  5. ^ Secondo extracomunitario: arriva il via libera della Figc in corrieredellosport.it, 5 luglio 2011. URL consultato il 26 settembre 2011.
  6. ^ Andrea Ramazzotti, Serie A, ecco Seitiro: il nuovo pallone Nike in corrieredellosport.it, 30 giugno 2011. URL consultato il 12 agosto 2011.
  7. ^ Il pallone Nike a chi segna una tripletta in legaseriea.it, 9 settembre 2011. URL consultato il 19 settembre 2011.
  8. ^ Pallone della gara per Cavani in legaseriea.it, 18 settembre 2011. URL consultato il 19 settembre 2011.
  9. ^ Favola Novara, è Serie A 55 anni dopo in corriere.it, 12 giugno 2011. URL consultato il 28 luglio 2011.
  10. ^ Maurizio Galdi, Scommesse: Atalanta resta a −6, Doni nei guai, assolto Manfredini in gazzetta.it, 19 agosto 2011. URL consultato il 19 agosto 2011.
  11. ^ Enrico Sisti, A Novara il campo del futuro - La Serie A debutta sul sintetico in repubblica.it, 14 giugno 2011. URL consultato il 29 luglio 2011.
  12. ^ Il Cesena giocherà su campo sintetico in ansa.it, 18 luglio 2011. URL consultato il 29 luglio 2011.
  13. ^ Calcio: calendari; sarà Parma a inaugurare stadio Juventus in ansa.it, 27 luglio 2011. URL consultato il 12 agosto 2011.
  14. ^ Andrea Distaso, Serie A - Donadoni saluta, arriva Ficcadenti in it.eurosport.yahoo.com, 12 agosto 2011. URL consultato il 12 agosto 2011.
  15. ^ Massimo Ficcadenti è da oggi il nuovo allenatore del Cagliari in cagliaricalcio.net, 16 agosto 2011. URL consultato il 16 agosto 2011.
  16. ^ Pioli esonerato, la squadra a Mangia in palermocalcio.it, 31 agosto 2011. URL consultato il 31 agosto 2011.
  17. ^ Alberto Malesani nuovo allenatore in genoacfc.it, 19 giugno 2011. URL consultato il 28 luglio 2011.
  18. ^ Moratti: "Gasperini, piena soddisfazione in inter.it, 24 giugno 2011. URL consultato il 12 agosto 2011.
  19. ^ Alberto Mauro, Ufficiale, Conte alla Juve - Il tecnico: "Ritorno a casa" in gazzetta.it, 31 maggio 2011. URL consultato il 28 luglio 2011.
  20. ^ Ombre a San Siro, Milan e Inter shock in gazzetta.it, 3 ottobre 2011. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  21. ^ Inter, partenza da brividi: "battuto" anche Radice in sport.virgilio.it, 16 ottobre 2011. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  22. ^ Elio Barraco, In tabellone cinque 0-0: non accadeva da 22 anni in corrieredellosport.it, 17 ottobre 2011. URL consultato il 17 ottobre 2011.
  23. ^ Roma-Juventus in 3D su Sky in legaseriea.it, 12 dicembre 2011. URL consultato il 12 dicembre 2011.
  24. ^ Protesta lavoratori Alcoa, Cagliari-Fiorentina ritardata in corrieredellosport.it, 22 gennaio 2012. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  25. ^ Juve campione d'inverno. Atalanta battuta 2-0 in tuttosport.com, 21 gennaio 2012. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  26. ^ Riccardo Pratesi, Juve, 2-0 all'Atalanta, è campione d'inverno in gazzetta.it, 21 gennaio 2012. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  27. ^ Gaetano De Stefano, Ibra mattatore a Novara, il Milan non molla la Juve in gazzetta.it, 22 gennaio 2012. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  28. ^ Valerio Clari, Milito-Pazzini: l'Inter va! La Lazio incassa il sorpasso in gazzetta.it, 22 gennaio 2012. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  29. ^ Niente Bologna-Juve e Parma-Fiorentina, la neve sta mutilando la Serie A in gazzetta.it, 11 febbraio 2012. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  30. ^ Anche il calcio rivive l'incubo maltempo: rinviate Bologna-Juve e Parma-Fiorentina in grr.rai.it, 11 febbraio 2012. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  31. ^ Abete, duello Juve-Milan fino alla fine in ansa.it, 31 gennaio 2012. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  32. ^ Gigi Garanzini, Sabato tra Milan e Juve è già sfida scudetto in ilsole24ore.com, 20 febbraio 2012. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  33. ^ Gaetano De Stefano, Matri risponde a Nocerino, ma è bufera per il gol di Muntari in gazzetta.it, 25 febbraio 2012. URL consultato il 28 febbraio 2012.
  34. ^ Andrea Tabacco, Serie A - Lavezzi-gol, Inter: crisi sempre più profonda in it.eurosport.yahoo.com, 26 febbraio 2012. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  35. ^ Jacopo Gerna, Cosmi accende la lotta salvezza, a rischio anche la Fiorentina in gazzetta.it, 28 febbraio 2012. URL consultato il 28 febbraio 2012.
  36. ^ Delio Rossi: "Fiorentina, ora pensiamo a salvarci" in corrieredellosport.it, 27 febbraio 2012. URL consultato il 28 febbraio 2012.
  37. ^ Serie A, dopo dieci anni il sorteggio per il campo sarà con la vecchia lira in corriere.it, 23 febbraio 2012. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  38. ^ Bologna-Novara domenica alle 18.30 per i funerali di Dalla in sport.sky.it, 2 marzo 2012. URL consultato il 5 marzo 2012.
  39. ^ Riccardo Pratesi, Juve, a Bologna un altro pari, adesso il Milan è a +2 in gazzetta.it, 7 marzo 2011. URL consultato il 12 marzo 2012.
  40. ^ Massimo De Luca, Adesso è fuga in circomassimo.corriere.it, 11 marzo 2012. URL consultato il 12 marzo 2012.
  41. ^ Gaetano De Stefano, Nocerino e Ibra: Lecce k.o., il Milan vola a +4 sulla Juve in gazzetta.it, 11 marzo 2011. URL consultato il 12 marzo 2012.
  42. ^ Riccardo Pratesi, Juve, la pareggite è cronica, 0-0 col Genoa: -4 dalla vetta in gazzetta.it, 11 marzo 2011. URL consultato il 12 marzo 2012.
  43. ^ Livia Taglioli, Napoli travolgente: 6-3 al Cagliari, ora missione Londra col Chelsea in gazzetta.it, 9 marzo 2011. URL consultato il 12 marzo 2012.
  44. ^ Nicola Melillo, Il Catania vince e vede l'Europa in gazzetta.it, 18 marzo 2012. URL consultato il 19 marzo 2012.
  45. ^ Massimo De Luca, Montella, la rivelazione in circomassimo.corriere.it, 18 marzo 2012. URL consultato il 19 marzo 2012.
  46. ^ Gerardo Adinolfi, Fiorentina-Juventus 0-5, tifosi contestano la dirigenza in firenze.repubblica.it, 17 marzo 2012. URL consultato il 19 marzo 2012.
  47. ^ Cagliari, la nuova casa può diventare Trieste in corriere.it, 27 marzo 2012. URL consultato il 2 aprile 2012.
  48. ^ Comunicato ufficiale n. 196 del 2 aprile 2012 in legaseriea.it, 2 aprile 2012. URL consultato il 2 aprile 2012.
  49. ^ Riccardo Pratesi, Juve, tre squilli per lo scudetto in gazzetta.it, 1º aprile 2012. URL consultato il 2 aprile 2012.
  50. ^ Pasquale Salvione, Juve show: tris al Napoli. Adesso è a -2 dal Milan in corrieredellosport.it, 1º aprile 2012. URL consultato il 2 aprile 2012.
  51. ^ Riccardo Pratesi, La Juve sfrutta l'occasione, vince 2-0 a Palermo: è prima! in gazzetta.it, 7 aprile 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  52. ^ Guido Vaciago, La Juve batte il Palermo: ora è prima a +1 sul Milan in tuttosport.com, 7 aprile 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  53. ^ Gaetano De Stefano, Il Catania ferma il Milan in gazzetta.it, 31 marzo 2012. URL consultato il 2 aprile 2012.
  54. ^ Il Milan frena a Catania. La Juve può accorciare in corrieredellosport.it, 31 marzo 2012. URL consultato il 2 aprile 2012.
  55. ^ Gaetano De Stefano, Amauri fa un regalo alla Juve, il Milan crolla con la Fiorentina in gazzetta.it, 7 aprile 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  56. ^ Jacopo Gerna, Mauri, gioiello per la Champions, il Napoli crolla alla distanza in gazzetta.it, 7 aprile 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  57. ^ La Lazio stende il Napoli. Champions più vicina in corrieredellosport.it, 7 aprile 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  58. ^ Jacopo Gerna, Terzo posto, la Lazio resta in pole ma adesso c'è anche l'Inter in gazzetta.it, 12 aprile 2012. URL consultato il 15 aprile 2012.
  59. ^ Fabio Balaudo, Il mucchio selvaggio in it.uefa.com, 13 aprile 2012. URL consultato il 15 aprile 2012.
  60. ^ a b Comunicato ufficiale n. 213 del 16 aprile 2012 in legaseriea.it, 16 aprile 2012. URL consultato il 23 aprile 2012.
  61. ^ a b Lutto nel mondo del calcio - È morto Morosini in legaseriea.it, 14 aprile 2012. URL consultato il 15 aprile 2012.
  62. ^ Riccardo Pratesi, Uragano Vidal sulla Roma, la Juve sale a +3 sul Milan in gazzetta.it, 22 aprile 2012. URL consultato il 26 aprile 2012.
  63. ^ Gaetano De Stefano, Ibra stavolta non basta, Ramirez sgonfia il Milan in gazzetta.it, 22 aprile 2012. URL consultato il 26 aprile 2012.
  64. ^ Emanuele Muscianesi, Tra Novara e Genoa un pari che non serve a nessuno in repubblica.it, 7 aprile 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  65. ^ Alberto Agostinis, Ultrà: Genoa-Siena stop per 45' in gazzetta.it, 22 aprile 2012. URL consultato il 26 aprile 2012.
  66. ^ Comunicato ufficiale n. 219 del 23 aprile 2012 in legaseriea.it, 23 aprile 2012. URL consultato il 30 aprile 2012.
  67. ^ Simone Eterno, Serie A - Borriello decisivo, Cesena retrocesso in it.eurosport.yahoo.com, 25 aprile 2012. URL consultato il 26 aprile 2012.
  68. ^ Daniele Mazzari, Beretta: "Uscire tra gli applausi nel giorno della retrocessione è notevole" in tuttocesena.it, 25 aprile 2012. URL consultato il 26 aprile 2012.
  69. ^ Salvezza: vittoria preziosa per la Fiorentina in legaseriea.it, 25 aprile 2012. URL consultato il 26 aprile 2012.
  70. ^ Espugnato l'Olimpico, la salvezza è a un passo in corrierefiorentino.corriere.it, 25 aprile 2012. URL consultato il 26 aprile 2012.
  71. ^ Massimo De Luca, Otto volte Juve in circomassimo.corriere.it, 29 aprile 2012. URL consultato il 4 maggio 2012.
  72. ^ Paolo Pegoraro, Serie A - Atalanta, salvezza e record di punti in it.eurosport.yahoo.com, 29 aprile 2012. URL consultato il 14 maggio 2012.
  73. ^ Francesca Salsano, Parma, settima da record in gazzetta.it, 13 maggio 2012. URL consultato il 14 maggio 2012.
  74. ^ Riccardo Pratesi, Buffon regala l'1-1 al Lecce, Milan a -1, campionato riaperto in gazzetta.it, 2 maggio 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  75. ^ Guido Vaciago, Juve-Lecce 1-1, Buffon regala il pari a Bertolacci in tuttosport.com, 2 maggio 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  76. ^ Gaetano De Stefano, Muntari+Robinho: il Milan va, ora Allegri ci crede davvero in gazzetta.it, 2 maggio 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  77. ^ Juventus Campione d'Italia 2011-2012 in legaseriea.it, 6 maggio 2012. URL consultato l'8 maggio 2012.
  78. ^ Juve da record, Udinese in Champions in it.uefa.com, 13 maggio 2012. URL consultato il 14 maggio 2012.
  79. ^ Mimmo Malfitano, Napoli, missione compiuta, il Palermo senza scampo in gazzetta.it, 1º maggio 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  80. ^ Ivan Palumbo, Fabbrini si sblocca a Cesena, l'Udinese riaggancia il Napoli in gazzetta.it, 2 maggio 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  81. ^ renato Ambiel, Fiorentina-Novara 2-2: gli azzurri retrocessi in serie B in lastampa.it, 3 maggio 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  82. ^ Fiorentina: Delio Rossi prende a pugni Ljaic in ansa.it, 3 maggio 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  83. ^ Mario Sconcerti, La follia di Rossi è il segno del disastro in corriere.it, 3 maggio 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  84. ^ Andrea Della Valle: "Esonerato Delio Rossi" in it.violachannel.tv, 2 maggio 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  85. ^ Comunicato ufficiale n. 230 del 3 maggio 2012 in legaseriea.it, 3 maggio 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  86. ^ Genoa salvo, Lecce in B in legaseriea.it, 13 maggio 2012. URL consultato il 14 maggio 2012.
  87. ^ a b c Udinese al terzo posto - Europa League per Lazio, Napoli e Inter in legaseriea.it, 13 maggio 2012. URL consultato il 14 maggio 2012.
  88. ^ Dal 2 aprile 2012 fino a fine campionato sostituito dallo Stadio Nereo Rocco di Trieste.
  89. ^ Sponsor principale in Coppa Italia e secondario in campionato. Burger King Italia nuovo partner dell'U.S. Città di Palermo in palermocalcio.it, 18 novembre 2011. URL consultato il 4 dicembre 2011.
  90. ^ Pioli è il nuovo allenatore del Bologna in bolognafc.it, 4 ottobre 2011. URL consultato il 17 ottobre 2011.
  91. ^ Massimo Ficcadenti non è più l'allenatore del Cagliari in cagliaricalcio.net, 8 novembre 2011. URL consultato il 9 novembre 2011.
  92. ^ Cagliari, esonerato il tecnico Ballardini in corrieredellosport.it, 11 marzo 2012. URL consultato l'11 marzo 2012.
  93. ^ Ritorna Massimo Ficcadenti in Cagliaricalcio.net, 11 marzo 2012. URL consultato il 12 marzo 2012.
  94. ^ Comunicato stampa in cesenacalcio.it, 30 ottobre 2011. URL consultato il 1º novembre 2011.
  95. ^ Arrigoni non è più l'allenatore del Cesena in cesenacalcio.it, 20 febbraio 2012. URL consultato il 20 febbraio 2012.
  96. ^ Mario Beretta è il nuovo allenatore del Cesena in cesenacalcio.it, 21 febbraio 2012. URL consultato il 21 febbraio 2012.
  97. ^ Rossi nuovo allenatore in it.violachannel.tv, 7 novembre 2011. URL consultato il 7 novembre 2011.
  98. ^ Andrea Della Valle: "Esonerato Delio Rossi" in Violachannel.tv, 2 maggio 2012. URL consultato il 2 maggio 2012.
  99. ^ Rossi esonerato. La prima squadra affidata a Vincenzo Guerini Violachannel.tv
  100. ^ CAMBIO CONDUZIONE TECNICA GENOA in genoacfc.it, 22 dicembre 2011. URL consultato il 22 dicembre 2011.
  101. ^ Genoa: primo allenamento con mister De Canio in legaseriea.it, 23 aprile 2012. URL consultato il 3 aprile 2012.
  102. ^ Comunicato ufficiale F.C. Internazionale in inter.it, 21 settembre 2011. URL consultato il 21 settembre 2011.
  103. ^ Ranieri all'Inter: oggi il 1° allenamento in inter.it, 22 settembre 2011. URL consultato il 22 settembre 2011.
  104. ^ Comunicato ufficiale F.C. Internazionale in inter.it, 26 marzo 2012. URL consultato il 26 marzo 2012.
  105. ^ Serse Cosmi nuovo allenatore in uslecce.it, 4 dicembre 2011. URL consultato il 4 dicembre 2011.
  106. ^ TESSER LASCIA IL NOVARA, IN ARRIVO MONDONICO in novaracalcio.com, 30 gennaio 2012. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  107. ^ L'avventura di Mondonico è già finita. Il Novara richiama alla guida Tesser in lastampa.it, 6 marzo 2012. URL consultato il 6 marzo 2012.
  108. ^ TORNA MISTER ATTILIO TESSER in novaracalcio.com, 6 marzo 2012. URL consultato il 6 marzo 2012.
  109. ^ Esonerato Mangia in palermocalcio.it, 19 dicembre 2011. URL consultato il 22 dicembre 2011.
  110. ^ Bortolo Mutti nuovo tecnico del Palermo in raisport.rai.it, 19 dicembre 2011. URL consultato il 22 dicembre 2011.
  111. ^ Serie A - Classifica, legaseriea.it. URL consultato il 13 maggio 2012.
  112. ^ 6 punti di penalizzazione per responsabilità oggettiva nel caso scommesse.
  113. ^ Calendario Serie A 2011/2012 - Diretta su SKY Sport HD, Sky.it e Facebook in digital-sat.it, 27 luglio 2011. URL consultato il 28 luglio 2011.
  114. ^ Rinviata dal 15 al 25 aprile per la scomparsa di Piermario Morosini.
  115. ^ Serie A - Marcatori, legaseriea.it. URL consultato il 13 maggio 2012.
  116. ^ Serie A - Assist, corrieredellosport.it. URL consultato il 13 maggio 2012.
  117. ^ Vengono presi in considerazione solo gli assist "vincenti", ovvero che hanno portato ad una rete.
  118. ^ Serie A 2011-2012 Rsssf.com
  119. ^ URL archiviato
  120. ^ Statistiche spettatori Serie A 2011-2012.
  121. ^ Il Cagliari non ha comunicato dati ufficiali sugli spettatori.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]