Borislav Cvetković

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Borislav Cvetkovic
Cvetkovic.jpg
Dati biografici
Nazionalità Jugoslavia Jugoslavia
Jugoslavia Jugoslavia (1992-2003)
Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro (2003-2006)
Serbia Serbia (dal 2006)
Altezza 180[1] cm
Peso 68[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1995 - giocatore
Carriera
Giovanili
Dinamo Zagabria Dinamo Zagabria
Squadre di club1
1980-1986 Dinamo Zagabria Dinamo Zagabria 151 (44)
1986-1988 Stella Rossa Stella Rossa 64 (22)
1988-1991 Ascoli Ascoli 84 (20)
1992-1993 Maceratese Maceratese 26 (8)
1993-1994 Casertana Casertana 19 (6)
1994-1995 Borac Čačak Borac Čačak 7 (1)
Nazionale
1983-1988 Jugoslavia Jugoslavia 14 (2)
Carriera da allenatore
2001-2003 Obilić Obilić giovanili
2003-2004 Obilić Obilić
2004-2005 Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro U-21 vice
2005-2006 Stella Rossa Stella Rossa vice
2008 Stella Rossa Stella Rossa vice
2009- FK Sopot
Palmarès
Bandiera olimpica  Olimpiadi
Bronzo Los Angeles 1984
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Borislav Cvetković (Karlovac, 30 settembre 1962) è un allenatore di calcio ed ex calciatore serbo, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Cresce calcisticamente nella Dinamo Zagabria, con cui guadagna l'accesso alla nazionale di calcio jugoslava e la partecipazione alla XXIII Olimpiade, e la vittoria del campionato 1981-1982 e della Coppe di Jugoslavia 1983.

Si afferma a livello internazionale nella Stella Rossa di Belgrado, dove gioca fra il 1986 e il 1988 segnando 17 goal e giocando 64 partite e vincendo il campionato 1987-1988. Disputa inoltre un'edizione della Coppa dei Campioni, conquistando pure il titolo di capocannoniere della manifestazione.

Nel 1988 viene ingaggiato dall'Ascoli, dove resta tre anni con 59 presenze e 13 reti in serie A. In Italia Cvetkovic viene soprannominato Boro e l'anguilla di Karlovac per la sua abilità ad infilarsi nelle difese avversarie. Nel 1991 subisce un gravissimo infortunio che lo ferma per un intero anno solare. Nel 1992 viene acquistato dalla Maceratese dove gioca 28 gare e realizza 8 gol.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Dopo il ritiro torna nell'ex-Jugoslavia raccogliendo esperienze, tra le giovanili prima e per la prima squadra, sulla panchina dell'Obilić e nel 2005-2006 è assistente tecnico di Walter Zenga nella Stella Rossa di Belgrado. È stato anche vice di Dragan Okuka sulla panchina della Serbia e Montenegro Under-21 nel 2004.

Sarà il vice di Zdenek Zeman alla Stella Rossa Belgrado.

Dalla stagione 2009-2010 è l'allenatore dell' FK Sopot squadra B della Stella Rossa Belgrado che partecipa alla Prva liga Srbija, il secondo livello.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Dinamo Zagabria: 1981-1982
Stella Rossa: 1987-1988
Dinamo Zagabria: 1983

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 5 (1988-1989), Panini, 4 giugno 2012, p. 29.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]